The plaque honoring Ezra Pound in Zoagli. Photo: Cristiano Pugno

Once the richest city in the world, famous for its seafaring prowess, Genoa’s glories are still very visible today, but not only in its many fine palazzos, medieval gates, austere churches, and renowned cuisine, impressive as those are.

La Superba’s wealth is also evident all along its dramatic coastline of fortified villages perched on hills overlooking the sea. International poets, painters, and philosophers all drew inspiration in this splendid area. It’s not difficult to see why.

In 1924, an American poet from Hailey, Idaho, established a household in the bustling resort of Rapallo, which still has a poetic and nostalgic air with its palm-fringed beach and a 16th-century castle on guard above the sea.

Zoagli. Photo: Image Showcase/Dremastime

 Ezra Pound, the father of modernism, the poet most responsible for defining and promoting a modernist aesthetic in poetry, lived in an attic of Palazzo Baratti in downtown Rapallo, at Via Marsala 12 directly on the promenade. The famous American expatriate was a resident of Rapallo from 1924 to 1945. The pearls of the Gulf of Tigullio – Rapallo, Santa Margherita, Portofino, Paraggi, Zoagli, San Rocco, and Camogli, and Ruta di Camogli – were the places of his heart, his Garden of Eden. Even his mother Isabel and his father Homer moved there. Homer is buried in Rapallo’s protestant cemetery.

 A few minutes away from Pound’s apartment is the Salone Consigliare of the Town Hall where he arranged music concerts and had his long-time mistress Olga Rudge perform. She was an American-born concert violinist who gave Pound a daughter, Mary. Olga rented a hill cottage, Casa 60, just south of Rapallo, in Sant’Ambrogio, a hamlet in the picturesque fishing village of Zoagli that today counts only 2,000 souls. In 2018, Zoagli was hit by the worst storm and tidal surge in many years.

Zoagli’s parish church, dedicated to Saint Martin. Photo: Fabio Lotti/Dreamstime

I perused the quiet and beautiful village that deserves to rebuild trust and invest in the future. A cab takes me up to Casa 60. The taxi driver, Lino Moscatelli, tells me his father Gino gave Ezra Pound rides. During WWII, Ezra took refuge with Olga in this hillside cottage. This was their benevolent home. It became Ezra’s place of retreat and creativity in those difficult months of ’44 and ’45 when he stood accused of spreading Fascist propaganda through broadcasts on Rome Radio.

At the time, Casa 60 didn’t have electricity and could be reached only by following a mule track.

This seductive orange home with red terracotta floors and light blue ceilings represented their faithful love. It was their home of light surrounded by olive groves and cherry trees.

Zoagli has the charm of typical of Ligurian villages. Photo: Lianem/Dreamstime

“The furniture was all painted by Babbo,” Pound’s daughter, Mary Pound de Rachewiltz, once said.

 For a time after Mussolini’s fall, Pound’s wife Dorothy Shakespear also lived here with them for safety reasons. It was a strange menage-à-trois — the two women divided the cooking duties.

The home forms the background of some of Ezra Pound’s most haunting lines as inspired by the Gulf of Tigullio.”The longboats set the lights in the water” there, as celebrated in Canto 47 of his epic The Cantos.

From Casa 60 the view is breathtaking. Below are the rocky Zoagli and the sparkling sea.

Zoagli’s main piazza. Photo: Cristiano Pugno

But Casa 60 is also a memento of the most tragic day in Pound’s biography. Here, on the third of May 1945, two Italian partisans banged on the door and took him away. He was sitting at his desk translating from Mencius, a Chinese Confucius philosopher, that morning. His work was interrupted by two men with Tommy guns who identified themselves as partisans. Olga was not at home at the time. Ezra Pound slipped a book of Confucius and a small Chinese dictionary in his pocket. On the way down the hill path, he picked up a eucalyptus seed to carry with him. The story is told in the editor’s preface to The Pisan Cantos.

