Innovation and Italian tradition make their mark during the 2020 Winter Fancy Food in San Francisco
The opening of the Italian Pavilion at the Winter Fancy Food Show in San Francisco

January in San Francisco marks the month of food, for food lovers, experts, and professionals. In fact, once again, the Moscone Center was home to the Winter Fancy Food Show from January 19th to 21st, featuring more than eighty thousands specialty foods and beverages, a range of new products, industry’s top networking events and more than 1,400 exhibitors from around the globe. This edition was even more special for Italy, as the Specialty Food Association appointed the Bel Paese as Partner Country, for both the Winter and the Summer edition (taking place on the East Coast in June). Without any surprises, this is the first time in history that the same country is appointed, with Italy having already been a Fancy Food Partner Country in 2015.

The partnership is a great opportunity for the Italian Pavilion and its trade visitors, as confirmed by the strong numbers on food and exports released by the US Department of Commerce. In the first nine months of 2019, Italian food exports to the United States were worth almost $4 billion, growing by 5.9% compared to the same period of 2018. The Italian Pavilion has always been the largest in the international area, and this year was no exception. It hosted over 60 companies featuring Made in Italy food products as part of The Extraordinary Italian Taste brand and with a focus on the promotion of authentic Italian products around the world. The total number reached 90 Italian exhibitors in an area of about 1,100 square meters.

A few months ago, Phil Kafarakis, SFA’s President, underlined how having Italy as the first country to partner for both Winter and Summer Shows in 2020 is more than a privilege. “The popularity of Italian cuisine in the US is undeniable,” he said. “Historically, among our dozens of international participants at Fancy Food Shows over the years, Italy has routinely hosted the largest pavilion. At our Summer Show in 2019, the Italian pavilion covered over 2,200 square meters.”

On the same note Maurizio Forte, Trade Commissioner and Executive Director for the USA at the Italian Trade Agency (ICE), right before the show: “The entire range of authentic Italian products will be on display: cheese, pasta, prosciutto and salumi, olive oil, preserves, condiments, desserts, mineral waters and much more. Being chosen as 2020 country partner by the SFA is an honor: a recognition of the excellence of the products our exhibitors bring to the show and of the consolidated alliance between ICE Agency, SFA and Universal Marketing, the exclusive agent for Italy. We look forward to promoting hundreds of authentic Made in Italy products to the US market at the Fancy Food Shows.”

Walking around the Italian Pavilion, we tasted a range of products and couldn’t help but notice how truffle has become more and more popular in the last years. Many exhibitors featured truffle-based cheese, salt, olive oil and dressing, honey, and chips.
We stopped by La Rustichella Tartufi booth and tasted their truffle paté and we also learned a bunch of things about this Italian company, founded more than 20 years ago in Rome. In the last decade or so, the goal has been the expansion outside of Italy, with a special interest in exploring new markets and attracting a variety of customers. Alongside its HQ in Italy, the company now also has a location in New York, where Francesca Brugnoli leads a young, yet dynamic team, that puts customers and their satisfaction at the center. They organize tours, special events, and are open to collaborations with chefs, all aiming to make Italian truffle the king of the table.

Although they embarked on a journey that addresses the needs of modern customers, they have not given up the highest level of craftsmanship. Their truffle picking takes place both in the woods and uncultivated lands, with the help of trained dogs. Once truffles to be used in the processing are selected, they undergo a strict quality control process and a delicate cleaning phase to preserve the extraordinary organoleptic characteristics. Some special sterilized glass packages allow to maintain all original characteristics before distribution.

From Rome all the way South, we were also attracted by the surprising and exceptional  taste of Gias products. The company, based in the Calabria region, has a fifty year family history: Antonio Tenuta launched a business of high quality frozen products, putting innovation and tradition at the core of his model, a combination that allowed to satisfy a range of customers through a portfolio rich in organic, vegan, and non GMO products. Gloria Tenuta is the current President of the company and, during our conversation, she highlighted the importance of working together with local producers in order to develop the best foods to bring to the market. The company has now expanded its target to customers who love organic and gluten free products, as well as those who cook traditional recipes without renouncing to paying special attention to healthy eating principles.

Down all the way to Sicily, we met another company keen on tradition and innovation: Iblea Sale was founded in the ‘30s in Ragusa when Giovanni Borrometi, a blind blacksmith, decided he wanted to keep the legacy of his family and land through salt. He searched and found a more functional salt sales system, allowing a quick growth of the business and a better quality of transportation for it. He went beyond the island’s boundaries and started a partnership with a company from Northern Italy, that helped with the creation of ad hoc packaging machines. Iblea Sale is now sold in more than 7 countries around the world, with 45 types of salt and 70% of production for foreign countries.

