The J.P. Morgan Healthcare Conference in San Francisco opens opportunities for Italian healthcare and pharmaceutical companies

The J.P. Morgan Healthcare Conference in San Francisco opens opportunities for Italian healthcare and pharmaceutical companies

From far left, Undersecretary Ivan Scalfarotto, Consul General Lorenzo Ortona, and the Science-Technology Attache Simone dell'Agnello. Photo credits Emanuela Quaglia

The J.P. Morgan Healthcare Conference, held in San Francisco from January 13th to 16th, saw the presence of a great delegation of Italian companies operating in the biotech and life science sectors.

The 38th edition of the annual initiative is considered the largest and most informative healthcare investment symposium in the industry, bringing together industry leaders, innovative technology creators, thousands of investors from around the world, as well as hundreds of companies presenting the entire global healthcare landscape, including pharmaceutical firms, healthcare service providers, profit and not-for-profits, and medical device companies.

Italy was represented by companies showcasing the best and latest technologies which are turning the country into an international hub of innovation and research. Healthcare: Italy on the Move included two main events held during the conference: the first one, on Monday, January 13th saw Italian companies pitching American investors at the Italian Consulate in San Francisco. On January 15th, at the Four Seasons Hotel in San Francisco, the Italian Trade Agency hosted the fourth edition of its country symposium. It featured noted panelists from both Italy and the international biotech and life science communities and proved the potential and the exceptional capabilities of Italian researchers and the academic institutions.

The startup pitching session was hosted by Consul General, Lorenzo Ortona, alongside the Italian Trade Agency, represented by its President, Mr Carlo Maria Ferro; and the Italian Undersecretary of State at the Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation, Mr Ivan Scalfarotto. ITA selected more than 20 companies and clusters, including start-ups and larger firms, that were praised at every meeting opportunity, on a B2B level or with potential American and international investors.

According to Mr Ferro, not only is the Italian Trade Agency investing in innovation, but decided to attend this conference because it focuses on one of the industries that is now leading Italian exports. By investing in research, Italy has seen more investments in the pharmaceutical sector in 2019 (+26%), whereas there is still lots to do when that number is compared to other European countries. The conference became then an opportunity to assess the interest of incubators and accelerators towards Italian startups and work on building a stronger collaboration.

Mr Scalfarotto, on his hand, discussed potential collaborations with Genentech-Roche and visited the Swiss Innovation Centre, Swissnex. He also visited the Department of Engineering and the Centre for Automotive Research of Stanford University. L’Italo-Americano sat down with Mr Scalfarotto to learn more about what the Italian government is doing to facilitate the collaboration between Italy and the Bay Area, especially after the visit of the President of the Italian Republic, Sergio Mattarella, in October 2019.

Mr Scalfarotto, why is it important to be here this week?

I am here because, from January 2020, all the responsibilities regarding international trade shifted under the Ministry of which I am part of. We would like to better manage our activities abroad from both a political and an economic perspective, in order to work properly across all markets. We hope this will create more synergy in the promotion of the Made in Italy abroad. We are here together with the Italian Trade Agency to help Italian startups attract investors, knowing that Italy is well known everywhere for its quality of life, the mediterranean diet, and life expectations. As everyone pays attention to the Italian lifestyle, we want to keep the momentum and take it to the next level.

What do you expect from this conference?

We have lots of professionals in the industry and the quality of our university research is very high. We are faithful that the work we have been doing for this conference will pay back. The governmental presence wants to prove our commitment to investors and to highlight how our country is supporting these companies.

Tonight’s event showcased many brilliant minds. What surprised you the most about their pitches?

The full picture was extraordinary. Many projects focused on cancer diagnosis, and this kind of research is crucial because it has an impact on people’s life and will help us live longer. These researches are developed in labs and then used for the actual treatments. We have seen sensors for the brain; some unique treatments; and robotics for the patient’s cure. We are going towards a world where the treatment is tailor-made and robotics in this sense plays an important role to create pharmaceutical products customized for each one of us.

What do these startups miss though to make the next step?

Funds, that’s what they miss the most. However, I think the Italian investment system is different from the American one. In  the US, the entrepreneurship journey includes failure as a possible step toward success, on the other hand in Europe we are more conservative and failure is considered dramatic, also for investors who are less open to take a risk. We hope we will be able to create an ecosystem in which creativity goes along a bold entrepreneurial approach.
 
Any special Italian initiatives on the life care that we should be aware of or check out?

