Luce Cinecittá e Italian Cultural Institute present FELLINI 100 organized by CinemaItalia San Francisco

From left, Director of the Italian cultural Institute Annamaria Di Giorgio and Director of Cinema Italia SF Amelia Antonucci

2020 marks the 100th year since the birth of Italian Director Federico Fellini. He will be celebrated by Cinema Italia San Francisco through his movies at the Castro theatre on March 7th.

 

Through a series of centennial tributes co-presented by the Berkeley Art Museum and Pacific Film Archive from January 16, 2020 through May 17, 2020, Luce Cinecittà organized international initiatives to present the complete retrospective of his films in several locations around the world, including, in North America: New York, Boston, Washington, Houston, Cleveland, Toronto, BAMPFA Berkeley and Harvard University. 

 

Cinema Italia Director, Amelia Antonucci, cannot hide her excitement for the occasion and for what is going to be Cinema Italia San Francisco’s 10th program, in collaboration with Luce Cinecittà and the Italian Cultural Institute of San Francisco.

From left, Director of the Italian cultural Institute Annamaria Di Giorgio and Director of Cinema Italia SF Amelia Antonucci.

“I am very happy for the opportunity, as Cinema Italia, to pay a special tribute to Federico Fellini. I chose four of the most representative and intimate movies of his production. I hope the audience will enjoy watching the movies, they will laugh and cry together with Federico. The party La Magia di Fellini will bring lots of surprises to those who will decide to join us for the night.”

 

Born in Rimini in 1920, Fellini won the Cannes Palme d'Or for La Dolce Vita, was nominated for 12 Academy Awards®, and won four awards in the category of Best Foreign Language Film (now called Best International Film). He did set the record for the most decorated director in the history of the Academy. Nevertheless, at the 65th Academy Awards in 1992, he also received the honorary award for Lifetime Achievement.

 

Gianluca Farinelli, Cineteca Bologna Director, explained why Fellini has been and still is recognized as one of the most important directors ever. “He had a very long career, first as a screenwriter in the ‘40s, then as Director for forty years, from 1950 to 1990. His career can be divided into two moments, the first one between 1950 and 1957 until The Nights of Cabiria, and a second phase, from La Dolce Vita on. The movies he directed between 1950 and 1957 are based on a narrative that unfolds by episodes, and they are filmed in some areas of central Italy between Florence and Rome. All movies highlight the end of an historical time and a farewell to the past. The ‘50s represented a moment of transition for Italy, from peasant to industrial civilization, Italians’ life changed all at once. It’s in that context that Fellini became a kind of anthropologist and artist, capable of grasping the big transformations that would have been crucial for the whole 20th century.”

Gian Luca Farinelli, direttore della Cineteca Bologna (Photo: Dreamstime)

And continues: “The depth of his work, and of that of  his collaborators (great artists of scenography, costumes, music), makes his production unique to the point that watching his movies today is still an experience of stereophonic knowledge and pleasure. His way of making movies is not so much, in my opinion, a cinema made out of hallucination. Behind it, there is always a need and a search for realism. The dream dimension, starting from the encounter with Bergman and the psychoanalysis of the Jungian school, is definitely part of his path, and his movies have signs of a deep introspective analysis.”

 

According to Mr Farinelli, Fellini always chose to reconstruct reality and give shape to the images coming from his mind, memories, and of course fantasy. Cinecittà was his laboratory, not only because it was a place where he had practiced since he was young, but also because he was an artisan filmmaker who, like the great Renaissance painters, needed an atelier and others artists and craftsmen to collaborate with him and live the excitement of building a new artistic experience.

 

“Fellini represents a unique world in the history of cinema. He was able to represent his personal dreams and, in post-war Italy, to express himself in a universal language that both critics and the American audience understood and appreciated for its uniqueness. In all his movies, Fellini did an extraordinary job, as every single frame was the result of an intense work on both image and sound. Fellini didn’t use direct capture, therefore not only do we have dubbing, but also a careful and accurate reconstruction of the sounds, which are an integral part of the movie. 

 

“Fellini was a great traveler in his dreams and fantasy, but he didn't like traveling in reality very much. San Francisco is a city full of culture and curiosities, a city of extraordinary beauty that knows the value of this word, bellezza, which is the most vivid aspect of Fellini's cinema. In addition to that, the Castro Theater is a mythical place in the world, a place that represents the madness and the history of cinema, therefore the perfect place to collect Fellini's retrospective."

 

The event is presented by Luce Cinecitta’ and the Italian Cultural Institute of San Francisco, with its Director Annamaria Di Giorgio, under the auspices of Consul General of Italy Lorenzo Ortona and organized by Cinema Italia San Francisco. 