To satisfy our sweet tooth, we stopped by Agrisicilia USA booth, a brand that brings a wide selection of marmalade and jams made with the finest Sicilian organic citruses. Vitamins, antioxidants and micronutrients, all combined, help protect cells from the damage of oxidation and promote overall well being. Each jar of this organic products is made by selecting fresh citruses, which are processed immediately after harvesting to lock in the fruit’s rich and unaltered scent, flavor, and fragrance.

The  unique, Mediterranean microclimate and fertile soil are the ideal setting to grow exceptional citruses, harvested by hand at the peak of ripeness and processed near Catania, at the volcanic foothill of Mount Etna. “Opening a jar is just enough to start flavoring the crisp aromas and scents of fresh fruit. And that was the first motivation that made me think these products could find a favorable market here,” said Antonella Dalla Muta, co-founder of Agrisicilia USA. She was inspired after she visited the factory and saw a team of women washing, cleaning, peeling those colors-rich citruses, transforming them into wholesome and healthy preserves, and witnessed  the love, care, and dedication from processing to packaging.

Agrisicilia USA attended the show for the first time, hosted by Italfoods Inc., a very established distributor for the San Francisco Bay Area and beyond. Many customers placed their first orders, that’s why Antonella hopes to continue spreading the goodness of her exclusive variety of flavors, from excellent Arancia di Ribera DOP, Limone di Siracusa IGP, Mandarin with Turmeric to Orange with Ginger and Lemon with Strawberry.

Gennaio a San Francisco è il mese del cibo, per gli amanti, gli esperti e i professionisti del cibo. Ancora una volta, infatti, il Moscone Center ha ospitato dal 19 al 21 gennaio il Winter Fancy Food Show, con oltre ottantamila specialità alimentari e bevande, una gamma di nuovi prodotti, i migliori eventi di networking del settore e più di 1.400 espositori provenienti da tutto il mondo. Questa edizione è stata ancora più speciale per l’Italia, in quanto la Specialty Food Association ha nominato il Bel Paese quale Paese Partner, sia per l’edizione invernale che per quella estiva (che si terrà sulla East Coast a giugno). Non sorprende ma è la prima volta che accade allo stesso Paese, per non dire che l’Italia è già stata un Fancy Food Partner Country nel 2015.

La partnership è una grande opportunità per il Padiglione italiano e per i suoi visitatori d’affari, come confermano i numeri sull’agroalimentare e sull’export rilasciati dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti. Nei primi nove mesi del 2019, l’export alimentare italiano verso gli Stati Uniti è stato pari a quasi 4 miliardi di dollari, in crescita del 5,9% rispetto allo stesso periodo del 2018. Il Padiglione italiano è sempre stato il più grande dell’area internazionale, e quest’anno non ha fatto eccezione. Ha ospitato oltre 60 aziende che hanno presentato i prodotti alimentari del Made in Italy sotto il marchio The Extraordinary Italian Taste e con un’attenzione particolare alla promozione degli autentici prodotti italiani nel mondo. Il numero complessivo ha raggiunto i 90 espositori italiani su una superficie di circa 1.100 metri quadrati.

Qualche mese fa, Phil Kafarakis, presidente di SFA, ha sottolineato che avere l’Italia come primo Paese partner sia per l’edizione invernale sia per quella estiva del 2020 è più di un privilegio. “La popolarità della cucina italiana negli Stati Uniti è innegabile”, ha detto. “Storicamente, tra le nostre dozzine di partecipanti internazionali al Fancy Food Shows, l’Italia ha sempre avuto il padiglione più grande. Al nostro Salone estivo del 2019, il padiglione italiano ha coperto oltre 2.200 metri quadrati”.

Sulla stessa linea Maurizio Forte, Commissario per il Commercio e Direttore Esecutivo per gli USA dell’Agenzia Italiana per il Commercio (ICE), poco prima della fiera: “Sarà esposta l’intera gamma dei prodotti italiani autentici: formaggi, pasta, prosciutto e salumi, olio d’oliva, conserve, condimenti, dolci, acque minerali e molto altro ancora. Essere stati scelti come Country Partner 2020 da SFA è un onore: un riconoscimento all’eccellenza dei prodotti che i nostri espositori portano in fiera e alla consolidata alleanza tra ICE Agency, SFA e Universal Marketing, l’agente esclusivo per l’Italia. Non vediamo l’ora di promuovere centinaia di prodotti autentici del Made in Italy sul mercato statunitense al Fancy Food Show”.