There is an area in the Milan’s Expo site that is called MIND: this initiative wants to capitalize on the success of Expo 2015 and to place Milan on the map of the world’s gateway cities, leveraging on the local excellences in life sciences. In particular, I’d like to mention the Human Technopole, the first settlement at the heart of MIND for a better life through a comprehensive approach to health and aging.

For those who have never heard about this project, the final goal, as mentioned in the team’s vision statement, is to enhance the quality of people’s life and promote the country’s sustainable economic development and international growth, through an infrastructural platform which will enable scientific, economic and social innovation. Through the delivery of a new mixed use precinct, they want to create a healthy, diverse, and vibrant community with people at its core, a place where digital technologies enhance connections, the exchange of knowledge and improve people’s life.

La J.P. Morgan Healthcare Conference di San Francisco offre opportunità alle aziende sanitarie e farmaceutiche italiane

La J.P. Morgan Healthcare Conference, tenutasi a San Francisco dal 13 al 16 gennaio, ha visto la presenza di una grande delegazione di aziende italiane operanti nei settori delle biotecnologie e delle scienze della vita.

La 38ª edizione dell'iniziativa annuale è considerata il più grande simposio informativo di investimento sanitario del settore, che riunisce leader del settore, creatori di tecnologie innovative, migliaia di investitori da tutto il mondo, oltre a centinaia di aziende che presentano l'intero panorama sanitario globale, tra cui aziende farmaceutiche, fornitori di servizi sanitari, profit e non profit e aziende di dispositivi medici.

L'Italia era rappresentata da aziende che presentavano le migliori e più recenti tecnologie che stanno trasformando il Paese in un polo internazionale di innovazione e ricerca. Healthcare: Italy on the Move ha previsto due eventi principali durante la conferenza: il primo, lunedì 13 gennaio, ha visto le aziende italiane presentare gli investitori americani al Consolato italiano di San Francisco. Il 15 gennaio, presso il Four Seasons Hotel di San Francisco, l'Agenzia Italiana per il Commercio ha ospitato la quarta edizione del simposio nazionale. Il simposio, che ha visto la partecipazione di noti esponenti italiani e della comunità internazionale delle biotecnologie e delle scienze della vita, ha dimostrato le potenzialità e le eccezionali capacità dei ricercatori italiani e delle istituzioni accademiche.

La sessione di lancio è stata ospitata dal Console Generale Lorenzo Ortona, a fianco dell'Agenzia Italiana per il Commercio, rappresentata dal suo presidente Carlo Maria Ferro, e dal Sottosegretario di Stato presso il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Ivan Scalfarotto. ITA ha selezionato oltre 20 aziende e cluster, tra start-up e grandi imprese, che sono stati elogiati in ogni occasione di incontro, a livello B2B o con potenziali investitori americani e internazionali.

Secondo Ferro, non solo l'Agenzia per il commercio italiano sta investendo nell'innovazione, ma ha deciso di partecipare a questo convegno perché si concentra su una delle industrie che oggi sono leader dell'export italiano. Investendo nella ricerca, l'Italia ha visto aumentare gli investimenti nel settore farmaceutico nel 2019 (+26%), mentre c'è ancora molto da fare se questo numero viene confrontato con quello degli altri Paesi europei. La conferenza è diventata quindi un'occasione per valutare l'interesse di incubatori e acceleratori verso le startup italiane e lavorare per costruire una collaborazione più forte.

Scalfarotto, da parte sua, ha discusso delle possibili collaborazioni con Genentech-Roche e ha visitato lo Swiss Innovation Centre, Swissnex. Ha anche visitato il Dipartimento di Ingegneria e il Centro per la ricerca automobilistica dell'Università di Stanford. L'Italo-Americano si è incontrato con Scalfarotto per conoscere meglio ciò che il Governo italiano sta facendo per facilitare la collaborazione tra l'Italia e la Bay Area, soprattutto dopo la visita del Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, nell'ottobre 2019.

Scalfarotto, perché è importante essere qui in questa settimana?

Sono qui perché, da gennaio 2020, tutte le responsabilità in materia di commercio internazionale sono passate al Ministero di cui faccio parte. Vorremmo gestire meglio le nostre attività all'estero sia dal punto di vista politico che economico, per poter lavorare correttamente su tutti i mercati. Ci auguriamo che questo possa creare una maggiore sinergia nella promozione del Made in Italy all'estero. Siamo qui insieme all'Agenzia Italiana per il Commercio per aiutare le startup italiane ad attrarre investitori, sapendo che l'Italia è conosciuta ovunque per la qualità della vita, la dieta mediterranea e le aspettative di vita. Poiché tutti sono attenti allo stile di vita italiano, vogliamo cogliere le opportunità e portarle al livello successivo.

