San Francisco-Assisi, the first 50 years as Sister Cities

San Francisco and Assisi honor their first 50 years as Sister Cities

The San Francisco delegation meets the President of Umbria Region and the Prefetto (Agenzia UmbriaNotizie)

Fifty years have gone by since Mayor Joseph Alioto got a call from the Consiglio Comunale di Assisi announcing that the proposal to make San Francisco and Assisi Sister Cities had been approved. That decision marked a crucial moment in the history of the two towns: Assisi, the Città della Pace, (as locals always underline) is in fact Sister City with all places on Earth. However, an exception for San Francisco and Jerusalem has been made, giving both cities an exclusive status as well as a special pride.

The history of the San Francisco-Assisi relationship, which became indeed official through the constitution of the San Francisco Sister City Committee, was marked by different moments, yet the message has never changed: while the uniqueness of Assisi is undoubted, the Spanish explorers’ mission, that occurred in the 18th century in California, was named after Saint Francis of Assisi, the founder of the Franciscan Order, and still reminds the way people in Assisi spend their life, upon Francesco’s words. Half a century later, the connection was honored by an official delegation’s visit led by Angela Alioto, Joe’s daughter, and Supervisor Catherine Stefani, representing San Francisco’s Mayor London Breed, as well as some members of the Sister Cities Committee. They visited Assisi and Perugia and attended events and meetings with the idea of strengthening the already tight relationship and with the purpose of running more new initiatives.

The three day program started on July 9th, when the committee gathered for traditional Italian coffee and cappuccino in the cozy, sunny Piazza del Municipio. That was right before the Cantori di Assisi welcomed the group and played the “Coprifuoco” music at the entrance of the Palazzo Comunale, already set up for the opening remarks. Mayor of Assisi, Stefania Proietti, greeted the delegation and reminded how her interest in the program had begun even before she got elected as Mayor. It was 2016 when she met with former San Francisco Mayor, Ed Lee, who was eager on moving the Sister Cities’ Program forward. Historical images of the collaboration played during the gifts exchange, bringing back memories of former Mayor Alioto on the phone during the Sister Cities’ announcement; the visit of Mr William Armanino and his wife in Assisi; and the stay of the Italian delegation in San Francisco last September. Mrs Angela Alioto on her hand couldn’t hold back all emotions every time her father’s name was mentioned and she expressed her gratitude towards the people who have been working hard to make the program a reality. One of the things that most make her proud is the Porziuncola, whose scaled replica was built in San Francisco thanks to the local Committee, to recall the connection with the religious centre for the Order of the "Frati Minori" (Minor Friars) in Assisi.

The first day kept going with a visit to the Basilica di San Francesco, where friars hosted a lunch in their Refrettorio Sacro Convento, followed by time spent at the Porziuncola, inside the large Basilica of Santa Maria degli Angeli. A Gala dinner, with traditional Umbrian food and wine, while listening to medieval music and songs, was the successful completion of a day full ofhistory and memories. Mrs Alioto well served the voice of the connection with the past, whereas Supervisor Stefani was determined to take the partnership beyond the historical agreements: «It is incredibly special to be in Italy, where my family is from, to celebrate a half-century of friendship with Assisi, the birthplace of our namesake, San Francisco. I am looking forward to continuing to strengthen the relationship between our two cities».

The kick off on day two included meetings between the delegation and local stakeholders: the room welcomed Mayors from nearby towns, as well as local business and cultural organizations, all addressing the need of making the San Francisco-Assisi network beneficial to the rest of the territory and to ensure that economic and social opportunities are created for and from both sides. In fact, although the main attraction for tourists in Umbria is the town where St Francis’ legacy unfolds, a common effort is necessary to promote other areas, whose history, culture, and traditions are surely worth a visit during a stay in the region.
In the last few years, Umbria has been building up the so-called “slow tourism”, however, more and more visitors nowadays choose to spend just enough time in the same place, in order to quickly fill their travel bucket list. Only by offering new travel experiences, possibly off the beaten path, and by moving the spotlight on less known towns, tourists will be able to fulfil, live, and enjoy the slow travel concept. This is also the message that Giulio Proietti Bocchini, Head of Tourism Office of Assisi working on projects for the United Nations and UNESCO, highlighted: «We planned the three day events after our Mayor and representatives visited San Francisco in September 2018, in order to strengthen the collaboration with our American stakeholders. The Umbria Region Government supported the initiative and we work together to create exchange opportunities and to launch a Sister Cities committee in Assisi itself. The Committee will help reinforce the international relations and foster a common ground for future collaborations.» Assisi represents the main gate to Umbria, yet tourists want to spend time in the rest of the region too. «The number of American tourists in Assisi has reached 5-6 millions visitors per year,» Mr Proietti continued «on the other hand, the “turismo mordi e fuggi” - the quick getaway - is now trending, going against the spirit of our promotional campaigns on slow tourism. Alongside excellent food and wine, we try to highlight the beauty of our cultural and historical sites and to promote thrilling events like the Umbria Jazz Festival.»

Third and last day was dedicated to some more official meetings, with Mr Fabio Paparelli, Governor of the region, and Mr Claudio Sgaraglia, Prefetto of Perugia, supporting the initiatives launched by the Sister Cities Committee and Assisi. A stroll around the stunning city of Perugia, discovering its Etruscan historical sites and churches, was followed by a stopover at the Trasimeno Lake, a peaceful oasis whose landscape reflects the typical features of the territory, green hills covered with olive groves. As emphasized in the Umbria Tourism website (www.umbriatourism.it), you can horse riding, hike or bike along trails, while the lake offers swimming, sailing, and kayaking experiences. For those who love wine, plenty of tasting experiences can be also found at local vineyards.

