A chat with Giorgio Tavecchio, the only Italian player in the NFL

Giorgio Tavecchio wearing his old team’s — the Oakland Raiders —uniform (Copyright: Giorgio Tavecchio)

Being the only Italian player in the entire National Football League, Giorgio Tavecchio gets asked a lot about his very first approach to American Football. Born and raised until he was 9 years old in Italy, a country where the national sport is soccer, it comes as a surprise that the 29 years old native of Milan became a NFL placekicker instead.

 

Funny enough, the push to give a try to America’s most iconic game came from his Italian family. “One day a friend of mine randomly asked me to come try out as a kicker on the High School football team my sophomore year and I initially said no,” Giorgio tells me,  “but my mother urged me to try it out to see if I liked it. I went to the team's practice the following day and had fun kicking a few footballs. But it was the delicious ribs at the team barbecue after practice that made me fall in love!”

 

Giorgio moved to the US when he was four, but then returned to live in Italy, in Rome, from age six to age nine before returning to the US and remaining for good. “We moved around a lot when I was younger because of my mother's job. She is Italian-American but worked for the American government.” 

(Copyright: Giorgio Tavecchio)

Giorgio’s childhood memories of Italy involve his family, spending time with zii and nonna near Lake Como and playing soccer with his father and brother at the circolo in Rome. “Because I spent my early childhood in both countries, I feel native to both places, though my dad says I was the best soccer player in the US town where we first moved,” Giorgio proudly underlines while getting emotional recalling his past. 

 

Giorgio, you started playing soccer like most Italian kids, but then switched to football. How do you feel by having become the only Italian player in the NFL league? 

I feel fortunate to have a unique background which gives me a special opportunity to represent the many hopes and dreams of Italians who love American Football and follow the sport passionately overseas.  More than that, I feel grateful for the chance I am given to highlight the values I find to be important: humility, dedication, sacrifice, and faith.

(Copyright: Giorgio Tavecchio)

What did you like about it at first?

I enjoyed the camaraderie with my teammates, many of whom were my close friends.

 

When and how did you realize you could be a professional player? 

I didn't realize I could become a professional until my first year in the NFL (2012 with the San Francisco 49ers). I had a great mentor on the team named David Akers —  a legendary kicker — who taught me invaluable lessons about the NFL and kicking. His confidence and belief in me convinced me I could play at that level.

(Copyright: Giorgio Tavecchio)

How was your very first experience in a team in the US?

It's fun to experience a sport that is so loved by Americans and that so personifies American culture.

 

You are a placekicker, can you explain what it means? 

A placekicker is someone whose sole job is to kick the football through the goal posts.  A successful kick is worth three points (a "field g oal") or one point (an "extra point").

(Copyright: Giorgio Tavecchio)

I read your nickname is Italian Ice, how so?

I had success last season with the Atlanta Falcons and some of the fans came up with that nickname... I guess it sounds better than "Giorgio Gelato"! 

 

Do you get stopped by fans? What's the craziest thing that happened to you or something that some of them said that resonates with you? 

No, I rarely get stopped by fans because other positions tend to be more visible than kickers most of the time. Also, wearing a helmet and spending most of your time on the sideline during the game make it difficult to get recognized just by appearance, though some people do recognize my name.

 

What’s the best compliment received by a fan? 

The best compliment I've received from a fan involved them appreciating my kindness... Though the funniest compliment I've ever heard from a fan involved them thanking me for winning them $5,000 in Fantasy Football!

(Copyright: Giorgio Tavecchio)

What's the match you are more proud of?

The two most memorable games so far are my debut with the Oakland Raiders against the Tennessee Titans in September of 2017, and my debut with the Atlanta Falcons against the New York Giants in October of 2018. 

 

And the best memory you have so far of NFL?

There are innumerable memories from my football journey thus far, so it's difficult to just pick one.  But if I really had to pick just one, I would say that the evening after my debut game with the Oakland Raiders in 2017 was very cathartic and gratitude-filled.

(Copyright: Giorgio Tavecchio)

What's the difference between NFL in USA compared to soccer in Italy?

One thing I find curiously different is that although American Football is by far the most popular sport in the US, very few people actually play the sport. Generally speaking, you play from age 10 to age 18.  From that point, only a select few players continue on to play at  university level for four or five years, and only an even smaller select few are able to continue playing at the professional level after finishing their college careers. There are no private American football clubs or leagues (outside of the NFL) where people continue playing into their twenties and thirties. In Italy, soccer is by far the most popular sport but also the most played by Italians. This is a unique and paradoxical difference I find here in the US.

 

Where are you at the moment? 

I'm currently living in Atlanta, Georgia.

 

What's your goal for the future? 

My goal is to continue to grow as a person and as a kicker, giving my best in every moment.

 

Which team would be a dream for you to play with? 

 I'd be happy to play for any team honestly, though getting to play close to home in the Bay Area is really special.

 

I saw a video of you cooking lasagna, what does cooking mean to you? 

I really enjoy cooking because it allows me to serve others with passion, creating a communal time and space at the table. I also feel as though it connects me to my family traditions. My maternal grandfather was a chef and I hope to make him proud with the quality food I prepare for those around me.

