Camogli: tranquility on the Golfo Paradiso

(Photo: Dreamstime)

As “resta a casa” mandates and travel bans continue to be the new normal, many of us have found extra time to daydream, to get lost in thoughts that whisk us away from reality. For me, those dreams often center on travel to some beautiful Tuscan hill town as I lounge under a pergola while savoring a fine Sangiovese. Or perhaps fantasies of dipping my toes into crystalline blue waters on a warm Sicilian beach…then again, relishing an afternoon secreted away in a mysterious museum…or how about hiking through a Dolomite meadow filled with spring flowers! So many options, and none would disappoint…once travel restrictions are loosened and the world can begin to spin again, that is.

 

It’s never too soon to begin putting legs to those dreams, though. If stunning natural beauty, fewer crowds, and plenty of outdoor opportunities are your style, there’s a spectacular Italian seaside village that just might top your list.  

(Photo: Dreamstime)

Let me introduce you to Camogli. Snuggled alongside the Ligurian sea, a tumble of pastel buildings stop just short of the village’s rocky shoreline. Looking as if they’d played a game of tag racing downhill from the green mountainsides, they stand squared, shoulder to shoulder like a defensive front along the pebbled beach. An appealing array of cheerfully rich pastels – mostly hues of orange, yellow, tangerine, and peach easily seen from afar – cloak each building, the colors originally serving as visual homing devices for the many sailors who lived and worked here. Although fishing is still a lively industry, the congenial buildings are now more a part of the enjoyment for those who seek to unwind into a slow-moving seaside rhythm. 

 

With about a thousand years of existence under its belt, Camogli has served as a basecamp for monks, a defensive post along the Ligurian coast, and perhaps most endearing, as a quaint fishing village that temporarily grew into a major seaport during the time of the great sailing ships. Although not verifiable, the town’s name itself is said to have evolved from “houses of the fishwives” -- “case delle mogli” as the women of the village were left to run the show while their fisher husbands were off at sea. And charmingly so, Camogli is still an active fishing village well known for its tasty anchovies and other delicacies of the sea. 

(Photo: Dreamstime)

But as with many quaint Italian locations, it is tourism that now serves as the lifeblood of the community. Situated between Genoa and Cinque Terre, Camogli wouldn’t quite qualify for “undiscovered gem of the Italian Riviera;” however, it holds tight to its claim of a much slower paced tourist respite for Italians seeking a low key get-away, despite being within hiking distance of its glamorous neighbor, Portofino. 

 

Camogli seems satisfied to remain the sedate, old-school haunt of the Portofino peninsula. An obvious lack of designer shops and see-and-be-seen locales with, instead, a steady selection of ordinary markets, numerous restaurants and cafés, and bench after bench along the above-beach promenade just begging to be used for whiling away moments – or hours – soaking up the slow-paced life here. 

(Photo: Dreamstime)

The grey-pebbled waterfront is like two separate microcosms. Divided by a rocky jut of land that supports the picturesque XII century church of Santa Maria Assunta, the southern portion of the town’s frontage is all about the beach. At the height of the season, colorful beach chairs and umbrellas intertwine into a mosaic of bright hues, rivaling the famous colors of Camogli’s buildings. The cool calm waters have been a sought-after vacation spot for Italians and northern European’s for decades. Other nationalities visit, of course, but the draw of more famous nearby sites seem to keep this little gem protected from the rigors of over-tourism. 

 

Lying to the north of the rocky promontory is the town’s harbor. Packed as tight as the anchovies they’re famous for harvesting, fishing skiffs bob on placid water. Smaller leisure craft wriggle in alongside, as well as a handful of water ferries awaiting their schedules to sport people up and down the coast. And if the heat of the water’s reflection becomes too much, a few steps in towards the village leads up a to labyrinth of cool stairwells that bend and turn as they coax one into the hidden inner streets. 

(Photo: Dreamstime)

It would be more than easy to spend every moment in Camogli lounging along the waterfront sipping Prosecco while waiting for the next divine meal of just-caught seafood, freshly baked focaccia, or another alluring plate of lasagnette al pesto -- sinfully wide sheets of fresh, paper-thin pasta covered in green Ligurian pesto. The food alone is swoon-worthy, but when dining with a seaside sunset as your backdrop it becomes the stuff of dreams.  

