Acrobats up in the air (Photo: Serena Perfetto)

A beautiful artistic performance, supported by the power of words, has been taking the stage at Club Fugazi in San Francisco since late 2021. And is here to stay.

Dear San Francisco: A High-Flying Love Story is the name of a show that intentionally brings acrobatics, arts, and reflection together and gives an experience like no other. It takes place in what used to be the artistic home of Beach Blanket Babylon, yet the vibe seems to not have changed. Starting in 1976, Steve Silver’s Beach Blanket Babylon ran for a total of forty-five years, becoming the world’s longest-running musical revue. The production played for more than 17,200 performances to over 6.5 million guests, taking its final bow in December 2019. Today, Club Fugazi puts the excitement of a live performance together with a nightclub atmosphere.

Chloe Somers Walier during one of her solo performances (Photo: Serena Perfetto)

Curated to match the world-class caliber of the performances, Club Fugazi features a menu of small bites and plates sourced from local purveyors, and a wine and beer selection designed to complement its Italian roots. Guests are seated at community counters, on chairs that move to take in the full room as the performance swirls around them.

With “Dear San Francisco,” Club Fugazi brings a 90-minute ride through the city in a breathtaking aerial extravaganza, perfect for an afternoon or night out. The venue is so tiny that you’re close to the stage and the performers, no matter where you are seated.

“Dear San Francisco” is produced by The 7 Fingers, a foundation with a mission spanning from supporting an iconic creative hub and boosting innovation, all the way to inspiring communities and propelling the next generation of artists. And so it does in San Francisco, thanks to nine artists and acrobats from Mexico, China, Spain, the United Kingdom, Germany, and both coasts of the United States. As highlighted by their producers, Shana Carroll and Gypsy Snider, San Francisco is “a city of acceptance, daring, revolution and boundless beauty; the show seeks to capture its very essence within the historic walls of the Club Fugazi.”

A moment of the umbrella juggling (Photo: Serena Perfetto)

The show has become memorable thanks to the mix of acrobatics, juggling, parkour, circus training, rhythmic gymnastics, and acting. Not only does it result in unexpected moves and landings, but also in never-trivial content: all these performers use their talents to tell the story of a city, San Francisco, that they got to know and love, while it keeps reinventing and redefining itself, and inspiring many. It opens with historical images of San Francisco at the beginning of the 20th century, a city shaken by the earthquake, where everybody and everything moves fast. That makes it easy for the performers to follow along, using athleticism, precision, and grace. Music played by a guitar kicks off a round of letters written by people in the audience and read out loud by the performers. A moment to think of the why and the how San Francisco can, and will, mark people’s lives: a long minute that brings, metaphorically, each attendee on stage for a solo letter, in which they can see themselves as both the writer and the recipient.

After an emotional start though, it becomes clear that each performer will almost run their own show while interacting with their peers, in a symphony of skills that gracefully balance each other. Enmeng Song, who has been part of many The 7 Fingers’ productions and was a member of Cirque du Soleil’s IRIS and Volta, gives his best with the diabolo, a circus prop with an axle and two cups, recalling his Chinese roots and culture. He shares the stage with his wife, Shengnan Pan, a child prodigy who started her circus training at 8. They both entertain and enchant the audience in a duet of moves and coordination.

As the artists interact and pull the strings of the performance, Michael Patterson’s voice stays across with funny gags, a reminder of his past and love for acting. An intriguing way of using words to welcome each performer on stage for their glorious moment: Carlos Francós Peré keeps everyone’s adrenaline high as he goes up and down the pole multiple times. Same for Serena Aguilar Izzo, Joëlle Ziörjen, Chloe Somers Walier, and Saffi Watson.

The scene is enriched by a conversation in an old phone booth, an aerial move on a trapeze, jumps on a teeterboard, and foot juggling with one, two, three umbrellas, almost like the blooming of a magnificent human composition. From London and China to what could be the street of any city in the world, the performers’ call for their roots engages people in a show between the past and the present. The audience gasps and laughs, enjoying the uniqueness of the up-close view and the acrobats occasionally walking among them. “Dear San Francisco” ends with a round of poems, including pieces by Lawrence Ferlinghetti. Right before a big thank you, performers all sing “San Francisco” by Scott McKenzie.

One of the acting performances of Dear San Francisco (Photo: Serena Perfetto)

For those who come to San Francisco, the time watching this show will be a love-in experience, and they will surely meet a whole generation in motion.

“Dear San Francisco: A High-Flying Love Story” will be at Club Fugazi until the end of 2022, including two performances on New Year’s eve, before a well-deserved break. It will come back in February, right on time for Valentine’s Day to celebrate the love for both people and the city by the bay.

Dalla fine del 2021, al Club Fugazi di San Francisco va in scena una bellissima performance artistica, sostenuta dal potere delle parole. E c’è per restare.

Dear San Francisco: A High-Flying Love Story è il nome di uno spettacolo che unisce intenzionalmente acrobazia, arte e riflessione, regalando un’esperienza senza precedenti. Si svolge in quella che era la casa artistica di Beach Blanket Babylon, eppure l’atmosfera sembra non essere cambiata. A partire dal 1976, Beach Blanket Babylon di Steve Silver ha funzionato per un totale di quarantacinque anni, diventando il musical revue più longevo al mondo. La produzione si è esibita per più di 17.200 spettacoli davanti a oltre 6,5 milioni di ospiti, per poi concludersi nel dicembre 2019. Oggi, Club Fugazi unisce l’emozione di uno spettacolo dal vivo all’atmosfera di un nightclub.

