The Museo Italo-Americano is celebrating the SFOpera with events and exhibits (Photo: Museo Italo-Americano)

Spring is finally here, and not only per the official calendar but also, and mostly, thanks to warm temperatures and sunny days across the Bay Area and California. With it, there are many events, exhibitions, and special moments: from arts and opera to food and business, this month is bringing many good excuses to leave the house and enjoy the season.

With the SFOpera celebrating its 100th anniversary, the Museo Italo-Americano hosted an event for the SFOpera Board on the occasion of the opening of a new exhibit. BRAVO is the exhibition that honors the Italian roots and legacy of the San Francisco Opera, with an original documentary sponsored by the E. L. Wiegand Foundation. As the company celebrates its 2022-2023 Centennial Season, San Francisco’s Italian community played an important role in creating the institution and fostering the art of opera in our city. BRAVO takes visitors on a journey through the decades starting with the Gold Rush and continuing on to the period before the formation of the Opera company. Didactic panels, photographs, memorabilia, music, and video content allow everyone to learn about the history of the Opera as well as Gaetano Merola and his vision for what would become a centenary institution. Additionally, the Museo Italo-Americano will host some special events in June: on Thursday, June 1st they will present Eos Ensemble, accompanied by the talented Mezzo-Soprano Laura Krumm, followed by the Arias and Instrumentals Family Concert on Saturday, June 3rd, both at the BATS Improv Theatre. More info on the Museo website.

On May 11, the project fuse* landed in San Francisco thanks to the Italian Cultural Institute. Bringing the creativity of botanical illustrations to the Bay Area, the “Artificial Botany” project is one of the many that the fuse* art studio launched over the years. Founders Luca Camellini welcomed guests during the pre-opening in San Francisco and shared the ongoing work of the studio in interpreting the complexity of human, social, and natural phenomena. Through multimedia installations and performances, fuse* explores boundaries among different disciplines and looks for new connections between light, space, sound, and movement. The studio has received lots of international attention with installations in Italy, Hong Kong, Mexico, China, Turkey, Spain, the Netherlands, and the United States. With Artificial Botany, fuse* brings the focus back on illustrations that were once used by physicists, pharmacists, and scientists for the identification and analysis of plants. Those same images, although no longer able to satisfy the needs of the original audiences, are today a source of inspiration and allow artists to honor nature and life through new tools and methodologies. The first installment of this project launched in 2019 and used two AI systems interacting with one another. This so-called “image-to-text translation” method is commonly used to classify images, however, fuse* artists were able to test it so that the text underlying each artwork is generated by exploiting another neural network algorithm. The prototype tries to recognize other artificial-generated images frame by frame: as technology advances, so does art. In 2022, Artificial Botany expanded into a more complex exhibition project, combining digital and analog prints with video installations, sound environments with specimens of ancient herbaria, and natural printed silkscreens alongside immersive audiovisual installations. Two systems of study and acquisition of natural elements’ images come together into an open dialogue between ancient and contemporary memory, archiving and imagination, where the metamorphic characteristic of existence ultimately reveals itself: everything constantly changes. The exhibition can be visited by appointment, Monday through Friday from 10am through 4.30pm at the Italian Cultural Institute at Innovit. Email [email protected] for more information.

The Artificial Botany exhibition is open until September 2023 at IIC (Photo: IIC/*fuse)

On May 25, a journey through the Pantheon’s arts and new technologies will take place thanks to Architect Gabriella Musto. The Director of the Pantheon – Basilica of Santa Maria and Martyrs – will present a lesson on ArtCentrica’s innovative methodologies applied to the Roman Pantheon. In her presentation, Architect Musto will share the most fascinating narrative paths regarding this seminal monument, which managed to defeat time, remaining relevant and universally loved, to the point of representing an unsurpassed architectural icon. From France to America and England, many architects have been inspired by the Pantheon, to the point that its central plan and all its compositional and decorative styles have become a real canon never really surpassed. In this context, ArtCentrica’s work has been crucial. The startup, a spin-off of Centrica, is based in Florence and specializes in the development of the eponymous application for the EdTech sector. It provides professors and teachers with an innovative tool to support and improve lessons simply and engagingly; at the same time, it allows students to actively study art. The event will take place at 6.30pm on May 25 at the Italian Cultural Institute at Innovit.