Passeggiando per il padiglione italiano, abbiamo assaggiato una serie di prodotti e non abbiamo potuto fare a meno di notare come il tartufo sia diventato sempre più popolare negli ultimi anni. Molti espositori hanno presentato formaggi, sale, olio d’oliva e condimenti, miele e patatine fritte a base di tartufo.
Ci siamo fermati allo stand de La Rustichella Tartufi e abbiamo assaggiato il loro paté al tartufo e abbiamo anche imparato un sacco di cose su questa azienda italiana, fondata più di 20 anni fa a Roma. Nell’ultimo decennio, il loro obiettivo è stato espandersi al di fuori dell’Italia, con un particolare interesse ad esplorare nuovi mercati e ad attirare una varietà di clienti. Oltre alla sede centrale in Italia, l’azienda ora ha anche una sede a New York, dove Francesca Brugnoli guida un team giovane ma dinamico, che mette al centro i clienti e la loro soddisfazione. Organizzano tour, eventi speciali, e sono aperti a collaborazioni con chef, sempre con l’obiettivo di fare del tartufo italiano il re della tavola.
Pur avendo intrapreso un viaggio che risponde alle esigenze della clientela moderna, non hanno rinunciato al massimo livello di artigianalità. La loro raccolta del tartufo avviene sia nei boschi che nelle terre incolte, con l’aiuto di cani addestrati. Una volta selezionati i tartufi da utilizzare nella lavorazione, i tartufi vengono sottoposti a un rigoroso controllo di qualità e a una delicata fase di pulizia per preservarne le straordinarie caratteristiche organolettiche. Alcune speciali confezioni in vetro sterilizzato permettono di mantenere tutte le caratteristiche originali prima della distribuzione.

Scendendo da Roma verso Sud, siamo stati attratti dal gusto sorprendente ed eccezionale dei prodotti Gias. L’azienda, che ha sede in Calabria, ha cinquant’anni di storia familiare: Antonio Tenuta ha lanciato un’attività di prodotti surgelati di alta qualità, ponendo l’innovazione e la tradizione al centro del suo operato, una combinazione che ha permesso di soddisfare una gamma di clienti attraverso un portafoglio ricco di prodotti biologici, vegani e non OGM. Gloria Tenuta è l’attuale presidente dell’azienda e, durante la nostra conversazione, ha sottolineato l’importanza di collaborare con i produttori locali per sviluppare i migliori alimenti da portare sul mercato. L’azienda ha ora allargato il suo target a clienti che amano i prodotti biologici e senza glutine, così come a coloro che cucinano ricette tradizionali senza rinunciare a prestare particolare attenzione ai principi del mangiar sano.
Proseguendo verso la Sicilia abbiamo incontrato un’altra azienda attenta alla tradizione e all’innovazione: Iblea Sale è stata fondata negli anni ’30 a Ragusa quando Giovanni Borrometi, un fabbro cieco, decise di conservare l’eredità della sua famiglia e della sua terra attraverso il sale. Cercò e trovò un sistema di vendita più funzionale del sale, che consentisse una rapida crescita dell’attività e una migliore qualità dei trasporti. Andò oltre i confini dell’isola e avviò una collaborazione con un’azienda del Nord Italia, che contribuì alla creazione di macchine per il confezionamento ad hoc. Iblea Sale è oggi venduto in più di 7 paesi nel mondo, con 45 tipi di sale e il 70% della produzione per l’estero.
Per soddisfare la nostra golosità, ci siamo fermati allo stand di Agrisicilia USA, un marchio che distribuisce un’ampia selezione di marmellate e confetture realizzate con i migliori agrumi biologici siciliani. Vitamine, antiossidanti e micronutrienti, tutti combinati, aiutano a proteggere le cellule dai danni dell’ossidazione e favoriscono il benessere generale. Ogni vasetto di questo prodotto biologico è realizzato selezionando agrumi freschi, che vengono lavorati subito dopo la raccolta per preservare il profumo, il sapore e la fragranza ricca e inalterata del frutto.

Il microclima mediterraneo unico e il terreno fertile sono lo scenario ideale per coltivare agrumi eccezionali, raccolti a mano al culmine della maturazione e lavorati vicino a Catania, alle pendici vulcaniche dell’Etna. “Basta aprire un vasetto per iniziare a sentire gli aromi e i profumi inebrianti della frutta fresca. E questa è stata la prima motivazione che mi ha fatto pensare che questi prodotti potessero trovare qui un mercato favorevole”, ha detto Antonella Dalla Muta, co-fondatrice di Agrisicilia USA. Ha avuto l’ispirazione dopo aver visitato lo stabilimento dove ha visto una squadra di donne lavare, pulire, sbucciare quegli agrumi dai colori brillanti, trasformarli in conserve sane e salutari, e dove è stata testimone dell’amore, della cura e della dedizione dalla lavorazione al confezionamento.

Agrisicilia USA ha partecipato per la prima volta alla fiera, ospitata da Italfoods Inc., un distributore molto affermato nella San Francisco Bay Area e non solo. Molti clienti hanno effettuato i primi ordini, per questo Antonella spera di continuare a diffondere la bontà della sua esclusiva varietà di sapori, dall’eccellente Arancia di Ribera DOP, al Limone di Siracusa IGP, al Mandarino con curcuma, all’Arancia con zenzero e al Limone con fragola.

Receive more stories like this in your inbox