A Venetian Carnevale: the Marega family and the mascareri tradition

Two masks in 18th  century  attire  in Venice (Photo: Atelier Marega)

There are two words that truly define the essence of Italian Carnevale: the  first is maschera, or mask; the second is — of course — Venezia. 

 

While every corner of the country celebrates this time of the year with parades, masquerades and floats, there  is no denying that, even when considering the  most famous, the most historically interesting Carnevali (Viareggio, Ivrea, Putignano, Rome, just to name a few), the one in Venezia is the most iconic and  luxurious. 

(Photo: Atelier Marega)

The Carnevale di Venezia, timeless, elegant and  beautiful, has the ability to carry us all back in time to  experience the opulence, wealth and cheerful mystery of a time,  the 18th century, when La Serenissima was the centre of the world. Then, just like today, the secret of Carnevale’s seduction was all in one thing: la maschera, frivolous accessory and piece of  art, synonym of disguise, of mystery, of prohibited love. 

(Photo: Atelier Marega)

In Venice, however, masks are even more than that: they are art, craftsmanship, creativity, they are the result, in many  a case, of traditions and professions passed on from a generation to  another,  a perfect example of  Made in Italy’s continuity.

 

The Marega family has been creating and  crafting handmade, luxury masks  for almost 40  years, in their city centre Venice atelier. It was Carlo Marega to open a small shop in 1981 and to start crafting masks, when he realized how attracted tourists were to this precious item of Italian mastery. Marega soon became synonym with real Venetian craftsmanship, even more so after the opening of Atelier Marega, which does not only produce masks, but also precious period costumes.  

(Photo: Atelier Marega)

Carlo’s work continues today through his family, including daughter Chandra, who is part of Atelier Marega’s team and with whom L’Italo-Americano had the pleasure  to chat this week, just as this year’s Carnevale celebrations are in full  swing. 

 

The history  of your activity seems the embodiment — let me pass the expression —of the “American Dream:” you started with a small, 25 square meters atelier almost 40 years ago, ended up opening four stores in Venice and, 15 years ago, also a fashion atelier, Atelier Marega. What’s behind this incredible professional and creative growth?

 

You  can  really say “American Dream,” because Atelier Marega’s founder,  my father Carlo Marega, began working in a glass furnace when he was only 11. In the early days of his career, in 1981,  he opened a small shop selling handcrafted glass objects but he soon realized the market for handcrafted masks was growing, especially since Carnevale had  returned  “en vogue” in the city. So he began making  and selling them. The  business grew so much  we, indeed, had  four stores across Venice at one point but, unfortunately, the 2008 economic crisis forced us to sell three of them. Today, we are active with our atelier in Calle Larga San Polo 2940/b, on the corner with Calle Gozzi: we’re just a stone’s throw from the Basilica dei Frari. But we opened two online stores, one on Etsy and one on our website which, by the  way,  is going  to be entirely renewed after Carnevale. 

(Photo: Atelier Marega)

My father Carlo fell immediately in love with creating masks: he enjoyed making all kinds, using every type of material and  decoration. 

 

So, at least initially, your father Carlo’s work didn’t involve crafting masks. Were  there other reasons, beside people’s renewed interest in Carnevale, that made him become a mascherero?

It’s been a mix of factors, really. As I  said, there was the fact Carnevale returned to be popular in Venice and also the  interest  and passion my father discovered to have for the production of masks. But I think  what really made the difference was the increasingly high number of  tourists who asked for them. People coming to Venice wanted to bring home something authentic as a gift for friends and  families, or just to remember the  lovely time they spent in the city. You see, when you buy a  handcrafted mask,  you bring home a piece of the craftsman who made  it: my father  always loved that  idea. 

(Photo: Atelier Marega)

Chandra, can you  tell us something more about the masks Atelier Marega produce? Which techniques do you use and  how traditional are they?

There are different techniques behind each and every mask. I’d like to start with one of my favorites, the “crecklé.” A special, crackling varnish is applied on the mask and  let dry for a minimum of 24 hours. After that, the  varnish starts affecting the way the  mask looks, giving it a “crackled” appearance. But that’s not it! To complete the procedure, our craftsmen delicately apply another layer of a special black color and,  with the help of some cotton wool, make sure it gets into the cracks of the varnish. Another common technique we use is “tarring” (bitumazione), a  process involving the use of wax to recreate aging on newly made masks. 

(Photo: Atelier Marega)

2005 sees the  birth of Atelier Marega, a project that adds to mask handcrafting  also costume design and  making,  all inspired by the style and fashion of the Serenissima’s golden century, the 18th. Why have you decided to embark in this new creative and professional adventure?

The sales of our masks had been on the  rise, our atelier had become popular and many of our customers kept on asking whether we would produce period costumes, too. When  my father Carlo understood there  was, in  fact, quite a market for it, he decided to give it a go and invest in costume making, too. Since then, we can  truly say we  are tied 100% to Venetian tradition. We make each  costume ourselves, using only the most precious, refined fabrics. Our sartorial team makes bespoke pieces for sale and rent: and Atelier Marega works all year round, not only for Carnevale!

