La divisa di lavoro in 600 scatti: a Bologna 44 fotografi

La divisa di lavoro in 600 scatti: a Bologna 44 fotografi

La Fondazione Mast presenta a Bologna Uniform into the work/out of the work, il nuovo progetto espositivo curato da Urs Stahel dedicato alle uniformi da lavoro che, attraverso oltre 600 scatti di grandi fotografi internazionali, mostra le molteplici tipologie di abbigliamento indossate dai lavoratori in contesti storici, sociali e professionali differenti.

Uniform into the work/out of the work comprende: una mostra collettiva sulle divise da lavoro nelle immagini di 44 fotografi e un’esposizione monografica di Walead Beshty, che raccoglie centinaia di ritratti di addetti ai lavori del mondo dell’arte incontrati dall’artista per i quali l’abbigliamento professionale è segno distintivo, una sorta di tacito codice dell’anti-uniforme.

La mostra collettiva "La divisa da lavoro nelle immagini di 44 fotografi", allestita nella PhotoGallery, raccoglie gli scatti di 44 artisti: celebri protagonisti della storia della fotografia tra cui, Manuel Alvarez Bravo, Walker Evans, Arno Fischer, Irving Penn, Herb Ritts, August Sander e fotografi contemporanei come Paola Agosti, Sonja Braas, Song Chao, Clegg & Guttmann, Hans Danuser, Barbara Davatz, Roland Fischer, Andrè Gelpke, Helga Paris, Tobias Kaspar, Herline Koelbl, Paolo Pellegrin, Timm Rautert, Oliver Sieber, Sebastião Salgado, immagini tratte da album di collezionisti sconosciuti e otto contributi video di Marianne Müeller.

La mostra monografica del fotografo americano Walead Beshty Ritratti Industriali allestita nella Gallery/Foyer, raccoglie 364 ritratti, suddivisi in sette gruppi di 52 fotografie ciascuno: artisti, collezionisti, curatori, galleristi, tecnici, altri professionisti, direttori e operatori di istituzioni museali.
Sono fotografie di persone con cui l’artista è entrato in contatto nel suo ambiente di lavoro, mentre realizzava la sua arte o preparava le mostre. Nel corso degli ultimi dodici anni Walead Beshty ha fotografato circa 1400 persone con una macchina di piccolo formato e pellicola analogica di 36 mm, per lo più in bianco e nero. L’obiettivo di Behsty è quello di rappresentare le persone nel loro ambiente di lavoro, la loro funzione e il ruolo professionale che svolgono nel mondo dell’arte.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Modigliani e la sua pittura rivoluzionaria: 100 anni fa scompariva uno dei più influenti interpreti del secolo scorso

Modigliani e la sua pittura rivoluzionaria: 100 anni fa scompariva uno dei più influenti interpreti del secolo scorso

Amedeo Modigliani è stato uno degli artisti più importanti ed influenti del ‘900. Morì cento anni fa in miseria e disperazione nell’ospedale dei...
A palazzo Strozzi la ricerca poliedrica e creativa di Tomás Saraceno

A Palazzo Strozzi la ricerca poliedrica e creativa di Tomás Saraceno

Dal 22 febbraio al 19 luglio 2020 Palazzo Strozzi a Firenze ospita Tomás Saraceno. Aria, una grande mostra, curata da Arturo Galansino, Direttore...
Michelangelo, i Medici e le carte: 200 disegni e l'archivio con le rime e la corrispondenza

Michelangelo, i Medici e le carte: 200 disegni e l'archivio con le rime e la corrispondenza

I tesori di Casa Buonarroti sono costituiti non solo dalle opere d'arte esposte, inclusi i due capolavori giovanili di Michelangelo, ma anche dalle...
Da luogo urbano votato al commercio a iperluogo plurisensoriale: arte site-specific a Bologna

Da luogo urbano votato al commercio a iperluogo plurisensoriale: arte site-specific a Bologna

“Blob-out” è un'installazione video artistica site-specific realizzata da Basmati Film (Audrey Coïaniz e Saul Saguatti) e Ditraverso con la...
Il soffitto come metafora del cielo e agli Uffizi i cieli del Rinascimento

Il soffitto come metafora del cielo e agli Uffizi i cieli del Rinascimento

Il soffitto metafora del cielo. Forme quadrate, rettangolari o ottagonali tutte riccamente decorate invitano i visitatori delle chiese e dei palazzi...

Weekly in Italian

Attualità

Recent Issues