La città del buon vivere sul confine tra Emilia e Romagna: eccoci a Castel San Pietro Terme

La città del buon vivere sul confine tra Emilia e Romagna: eccoci a Castel San Pietro Terme

Emilia-Romagna, una regione, due anime e un trattino che le separa, in cui si trova tutto un mondo.
Molta gente distingue con difficoltà tra emiliani e romagnoli. C’è un confine labile, un trait-d'union che di sicuro è plurisecolare. C’è una differenza di sapori, colori e odori che solo chi vive di qua o di là dal confine può notare. Ma l’Emilia-Romagna è una delle regioni italiane in cui si vive meglio e in cui si mangia meglio.

Castel San Pietro Terme è una città situata fra Imola e Bologna lungo la storica via Emilia, proprio dove l’Emilia diventa Romagna, quindi si può dire che si colloca... "sul trattino" che divide i due toponimi. Fondata nel 1199 come città fortificata, è in provincia di Bologna ed ha molto da offrire a chi la visita: roccaforti, castelli, siti archeologici, ma soprattutto tante persone che accolgono col sorriso. Forse il loro merito maggiore è perseguire la filosofia della “lentezza” tra tradizioni, prodotti genuini, acque termali e paesaggi naturali di pace e serenità.

L'origine del luogo è molto antica, come dimostrano gli scavi archeologici del territorio che hanno scoperto tracce etrusche, celtiche e naturalmente romane.

Ma più diffusi sono i lasciti e le atmosfere del Medioevo e del Rinascimento: nel centro storico cittadino è ancora visibile un torrione ed un tratto di mura che una volta appartenevano al sistema difensivo del ‘400 che circondava l’intera città, testimonianze di una cinta muraria un tempo imponente. Notevole è il “cassero”, risalente al 1200: un edificio difensivo, simbolo della città all’interno del quale si trovava addirittura un teatro, probabilmente realizzato dopo il 1500 quando il territorio fu conquistato dalle armate dello Stato Pontificio ed il cassero non ebbe più funzione difensiva.

Alle sue spalle  si trova poi la massiccia torre dell’orologio del 1300, altra struttura di avvistamento e di natura difensiva che come spesso accade, con i rimaneggiamenti successivi, ha perso la propria funzione trasformandosi in altro. L’installazione dell’orologio, ad esempio risale al 1784 e grazie ad una continua manutenzione, i meccanismi sono ancora intatti e l’orologio scandisce i lenti ritmi della cittadina, in cui si tengono tutto l’anno decine di feste, sagre ed eventi che attraggono sempre un buon numero di turisti che uniscono al divertimento la possibilità di gustare le specialità  locali. La gastronomia tipica si esprime con prodotti come il formaggio Squacquerone di Romagna Dop, i savoiardi, il miele, la patata di Bologna Igp, la cipolla di Medicina, la pasta fatta in casa.

Per quanto riguarda i vini, la cantina Umberto Cesari coltiva  con successo gli autoctoni Sangiovese, Albana, Pignoletto e Trebbiano, oltre ad alcune varietà internazionali  come Chardonnay, Cabernet Sauvignon e Merlot.  Anche l'azienda Fratta Minore produce i classici enologici di questa zona ovvero Pignoletto, Albana e  Sangiovese.

Oltre che per gustare buon cibo, si va a Castel San Pietro Terme anche per godere del benessere generato dalle acque termali solfuree e salsoiodiche che sono l'origine ed il cuore di queste terme.
Il Polo termale presenta  nuove sale per le cure inalatorie, le polverizzazioni, i fanghi e le piscine per la riabilitazione, per un benessere a 360°.

Adiacente alle Terme si trova il Golf Club Le Fonti a 18 buche, di proprietà comunale, sede di competizioni a livello internazionale. Conta 800 soci ed un primato nazionale per i campi a 18 buche.
A breve distanza da Castel San Pietro Terme si consiglia, prima di lasciare la regione, di visitare il caratteristico borgo medievale di Dozza Imolese dal centro storico a forma di fuso. Sono affascinanti i numerosi, vivaci murales disseminati sui muri delle case, mentre imponente è la Rocca Sforzesca, nei cui sotterranei ha sede l'Enoteca Regionale che rappresenta e promuove i vini dell'Emilia-Romagna. La Rocca è di origine medievale, ma fu trasformata da Caterina Sforza in castello fortificato che, in epoca rinascimentale, fu adibito a residenza nobiliare. Oggi è una Casa-Museo.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Ispirata a Versailles, Villa Manin rivaleggia con la corte del re Sole a Udine

Ispirata a Versailles, Villa Manin rivaleggia con la corte del re Sole a Udine

Il modello è addirittura Versailles, la più fastosa dimora del continente europeo. Il corpo centrale della villa doveva essere un emblema della...
Due apparizioni che fermarono la peste e sorse il Santuario del Monte Berico in Veneto

Due apparizioni che fermarono la peste e sorse il Santuario del Monte Berico in Veneto

È il risultato dell'integrazione di due chiese: la prima quattrocentesca in stile gotico, la seconda, della seconda metà del Seicento, è una basilica...

Un tuffo nel passato tra i sentieri del Trentino che portano alla Forra del Lupo

E' uno dei percorsi tematici dedicati alla Grande Guerra (1914-1918) tra i più belli ed emozionanti del Trentino. Il percorso ad anello porta alla...
Passeggiata fiorentina sul Terrazzo di Giunone a Palazzo Vecchio in compagnia del Putto di Verrocchio

Passeggiata fiorentina sul Terrazzo di Giunone a Palazzo Vecchio in compagnia del Putto di Verrocchio

Il Terrazzo di Giunone, attiguo alla Sala degli Elementi nel museo di Palazzo Vecchio, a Firenze, è stato restaurato ed è tornato ad ospitare il...
Dal racconto pittorico alla bellezza esplosiva della Dolomiti venete e friulane

Dal racconto pittorico alla bellezza esplosiva della Dolomiti venete e friulane

L’attenzione e l’amore per la montagna esplode tra Ottocento e Novecento, come mostrano le prime scalate di alpinisti ed alpiniste, gli interessi...

Weekly in Italian

Recent Issues