Curato per essere all’altezza del calibro mondiale degli spettacoli, il Club Fugazi propone un menù di assaggi e piatti provenienti da fornitori locali e una selezione di vini e birre pensata per onorare le radici italiane. Gli ospiti sono seduti ai banchi della comunità, su sedie che si muovono per ammirare l’intera sala mentre lo spettacolo si svolge intorno a loro.

Con “Dear San Francisco”, al Club Fugazi si fa un tour di 90 minuti attraverso la città in una stravaganza aerea mozzafiato, perfetta per un pomeriggio o una serata fuori. Il locale è così piccolo che si è vicini al palco e agli artisti, indipendentemente da dove si è seduti.

Dear San Francisco” è prodotto da The 7 Fingers, fondazione con una missione che spazia dal sostegno a un polo creativo iconico e alla promozione dell’innovazione, fino all’ispirazione delle comunità e alla promozione della prossima generazione di artisti. E così avviene a San Francisco, grazie a nove artisti e acrobati provenienti da Messico, Cina, Spagna, Regno Unito, Germania e da entrambe le coste degli Stati Uniti. Come sottolineato dalle produttrici, Shana Carroll e Gypsy Snider, San Francisco è “una città di accettazione, audacia, rivoluzione e bellezza sconfinata; lo spettacolo cerca di catturarne l’essenza tra le mura storiche del Club Fugazi“.

Lo spettacolo è diventato memorabile grazie al mix di acrobazie, giocoleria, parkour, abilità circense, ginnastica ritmica e recitazione. Il risultato non è solo quello di mosse e atterraggi inaspettati, ma anche di contenuti mai banali: tutti i performer usano il loro talento per raccontare la storia di una città, San Francisco, che hanno imparato a conoscere e ad amare, mentre continua a reinventarsi e ridefinirsi, ispirando molti.

Si comincia con immagini storiche di San Francisco all’inizio del XX secolo, una città scossa dal terremoto, dove tutti e tutto si muovono velocemente. Questo è reso facilmente dagli artisti tra atletismo, precisione e grazia. La musica suonata da una chitarra dà il via a un giro di lettere scritte da persone del pubblico e lette ad alta voce dagli interpreti. Un momento per pensare al perché e al come San Francisco può, e segnerà, la vita delle persone: un lungo minuto che porta, metaforicamente, ogni partecipante sul palco per una lettera, in cui può vedersi sia come scrittore che come destinatario.

Dopo un inizio emozionante, però, diventa chiaro che ogni performer gestirà il proprio spettacolo interagendo con i compagni, in una sinfonia di abilità che si bilanciano con grazia. Enmeng Song, che ha partecipato a molte produzioni di The 7 Fingers ed è stato membro di IRIS e Volta del Cirque du Soleil, dà il meglio di sé con il diabolo, un attrezzo da circo con un’asse e due tazze, che richiama le sue radici e la sua cultura cinese. Condivide il palco con sua moglie, Shengnan Pan, ex bambina prodigio che ha iniziato la sua formazione circense a 8 anni. Entrambi intrattengono e incantano il pubblico in un duetto di movimenti e coordinazione.

Mentre gli artisti interagiscono e tirano le fila dello spettacolo, la voce di Michael Patterson si fa sentire con gag divertenti, un ricordo del suo passato e del suo amore per la recitazione. Un modo intrigante di usare le parole per accogliere ogni artista sul palco per il suo momento di gloria: Carlos Francós Peré tiene alta l’adrenalina di tutti mentre sale e scende dal palo più volte. Lo stesso vale per Serena Aguilar Izzo, Joëlle Ziörjen, Chloe Somers Walier e Saffi Watson.

La scena è arricchita da una conversazione in una vecchia cabina telefonica, da una mossa aerea su un trapezio, da salti su un teeterboard e da giocolerie con i piedi con uno, due, tre ombrelli, quasi come il fiorire di una magnifica composizione umana. Da Londra e dalla Cina a quella che potrebbe essere la strada di qualsiasi città del mondo, il richiamo alle proprie radici da parte dei performer coinvolge le persone in uno spettacolo tra passato e presente. Il pubblico sussulta e ride, godendo dell’unicità della visione ravvicinata e degli acrobati che di tanto in tanto camminano in mezzo a loro. “Dear San Francisco” si conclude con un giro di poesie, tra cui brani di Lawrence Ferlinghetti. Prima di un grande ringraziamento, gli artisti cantano tutti insieme “San Francisco” di Scott McKenzie.

Per coloro che verranno a San Francisco, il tempo di assistere a questo spettacolo sarà un’esperienza d’amore, e sicuramente incontreranno un’intera generazione in movimento.

Dear San Francisco: A High-Flying Love Story” resterà al Club Fugazi fino alla fine del 2022, comprese due rappresentazioni a Capodanno, prima di una meritata pausa. Tornerà a febbraio, giusto in tempo per San Valentino, per celebrare l’amore per le persone e per la città sulla baia.

Receive more stories like this in your inbox