The sea in Zoagli. Photo: Cristiano Pugno

He always kept with him that mnemonic eucalyptus pip. It was his secret talisman in those tragic days. “Eucalyptus is for memory,” he later wrote in Canto 74. The partisans escorted him to a command post in downtown Zoagli where Olga managed to catch up with him. They were taken to Partisan headquarters in Chiavari and then to the nearby Lavagna where the partisans allowed him to surrender to the American authorities. Ezra Pound was transferred by jeep to US Counterintelligence Corps headquarters in Genoa. They waited for the arrival of a special FBI agent assigned by J.Edgar Hoover to gather evidence to justify an indictment of the poet on charges of treason.

America’s most prolific and influential poet, “il miglior fabbro” who edited TS Eliot’s The Waste Land into publishable shape, praised the Axis powers.

“I knew a priest-poet who saw Mr. Pound being captured by the partisans,” Bartolomeo Solari, a former woodcarver in Zoagli who has a fondness for local history, tells me. “His name was Don Antonio Frugone. He told me that Pound said to him:” Oh, Reverend, will we ever see each other again?”

Held for a short time in Genoa, Pound was transferred to a prison camp in Metato near Pisa, at first in a security cell without toilet and then in a tent in the infirmary of the camp where he was allowed to write The Pisan Cantos, the most lyrical section of his long poem that was awarded the Bollingen Prize for poetry in 1948.

He dedicated the final stanza of The Cantos to Olga, who was a loyal companion. She courageously supported him during his 13-year incarceration at St. Elizabeth’s Hospital for the criminally insane in Washington, D.C. following his arrest in Zoagli. Olga was always in the front row for him.

Casa 60 today. Photo: Cristiano Pugno

Casa 60 has been completed renovated. Today it is owned by two Genoese families who work in Switzerland. A commemorative plaque on the house’s facade recites: “Here lived at various times in the course of half a century Ezra Pound, the great innovator of poetry, the best craftsman of art and artists, discoverer of distant horizons.”  Olga took Ezra here in Sant’Ambrogio of Zoagli again in 1961. They divided their time between Zoagli and Venice the last 11 years of their life when he was sick and she was a devoted companion, secretary, and nurse. He died in Venice, yet in Sant’Ambrogio they were so happy. Here came the sun. And when the sun comes, there is love. “What thou lovest well remains, the rest is dross,” Ezra wrote in Canto 81.

 In Zoagli, many came to visit, including poet Allen Ginsberg in September 1967.

Ezra was an habitué of Ca’ del Frate, a trattoria nearby Casa 60 that offers simple, delicious Ligurian dishes. A few minutes away are the Church of Saint Ambrose built by the Milanese bishop in the 9th century and the ancient Chapel of Saint Pantaleo referenced by Ezra Pound in Canto 76.

The Church of Saint Martin in the town center and the Church of Saint John the Baptist in the hamlet of Semorile are also well worth a visit. Tradition has it that the latter holds part of the John the Baptist’s sacred ashes transported from the Holy Land by a crusader.

 Zoagli boasts three hamlets: Sant’Ambrogio, Semorile, and San Pietro di Rovereto. Mr. Solari recalls there is a Semorile Building in Napa, California. It is a refined two-story building designed in 1888 by architect Luther Turton for the Semorile family who emigrated from this Zoagli hamlet. It is a commercial building where Bartholomew Semorile and his sons operated a grocery business. 

The plaque honoring Ezra Pound on the walls of Casa 60. Photo: Cristiano Pugno

In terms of economy, Zoagli built its reputation on velvet and damask work. For centuries, the velvet weavers of Zoagli were at the height of prosperity. Today, the Gaggioli and the Cordani families preserve the production of the traditional Zoagli hand-woven silk velvet, the smooth velvet of Genoa that dates back to medieval times. Their ateliers in Zoagli are among the very few in the world to make sumptuous patterned velvets and damasks that adorn grand palaces, museums, and the richest churches throughout the world. The Cordani velvets are also available in Los Angeles, New York, and Boston. Magda Cordani says they have a strong relationship with the US. While Giuseppe Gaggioli says he dressed the orchestra musicians at Shakespeare’s Globe Theatre in London with timeless elegance. A penthouse overlooking Central Park, New York, was upholstered with Gaggioli velvets. Both families are available for new custom-made luxury projects.

