The neglected gem of Italy’s heel: Bari

Did: Bari’s old town center is filled with history and charm (© Dreamstime)

Puglia needs no special introduction. Its sea, the baroque grandeur of Lecce, its olive oil and fresh cheeses: all in the region of Italy’s “heel” calls for attention. Aficionados of the Middle Ages and mystery can explore Castel del Monte, while Gargano is perfect for sea holidays lovers and Alberobello, with the whitewashed walls of its trulli, brings to mind the magic of fantastic kingdoms, the Mediterranean version of a Harry Potter-esque village. 

Saint Nicholas Cathedral, Bari (© Dreamstime)


This Summer, though, it’s Bari’s Summer, as the capital of the region has been voted top Italian destination for the hot months of 2019 by the popular tourist guide Lonely Planet. We may be running short of vacation days, in this late part of August, but the gentle Mediterranean climate of the region means we are still well on time to enjoy exploring one of the most interesting cities in the Italian South. 

A suggestive corner of the historic center of Bari (© Dreamstime)


The reasons behind Lonely Planet’s choice are many, but all underscored by the city’s  current cultural Renaissance: from its historical centre, to the artistic allure of its streets, all the way to its delicious cuisine, Bari is a place to be  rediscovered. A far cry from the “industrial port” image many of us Italians tend to associate it with, Bari is, above all,  its flat-roofed Città Vecchia, a maze of little streets and sandy walls developing around the Romanic majesty of San Nicola Basilica. This 12th century building, dedicated to Saint Nicholas of Myra, is known for hosting the famous saint’s relics — the figure of Santa Claus is based on him — and remains one of the most cherished places of Christian worship in Italy. Bari’s Cathedral is, however, dedicated to San Sabino: it, too, is nestled within the Città Vecchia, just like the 12th century Norman-Swabian castle, yet another medieval beauty in the city. 

A suggestive view of the old port of Bari (© Dreamstime)


The Città Vecchia has all the allure of Mediterranean Italy: it’s ancient, artistic and filled with history. And it’s permeated with the scents of the sea and traditional barese food. It’s not uncommon, in certain areas of the old town, to come across elderly ladies gingerly making fresh pasta outside their homes to sell it directly to interested passersby. If you don’t feel like cooking, then you could try one of the many traditional restaurants and trattorias that dot the old town centre.

 Bari’s old town center is filled with history and charm (© Dreamstime)

Did: Bari’s old town center is filled with history and charm (© Dreamstime)

Bari’s cuisine, just like that of Puglia as a whole, is a typical example of cucina povera and it’s characterized by the use of simple, ready available ingredients, mixed together with creativity and, of course, a dash of extra virgin, local olive oil. Queen of Bari’s culinary realm is the orecchietta, the thick, rough-surfaced ear-like pasta shape, served often with sausage and cime di rapa (turnip greens), but absolutely delicious with pretty much any sauce. A lesser known traditional delicacy of Bari is riso, patate e cozze, a layered dish of rice, potatoes and mussels. But if you want to experience Bari Vecchia in all its glory, if you want to enjoy the magic of its atmosphere while tasting heaven, then look no further than a good, hot panzerotto: Bari’s own traditional street food is made with bread dough filled with mozzarella, tomatoes and other fillings, then deep fried. If you have visited Naples before, you may have come across it as pizza fritta. It’s good, it’s fried, it can be eaten while you walk around — no ban like the one in Rome here, yet: what’s not to like?

Picturesque narrow street in the Old Town of Bari


Bari’s old town is the perfect place to explore on foot, but bikes have become a popular alternative in recent times: there is a tad of magic and poetry attached to the idea of pedaling around the city’s old, tiny streets, and barese people know it, to the point they created a service, called  Velo Service, that offers bikes, segways and rickshaws for rent. If you want, you can even join organized bike tours of the Città Vecchia: a great way to explore and, who knows, make new friends!