Technology stays at the center of the week with a full day of panels hosted by SMAU, the Italian meeting and matching platform dedicated to innovation and startups. Among its annual Roadshow of local events, an international event in Milano, and events outside of Italy (Paris, Berlin, London), San Francisco becomes the main location in the US. The day will start with intros by Consul General of Italy, Sergio Strozzi, the Trade Commissioner of ITA Los Angeles, Alessandra Rainaldi, and Director of Innovit, Alberto Acito. Following, SMAU brings panels spanning from smart manufacturing and creative solutions to open innovation in agrifood and retail; from the development of intelligent and sustainable mobility to climate change and wellness solutions. The full program is available on the SMAU website with links for registration and schedule.

Patrizia Pasqualetti will host gelato demo and tasting at CIA (Photo: Patrizia Pasqualetti/CIA)

From technology to food: the doors of the CIA at the Culinary Institute of America in Napa open for an event organized in cooperation with the IIC. The first session is on “Artisanal Italian Foods for the Modern Table with Viola Buitoni”: the Italian chef will bring personal stories and professional experiences, as well as demonstrations and tasting of recipes focusing on balsamico, bottarga, and burrata. For dessert, Patrizia Pasqualetti will take the stage for a sensory journey through the process of making gelato with demos and tasting. She will lead a demonstration in the Hestan Teaching Kitchen, taking guests from the start to the final product, and showing tools, ingredients, and recipes that can inspire everyone to make this treat on their own. The day will end with an exclusive, intimate dining experience in the Hestan Teaching Kitchen celebrating Italian cuisine and culture. More info on the CIA at Copia website https://www.ciaatcopia.com/

La primavera è finalmente arrivata, e non solo secondo il calendario ufficiale ma anche, e soprattutto, grazie alle temperature miti e alle giornate di sole nella Bay Area e in California. Con essa, si moltiplicano gli eventi, le mostre e i momenti speciali: dall’arte all’opera, dal cibo al business, questo mese porta con sé molte buone ragioni per uscire di casa e godersi la stagione.

Con la SFOpera che celebra il suo 100° anniversario, il Museo Italo-Americano ha ospitato un evento per il Consiglio della SFOpera, in occasione dell’apertura di una nuova mostra. Bravo è la mostra che onora le radici italiane e l’eredità dell’Opera di San Francisco, con un documentario originale sponsorizzato dalla Fondazione E. L. Wiegand. Mentre la compagnia celebra la sua Stagione del Centenario 2022-2023, la comunità italiana di San Francisco ha svolto un ruolo importante nella creazione dell’istituzione e nella promozione dell’arte dell’opera nella nostra città. Bravo accompagna i visitatori in un viaggio attraverso i decenni, a partire dalla corsa all’oro fino al periodo precedente la formazione della compagnia d’opera. Pannelli didattici, fotografie, cimeli, musica e contenuti video permettono di conoscere la storia dell’Opera, di Gaetano Merola e della sua visione di quella che sarebbe diventata un’istituzione centenaria. Inoltre, il Museo Italo-Americano ospiterà alcuni eventi speciali nel mese di giugno: giovedì 1 giugno presenterà Eos Ensemble, accompagnato dal talentuoso mezzosoprano Laura Krumm, seguito dal concerto per famiglie “Arias and Instrumentals” sabato 3 giugno, entrambi presso il Bats Improv. Theatre. Maggiori informazioni sul sito web del Museo.

L’11 maggio il progetto fuse* è sbarcato a San Francisco grazie all’Istituto Italiano di Cultura. Portando la creatività delle illustrazioni botaniche nella Bay Area, il progetto “Artificial Botany” è uno dei tanti che lo studio d’arte fuse* ha lanciato nel corso degli anni. Il fondatore Luca Camellini ha accolto gli ospiti durante la pre-apertura a San Francisco e condiviso il lavoro in corso sull’interpretazione della complessità dei fenomeni umani, sociali e naturali. 

Attraverso installazioni multimediali e performance, fuse* esplora i confini tra le diverse discipline e cerca nuove connessioni tra luce, spazio, suono e movimento. Lo studio ha ricevuto molta attenzione a livello internazionale con installazioni in Italia, Hong Kong, Messico, Cina, Turchia, Spagna, Paesi Bassi e Stati Uniti. Con Artificial Botany, fuse* riporta l’attenzione sulle illustrazioni che un tempo venivano utilizzate da fisici, farmacisti e scienziati per l’identificazione e l’analisi delle piante. Quelle stesse immagini, sebbene non siano più in grado di soddisfare le esigenze del pubblico originario, oggi sono fonte di ispirazione e permettono agli artisti di onorare la natura e la vita attraverso nuovi strumenti e metodologie. La prima parte di questo progetto è stata lanciata nel 2019 e ha utilizzato due sistemi di intelligenza artificiale che interagiscono tra loro. Il cosiddetto metodo di “traduzione da immagine a testo” è comunemente utilizzato per classificare le immagini, ma gli artisti di fuse* sono riusciti a testarlo in modo che il testo sottostante ogni opera d’arte sia generato usando un altro algoritmo di rete neurale. Il prototipo cerca di riconoscere altre immagini generate artificialmente, fotogramma per fotogramma: con il progredire della tecnologia, avanza anche l’arte. 