From the Sant’Ambrogio cottage, Casa 60, Ezra Pound heard the steady tick, tick, tick of the loom. “In hill path: ‘thkk thgk’ of the loom/ ‘Thgk, thkk’ and the sharp sound of a song/under olives (…)” he wrote in Canto 39. “That noise was everywhere in Zoagli,” says Solari. “The roads were filled with that.”

I guess German philosopher Friedrich Nietzsche heard those clattering sounds as well those mornings of 1882 and 1883 as he enjoyed taking long walks from Rapallo to this village. He once wrote that he is “going up the resplendent road to Zoagli among pine trees and the very large expanse of the sea below me.” In a note, Nietzsche also revealed that the genesis and the idea for his philosophical novel Thus Spoke Zarathustra: A Book for All and None came up right there one lucky morning.

Un tempo era la città più ricca del mondo, famosa per le sue prodezze marinare, ma le glorie di Genova sono ancora oggi molto visibili, non solo nei suoi numerosi e raffinati palazzi, nelle sue porte medievali, nelle sue chiese austere e nella rinomata cucina, per quanto siano tutte notevoli.

La ricchezza de La Superba è evidente anche lungo tutto il suo spettacolare litorale di borghi fortificati arroccati su colline a picco sul mare. Poeti, pittori e filosofi internazionali hanno tutti tratto ispirazione da questa splendida zona. Non è difficile capire perché.

Nel 1924 un poeta americano di Hailey, Idaho, si stabilì in una casa nella vivace località di Rapallo, che ha ancora oggi un’aria poetica e nostalgica con la sua spiaggia bordata di palme e il castello cinquecentesco a guardia del mare.

Ezra Pound, il padre del modernismo, il poeta più responsabile per definizione e promotore di un’estetica modernista nella poesia, viveva in un attico di Palazzo Baratti nel centro di Rapallo, in via Marsala 12, direttamente sul lungomare. Il famoso espatriato americano fu residente a Rapallo dal 1924 al 1945. Le perle del Golfo del Tigullio – Rapallo, Santa Margherita, Portofino, Paraggi, Zoagli, San Rocco, Camogli e Ruta di Camogli – erano i luoghi del suo cuore, il suo Giardino dell’Eden. Vi si trasferirono anche la madre Isabella e suo padre Omero. Omero è sepolto nel cimitero protestante di Rapallo.

A pochi minuti dall’appartamento di Pound si trova il Salone Consigliare del Municipio, dove ha organizzato concerti di musica e fatto esibire la sua amante di lunga data Olga Rudge. Era una violinista concertista di origine americana che ha dato a Pound una figlia, Mary. Olga aveva affittato un cottage in collina, Casa 60, appena a sud di Rapallo, a Sant’Ambrogio, una frazione del pittoresco villaggio di pescatori di Zoagli che oggi conta solo 2.000 anime. Nel 2018, Zoagli è stata colpita dalla peggiore tempesta e dalle peggiori mareggiate degli ultimi anni.

Ho esplorato il tranquillo e bellissimo borgo che merita di ritrovare fiducia e di reinvestire nel futuro. Un taxi mi porta a Casa 60. Il tassista, Lino Moscatelli, mi dice che suo padre Gino ha dato passaggi a Ezra Pound. Durante la seconda guerra mondiale, Ezra si rifugiò con Olga in questo cottage in collina. Questa era la loro casa benevola. Divenne il luogo di ritiro e di creatività di Ezra in quei difficili mesi del ’44 e del ’45, quando fu accusato di diffondere la propaganda fascista attraverso le trasmissioni di Radio Roma.

All’epoca, Casa 60 non aveva elettricità e poteva essere raggiunta solo seguendo una mulattiera.