Not far from Bari, Alberobello and its trulli (© Dreamstime)


Night time Bari is also a great place. Bari’s lively cultural scene is centered on its university, home to more than half a million students. Near Piazza Garibaldi, west of the old town, Lonely Planet suggests Officina deegli Esordi, a multi-function art and entertainment center that can host anything from live music to art exhibitions and movies. More culture awaits on the other side of the Città Vecchia, at the Prinz-Zaum bookshop, known for offering customers not only books, but also comfy seats and coffees to rest and relax. Here, events are also organized. 

Octopus, a staple of Bari’s cuisine (© Dreamstime)


There is a lot to do in Bari but, if you have some more time, you may hop on a car and visit its surroundings, too. For instance, did you know that Matera, Europe’s 2019 Capital of Culture, is only 60 minutes away? Same is the distance between Bari and iconic Alberobello, the village of the trulli. There is a world in and around Bari, all to be discovered. 

Puglia’s capital has always been beautiful. Yet, it almost felt like it had been forgotten for a long time: Bari, the administrative centre, Bari the Adriatic port, but rarely Bari, the art spot. Today, thanks to the work of its people and of the region, the city has finally achieved a well deserved spot in the limelight. Visiting it is a must, especially now, when its authentic atmosphere and traditional ways are still alive and well, unspoiled by excessive tourism and crass consumerism. Go check it out, and don’t forget to get a hot panzerotto on the way back!

La Puglia non ha bisogno di presentazioni speciali. Il suo mare, la grandiosità barocca di Lecce, l'olio d'oliva e i formaggi freschi: tutto nella regione del "Tacco" d’Italia attira l'attenzione. Gli appassionati di Medioevo e mistero possono esplorare Castel del Monte, mentre il Gargano è perfetto per gli amanti delle vacanze al mare e Alberobello, con i muri imbiancati a calce dei suoi trulli, ricorda la magia di regni fantastici, la versione mediterranea di un villaggio di Harry Potter. 

Quest'estate però, è l'estate di Bari, capitale della regione che è stata votata, quale prima destinazione italiana per i mesi caldi del 2019, dalla famosa guida turistica Lonely Planet. Potremmo non avere giorni di vacanza, in questa ultima parte di agosto, ma il mite clima mediterraneo della regione ci dice che siamo ancora in tempo per esplorare una delle città più interessanti del Sud Italia. 
Le ragioni della scelta di Lonely Planet sono molteplici, ma tutte sottolineate dall'attuale Rinascimento culturale della città: dal centro storico, al fascino artistico delle sue strade, fino alla deliziosa cucina, Bari è un luogo da riscoprire. 

Lontana dall'immagine di "porto industriale" a cui molti italiani tendono ad associarla, Bari è soprattutto la sua Città Vecchia, tetti piatti e un dedalo di stradine e muri color sabbia, che si sviluppa intorno alla maestosità romanica della Basilica di San Nicola. Questo edificio del XII secolo, dedicato a San Nicola di Myra, è noto per ospitare le reliquie del famoso santo - su di lui si basa la figura di Babbo Natale - e rimane uno dei luoghi di culto cristiano più cari d’Italia. La Cattedrale di Bari è invece dedicata a San Sabino: anch'essa è incastonata all'interno della Città Vecchia, proprio come il Castello normanno-svevo del XII secolo, altra bellezza medievale della città. 

La Città Vecchia ha tutto il fascino dell'Italia mediterranea: è antica, artistica e ricca di storia. E' permeata dai profumi del mare e dal tradizionale cibo barese. Non è raro, in alcune zone del centro storico, imbattersi in anziane signore che zelanti preparano la pasta fresca fuori casa per venderla direttamente ai passanti interessati. 

Se non avete voglia di cucinare, allora potete provare uno dei tanti ristoranti o trattorie tradizionali che punteggiano il centro storico. La cucina barese, come quella pugliese nel suo complesso, è un tipico esempio di cucina povera e si caratterizza per l'uso di ingredienti semplici e pronti, mescolati con creatività e, naturalmente, un goccio di olio extravergine di oliva locale. 