 

“Fellini, as Woody Allen declared in 1993 at the Film Forum in New York, is one of the film makers who have had an influence on everyone. All cinema is  in debt with him,” Director Di Giorgio explains. “The celebration for the 100 years of his birth is a worldwide event that the Italian Ministry of Culture has undertaken solemnly, signing an agreement with other 7 partners, together with the Italian Ministry for foreign Affairs, to promote – both in Italy and abroad, with the help of our cultural and diplomatic net — the importance of Fellini and his imagination.”

 

The one-day marathon is part of the Federico Fellini 100 Tour, a series of centennial tributes to Federico Fellini (1920–1993), which will travel to major museums and film institutions worldwide, coordinated by Paola Ruggiero and Camilla Cormanni of Luce Cinecittà. All movies (unless noted) have been digitally restored by Luce Cinecittà, Cineteca di Bologna and Cineteca Nazionale. Major sponsors presenters: Jan & Maria Manetti Shrem and Della Toffola.

 

 

La strada 1954 (104 min) - 12.30pm

The movie stars the director’s diminutive wife and muse, Giulietta Masina, as a young woman who joins a strongman street entertainer on the road and soon discovers her calling as a clown. The film plays off Masina’s wide-eyed innocence with the strongman’s brutish strength and short temper, while the audience waits nervously in the aisles for tragedy to strike.

 

Juliet of the Spirits (Giulietta degli spiriti) 1965 (144 min) - 3pm

This Italian-French fantasy comedy-drama is about the visions, memories, and mysticism of a middle-aged woman that help her find the strength to leave her philandering husband. The film uses caricatural types and dream situations to represent a psychic landscape. 

 

Amarcord 1973 (127 min.) - 6:00 p.m.

This carnivalesque portrait of provincial Italy during the fascist period, is  probably the most personal film by Federico Fellini. It satirizes the director’s youth and turns daily life into a circus of social rituals, adolescent desires, male fantasies, and political subterfuge, all set to Nino Rota’s classic, nostalgia-tinged score. The Academy Award ®–winning Amarcord remains one of cinema's enduring treasures. The film was restored by Cinema Ritrovato-Cineteca di Bologna and premiered at the Venice International Film Festival in September 2019.

 

I Vitelloni 1953 (108 min.) - 10pm

Five young men dream of success as they drift lazily through life in a small Italian village. Fausto, the group's leader, is a womanizer; Riccardo craves fame; Alberto is a hopeless dreamer; Moraldo fantasizes about life in the city; and Leopoldo is an aspiring playwright. As Fausto chases a string of women, to the horror of his pregnant wife, the other four blunder their way from one uneventful experience to the next.

 

What else to expect? Free ice cream from Gio Gelati and a red carpet with photo opportunities before AMARCORD. A 1948 Fiat Topolino 500 B and a vintage Alfa Romeo Spider will be on display outside of the Castro Theatre, vehicles on loan from Bello Moto. A giant cake with the logo of “Fellini 100” will be made by acclaimed local café Emporio Rulli to celebrate Fellini’s birthday. A preview of an exhibition titled “Food in Federico Fellini’s Drawings,” with reproductions of sketches made by Fellini loaned by The Region Emilia Romagna and presented by The Italian Cultural Institute, will be on display in the lobby and mezzanine.

Il 2020 segna il centesimo anno dalla nascita del regista italiano Federico Fellini. Sarà celebrato da Cinema Italia San Francisco attraverso i suoi film al Castro theatre il 7 marzo.

Attraverso una serie di omaggi per il centenario co-presentati dal Berkeley Art Museum e da Pacific Film Archive dal 16 gennaio al 17 maggio 2020, Luce Cinecittà ha organizzato iniziative internazionali per presentare la retrospettiva completa dei suoi film in diverse località del mondo, tra cui il Nord America: New York, Boston, Washington, Houston, Cleveland, Toronto, BAMPFA Berkeley e Harvard University. 

La direttrice di Cinema Italia, Amelia Antonucci, non può nascondere l’entusiasmo per l'occasione e per quello che sarà il decimo programma di Cinema Italia San Francisco, in collaborazione con Luce Cinecittà e l'Istituto Italiano di Cultura di San Francisco.

"Sono molto felice per l'opportunità, come Cinema Italia, di rendere un omaggio speciale a Federico Fellini. Ho scelto quattro dei film più rappresentativi e intimi della sua produzione. Spero che il pubblico si divertirà a guardare i film, a ridere e piangere insieme a Federico". La festa La Magia di Fellini porterà molte sorprese a chi deciderà di unirsi a noi per la serata".

