Obiettivo Serie A. Derby alla Roma: 2-0 e 4° vittoria consecutiva sulla Lazio. Si riavvicinano Juve e Milan
Il tecnico della Roma Luciano Spalletti dopo il derby: ‘Questa vittoria è un inizio, vediamo se gli diamo seguito’
Come spesso accade, nonostante le aspettative (generate dalla posizione in classifica delle due squadre), il derby di Roma è stata una partita poco spettacolare, molto nervosa e povera dal punto di vista tecnico. 
La Roma, perso Salah per infortunio e rispettando il gioco della Lazio, ha impostato il match in modo piuttosto accorto, schierando una difesa a tre bloccata, protetta da due fluidificanti e due mediani. 
Inzaghi, invece, non ha snaturato la sua Lazio, puntando sul tridente e sulla velocità del gioco offensivo messa in mostra nelle ultime settimane. 
Per gran parte della partita, pur senza dominare, sono stati i Biancocelesti a fare meglio: tante occasioni, anche se non clamorose create, un gioco più fluido, pochi rischi corsi in difesa. 
Poi però Spalletti ha ridisegnato la Roma, tornando al 4-2-3-1, e ha raddrizzato la partita. Dopo un rigore reclamato e un gol fallito da Dzeko, la Roma ha saputo rompere gli equilibri. Ma ciò è stato possibile solo grazie a due errori individuali commessi dai giocatori laziali. 
Al 19’ del secondo tempo, dopo una buona chiusura al limite dell’area, Wallace si è inventato un improvvido dribbling in uscita su Strootman. Il centrocampista non ha abboccato e, tolta facilmente palla al difensore laziale, ha freddato Marchetti con un tocco sotto. Dopo un parapiglia a metà campo (costato il ‘rosso’ a Cataldi, che sedeva in panchina), è arrivato il raddoppio (32’): una conclusione dai 25 metri di Nainggolan ha trovato Marchetti del tutto impreparato. 
Sotto per 2-0, la Lazio non ha avuto la forza di rientrare in partita e il derby è scivolato via, nelle mani della Roma. 
I Giallorossi, così, hanno ottenuto una potente iniezione di fiducia, che si riverbererà sul prosieguo del Campionato, a partire dallo ‘scontro tra seconde’  contro il Milan.
 Spalletti, nel post partita, si è tolto più di un sassolino dalle scarpe, riconoscendo le difficoltà in avvio di gara e chiedendo all’ambiente di smettere con le critiche feroci ad Emerson. 
Sul fronte Lazio la delusione è notevole: Inzaghi non ha nascosto il rammarico: dopo aver costretto la Roma a cambiare sistema di gioco, dopo non aver concesso nulla ai Giallorossi, perdere un derby per evidenti errori individuali fa particolarmente ‘male’. 
Il timore principale dell’allenatore biancoazzurro è che una sconfitta maturata in questo modo possa lasciare strascichi, mortificando un gruppo che sin qui aveva reso oltre le più rosee aspettative. 
Receive more stories like this in your inbox