Regina del regno culinario di Bari è l'orecchietta, la spessa e ruvida pasta a forma di orecchio, spesso servita con salsiccia e cime di rapa, ma assolutamente deliziosa con qualsiasi tipo di sugo. Una prelibatezza tradizionale barese meno conosciuta è Riso, patate e cozze, un piatto a strati preparato con riso, patate e cozze. Ma se si vuole vivere Bari Vecchia in tutto il suo splendore, se si vuole godere della magia della sua atmosfera assaporando il cielo, allora non si può fare altro che mangiarsi un buon panzerotto caldo: il cibo di strada tradizionale barese è fatto con pasta di pane ripiena di mozzarella, pomodori e altri sapori, che viene poi fritto. Se avete già visitato Napoli in precedenza, potreste conoscerli come pizza fritta. Il panzerotto è buono, è fritto, si può mangiare mentre si cammina – qui non c’è ancora alcun divieto come quello che c’è a Roma – quindi…cosa volete di più?

Il centro storico di Bari è il luogo ideale da esplorare a piedi, ma le biciclette sono diventate un'alternativa popolare negli ultimi tempi: c'è un po' di magia e di poesia legata all'idea di pedalare per le antiche stradine della città, e lo sanno bene i baresi, tanto da aver creato un servizio, chiamato Velo Service, che offre biciclette, monopattini e risciò a noleggio. Se volete, potete anche partecipare a tour organizzati nella Città Vecchia: un ottimo modo per esplorare e, chissà, fare nuove amicizie!

Anche di notte Bari è un posto fantastico. La vivace scena culturale barese è incentrata sull'università, che ospita più di mezzo milione di studenti. Vicino a Piazza Garibaldi, a ovest del centro storico, Lonely Planet propone l'Officina degli Esordi, un centro polifunzionale per l'arte e il divertimento che può ospitare di tutto, dalla musica dal vivo a mostre d'arte e film. Altra cultura vi aspetta dall’altra parte della Città Vecchia, presso la libreria Prinz-Zaum, nota per offrire ai clienti non solo libri, ma anche comodi posti a sedere e caffè per riposare e rilassarsi. Qui si organizzano anche eventi. 

A Bari c'è molto da fare ma, se si ha più tempo, si può salire in auto e visitare anche i dintorni. Per esempio, sapevate che Matera, la Capitale europea della cultura 2019, è a soli 60 minuti di distanza? Stessa distanza tra Bari e l'iconica Alberobello, il paese dei trulli. A Bari e nei suoi dintorni, c’è un mondo tutto da scoprire. 

Il capoluogo della Puglia è sempre stato bello. Eppure è come se fosse stato dimenticato per molto tempo: Bari il centro amministrativo, Bari il porto Adriatico, ma raramente Bari la città d'arte. Oggi, grazie al lavoro dei suoi abitanti e della regione, la città ha finalmente raggiunto un meritato posto d'onore. Visitarla è d'obbligo, soprattutto oggi, quando la sua atmosfera autentica e i suoi modi tradizionali sono ancora vivi e vegeti, incontaminati dall'eccessivo turismo e dal consumismo grossolano. Andate a dare un'occhiata e al ritorno non dimenticate di prendere un panzerotto caldo!

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Italian men’s suits – why are they so special?

A debate on whether a man in a suit generates appeal might last a minute or two. The same debate on a man in an Italian suit would be over before I...

A Renaissance tradition becomes popular again: Florence and its buchette del vino

Florence’s streets are filled with secrets and curiosities: some of them are known to those into history and local legends, others are so obscure...

Italy’s lighthouses – new lights for old treasures

There seems to be a shared fascination with lighthouses the world over. These austere pillars of hope and guidance, most often planted on precarious...

Which side are you on? The many rivalries of Italy

The very fact you’re reading this article right now means you are or feel connected in some way to Italy and that you, very likely, love this amazing...

Guess who’s coming for dinner: did the Romans really make it to America?

We all know when and how the American continent was discovered — let us not delve into the unnerving diatribe about “discovering” vs “conquering”...

Weekly in Italian

Recent Issues