L’Italia trionfa nella classifica delle attrazioni turistiche più popolari al mondo con Colosseo e Musei Vaticani

Lazio, Veneto, Campania e Toscana. O meglio: Roma, Venezia, Pompei e Firenze. Anzi, per essere più precisi: Colosseo, Musei Vaticani, Canal Grande, Parco archeologico di Pompei e Uffizi.

L’Italia è al primo posto nel mondo per i suoi beni storico-artistici. Lo ha decretato il portale di viaggi TripAdvisor, nella sua consueta classifica delle attrazioni più popolari al mondo (formulata basandosi sui dati delle prenotazioni registrate sul sito nel 2018), stabilendo una vittoria nazionale anche perchè, subito dopo l’Anfiteatro Flavio di Roma e gli incredibili musei dello Stato vaticano, uno dei luoghi che raccoglie il maggior numero di opere d’arte al mondo peraltro firmate da artisti del calibro di Michelangelo e Raffaello, arrivano l’incanto della laguna veneziana, che sfoggia anche la Basilica di San Marco, il parco archeologico di Pompei e la Toscana. Qui svettano la Galleria dell’Accademia e la Galleria degli Uffizi di Firenze, ma non si possono dimenticare il Duomo di Siena e la Torre di Pisa che sono tra le mete preferite di chi visita la Penisola. Chiude la classifica delle attrazioni più prenotate nel Belpaese il Cenacolo leonardiano di Milano.

Nella Top Ten internazionale, TripAdvisor ha inserito gli Stati Uniti con la Statua della libertà di New York, la Francia con il Museo del Louvre di Parigi, dove è conservata la Gioconda di Leonardo da Vinci, la Torre Eiffel, simbolo della nazione, e la Reggia di Versailles, la Spagna con la Sagrada Familia,  l’imponente basilica progettata dall’architetto Antoni Gaudí, la California con il Golden Gate Bridge di San Francisco e Stonehenge, il sito neolitico del Regno Unito.

TripAdvisor Italia ha sottolineato che l’interesse per i luoghi simbolo del mondo non mostra alcun segno di diminuzione ed è motivo di grande orgoglio che la crescita maggiore sia verso alcune delle tantissime icone del Bel Paese, a dimostrazione che siamo al top delle preferenze.

Receive more stories like this in your inbox