Sesto Concistoro del Pontificato di Papa Francesco. Cambia il profilo del Conclave che eleggerà il suo successore

 Sesto Concistoro del Pontificato di Papa Francesco. Cambia il profilo del Conclave che eleggerà il suo successore

Le Berrette rosse  che saranno imposte  ai prescelti nel prossimo  Concistoro  non rispettano più la concezione eurocentrica propria dei pontificati precedenti. La cosa non deve sorprendere: ogni Papa sceglie i cardinali come uno strumento di governo, di obbedienza alle norme canoniche  sul Conclave  che dovrà eleggere il suo successore.

Nessuno può dire al Papa  chi , quando o come creare i nuovi Cardinali. Certo  secondo  una prassi secolare,  in alcune sedi  dette cardinalizie  il Papa nominava il Vescovo che intendeva elevare alla dignità cardinalizia , questo criterio per il prossimo Concistoro  è stato rispettato solo per la diocesi di Bologna, ignorando ad esempio  e per la seconda volta la diocesi di Milano.

Papa  Francesco  vuole  dare  voce soprattutto   alle realtà dimenticate  e alle periferie della Chiesa , lo si è già ampiamente  visto  nel corso dei precedenti  Concistori , per cui non è stata  più una sorpresa  l’annuncio dei nomi   al termine dell’Angelus  di domenica 1 settembre.  Cambiano e si rafforzano , attraverso le recenti nomine, Le  proporzioni geografiche del collegio  elettorale   che dovrà eleggere il suo successore . "Il prossimo 5 ottobre - ha annunciato il  Pontefice -  terrò un Concistoro per la nomina di dieci nuovi Cardinali. La loro provenienza esprime la vocazione missionaria della Chiesa che continua ad annunciare l'amore misericordioso di Dio a tutti gli uomini della terra".

I nomi dei  neo-porporati  sono:  Miguel Angel Ayuso Guixot , spagnolo, missionario comboniano, Presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo interreligioso, succeduto al Cardinale Tauran dallo scorso 25 maggio.  Losé Tolentino Medonça, già predicatore degli esercizi spirituali alla Curia Romana nella Quaresima 2018, ha 53 anni ed è portoghese. il Papa lo ha nominato lo scorso anno Archivista e Bibliotecario di Santa Romana Chiesa. Ignatius Suharyo Hardjoatmodjo, Arcivescovo di Giakarta, 69 anni, è l’attuale  Presidente della Conferenza Episcopale dell’Indonesia.  Juan de La Caridad García Rodríguez, Arcivescovo di San Cristobal de la Habana, cubano, 71 anni, è  il successore del Cardinale Ortega recentemente scomparso.  Fridolin Ambongo Besungu, arcivescovo di Kinshasa, congolese, frate cappuccino, è nato nel 1960.  Jean-Claude Höllerich, arcivescovo di Lussemburgo,  gesuita di  61 anni, è Presidente della Commissione delle conferenze episcopali della Comunità Europea.  Alvaro Ramazzini Imeri, vescovo di Huehuetenamgo in Guatemala, è nato nel 1947 ed  è stato consacrato Vescovo nel 1989 da Giovanni Paolo II. Cristóbal López Romero,  arcivescovo di Rabat,  salesiano, classe 1952, ha lavorato in Paraguay prima del trasferimento in Marocco. Padre Michael Czerny, ceco, 73 anni,  gesuita, è  sottosegretario della sezione migranti del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale.  

Unico italiano  Matteo Maria  Zuppi, arcivescovo di Bologna,  classe 1955:  romano, nipote del Cardinale Confalonieri, si è contraddistinto come  prete di trincea  ed  ha sempre interpretato la sua missione, anche in Africa, con stile francescano offrendo aiuto concreto a poveri, stranieri, malati di Aids, immigrati. E’ stato una figura di primo piano della Comunità di Sant’Egidio, con cui  ha portato avanti la proposta di diritto di cittadinanza alla nascita per i minorenni figli di genitori immigrati da due anni.   Senza dimenticare  il decisivo ruolo diplomatico in Africa, dove  fu uno degli artefici della tregua tra governo e ribelli in Mozambico nel ’92,   ha esercitato la sua abilità di negoziatore di pace in Congo, Guinea, Burundi e coi curdi . Nominato da Papa Francesco alla guida della Diocesi di Bologna il 27 ottobre del 2015 , ha iniziato la sua attività il 12 dicembre dello stesso anno, rappresentando una significativa svolta nella storia della Curia.

In perfetta linea con la politica del Pontificato di Bergoglio, Zuppi ha scelto la via  dell’apertura, della collaborazione e del dialogo con tutte le realtà e della partecipazione alla vita della comunità al di là di ogni barriera ideologica.  "Insieme ad essi- ha aggiunto il Papa- unirò ai membri del collegio cardinalizio  due Arcivescovi e un Vescovo che si sono distinti per il loro servizio alla Chiesa".  I tre neo-Cardinali , non elettori, avendo superato gli 80 anni, sono:  Michael Louis Fitzgerald arcivescovo emerito di Nepte, inglese, classe 1937, già Presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso e Nunzio Apostolico in Egitto. Era stato  allontanato dalla Curia romana da Benedetto XVI all’inizio del suo pontificato per le sue posizioni sul dialogo interreligioso. Sigitas Tamkevicius arcivescovo emerito di Kaunas, lituano, gesuita, è stato perseguitato e arrestato  dal regime sovietico.   Il veronese Eugenio Dal Corso vescovo emerito di Benguela, 81 anni, già missionario in Argentina e in Angola, completa la lista dei nuovi  Cardinali.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Scoperto un pianeta abitabile simile alla Terra: nel team di ricerca due astrofisici italiani

Scoperto un pianeta abitabile simile alla Terra: nel team di ricerca due astrofisici italiani

Il Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA ha scoperto il suo primo pianeta extrasolare di dimensioni terrestri nella cosiddetta zona...
Tre famiglie italiane su 4 abitano in un casa di proprietà

Tre famiglie italiane su 4 abitano in un casa di proprietà

Il 75,2% delle famiglie italiane, tre su quattro, risiede in una casa di proprietà. Nel 2016 la superficie media di un’abitazione è pari a 117 m2 e...
Nel Tricolore il legame tra gli italiani nel mondo, racchiude i sentimenti di unità e coesione, rappresenta i nostri valori e l’identità nazionale

Nel Tricolore il legame tra gli italiani nel mondo: racchiude i sentimenti di unità e coesione, rappresenta l’identità nazionale

Il Tricolore “racchiude i sentimenti di unità e di coesione, rappresenta i nostri valori e l’identità nazionale e costituisce ideale legame tra le...
Papa Francesco firma la Lettera Apostolica a Greccio dove con San Francesco nacque il primo presepe della storia

Papa Francesco firma la Lettera Apostolica a Greccio dove con San Francesco nacque il primo presepe della storia

Nel 1223 a Greccio, dopo un viaggio in Palestina, San Francesco ricostruì con persone e animali le scene della Natività, realizzando la prima...
I frati di Assisi consegnano la Lampada della pace al capo dello Stato: ‘E' un riconoscimento all'Italia che la promuove'

I frati di Assisi consegnano la Lampada della pace al capo dello Stato: ‘E' un riconoscimento all'Italia che la promuove'

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto in dono dai Frati del Sacro Convento di Assisi la “Lampada della pace di San Francesco...

Weekly in Italian

Recent Issues