Cosa vi aspettate da questo convegno?

Abbiamo molti professionisti del settore e la qualità della nostra ricerca universitaria è molto alta. Siamo fiduciosi del fatto che il lavoro che abbiamo svolto per questa conferenza ci ripagherà. La presenza del governo vuole dimostrare il nostro impegno nei confronti degli investitori e sottolineare come il nostro Paese stia sostenendo queste aziende.

L'evento di stasera ha messo in mostra molte menti brillanti. Cosa vi ha sorpreso di più delle loro proposte?

Il quadro completo è stato straordinario. Molti progetti si sono concentrati sulla diagnosi del cancro, e questo tipo di ricerca è fondamentale perché ha un impatto sulla vita delle persone e ci aiuterà a vivere più a lungo. Queste ricerche vengono sviluppate in laboratorio e poi utilizzate per la cura vera e propria. Abbiamo visto sensori per il cervello, alcuni trattamenti unici e la robotica per la cura del paziente. Stiamo andando verso un mondo in cui la cura è fatta su misura e la robotica in questo senso gioca un ruolo importante per creare prodotti farmaceutici personalizzati per ognuno di noi.

Ma cosa manca a queste startup per fare il passo successivo?

I fondi, questo è ciò che manca soprattutto. Credo però che il sistema di investimento italiano sia diverso da quello americano. Negli Stati Uniti il percorso imprenditoriale prevede il fallimento come possibile passo verso il successo, mentre in Europa siamo più conservatori e il fallimento è considerato drammatico, anche per gli investitori meno esposti al rischio. Ci auguriamo di riuscire a creare un ecosistema in cui la creatività si accompagna a un approccio imprenditoriale coraggioso.
 
Qualche iniziativa speciale italiana sulla cura della vita che dovremmo conoscere o tenere sotto controllo?

C'è un'area nel sito dell'Expo di Milano che si chiama MIND: questa iniziativa vuole capitalizzare il successo dell'Expo 2015 e collocare Milano sulla mappa delle città-porta del mondo, facendo leva sulle eccellenze locali nel campo delle scienze della vita. In particolare, vorrei citare Human Technopole, il primo insediamento al centro della MIND per una vita migliore attraverso un approccio globale alla salute e all'invecchiamento.

Per chi non ha mai sentito parlare di questo progetto, l'obiettivo finale, come indicato nella dichiarazione di vision del team, è migliorare la qualità della vita delle persone e promuovere lo sviluppo economico sostenibile del Paese e la crescita internazionale, attraverso una piattaforma infrastrutturale che permetta l'innovazione scientifica, economica e sociale. Attraverso la realizzazione di un nuovo distretto ad uso misto, vogliono creare una comunità sana, diversificata e vivace con le persone al centro, un luogo dove le tecnologie digitali migliorano le connessioni, lo scambio di conoscenze e migliorano la vita delle persone.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Seattle’s Civita Institute honors founder with exhibit in Italy

Seattle’s Civita Institute honors founder with exhibit in Italy

Astra Zarina, who studied architecture at the University of Washington in the early 1950s and later became a UW professor, began traveling to the...
Stefano Catalani leads Gage Academy of Art into its fourth decade

Stefano Catalani leads Gage Academy of Art into its fourth decade

Relevant, passionate and fiercely devoted to the arts: these words are used to describe Gage Academy of Art, a fine art school in Seattle that...
Luce Cinecittá e Italian Cultural Institute present Fellini 100 organized by CinemaItalia San Francisco

Luce Cinecittá e Italian Cultural Institute present Fellini 100 organized by CinemaItalia San Francisco

2020 marks the 100th year since the birth of Italian Director Federico Fellini. He will be celebrated by Cinema Italia San Francisco through his...
Italian director Gabriele Salvatores honored in Los Angeles

Italian director Gabriele Salvatores honored in Los Angeles

“Gabriele Salvatores is the ideal artist to preside over the current edition of this festival. His love for our country, his support and his...
Innovation and Italian tradition make their mark during the 2020 Winter Fancy Food in San Francisco

Innovation and Italian tradition make their mark during the 2020 Winter Fancy Food in San Francisco

January in San Francisco marks the month of food, for food lovers, experts, and professionals. In fact, once again, the Moscone Center was home to...

Weekly in Italian

Recent Issues