Brooklyn, New York, una giornata di primavera del 1944 e i Fuoriusciti Gaetano Salvemini e don Sturzo

Brooklyn, New York, una giornata di primavera del 1944 e i Fuoriusciti Gaetano Salvemini e don Sturzo

Brooklyn, New York, una giornata di primavera del 1944. Mentre in Italia e in Europa infuriano i combattimenti tra nazifascisti e Alleati, l’esule politico Gaetano Salvemini si reca a trovare don Luigi Sturzo, fondatore del Partito Popolare Italiano, anche lui costretto a fuggire dall’Italia nel 1924 per evitare la rappresaglia fascista.

Sono loro i protagonisti di "Fuoriusciti", in scena al Teatro Gobetti di Torino dal 28 gennaio al 2 febbraio prossimi. Ad interpretare l’atto unico di Giovanni Grasso, diretti da Piero Maccarinelli, sono Luigi Diberti e Antonello Fassari.

Salvemini e Sturzo sono due uomini già molto avanti negli anni, provati da un lungo e penoso esilio e da dure esperienze politiche e personali. Le persecuzioni subite e le amarezze vissute non ne hanno tuttavia fiaccato il coraggio né la volontà di continuare a lottare per assicurare all’Italia libertà e democrazia. Salvemini ha un cruccio: teme che il suo amico sacerdote, nonostante i saldi convincimenti democratici e repubblicani, sia obbligato dal Vaticano a tornare in Italia per spendere il suo prestigio e la sua autorevolezza per cooperare con chi, a cominciare dagli Alleati, immagina, per il futuro dell’Italia, un “fascismo senza Mussolini” e il mantenimento della monarchia.

Questo argomento fa da detonatore a una serrata, franca e, a tratti, accesa discussione, che via via prende il largo, spaziando da temi contingenti – la guerra, la caduta del fascismo, l’arretratezza del Mezzogiorno, il ricordo degli amici caduti – a questioni più universali, come il legame tra politica e morale, la dialettica tra fede e coscienza, la compatibilità tra libertà e religione, fino ad affrontare questioni prettamente esistenziali: il dolore, la morte, il silenzio di Dio, l’aldilà.

Frutto di una accurata operazione filologica (l’autore ha infatti utilizzato, per costruire i dialoghi, le parole originali di Sturzo e di Salvemini, tratte da loro lettere e testi), lo spettacolo, diretto da Piero Maccarinelli, permette di far rivivere sulla scena la sorprendente e poco conosciuta amicizia tra due protagonisti dell’antifascismo italiano in esilio.
Antonello Fassari interpreta l’austero sacerdote siciliano, ispirato da una fede incrollabile nella salvezza dell’umanità, mentre Luigi Diberti dà corpo e voce al passionale professore pugliese, che non nasconde la sua concezione razionalistica, agnostica e anticlericale, venata di profondo pessimismo. Guia Jelo impreziosisce la messa in scena con una spassosa interpretazione di Pina Bagnara, emigrata italo-americana e padrona di casa di Sturzo.

L’incontro-scontro tra due grandi italiani, divisi dalla visione del mondo ma accomunati da uno struggente amore per la libertà, consente di rievocare personalità, vicende e questioni storiche che sono state all’origine della nostra Costituzione repubblicana e, allo stesso tempo, di lanciare uno sguardo sul mondo di oggi, pervaso anch’esso da tensioni, fermenti e inquietudini che riguardano la politica, la democrazia, la convivenza e, in definitiva, il destino stesso dell’uomo.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Tutti Amiamo L’Italia: la bellezza secondo l’Orchestra Italiana del Cinema

Tutti Amiamo L’Italia: la bellezza secondo l’Orchestra Italiana del Cinema

L’Orchestra Italiana del Cinema pubblica un suggestivo video di ottimismo e speranza lanciando il nuovo hahstag “Tutti Amiamo L’Italia” sulle...
Da San Diego al Brasile il corto del regista abruzzese Forcella ‘Quando la banda passò’

Da San Diego al Brasile il corto del regista abruzzese Forcella ‘Quando la banda passò’

L' anteprima internazionale al San Diego Italian Film Festival ha portato bene. Il cortometraggio “Quando la banda passò” del regista abruzzese...
Marlon Brando, il ribelle di Hollywood

Marlon Brando, il ribelle di Hollywood

Chi potrà mai dimenticare Marlon Brando nel ruolo di Stanley Kowalski sul palcoscenico di Broadway o la versione cinematografica di “Un tram che si...
Better Days Ahead ma adesso è tempo di jazz

Better Days Ahead ma adesso è tempo di jazz

Il Saint Louis College of Music di Roma ha aderito alla Giornata Mondiale del Jazz, istituita dall'UNESCO nel 2011, con “Better Days Ahead”, un ricco...
Centro Sperimentale di Cinematografia e Lucky Red insieme per non fermare il cinema ai tempi del Covid19

Centro Sperimentale di Cinematografia e Lucky Red insieme per non fermare il cinema ai tempi del Covid19

In un momento così difficile per il Paese e per l’industria cinematografica, che come molti settori soffre dello stallo causato dalla diffusione del...

Weekly in Italian

Recent Issues