(Photo: Dreamstime)

Hiking along the Ligurian coast is a stunning experience not to be missed while in Camogli. But unlike the ant trails of tourists traversing the five village trails of Cinque Terre, the Portofino promontory offers an extensive system of well-marked trails where one can feel virtually alone even during the busiest of times. From the easy 30-minute hike up to San Rocco through vineyards and olive groves, to the strenuous but doable hike to Portofino, stunning views and memorable experiences are the prize rewards. 

An active ferry schedule offers additional means for getting to locations along the coast if foot travel isn’t your style. Or as I did, take a boat one direction, hike back the other! 

 

Beauty is practically synonymous with almost any location along the Ligurian coastline. Camogli, however, just might be the most charming spot in every sense of the word…the quintessential combination of a perfect Italian beach get-away! 

Camogli, la tranquillità del Golfo Paradiso 

 

Poiché il mandato di "resta a casa" e i divieti di viaggio continuano ad essere la nuova normalità, molti di noi hanno trovato tempo extra per sognare ad occhi aperti, per perdersi in pensieri che ci allontanano dalla realtà. Per me, questi sogni sono spesso al centro di viaggi in qualche bella cittadina sulle colline toscane, in luoghi dove mi rilasso sotto un pergolato mentre assaporo un buon Sangiovese. O magari la fantasia mi porta a immergere le dita dei piedi nelle acque cristalline di una calda spiaggia siciliana... poi ancora, ad assaporare un pomeriggio in un misterioso museo... o che ne dite di un'escursione in un prato dolomitico pieno di fiori primaverili! Tante opzioni, e nessuna deluderebbe... una volta che si saranno allentate le restrizioni di viaggio e il mondo potrà ricominciare ad andare di nuovo in giro.

Ma non è mai troppo presto per iniziare a mettere i piedi in quei sogni. Se le bellezze naturali mozzafiato, poca gente e molte opportunità di stare all'aperto sono il vostro stile, c'è uno spettacolare villaggio sul mare italiano che potrebbe essere in cima alla vostra lista.  

Permettetemi di presentarvi Camogli. Accoccolato lungo il mare ligure, un gruppo di edifici color pastello si ferma a pochi passi dal litorale roccioso del paese. Come se avessero fatto una gara di tag racing in discesa dai verdi pendii delle montagne, si ergono squadrati, spalla a spalla, come a formare un fronte difensivo lungo la spiaggia di ciottoli. Un'attraente serie di colori pastello allegri e ricchi - per lo più arancione, giallo, mandarino e pesca, facilmente visibili da lontano - ammanta ogni edificio, colori che in origine servivano come dispositivi visivi per i molti marinai che vivevano e lavoravano qui. Anche se la pesca è ancora un'industria vivace, oggi le congeniali costruzioni sono più che altro una parte del piacere per coloro che cercano di rilassarsi al lento ritmo di mare.

Con circa mille anni di vita alle spalle, Camogli è stata un ritiro per monaci, una postazione difensiva lungo la costa ligure, e cosa forse più accattivante, un pittoresco villaggio di pescatori che si è temporaneamente trasformato in un grande porto marittimo durante il periodo dei grandi velieri. Il nome stesso del paese, anche se non è verificabile, si dice che si sia evoluto da "case delle mogli", in quanto le donne del villaggio erano lasciate a gestire tutto mentre i loro mariti pescatori erano in mare. E così, in modo affascinante, Camogli è ancora oggi un attivo villaggio di pescatori noto per le sue gustose acciughe e le altre prelibatezze del mare. 

Ma come in molte altre pittoresche località italiane, è il turismo che oggi è la linfa vitale della comunità. Situata tra Genova e le Cinque Terre, Camogli non si qualificherebbe proprio come "gemma inesplorata della riviera italiana", ma tiene fede al suo richiamo offrendo una meta turistica molto più lenta per gli italiani che cercano una via di fuga accessibile, nonostante sia a breve distanza a piedi da Portofino, il suo vicino ben più glamour. 