 

What’s your favorite dish to prepare? 

My favorite dish to prepare is Chicken Cutlet.  It's a very simple dish, but when it's prepared well and served with arugula, olive oil, vinegar, salt, and a dash of lemon, it is absolutely delicious.  To me, it represents a comfort-food with wonderful combinations of flavor; approachable and unpretentious. My passion for Italian wine and food has actually led me to start an importing company with three other colleagues; one Sicilian-American now living in LA with a very similar story to mine (Vincenzo D’Amato — a college football teammate), and two Italians from Torino who grew up playing American Football in the 80s, in Italy.  A friendship began a few years ago in Italy and blossomed into a business idea, which we named after the jersey numbers of our two Italian colleagues: ElevenTwelve.  

 

What’s the idea behind this?

The idea combines our experiences in American Football with our passion for Italian wine and food, as we import artisanal quality products from the Piemonte Region. American Football is by far the most popular sport in the US and Italian cuisine is among the most popular cuisines. Our aim is to unite these two worlds with our products and unique stories.

Giorgio Tavecchio, unico giocatore italiano in tutta la National Football League, si chiede molto del suo primo contatto con il calcio americano. Nato e cresciuto fino all'età di 9 anni in Italia, paese dove lo sport nazionale è il calcio, è una sorpresa che il 29enne milanese sia invece diventato un placekicker della NFL.

 

Piuttosto curiosamente, la spinta a provare il gioco più iconico d'America, è venuta dalla sua famiglia italiana. "Un giorno un mio amico mi ha chiesto per caso di mettermi alla prova come calciatore nella squadra di calcio del liceo del mio secondo anno e io inizialmente ho detto di no", mi dice Giorgio, "ma mia madre mi ha invitato a provarci per vedere se mi piaceva. Il giorno seguente sono andato agli allenamenti della squadra e mi sono divertito a tirare a calci qualche pallone. Ma sono state le deliziose costolette del barbecue di squadra dopo l'allenamento che mi hanno fatto innamorare!”

 

Giorgio si è trasferito negli Stati Uniti all'età di quattro anni, ma poi è tornato a vivere in Italia, a Roma, da sei a nove anni, prima di far ritorno negli Stati Uniti per rimanerci. "Ci siamo trasferiti molto quando ero più piccolo a causa del lavoro di mia madre. È italo-americana, ma lavorava per il governo americano". 

 

I ricordi d'infanzia di Giorgio sull'Italia coinvolgono la sua famiglia, il tempo passato con zii e nonna vicino al lago di Como e a giocare a calcio con suo padre e suo fratello al circolo di Roma. "Poiché ho trascorso la mia prima infanzia in entrambi i paesi, mi sento originario di entrambi i luoghi, anche se mio padre dice che sono stato il miglior giocatore di calcio della città americana dove ci siamo trasferiti per la prima volta", sottolinea con orgoglio Giorgio, ricordando con emozione il suo passato.

 

Giorgio, ha iniziato a giocare a calcio come la maggior parte dei bambini italiani, ma poi è passato al football. Come si sente ad essere diventato l'unico giocatore italiano nel campionato NFL? 

Mi sento fortunato nell’avere un background unico che mi offre un'occasione speciale per rappresentare le tante speranze e i sogni degli italiani che amano il football americano e seguono lo sport con passione oltreoceano. Inoltre, mi sento grato per l'opportunità che mi viene data di sottolineare i valori che trovo importanti: umiltà, dedizione, sacrificio e fede.

 

Che cosa le è piaciuto subito?

Mi è piaciuto il cameratismo con i miei compagni di squadra, molti dei quali erano miei amici stretti.

 

Quando e come ha capito che poteva essere un giocatore professionista? 

Non mi sono reso conto di poter diventare professionista fino al mio primo anno in NFL (2012 con i San Francisco 49ers). Avevo un grande mentore nella squadra di nome David Akers - un calciatore leggendario - che mi ha dato preziose lezioni sulla NFL e sul calcio. La sua fiducia e il suo credere in me mi ha convinto che potevo giocare a quel livello.

 

Come è stata la prima esperienza in una squadra negli Stati Uniti?

E' divertente vivere uno sport tanto amato dagli americani e che incarna così bene la cultura  americana.

 

E’ un placekicker, può spiegare cosa significa? 

Un placekicker è qualcuno il cui unico compito è quello di tirare il calcio attraverso i pali della porta. Un calcio di successo vale tre punti (un "field goal") o un punto (un “extra point").

 

Ho letto che il suo soprannome è Italian Ice, cioè?

Ho avuto successo la scorsa stagione con gli Atlanta Falcons e alcuni dei tifosi hanno creato quel soprannome..... Credo suoni meglio di "Giorgio Gelato"! 

 

La fermano i fan? Qual è la cosa più strana che le è successa o qualcosa che alcuni di loro hanno detto che le viene in mente? 

No, raramente mi fermano i fan perché altri ruoli tendono ad essere più visibili fra i calciatori per la maggior parte del tempo. Inoltre, indossare un casco e passare la maggior parte del tempo a bordo campo durante il gioco rende difficile essere riconosciuto solo per l'aspetto, anche se alcune persone riconoscono il mio nome.

