Getting paid to start a business? Yes, if you do it in Molise

A suggestive view of a Molise village: 700 euros a month are offered to those who open a business in the region (Ⓒ: Dreamstime)

How many of you are familiar with Molise? Probably not many, to be honest. And it’s a real pity, because this tiny region at the heart of the Bel Paese has so much beauty to offer and it is, in its own right, a little jewel of art and nature.

Nestled as it is between Puglia, Campania, Lazio and Abruzzo — pretty “big names” when it comes to visibility on the tourism radar — it is often neglected by tour operators and not always a first choice for holiday makers. To be fair, there are many, many reasons to reassess our opinion of Molise. The Apennines provide breathtaking, peaceful landscapes; the pre-Roman presence of the Samnites makes it an incredibly interesting spot for those interested in history and archaeology and its position, a true cultural crossroad between the centre and the south of Italy, transforms it in a culturally varied and lively corner of the country, with an amazing cuisine and plenty  of traditions to explore. Yes, it is definitely off the beaten track when it comes to mass tourism, but that can be also a plus: tranquillity and the opportunity to get in touch with a most authentic, most wholesome version of Italy is something all Italophiles should long for.

The increasing number of young people seeking fortune and professional fulfillment in other parts of the country left Molise with just over 300,000 inhabitants (Ⓒ: Dreamstime)


In spite of its  beauty and its impressive historical, artistic and natural pedigree, Molise is — pass me the expression — a bit of a Cinderella. Vastly ignored by UNESCO and its Heritage list, it is the only region in Italy not to have a single one of its protected sites: a reality that stings, especially considering the potentiality of the area.

The increasing number of young people seeking fortune and professional fulfillment in other parts of the country left Molise with just over 300,000 inhabitants: less than Florence and only about 40,000 more than Venice. Molise, is also a relatively young region, because it  has become independent only in 1963, as it was part of the single region of Abruzzo-Molise with its larger, better known cousin.

To say it shortly, things have not been simple for the people in this beautiful corner of Italy, but the regional council has recently decided to intervene. Aiming to repopulate its smallest villages and, at the same time, to offer the opportunity to dynamic entrepreneurs from everywhere in the world to start their own business with ease, the  region has been considering the implementation of a reddito di residenza attiva, or active residency allowance, a stipend to be given monthly, for a period of three  years, to whomever is willing to start up an activity in the  area.

A portrait of life in one of Molise’s many small villages (Ⓒ: Dreamstime)


The stipend, worth around 700 euro each month (around 800 USD), for a total of 24,000 euro over a three years period (26,500 USD), wants to be an incentive especially for younger people seeking to start their on career with a certain freedom and with the opportunity to be helped financially by the region.

Is there a catch? You decide: applicants must agree to run a business of any type, in any Molisan village with no  more than 2000 people, for a period of at least five years.

If you think this could reduce your choices, you’re making a mistake: of the 136 comuni  in Molise, more than 100 have, in fact less than 2000 inhabitants. The natural beauty of the area and the peace and  quiet that comes from not being a touristic hot spot makes this a perfect opportunity not only for those who have  been thinking to open a new business, but also who have been dreaming to change their lifestyle and embrace a more relaxed and intimate way of life. The project has officially opened this week and, as declared by regional councillor Antonio Tedeschi on Facebook, and reported by The Local,  it targets “the many people from Molise who live elsewhere and plan to come back home, but also non-Molisans who’d like a change  of lifestyle and to enjoy the tranquillity and healthiness of our wonderful region.”

A suggestive view of a Molise village: 700 euros a month are offered to those who open a business in the region (Ⓒ: Dreamstime)


Applications can be submitted through the Regione Molise website for the next 60 days: beside committing to running a business  for 5 years  in the region, candidates are required to take up residency in Molise officially and to get a VAT number. As mentioned, financial support will be provided for the  first three years by the region, with a monthly stipend of 700 euro: it may not be much,  it’s true, but it is definitely a great help for people trying to start  up an activity.

Molise’s active residency allowance follows a series of other initiatives across Italy, all aimed at repopulating and  bringing economic stability to rural areas in the country; yet,  councillor Tedeschi’s proposal sets itself apart by actively offering economic support to begin  working in the region independently.