Questa seducente casa arancione con pavimenti in cotto rosso e soffitti azzurri rappresentava il loro amore fedele. Era la loro casa di luce circondata da uliveti e ciliegi.

“I mobili sono stati tutti dipinti da Babbo”, disse una volta la figlia di Pound, Mary Pound de Rachewiltz.

Per un certo periodo dopo la caduta di Mussolini, anche la moglie di Pound, Dorothy Shakespear, ha vissuto qui con loro per motivi di sicurezza. Fu uno strano menage-à-trois – le due donne si divisero i compiti di cucina.

La casa fa da sfondo ad alcune delle rime più impressionanti di Ezra Pound, ispirate al Golfo del Tigullio: “Le barche lunghe gettano luci sull’acqua”, come si celebra nel Canto 47 della sua epopea The Cantos.

Da Casa 60 il panorama è mozzafiato. Sotto, ci sono la scogliera di Zoagli e il mare scintillante.

Ma Casa 60 è anche un ricordo del giorno più tragico nella biografia di Pound. Qui, il 3 maggio 1945, due partigiani italiani bussarono alla porta e lo portarono via. Quella mattina era seduto alla sua scrivania a tradurre da Mencio, un filosofo confuciano cinese. Il suo lavoro fu interrotto da due uomini con pistole Tommy che si identificarono come partigiani. Olga non era in casa in quel momento. Ezra Pound si infilò in tasca un libro di Confucio e un piccolo dizionario cinese. Lungo il sentiero della collina, raccolse un seme di eucalipto da portare con sé. La storia è raccontata nella prefazione dell’editore a I canti pisani.

Ha sempre tenuto con sé quel seme mnemonico di eucalipto. E’ stato il suo talismano segreto in quei tragici giorni. “L’eucalipto è per la memoria”, scrisse più tardi nel Canto 74. I partigiani lo scortarono a un posto di comando nel centro di Zoagli, dove Olga riuscì a raggiungerlo. Furono portati al quartier generale partigiano di Chiavari e poi nella vicina Lavagna dove i partigiani gli permisero di arrendersi alle autorità americane. Ezra Pound fu trasferito in jeep al quartier generale del Corpo di controspionaggio americano a Genova. Aspettarono l’arrivo di un agente speciale dell’Fbi assegnato da J. Edgar Hoover per raccogliere prove che giustificassero l’incriminazione del poeta con l’accusa di tradimento. Il poeta più prolifico e influente d’America, “il miglior fabbro”, che aveva pubblicato The Waste Land di TS Eliot, aveva elogiato le potenze dell’Asse.

“Conoscevo un sacerdote-poeta che vide il signor Pound catturato dai partigiani”, mi racconta Bartolomeo Solari, ex intagliatore di Zoagli, appassionato di storia locale. Si chiamava don Antonio Frugone”. Mi disse che Pound gli disse: “Oh, reverendo, ci rivedremo ancora?”.

Detenuto per un breve periodo a Genova, Pound fu trasferito in un campo di prigionia a Metato, vicino a Pisa, prima in una cella di sicurezza senza servizi igienici e poi in una tenda dell’infermeria del campo dove gli fu permesso di scrivere The Pisan Cantos, la sezione più lirica della sua lunga poesia che ricevette nel 1948 il Premio Bollingen per la poesia.

Ad Olga, fedele compagna, dedicò la strofa finale dei Cantos. Lei lo sostenne coraggiosamente durante i 13 anni di prigionia all’ospedale St. Elizabeth’s Hospital per i pazzi criminali di Washington D.C. dopo il suo arresto a Zoagli. Olga era sempre in prima fila per lui.

La Casa 60 è stata completamente ristrutturata. Oggi è di proprietà di due famiglie genovesi che lavorano in Svizzera. Una targa commemorativa sulla facciata della casa recita: “Qui visse in varie epoche nel corso di mezzo secolo Ezra Pound, grande innovatore della poesia, il miglior artigiano d’arte e artista, scopritore di orizzonti lontani”. 

