La Giornata dei Giusti sia universale

La Giornata dei Giusti sia universale

“Oggi 6 marzo ricorre l’anniversario della scomparsa di Moshe Bejski – dichiara il Ministro per i beni e la attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini - presidente della Commissione dei Giusti dello Yad Vashem. Dal 2012 il Parlamento Europeo celebra in questa ricorrenza la giornata europea dei giusti, alla quale anche quest’anno, nonostante le difficoltà, partecipa l’Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano. Dieci persone, con lo stesso spirito che nel 1968 animò alcuni attivisti per i diritti umani in una protesta nella Piazza Rossa, si ritrovano nel luogo simbolico voluto a Monte Stella dal Comune di Milano per sostenere idealmente le persone che in questo momento si stanno adoperando per affrontare un momento particolarmente impegnativo. Un gesto significativo – concluso il Ministro Franceschini - che fa comprendere quanto sia universale questa importante giornata”.

Legato storicamente a quel periodo, la riconsegna avvenuta pochi giorni prima della statua della Maddalena di Andrea della Robbia sottratta dai nazisti a una famiglia ebrea tedesca e erroneamente consegnata all’Italia nel dopoguerra. Il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini ha partecipato alla cerimonia di restituzione dell’opera per la restituzione ai legittimi proprietari insieme alla Ministra tedesca della Cultura, Monika Grütters e il comandante dei Carabinieri per la tutela del patrimonio culturale, Roberto Riccardi.

“A poche settimane dal settantacinquesimo anniversario della liberazione dei campi di sterminio di Auschwitz-Birkenau – ha dichiarato il ministro Franceschini - questa restituzione rappresenta un altro momento per onorare la memoria delle vittime del nazifascismo e consolidare i rapporti culturali tra Italia e Germania. La spoliazione del patrimonio culturale che è seguita alle leggi razziali rappresenta una pagina nera della storia dell’umanità ancora irrisolta. Con il ministro Grütters, con cui condividiamo l’impegno a tutela del patrimonio culturale, abbiamo firmato una dichiarazione comune in cui, ricordando l’applicazione dei Washington Conference Principles on Nazi-Confiscated Art del 3 dicembre 1998, confermiamo il nostro impegno a restituire le opere confiscate durante i regimi nazifascisti e a rafforzare le azioni di contrasto al traffico illecito”.

A tal riguardo il Ministro di Stato per la Cultura Monika Grütters ha dichiarato: "L'obiettivo del Governo Federale rimane quello di restituire senza riserve le opere d’arte trafugate durante il periodo nazionalsocialista. L´attività di restituzione dipende dalla cooperazione di altri Paesi, in quanto l’arte trafugata dai nazionalsocialisti si trova spesso al di fuori dei confini della Germania. Nel caso della statua di Andrea della Robbia, la Germania sostiene l'Italia nel restituirla ai suoi legittimi eredi. Così l'Italia e la Germania assumono congiuntamente una responsabilità storica. Ringrazio calorosamente il mio omologo italiano Dario Franceschini per la fiducia che ha riposto nel mio Ministero nel restituire la statua - è un buon esempio di cooperazione internazionale in questo settore. Una cooperazione che dobbiamo rafforzare - lo dobbiamo alle vittime dei nazionalsocialisti”.

La statua della Maria Maddalena, attribuita a Andrea della Robbia e conservata alla Galleria degli Uffizi di Firenze, fu erroneamente riconsegnata dagli Alleati al Governo italiano nel 1954, in attuazione dell'accordo tra capi di governo dei due paesi, Konrad Adenauer e Alcide De Gasperi, che prevedeva tra l'altro la restituzione delle opere d'arte giunte in Germania in maniera illegale durante la guerra. Come accertato dal Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Firenze e dai funzionari degli Uffizi, la scultura, rinvenuta dagli americani tra le collezioni del Generale Hermann Göring, era appartenuta alla galleria d’arte “Kunsthaus Drey” di Monaco di Baviera di proprietà delle famiglie ebree di Siegfried Drey e Ludwig Stern che, sotto la pressione delle leggi razziali naziste, furono costrette a svendere ad un’asta pubblica tutto il loro patrimonio che andò disperso. Il processo di sdemanializzazione dell’opera, operato attraverso l’attività del Comitato per il Recupero e la Restituzione dei beni culturali del Mibact di concerto con il Comando Carabinieri Tutela patrimonio Culturale, le Gallerie degli Uffizi e l’Avvocatura dello Stato, ha permesso di giungere alla restituzione del Della Robbia ai legittimi proprietari tramite il Governo tedesco.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

L’influenza spagnola svelata in una lettera del 1918 conservata a Teramo

L’influenza spagnola svelata in una lettera del 1918 conservata a Teramo

L’influenza spagnola degli anni 1918-19 fu la più grande pandemia del XX secolo. Si ritiene che oltre 200 milioni di persone siano state colpite...
Istituto Centrale per la Patologia del Libro, una storia iniziata nel 1938

Istituto Centrale per la Patologia del Libro, una storia iniziata nel 1938

L’importanza dell’Istituto Centrale per la Patologia del Libro è riconosciuta fin dall’anno della sua fondazione, il 1938: negli anni di pieno regime...
My Lucanian Roots: ponte socio-culturale tra Paterson e Montescaglioso

My Lucanian Roots: ponte socio-culturale tra Paterson e Montescaglioso

C’è anche il progetto “My Lucanian Roots” tra quelli finanziati dalla Giunta della Regione Basilicata a favore dei Lucani nel Mondo. Il progetto, che...
Trieste rende omaggio al 75° anniversario dell'insurrezione che il 30 aprile 1945 liberò la città

Trieste rende omaggio al 75° anniversario dell'insurrezione che il 30 aprile 1945 liberò la città

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha scritto una lettera indirizzata alla Associazione Volontari della Libertà di Trieste, in...
Dal Comitato Nazionale di Liberazione alla resa agli Alleati firmata il 3 maggio: 75 anni fa si scriveva la storia

Dal Comitato Nazionale di Liberazione alla resa agli Alleati firmata il 3 maggio: 75 anni fa si scriveva la storia

“Cittadini, lavoratori! Sciopero generale contro l'occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre...

Weekly in Italian

Recent Issues