(Photo: Atelier Marega)

I must admit you Casanova Grand Ball is quite intriguing: can you tell us more about it?  

The Casanova Grand Ball is a private costume event we have been organizing since 2013. It is always on the last weekend of Carnevale (this year, it will be on Saturday, 22 of February), as we like to conclude all celebrations with our customers and fans. There  is a different theme every year, but we always offer shows, dances (like minuet, for instance) and  entertainment. Of course, everything starts with the official welcoming of guests to  the palace, followed by aperitivo and a lovely dinner. The Casanova Grand Ball  always takes place at Palazzo Ca’Zeno,  which was built at the end of  the 14th century. 

(Photo: Atelier Marega)

One last  question: what’s your relationship with the US? Are there many Marega masks on the other side of the pond?

Actually, the vast majority of our costumers are from the  States!  As I said,  we use Etsy, which is an American platform… So yes, we can say there are a lot of Marega masks on your side of the Atlantic! Americans are among our best and most loved customers, some of them have been with us for 20  years and became real friends, like Mitch and Tom, Don and Jerry, whom we met as clients and ended up becoming part of  the family. They come visiting us  in Venice almost every year!

 

For more information and to shop  Atelier Marega’s products:

https://marega.it/en/

https://www.etsy.com/shop/AtelierMaregaMask

Ci sono due parole che definiscono l’essenza del Carnevale Italiano: la prima è maschera, la seconda, ovviamente, è Venezia.

 

Anche se  ogni  parte  della penisola celebra  questo periodo dell’anno con sfilate mascherate  e carri,  è innegabile che, anche quando si considerino i Carnevali storici più famosi (Viareggio, Ivrea, Putignano,  Roma, solo per citarne alcuni), quello di Venezia sia il più iconico e lussuoso. 

 

Il Carnevale di  Venezia senza tempo, elegante e bellissimo — ha la  capacità di trasportarci tutti indietro nei secoli per provare in prima persona l’opulenza, la ricchezza e il divertente  mistero di un periodo, il 18mo secolo, in  cui La Serenissima era al centro del mondo. Allora come oggi, il segreto della seduzione carnevalesca era tutto in un oggetto: la maschera, frivolo accessorio e opera d’arte, sinonimo di travestimento, di mistero e di amore proibito. 

 

A Venezia, però, le maschere sono ancor più di  questo: sono arte, artigianato, creatività; sono il risultato, in molti casi, di tradizioni  e professioni  tramandate di  generazione  in generazione, un esempio perfetto della continuità del Made in Italy. 

 

La famiglia Marega crea and  produce  a mano maschere artistiche da quasi 40 anni, nel suo atelier in centro  Venezia. Fu Carlo Marega ad aprire un piccolo laboratorio nel 1981, e  a creare le prime maschere  dell’atelier, quando si  rese conto  di quanto i turisti fossero attratti da questo prezioso oggetto, simbolo della creatività e  abilità artigianale Italiana.  

 

In poco tempo, il nome Marega divenne sinonimo di vero artigianato  Veneziano,  ancora di più dopo l’apertura di Atelier Marega che non si limita a  produrre maschere, ma anche preziosi costumi. 

 

Il lavoro di Carlo  continua oggi con tutta la sua famiglia, inclusa la figlia Chandra,  che è parte del team dell’Atelier Marega e con la quale, questa settimana, l’Italo-Americano ha avuto il  piacere  di chiacchierare, proprio  mentre le celebrazioni  per il Carnevale raggiungono  il loro apice. 

 

 

La storia della vostra  attività sembra, passatemi l’espressione, un vero “American Dream:” siete partiti da una piccola bottega di 25 metri quadri nel 1981, all’apertura di 4 punti vendita e, 15 anni fa,  dell’Atelier  Marega.  Qual è stata  la spinta principale dietro a questa crescita,  sia professionale che creativa?

 

 

Si può davvero dire American Dream, perchè il fondatore Carlo Marega, ovvero il mio papà, ha iniziato a lavorare quando aveva 11 anni in fornace e, all’inizio della sua carriera, si era aperto un piccolo negozietto di articoli in  vetro, e man a mano inseriva le maschere in quanto la richiesta del mercato era in crescita, soprattutto da quando il Carnevale era tornato in auge. In effetti,  avevamo 4 punti vendita dislocati in diverse parti di Venezia, ma con la crisi abbiamo dovuto cedere tre delle nostre botteghe.  Ora abbiamo solamente  un punto vendita, a pochi passi dalla Basilica dei Frari,  in Calle Larga San Polo 2940/b,  all’angolo con Calle Gozzi.   Abbiamo anche due negozi online,  uno all’interno della famosa piattaforma di Etsy e uno sul nostro sito web,  che dopo il Carnevale verrà rinnovato.

 

Carlo,  fin da subito,  ha nutrito una passione  pazzesca per le maschere e si divertiva a crearne di tutti i tipi ed utilizzando qualsiasi tipo di materiale per la decorazione. 

 

Quindi, almeno inizialmente, suo padre Carlo  non si occupava di maschere. A parte la rinascita del Carnevale a Venezia, che cosa lo spinse verso la carriera  di mascherero?