Olga ha riportato Ezra a Sant’Ambrogio di Zoagli nel 1961. Si sono divisi tra Zoagli e Venezia negli ultimi 11 anni della loro vita quando lui era malato e lei una compagna devota, segretaria e infermiera. Lui morì a Venezia, eppure a Sant’Ambrogio erano stati così felici. Qui era arrivato il sole. E quando arriva il sole, c’è l’amore. “Ciò che ami bene rimane, il resto è scoria”, scriveva Esdra nel Canto 81.

A Zoagli vennero in molti a far loro visita, tra cui il poeta Allen Ginsberg nel settembre 1967.

Ezra era un habitué di Ca’ del Frate, una trattoria vicino a Casa 60 che offre piatti semplici e deliziosi della cucina ligure. A pochi minuti di distanza si trovano la Chiesa di Sant’Ambrogio costruita dal vescovo milanese nel IX secolo e l’antica Cappella di San Pantaleo citata da Ezra Pound nel Canto 76.

Meritano una visita anche la Chiesa di San Martino nel centro del paese e la Chiesa di San Giovanni Battista nella frazione di Semorile. La tradizione vuole che quest’ultima custodisca parte delle ceneri sacre di Giovanni Battista trasportate dalla Terra Santa da un crociato.

Zoagli vanta tre frazioni: Sant’Ambrogio, Semorile e San Pietro di Rovereto. Il signor Solari ricorda che c’è un edificio Semorile a Napa, in California. Si tratta di un raffinato edificio a due piani progettato nel 1888 dall’architetto Luther Turton per la famiglia Semorile emigrata da questa frazione di Zoagli. È un edificio commerciale dove Bartholomew Semorile e i suoi figli gestivano un negozio di alimentari. 

Da un punto di vista economico, Zoagli ha costruito la sua reputazione sul velluto e il damasco. Per secoli i tessitori di velluto di Zoagli sono stati all’apice della prosperità. Oggi le famiglie Gaggioli e Cordani conservano la produzione del tradizionale velluto di seta di Zoagli tessuto a mano, il velluto liscio di Genova che risale al Medioevo. I loro atelier a Zoagli sono tra i pochissimi al mondo a realizzare i sontuosi velluti e damaschi che adornano i grandi palazzi, i musei e le chiese più ricche del mondo. I velluti Cordani sono disponibili anche a Los Angeles, New York e Boston. Magda Cordani dice che hanno un forte rapporto con gli Stati Uniti. Mentre Giuseppe Gaggioli dice di aver vestito i musicisti dell’orchestra al Globe Theatre di Shakespeare a Londra con un’eleganza senza tempo. Un attico con vista su Central Park, New York, è stato rivestito con i velluti Gaggioli. Entrambe le famiglie sono disponibili per nuovi progetti di lusso su misura.

Dal cottage Sant’Ambrogio, a Casa 60, Ezra Pound sentiva il ticchettio costante del telaio. “In hill path: ‘thkk thgk’ of the loom/ ‘Thgk, thkk’ and the sharp sound of a song/under olives (…)” “Lungo la collina: ‘thkk thgk thgk’ del telaio/ ‘Thgk, thkkk’ e il suono acuto di una cantilena (…)” scriveva nel Canto 39. “Quel rumore era ovunque a Zoagli”, dice Solari. “Le strade ne erano piene”.

Immagino che il filosofo tedesco Friedrich Nietzsche abbia sentito quei suoni sferraglianti anche in quelle mattine del 1882 e del 1883, quando si divertiva a fare lunghe passeggiate da Rapallo a questo paese. Una volta scrisse: “sto risalendo la strada scintillante che porta a Zoagli tra i pini e la vastissima distesa del mare sotto di me”. In una nota, Nietzsche rivelò anche che la genesi e l’idea del suo romanzo filosofico “Così parlò Zarathustra: un libro per tutti e nessuno” erano venute proprio lì nel corso di una mattina fortunata.

Receive more stories like this in your inbox