 

Qual è il miglior complimento ricevuto da un fan? 

Il miglior complimento che ho ricevuto da un fan era relativo alla mia gentilezza..... Anche se il complimento più divertente che abbia mai sentito dai fan era che mi ringraziavano per averli fatti vincere 5.000 dollari nel Fantasy Football!

 

Qual è la partita di cui è più orgoglioso?

Le due partite più memorabili finora sono il mio debutto con gli Oakland Raiders contro i Tennessee Titans nel settembre del 2017, e il mio debutto con gli Atlanta Falcons contro i New York Giants nell'ottobre del 2018. 

 

Qual è il miglior ricordo che ha della NFL finora?

Ci sono innumerevoli ricordi della mia carriera calcistica finora, quindi è difficile sceglierne uno solo. Ma se dovessi davvero sceglierne uno solo, direi la sera dopo il mio debutto con l'Oakland Raiders nel 2017: è stato molto catartico e pieno di gratitudine.

 

Qual è la differenza tra la NFL negli USA e il calcio in Italia?

Una cosa che trovo curiosamente diversa è che, sebbene il calcio americano sia di gran lunga lo sport più popolare negli Stati Uniti, pochissime persone praticano questo sport. In generale, si gioca dai 10 ai 18 anni. Dopo, solo pochi giocatori selezionati continuano a giocare a livello universitario per quattro o cinque anni, e solo pochissimi giocatori selezionati, sono in grado di continuare a giocare a livello professionistico dopo aver terminato la carriera universitaria. Non ci sono squadre o campionati privati americani di calcio (al di fuori della NFL) dove le persone continuino a giocare fino all'età di 20 o 30 anni. In Italia, il calcio è di gran lunga lo sport più popolare ma anche il più giocato dagli italiani. Questa è una differenza unica e paradossale che trovo qui negli Stati Uniti.

 

Dove vive in questo momento? 

Attualmente vivo ad Atlanta, in Georgia.

 

Qual è il suo obiettivo per il futuro? 

Il mio obiettivo è quello di continuare a crescere come persona e come calciatore, dando sempre il meglio di me stesso.

 

Con quale squadra sarebbe un sogno giocare? 

Onestamente, sarei felice di giocare per qualsiasi squadra, anche se avvicinarmi verso casa nella Bay Area sarebbe davvero speciale.

 

Ho visto un video di lei che cucina lasagne, cosa significa cucinare? 

Mi piace molto cucinare perché mi permette di servire gli altri con passione, creando un tempo e uno spazio comune a tavola. Mi sento anche legato alle tradizioni di famiglia. Mio nonno materno era uno chef e spero di renderlo orgoglioso del cibo di qualità che preparo per chi mi sta intorno.

 

Qual è il piatto che preferisce cucinare? 

Il mio piatto preferito è la cotoletta di pollo. È un piatto molto semplice, ma quando è ben preparato e servito con rucola, olio d'oliva, aceto, sale e un goccio di limone, è assolutamente delizioso.  Per me è un cibo confortante con meravigliose combinazioni di sapori, accessibile e senza pretese. La mia passione per l'enogastronomia italiana mi ha portato a fondare, insieme ad altri tre colleghi, un siciliano-americano che ora vive a Los Angeles con una storia molto simile alla mia (Vincenzo D'Amato - un collega), e due torinesi cresciuti giocando a football americano negli anni '80, in Italia. Un'amicizia iniziata qualche anno fa in Italia si è trasformata in un'idea imprenditoriale, che abbiamo chiamato così in onore dei numeri di maglia dei nostri due colleghi italiani: Undici Dodici.  

 

Qual è l'idea alla base di tutto questo?

L'idea unisce la nostra esperienza nel calcio americano alla nostra passione per l'enogastronomia italiana, in quanto importiamo prodotti artigianali di qualità dalla Regione Piemonte. Il calcio americano è di gran lunga lo sport più popolare negli Stati Uniti e la cucina italiana è tra le cucine più popolari. Il nostro obiettivo è unire questi due mondi con i nostri prodotti e le nostre storie uniche.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Winter legends for an Italian 2020

Winter is such a fantastic time of the year. It’s my favorite season and I just love it. The snow, the chilly air, the color of the sky. Everything...

Welcome 2020, a year to be proud of being Italian

We’ve been living in a new decade for almost two weeks, and so many things have already happened. Yet, the month of January is, more often than not,...

Five unspoken rules everyone follows in Italy

There is a bit of Giovanni della Casa in every Italian, you know. What do you mean, who’s he? Della Casa, that dude who wrote the Galateo, in 1558...

Festive California: new land of King panettone?

The Italians enter the Christmas spirit with a fragrant, yeasty slice of panettone -- Christmas isn’t Christmas without it on our festive tables. We...

Northern Italy’s Krampus runs: the devilish parades of Yuletide

Oh the delights of Christmas in an Italian village with all its endearing traditions! Twinkling lights, carols floating on air, the revered nativity...

Weekly in Italian

Recent Issues