 

 

E’ stato un insieme di cose: il tornare in auge del Carnevale di Venezia, come dicevo,  la passione che mio padre Carlo man a mano dimostrava per la creazione delle  maschere e , soprattutto,  la richiesta da parte dei turisti che sempre di più volevano portarsi a casa o regalare un qualcosa di autentico, o che  potesse loro ricordare  allo stesso tempo i bei momenti trascorsi a Venezia. Vede, quando un turista  decide di comprare un pezzo fatto a mano da un artigiano,  si porta a casa un pezzo dell’ artigiano stesso ed è questo che a  mio padre Carlo è sempre piaciuto.

 

Chandra, ci può dire qualcosa di più sulle  maschere che producete? Che tecniche utilizzate e quanto vi rifate alla  tradizione?

 

Dietro ogni maschera si celano tecniche diverse. Partiamo da quella che, secondo me, è la  più interessante, ovvero il crecklè. Sopra la maschera viene applicata una vernice speciale chiamata screpolante che va poi fatta riposare per almeno 24 ore. Dopo questa attesa, la vernice inizia a fare effetto e la nostra maschera apparirà crepata. Ma non è finita qua! Per completare tutto il procedimento,  la maschera viene delicatamente cosparsa di uno speciale colore nero che si incanalerà bene nelle crepe, tutto questo grazie all'ausilio di un pezzo di cotone. Un'altra tecnica utilizzata da noi molto spesso è la bitumazione. La bitumazione è un lavoro fatto con la cera per ricreare l'effetto dell'invecchiamento della maschera. 

 

Nel 2005, nasce l’Atelier Marega, che aggiunge alla produzione di maschere anche  quella di  costumi  sartoriali  che riproducono gli abiti dei tempi  d’oro della Serenissima,  il 18mo secolo: cosa vi ha  spinti a espandervi in questa direzione?

 

La vendita di maschere andava molto bene, e molto spesso i clienti chiedevano se la nostra azienda producesse anche costumi d'epoca. Quando mio padre Carlo si è reso conto che la richiesta era pittosto alta, ha deciso di intraprendere questo investimento. Quindi, da quell'anno, possiamo dire di essere legati al cento per cento alla tradizione Veneziana. La realizzazione dei costumi è esclusivamente nostra, facciamo tutto noi, utilizzando tessuti pregiati e ricercati. Produciamo costumi su misura affidandoci  al nostro team sartorialee,  sia per essere venduti che noleggiati. Questo non solamente nel periodo di Carnevale ma durante tutto l’anno. 

 

Ammetto  che il vostro Casanova Grand Ball è piuttosto intrigante: può raccontarci qualcosa in  più sull’evento?

 

Il Casanova Grand Ball è un ballo privato in maschera organizzato da noi che va in scena dal 2013. La data cade sempre nell'ultimo weekend di Carnevale (quest’anno Sabato 22 Febbraio),  per festeggiarlo e concluder insieme ai nostri clienti. Ogni anno la tematica è differente, ma proponiamo sempre spettacoli, balli (come quello del Minuetto per esempio) e intrattenimento. Ovviamente il tutto è preceduto dall'accoglienza a palazzo, dall'aperitivo e da un’ ottima cena. La location è Palazzo Ca' Zeno, costruito alla fine del XIV secolo. 

 

Un’utima domanda: qual è il vostro rapporto con gli  US, ci sono molte maschere Marega  dall’altra parte dell’Atlantico?

 

La maggior parte della nostra clientela è Americana! Ci appoggioamo a Etsy che è una piattaforma di vendita online statunitense. Quindi sì, possiamo dire che dall'altra parte dell'Atlantico ci sono molte delle nostre maschere!  Gli americani sono tra i nostri maggiori e migliori clienti. Abbiamo clienti Americani da anni 20 anni, i nostri amici Mitch e Tom, Don and Jerry,  sono tutti amici che hanno comprato da noi e quasi ogni anno ci vengono a trovare a Venezia!

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The heart and soul of Naples: history and poetry of the Quartieri Spagnoli

“Napule è mille culure, Napule è mille paure, Napule è a voce d’ ‘e creature che saglie chiano chianu e tu saje ca nun si sulo:” Naples is a thousand...

Due Giugno: a time to remember our rights, but also our duties

Festa della Repubblica , the day when Italy celebrates its most important institution, is upon us: on the 2nd of June , our streets fill with the...

Legends of Italy: Piedmont, The Toro Rosso of Turin

Torino, first capital of Italy, and centuries old heart of the Savoia’s Kingdom, never quite relinquished her royal, aristocratic habits and looks...

The beauty of Sicily for half the price? It may happen this summer

The world has been fighting the same enemy. Reality is, there is not such a thing as escaping the virus, but in Italy we’ve finally reached a moment...

Via Montenapoleone, “Il Salotto di Milano”

“Via Montenapoleone, il salotto di Milano, ritrovo delle signore dell'élite della città.” It was 1954 when Dutch born singer Peter Van Wood sang his...

Weekly in Italian

Recent Issues