Camogli sembra contenta di restare un ritrovo tranquillo, vecchio stile, nella penisola di Portofino. Mancano ovviamente i negozi di design e i locali da vedere e rivedere, ma ha una costante selezione di mercatini ordinari, numerosi ristoranti e caffè, e una sfilza di panchine lungo il lungomare sopra la spiaggia, che chiedono solo di essere utilizzate per i momenti di relax - o per ore - per godersi il ritmo lento della vita che scorre qui. Il lungomare di ghiaia grigia ha due microcosmi separati. Diviso da una sporgenza rocciosa che sostiene la pittoresca chiesa di Santa Maria Assunta del XII secolo, la parte meridionale della facciata del paese è tutta intorno alla spiaggia. In piena stagione, sedie a sdraio e ombrelloni colorati si intrecciano in un mosaico di colori vivaci, rivaleggiando con i famosi colori dei palazzi di Camogli. Le fresche e calme acque sono da decenni un luogo di villeggiatura ricercato da italiani e nordeuropei. Altre nazionalità visitano Camogli, naturalmente, ma l'attrazione di siti vicini più famosi sembra tenere questo piccolo gioiello al riparo dai rigori dell'over-tourism.

A nord del promontorio roccioso si trova il porto della città. Strette come le acciughe per cui sono famose,  le barche da pesca scivolano sulle acque placide. Piccole imbarcazioni da diporto dondolano a fianco, così come una manciata di traghetti sono in attesa dei loro orari per portare le persone su e giù per la costa. E se l’intensità dei riflessi dell'acqua diventa troppo forte, qualche passo verso il villaggio conduce a un labirinto di fresche scalinate che si torcono e si trasformano mentre ci si immerge nelle stradine interne nascoste. 

Sarebbe facile passare ogni momento a Camogli, sdraiati sul lungomare a sorseggiare Prosecco in attesa del prossimo divino pasto a base di frutti di mare appena pescati, focaccia appena sfornata, o un altro allettante piatto di lasagnette al pesto - ottime sfoglie larghe di pasta fresca, sottili come la carta e ricoperte di pesto verde ligure. Il cibo già di per sè è degno di essere mangiato, ma quando si mangia con un tramonto sul mare come sfondo, tutto diventa materia dei sogni.  

Le escursioni lungo la costa ligure sono un'esperienza da non perdere a Camogli. Ma a differenza dei percorsi con i turisti come formiche mentre percorrono i cinque sentieri dei paesi delle Cinque Terre, il promontorio di Portofino offre un ampio sistema di sentieri ben segnalati dove ci si può sentire praticamente da soli anche nei periodi di maggiore affluenza. Dalla facile escursione di 30 minuti fino a San Rocco attraverso vigneti e uliveti, alla faticosa ma fattibile escursione a Portofino, panorami mozzafiato ed esperienze memorabili sono i premi in palio. 

Un attivo programma di traghetti offre ulteriori mezzi per raggiungere le località lungo la costa se il viaggio a piedi non è nel vostro stile. Oppure, come ho fatto io, si può prendere una barca in una direzione e tornare indietro a piedi nell'altra! 

La bellezza è praticamente sinonimo di quasi tutte le località della costa ligure. Camogli, però, potrebbe essere il luogo più affascinante in tutti i sensi... la quintessenza di un perfetto "get-away" balneare italiano! 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The heart and soul of Naples: history and poetry of the Quartieri Spagnoli

“Napule è mille culure, Napule è mille paure, Napule è a voce d’ ‘e creature che saglie chiano chianu e tu saje ca nun si sulo:” Naples is a thousand...

Due Giugno: a time to remember our rights, but also our duties

Festa della Repubblica , the day when Italy celebrates its most important institution, is upon us: on the 2nd of June , our streets fill with the...

Legends of Italy: Piedmont, The Toro Rosso of Turin

Torino, first capital of Italy, and centuries old heart of the Savoia’s Kingdom, never quite relinquished her royal, aristocratic habits and looks...

The beauty of Sicily for half the price? It may happen this summer

The world has been fighting the same enemy. Reality is, there is not such a thing as escaping the virus, but in Italy we’ve finally reached a moment...

Via Montenapoleone, “Il Salotto di Milano”

“Via Montenapoleone, il salotto di Milano, ritrovo delle signore dell'élite della città.” It was 1954 when Dutch born singer Peter Van Wood sang his...

Weekly in Italian

Recent Issues