Un nuovo museo a Firenze, tutto incentrato sulla famiglia dei Medici

Un nuovo museo a Firenze, tutto incentrato sulla famiglia dei Medici

Affresco nel Palazzo Sforza Almeni (Ph. Fabrizio del Bimbo)

Ad appena venticinque anni Samuele Lastrucci, maestro di musica, direttore d'orchestra e appassionato di musica barocca, ha aperto un museo a Firenze, nella prestigiosa sede del Palazzo di Sforza Almeni in via dei Servi: è il Museo dei Medici.

“I Medici sono per me da sempre una grande passione e da qualche anno sono diventati anche oggetto di studio e lavoro – dice - . Da quando ho iniziato a dedicarmi seriamente alla musica antica e barocca ho trovato nel mecenatismo mediceo una risorsa inesauribile di materiale e suggestioni. Due anni fa - in tempi non sospetti - ho fondato il mio ensemble intitolandolo al Gran Principe Ferdinando, figlio di Cosimo III, eccellente musicista e straordinario patrono di compositori come Perti, Händel e Scarlatti. Questa esperienza mi ha portato lontano, ho conosciuto studiosi e collezionisti, ho avuto l'opportunità di eseguire ed incidere inediti legati alla dinastia e lo scorso anno - mosso dal desiderio di poter finalmente condividere il mio entusiasmo - ho accettato di tenere un corso intitolato "La Musica alla Corte Medicea".

“Oggi - aggiunge - nell'anno del doppio cinquecentenario di Cosimo I e Caterina -, grazie ad una rete di prestigiose partnership istituzionali e imprenditoriali, possiamo finalmente presentare il nostro progetto al pubblico: un primo passo verso una miglior divulgazione della storia di questa straordinaria famiglia che in tre secoli ha trasformato Firenze e il mondo”.

Il nuovo museo ha sede in centro a Firenze nel palazzo che fu di Sforza Almeni, cameriere segreto di Cosimo I dal quale lo ricevette in dono come testimonia lo stemma Medici-Toledo tutt'oggi affisso sullo sprone tra via dei Servi e via del Castellaccio. Per raccontare la storia plurisecolare del casato le sale sono state divise per tematiche quali il mecenatismo artistico, quello scientifico, la storia del granducato, il costume, la viticoltura etc.. Tra i pezzi più interessanti la riproduzione di un tasto del primo fortepiano  che fu creato proprio a Firenze.

“Il museo si rivolge ad un pubblico vastissimo, tutti i visitatori di Firenze dovrebbero infatti conoscere la famiglia dei Medici- conclude -: di loro sono le sterminate raccolte artistiche che costellano i più famosi musei della città, così come le biblioteche storiche, statue e palazzi”.

Il museo è  aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00.

Un nuovo museo a Firenze, tutto incentrato sulla famiglia dei Medici

Banchetto per le nozze di Maria dei Medici con Enrico IV di Francia. Le sculture su modello del Giambologna erano realizzate in zucchero (Ph. Del Bimbo)

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Pompei gioiello unico: riaprono la Casa del Frutteto, della Nave Europa e dopo 40 anni la Domus degli Amanti

Pompei gioiello unico: riaprono la Casa del Frutteto, della Nave Europa e dopo 40 anni la Domus degli Amanti

La rinascita di Pompei continua. Lo dice con orgoglio il ministro della cultura Dario Franceschini illustrando la fine dei lavori di messa in...
Cataldi e Biondi alla Galleria Nazionale di Roma

Cataldi e Biondi alla Galleria Nazionale di Roma

Quante peripezie per anni hanno afflitto la grandiosa scultura dei ‘Saturnali’ di Ernesto Biondi collocata, sin dagli inizi del 1900, nel chiostro di...
Da Cambiaso a Magnasco: il fascino degli sguardi nella ritrattistica genovese

Da Cambiaso a Magnasco: il fascino degli sguardi nella ritrattistica genovese

Sarà aperta fino al 28 giugno al Palazzo della Meridiana a Genova un'eccezionale mostra dedicata alla ritrattistica genovese dalla metà del...
Modigliani e la sua pittura rivoluzionaria: 100 anni fa scompariva uno dei più influenti interpreti del secolo scorso

Modigliani e la sua pittura rivoluzionaria: 100 anni fa scompariva uno dei più influenti interpreti del secolo scorso

Amedeo Modigliani è stato uno degli artisti più importanti ed influenti del ‘900. Morì cento anni fa in miseria e disperazione nell’ospedale dei...
La divisa di lavoro in 600 scatti: a Bologna 44 fotografi

La divisa di lavoro in 600 scatti: a Bologna 44 fotografi

La Fondazione Mast presenta a Bologna Uniform into the work/out of the work, il nuovo progetto espositivo curato da Urs Stahel dedicato alle uniformi...

Weekly in Italian

Recent Issues