While the ultimate goal of the initiative is praiseworthy,  not every Molisan seems to happy about it. The risk, some say, is to attract  scammers, rather than help local residents who have been struggling economically in small villages for decades. The blog Forche Caudine stresses how opening a business in villages where the number of people decreased from 5 or 6 thousand to 600 in about 100 years is not going to solve the region’s issues, which run evidently much deeper. Some may argue it is, nevertheless, a good place to start from.

The reddito di residenza attiva seems a potentially helpful instrument  to attract people to the region, but as any other project of this type, it does have its downsides, of course. The point made by the people at Forche Caudine is fair, and a stipend of 700 euro a month, in  today’s day and age, is far from high. But, as with other projects of this type, the only answers, positive or negative, will come with time.

Do think of Molise, though, the next time you plan an Italian holiday: it’s such a peaceful, unspoiled part of Italy and it deserve far more credit than it’s given.

Quanti di voi conoscono il Molise? Probabilmente non molti, ad essere onesti. Ed è un vero peccato, perché questa piccola regione nel cuore del Bel Paese ha tanta bellezza da offrire ed è, a pieno titolo, un piccolo gioiello d'arte e natura.

Incastonata tra Puglia, Campania, Lazio e Abruzzo - "nomi pesanti" in termini di visibilità sul radar turistico - è spesso trascurata dai tour operator e non sempre è la prima scelta dei vacanzieri. Ad essere onesti, ci sono molte, molte ragioni per rivalutare la nostra opinione sul Molise. L'Appennino offre paesaggi mozzafiato e tranquilli; la presenza preromana dei Sanniti ne fa un luogo incredibilmente interessante per chi è interessato alla storia e all'archeologia e la sua posizione, vero e proprio crocevia culturale tra il centro e il sud Italia, lo trasforma in un angolo di paese culturalmente vario e vivace, con una cucina sorprendente e ricche di tradizioni da scoprire. Sì, è sicuramente lontano dalle strade battute quando si tratta di turismo di massa, ma questo può essere anche un vantaggio: la tranquillità e la possibilità di entrare in contatto con una versione più autentica e più sana dell'Italia è qualcosa che gli italofili dovrebbero desiderare.

Nonostante la sua bellezza e il suo impressionante pedigree storico, artistico e naturale, il Molise è - passatemi l'espressione - un po' una Cenerentola. Ingiustamente ignorato dall'UNESCO e dalla sua lista del patrimonio, è l'unica regione d'Italia a non avere un solo sito protetto: una condizione bruciante, soprattutto in considerazione delle potenzialità del territorio.

Il crescente numero di giovani in cerca di fortuna e di soddisfazioni professionali in altre parti del Paese ha lasciato il Molise con poco più di 300.000 abitanti: meno di Firenze e appena 40.000 circa in più di Venezia. Il Molise, inoltre, è una regione relativamente giovane, perché è diventata indipendente solo nel 1963, in quanto faceva parte dell'unica regione composta da Abruzzo e Molise con la sua cugina abruzzese più grande e più conosciuta.

Detto in breve, le cose non sono state semplici per la gente di questo bellissimo angolo d'Italia, ma la giunta regionale ha recentemente deciso di intervenire. Con l'obiettivo di ripopolare i villaggi più piccoli e, allo stesso tempo, di offrire la possibilità a imprenditori dinamici di tutto il mondo di avviare facilmente la propria attività imprenditoriale, la regione ha preso in considerazione l'attuazione di un reddito di residenza attiva, uno stipendio da erogare mensilmente, per un periodo di tre anni, a chiunque sia disposto ad avviare un'attività sul territorio.

Lo stipendio, del valore di circa 700 euro al mese (circa 800 USD), per un totale di 24.000 euro su un periodo di tre anni (26.500 USD), vuole essere un incentivo soprattutto per i giovani che desiderano iniziare la loro carriera con una certa libertà e con la possibilità di essere aiutati finanziariamente dalla regione.