Nel 2022, Artificial Botany si è trasformato in un progetto espositivo più complesso, che combina stampe digitali e analogiche con installazioni video, ambienti sonori con esemplari di antichi erbari e serigrafie naturali stampate insieme a installazioni audiovisive immersive. Due sistemi di studio e acquisizione delle immagini degli elementi naturali si fondono in un dialogo aperto tra memoria antica e contemporanea, archiviazione e immaginazione, dove alla fine si rivela la caratteristica metamorfica dell’esistenza: tutto cambia continuamente. La mostra è visitabile su appuntamento, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 16.30, presso l’Istituto Italiano di Cultura a Innovit. Per ulteriori informazioni, scrivere a [email protected].

Il 25 maggio si svolgerà un viaggio tra le arti e le nuove tecnologie del Pantheon grazie all’Architetto Gabriella Musto. La direttrice del Pantheon – Basilica di Santa Maria e Martiri  presenterà una lezione sulle metodologie innovative di ArtCentrica applicate al Pantheon romano. Nella sua presentazione, Musto condividerà i percorsi narrativi più affascinanti riguardanti questo monumento seminale, che ha saputo sconfiggere il tempo, rimanendo attuale e universalmente amato, fino a rappresentare un’icona architettonica insuperabile. Dalla Francia all’America e all’Inghilterra, molti architetti si sono ispirati al Pantheon, al punto che la sua pianta centrale e tutti i suoi stili compositivi e decorativi, sono diventati un vero e proprio canone mai realmente superato. In questo contesto, il lavoro di ArtCentrica è stato fondamentale. La startup, spin-off di Centrica, ha sede a Firenze ed è specializzata nello sviluppo dell’omonima applicazione per il settore EdTech. Fornisce a professori e insegnanti uno strumento innovativo per supportare e migliorare le lezioni in modo semplice e coinvolgente; allo stesso tempo, consente agli studenti di studiare attivamente l’arte. L’evento si svolgerà il 25 maggio alle 18.30 presso l’Istituto Italiano di Cultura presso Innovit.

La tecnologia rimane al centro della settimana con un’intera giornata di panel ospitati da Smau, la piattaforma italiana di incontro e matching dedicata all’innovazione e alle startup. Con il suo roadshow annuale di eventi locali, un appuntamento internazionale a Milano ed eventi fuori dall’Italia (Parigi, Berlino, Londra), San Francisco diventa la location principale negli Stati Uniti. La giornata inizierà con le introduzioni del Console Generale d’Italia, Sergio Strozzi, del Commissario per il Commercio di ITA Los Angeles, Alessandra Rainaldi, e del direttore di Innovit, Alberto Acito. Successivamente, Smau svilupperà panel che spaziano dalla produzione intelligente e soluzioni creative all’innovazione aperta nell’agroalimentare e nella vendita al dettaglio; dallo sviluppo di una mobilità intelligente e sostenibile al cambiamento climatico e alle soluzioni per il benessere. Il programma completo è disponibile sul sito Smau insieme ai link per l’iscrizione e il calendario.

Dalla tecnologia al cibo: si aprono le porte della CIA al Culinary Institute of America di Napa per un evento organizzato in collaborazione con l’IIC. La prima sessione è su “Artisanal Italian Foods for the Modern Table with Viola Buitoni”: la chef italiana porterà storie personali ed esperienze professionali, oltre a dimostrazioni e assaggi di ricette incentrate su aceto balsamico, bottarga e burrata. Per il dessert, Patrizia Pasqualetti salirà sul palco per un viaggio sensoriale attraverso il processo di produzione del gelato con dimostrazioni e degustazioni. Condurrà una dimostrazione nella Hestan Teaching Kitchen, accompagnando gli ospiti dall’inizio al prodotto finale, mostrando strumenti, ingredienti e ricette che possono ispirare a realizzare tutto da soli. La giornata si concluderà con un’esperienza culinaria esclusiva e intima nell’Hestan Teaching Kitchen che celebrerà la cucina e la cultura italiana. Maggiori info sulla CIA sul sito di Copia: https://www.ciaatcopia.com/

Receive more stories like this in your inbox