Nato a Rimini nel 1920, Fellini ha vinto la Palma d'Oro a Cannes per La Dolce Vita, è stato nominato per 12 Academy Awards®, e si è aggiudicato quattro premi nella categoria Miglior Film Straniero (oggi denominato Miglior Film Internazionale). Ha stabilito il record per il regista più insignito della storia dell'Academy. Inoltre, alla 65a edizione degli Academy Awards del 1992, ha ricevuto il premio onorario alla carriera.

Gianluca Farinelli, direttore della Cineteca Bologna, ha spiegato perché Fellini è stato ed è tuttora considerato uno dei più importanti registi di sempre. "Ha avuto una lunghissima carriera, prima come sceneggiatore negli anni '40, poi come regista per quarant'anni, dal 1950 al 1990. La sua carriera si può dividere in due momenti, il primo tra il 1950 e il 1957 fino a Le notti di Cabiria, e una seconda fase, dalla Dolce Vita in poi. I film che ha diretto tra il 1950 e il 1957 sono basati su una narrazione che si sviluppa per episodi, e sono girati in alcune zone del centro Italia tra Firenze e Roma. Tutti i film evidenziano la fine di un'epoca storica e l'addio al passato. Gli anni '50 hanno rappresentato un momento di transizione per l'Italia, dalla civiltà contadina a quella industriale, quando la vita degli italiani è cambiata all’improvviso. È in questo contesto che Fellini è diventato una sorta di antropologo e artista, capace di cogliere le grandi trasformazioni che sarebbero state cruciali per tutto il XX secolo".

E continua: "La profondità del suo lavoro, e di quello dei suoi collaboratori (grandi artisti della scenografia, dei costumi, della musica), rende la sua produzione unica al punto che guardare i suoi film oggi è ancora un'esperienza di conoscenza stereofonica e di piacere. Il suo modo di fare cinema non è tanto, secondo me, un cinema fatto di allucinazioni. Dietro c'è sempre un bisogno e una ricerca di realismo. La dimensione onirica, a partire dall'incontro con Bergman e la psicoanalisi della scuola junghiana, fa sicuramente parte del suo percorso, e i suoi film mostrano i segni di una profonda analisi introspettiva".

Secondo Farinelli, Fellini ha sempre scelto di ricostruire la realtà e di dare forma alle immagini che provenivano dalla sua mente, dai ricordi e naturalmente dalla fantasia. Cinecittà era il suo laboratorio, non solo perché era il luogo dove aveva lavorato fin da giovane, ma anche perché era un cineasta artigiano che, come i grandi pittori del Rinascimento, aveva bisogno di un atelier e di altri artisti e artigiani che collaborassero con lui e vivessero l'emozione di costruire una nuova esperienza artistica.

"Fellini rappresenta un mondo unico nella storia del cinema. Ha saputo rappresentare i suoi sogni personali e, nell'Italia del dopoguerra, esprimersi in un linguaggio universale che la critica come il pubblico americano hanno compreso e apprezzato per la sua unicità. In tutti i suoi film, Fellini ha fatto un lavoro straordinario, perché ogni singolo fotogramma è il risultato di un intenso lavoro sia sull'immagine che sul suono. Fellini non ha utilizzato la presa diretta, quindi non abbiamo solo il doppiaggio, ma anche un'attenta e accurata ricostruzione dei suoni, che sono parte integrante del film”.

"Fellini era un grande viaggiatore nei sogni e nella fantasia, ma non gli piaceva molto viaggiare nella realtà. San Francisco è una città piena di cultura e di curiosità, una città di straordinaria bellezza che conosce il valore di questa parola, bellezza, che è l'aspetto più vivo del cinema felliniano. Oltre a questo, il Castro Theater è un luogo mitico, un luogo che rappresenta la follia e la storia del cinema, il luogo perfetto per raccogliere la retrospettiva di Fellini".

L'evento è presentato da Luce Cinecittà e dall'Istituto Italiano di Cultura di San Francisco, con la sua direttrice Annamaria Di Giorgio, sotto l'egida del Console Generale d'Italia Lorenzo Ortona ed è organizzato da Cinema Italia San Francisco. 

"Fellini, come ha dichiarato Woody Allen nel 1993 al Film Forum di New York, è uno dei cineasti che ha avuto influenza su tutti. Tutto il cinema è in debito con lui", spiega il regista Di Giorgio. "La celebrazione dei 100 anni della sua nascita è un evento mondiale che il Ministero dei Beni Culturali italiano ha intrapreso solennemente, firmando un accordo con altri 7 partner, insieme al Ministero degli Affari Esteri, per promuovere - sia in Italia che all'estero, con l'aiuto della nostra rete culturale e diplomatica - l'importanza di Fellini e della sua fantasia".