C'è un tranello? Siete voi a decidere: i candidati devono accettare di gestire un'attività commerciale di qualsiasi tipo, in un qualsiasi villaggio molisano con non più di 2000 persone, per un periodo di almeno cinque anni.

Se pensate che questo possa ridurre le scelte, state commettendo un errore: dei 136 comuni molisani, più di 100 hanno, infatti, meno di 2000 abitanti. Le bellezze naturali del territorio e la pace e la tranquillità che derivano dal non essere un punto di riferimento turistico ne fanno un'occasione perfetta non solo per chi ha pensato di aprire un nuovo business, ma anche per chi ha sognato di cambiare stile di vita e di abbracciare un modo di vivere più rilassato e intimo. Il progetto è partito ufficialmente questa settimana e, come dichiarato dall'assessore regionale Antonio Tedeschi su Facebook, e riportato da The Local, si rivolge "alle tante persone molisane che vivono altrove e intendono tornare a casa, ma anche ai non molisani che vorrebbero cambiare stile di vita e godere della tranquillità e della salubrità della nostra splendida regione".

Le domande possono essere presentate attraverso il sito web della Regione Molise per i prossimi 60 giorni: oltre all'impegno a gestire un'impresa per 5 anni nella regione, i candidati sono tenuti a prendere ufficialmente la residenza in Molise e ad ottenere un numero di partita IVA. Come detto, per i primi tre anni il sostegno finanziario sarà fornito dalla regione, con uno stipendio mensile di 700 euro: forse non è molto, è vero, ma è sicuramente un grande aiuto per chi cerca di avviare un'attività.

L'assegno di residenza attiva del Molise segue una serie di altre iniziative in tutta Italia, tutte finalizzate al ripopolamento e alla stabilità economica delle aree rurali del paese; tuttavia, la proposta dell'assessore Tedeschi si distingue per l'attivo sostegno economico per iniziare a lavorare in autonomia nella regione.

Sebbene l'obiettivo finale dell'iniziativa sia lodevole, non tutti i molisani sembrano contenti. Il rischio, secondo alcuni, è quello di attirare truffatori, piuttosto che aiutare i residenti locali che da decenni si trovano in difficoltà economiche in piccoli villaggi. Il blog Forche Caudine sottolinea come l'apertura di un'impresa in villaggi dove il numero di persone è sceso da 5 o 6 mila a 600 in circa 100 anni non risolverà i problemi della regione, che evidentemente sono molto più profondi. Alcuni potrebbero sostenere che è, tuttavia, un buon punto di partenza.

Il reddito di residenza attiva sembra uno strumento potenzialmente utile per attrarre persone nella regione, ma, come qualsiasi altro progetto di questo tipo, ha ovviamente i suoi lati negativi. Il punto di vista degli abitanti secondo Forche Caudine è giusto, e uno stipendio di 700 euro al mese, al giorno d'oggi, è tutt'altro che alto. Ma, come per altri progetti di questo tipo, le uniche risposte, positive o negative, arriveranno con il tempo.

Pensate al Molise, però, la prossima volta che pianificate una vacanza italiana: è una parte d'Italia davvero tranquilla e incontaminata e merita molto più credito di quello che gli viene dato.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Tell me how you speak and I'll tell you who you are: Italy and the true beauty of dialects

My relationship with Piedmontese, the dialect of my region, has always been ambivalent. Growing up in a small rural community, I learned it without...

Ferrara, “la città del silenzio:” stories and curiosities of the first truly European city

Ferrara, loderò le tue vie piane/grandi come fiumane,/che conducono all’infinito chi va solo col suo pensiero ardente: I shall praise your flat...

Myths and legends of Italy Campania – Parthenope and the foundation of Naples

Vedi Napoli e poi mori , once you’ve seen Naples, you are free to die. It may sound unsettling at first, but whoever visited the city can testify it...

A Renaissance tradition becomes popular again: Florence and its buchette del vino

Florence’s streets are filled with secrets and curiosities: some of them are known to those into history and local legends, others are so obscure...

76th Venice Film Festival: a red carpet for Venezia

It is the oldest cinema event in the world after the Oscars. Its 76 editions do not only show the way contemporary visual arts evolved, but also how...

Weekly in Italian

Recent Issues