La maratona di un giorno fa parte del Federico Fellini 100 Tour, una serie di omaggi centenari a Federico Fellini (1920-1993), che viaggerà tra i principali musei e istituzioni cinematografiche del mondo, coordinati da Paola Ruggiero e Camilla Cormanni di Luce Cinecittà. Tutti i film (se non è specificato) sono stati restaurati digitalmente da Luce Cinecittà, Cineteca di Bologna e Cineteca Nazionale. Principali sponsor presentatori: Jan & Maria Manetti Shrem e Della Toffola.

 

 

 

La strada 1954 (104 min) - 12.30

Il film ha come protagonista la minuta moglie e musa del regista, Giulietta Masina, nei panni di una giovane donna che si unisce a un robusto intrattenitore di strada e scopre ben presto la sua vocazione di clown. Il film gioca sull'innocenza ingenua di Masina messa a confronto con la forza bruta e il temperamento sbrigativo dell'uomo forte, mentre il pubblico aspetta nervosamente che esploda la tragedia.

 

Giulietta degli spiriti 1965 (144 min) - 15.00

Questa commedia-fantasy italo-francese racconta le visioni, i ricordi e il misticismo di una donna di mezza età che l'aiutano a trovare la forza di lasciare il marito donnaiolo. Il film utilizza caricature e situazioni oniriche per rappresentare un paesaggio psichico.

 

Amarcord 1973 (127 min.) - 18.00

Questo ritratto carnevalesco dell'Italia provinciale durante il periodo fascista, è probabilmente il film più personale di Federico Fellini. Fa satira sulla gioventù del regista e trasforma la vita quotidiana in un circo di rituali sociali, desideri adolescenziali, fantasie maschili e sotterfugi politici, tutto impostato sulla classica partitura nostalgica di Nino Rota. Amarcord, vincitore dell'Academy Award ®, rimane uno dei tesori più preziosi del cinema. Il film è stato restaurato da Cinema Ritrovato-Cineteca di Bologna e presentato in anteprima alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia nel settembre 2019.

 

I Vitelloni 1953 (108 min.) - ore 22.00

Cinque giovani sognano di avere successo, mentre vanno pigramente alla deriva nella vita di un paesino italiano. Fausto, il leader del gruppo, è un donnaiolo; Riccardo brama la fama; Alberto è un sognatore senza speranza; Moraldo fantastica sulla vita in città; Leopoldo è un aspirante drammaturgo. Mentre Fausto insegue una sfilza di donne fino all'orrore della moglie incinta, gli altri quattro si fanno strada da un'esperienza non movimentata all'altra.

 

Cos'altro aspettarsi? Gelato gratis da Gio Gelati e un red carpet con possibilità di foto prima di AMARCORD. Una Fiat Topolino 500 B del 1948 e una Alfa Romeo Spider d'epoca saranno esposte all’esterno del Castro Theatre, vetture in prestito da Bello Moto. Una torta gigante con il logo di "Fellini 100" sarà realizzata dall'acclamato caffè locale Emporio Rulli per festeggiare il compleanno di Fellini. Nell'atrio e nel mezzanino sarà esposta in anteprima la mostra "Il cibo nei disegni di Federico Fellini", con le riproduzioni dei bozzetti realizzati da Fellini in prestito dalla Regione Emilia Romagna e presentati dall'Istituto Italiano di Cultura.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The heart and soul of Naples: history and poetry of the Quartieri Spagnoli

“Napule è mille culure, Napule è mille paure, Napule è a voce d’ ‘e creature che saglie chiano chianu e tu saje ca nun si sulo:” Naples is a thousand...

Due Giugno: a time to remember our rights, but also our duties

Festa della Repubblica , the day when Italy celebrates its most important institution, is upon us: on the 2nd of June , our streets fill with the...

The pandemic broke fashion’s spell: less is now more

Excessive consumerism blinded us with “needed” material abundance until the COVID-19 pandemic broke the spell. Living in a consumerist culture, we...

Alberto Manzi, pioneer of distance learning

Between 1960 and 1968 RAI aired Non è Mai Troppo Tardi (It is Never too Late), a show aimed at fighting illiteracy, as more than 10% of the Italian...

Legends of Italy: Piedmont, The Toro Rosso of Turin

Torino, first capital of Italy, and centuries old heart of the Savoia’s Kingdom, never quite relinquished her royal, aristocratic habits and looks...

Weekly in Italian

Recent Issues