Before the delegation said goodbye to local representatives who warmly welcomed and assisted them during their stay, the Umbria Jazz Festival, one of the most famous jazz events in the world, got under way in Perugia. The opening night featured a band from San Francisco, Con Brio, bringing the California’s vibe to the heart of Umbria. Once all meetings are over and it’s time to go back to daily commitments, what will the future bring? Mayor Proietti believes the collaboration will be crucial for the future Sister Cities Program: «We will create a committee in Assisi that involves near towns as well as cultural and business organizations that represent our territory as a whole. We foresee the local committee fully invested in the project, because it will represent our voice when working with American stakeholders and will exchange ideas from different industries and about a variety of themes, for instance tech, innovation, tourism, food, and much more».

On the same note the Italian Consul General in San Francisco, Lorenzo Ortona, who virtually joined the group via video-call: «This moment represents an important milestone as it strengthens a historic relationship and puts new foundations for travel and economic opportunities between the two realities. The Consulate General also contributed to helping the exchange of best practices between entrepreneurs of both sides, especially for the travel and food industries and for small businesses. We are now getting ready to host Umbrian cultural events in San Francisco between 2019 and 2020 in order to continue celebrating this fantastic
friendship.»

 

Sono passati cinquant'anni da quando il sindaco Joseph Alioto ricevette una chiamata dal Consiglio Comunale di Assisi che annunciava che la proposta di gemellare San Francisco e Assisi era stata approvata. Quella decisione ha segnato un momento cruciale nella storia delle due città: Assisi, la Città della Pace (come sottolinea sempre la gente del posto) è in realtà gemellata con tutti i luoghi della Terra. Tuttavia, è stata fatta un'eccezione per San Francisco e Gerusalemme, dando ad entrambe le città uno status esclusivo e un orgoglio speciale. La storia del legame San Francisco-Assisi, che si è ufficializzato con la costituzione del San Francisco Sister City Committee, è stata segnata da momenti diversi, ma il messaggio non è mai cambiato: se l'unicità di Assisi è indubbia, la missione degli esploratori spagnoli, avvenuta nel XVIII secolo in California, è stata intitolata a San Francesco d'Assisi, fondatore dell'Ordine Francescano, e ricorda ancora oggi il modo in cui la gente di Assisi trascorre la propria vita,secondo le parole di Francesco. Mezzo secolo dopo, il legame è stato omaggiato con la visita di una delegazione ufficiale guidata da Angela Alioto, figlia di Joe, e dal supervisore Catherine Stefani, in rappresentanza del sindaco di San Francisco, London Breed, nonché di alcuni membri del Comitato delle città gemellate. Hanno visitato Assisi e Perugia e hanno partecipato ad eventi e incontri con l'idea di rafforzare il già stretto rapporto e con l'obiettivo di portare avanti nuove iniziative. Il programma di tre giorni è iniziato il 9 luglio, quando il comitato si è riunito per il tradizionale caffè e cappuccino italiano nell'accogliente e soleggiata Piazza del Municipio proprio prima che i Cantori di Assisi accogliessero il gruppo e suonassero la musica"Coprifuoco" all'ingresso del Palazzo Comunale, già allestito per il discorso di apertura. Il sindaco di Assisi, Stefania Proietti, ha salutato la delegazione e ha ricordato come il suo interesse per il programma sia iniziato anche prima di essere eletta sindaco. Nel 2016 ha incontrato l'ex sindaco di San Francisco, Ed Lee, che era impaziente di portare avanti il programma delle città gemellate. Immagini storiche della collaborazione durante lo scambio di doni, hanno riportato alla memoria l'ex sindaco Alioto al telefono durante l'annuncio delle città gemellate, la visita di William Armanino e di sua moglie ad Assisi e il soggiorno della delegazione italiana a San Francisco lo scorso settembre. Angela Alioto non sempre è riuscita a trattenere l’emozione quando è stato menzionato il nome del padre e ha espresso gratitudine verso le persone che hanno lavorato duramente per rendere il programma una realtà. Una delle cose che la rendono più orgogliosa è la Porziuncola, la cui replica in scala è stata costruita a San Francisco grazie al Comitato locale, per ricordare il legame con il centro religioso dell'Ordine dei Frati Minori di Assisi. Il primo giorno è proseguito con la visita alla Basilica di San Francesco, dove i frati hanno ospitato un pranzo nel loro Refettorio Sacro Convento,seguito da una sosta alla Porziuncola, all'interno della grande Basilica di Santa Maria degli Angeli. Una cena di gala, con piatti e vini della tradizione enogastronomica umbra, ascoltando musica e canti medievali, è stata il coronamento di una giornata ricca di storia e ricordi. Se la signora Alioto ha ben mostrato il legame con il passato, il supervisore Stefani si è detto determinato nel portare avanti la partnership oltre gli accordi storici: "E’ incredibilmente speciale essere in Italia, da dove viene la mia famiglia, per celebrare mezzo secolo di amicizia con Assisi, la culla della nostra omonima San Francisco. Non vedo l'ora di continuare a rafforzare il rapporto tra le nostre due città". La seconda giornata ha avuto inizio con incontri tra la delegazione e gli stakeholder locali: la sala ha accolto i sindaci delle città vicine, ma anche organizzazioni imprenditoriali e culturali locali, che hanno tutti risposto all'esigenza di rendere la rete San Francisco-Assisi vantaggiosa per il resto del territorio e di garantire la creazione di opportunità economiche e sociali per entrambe le parti. Infatti, sebbene l'attrattiva principale per i turisti umbri sia la città dove si ha sede l'eredità di San Francesco, è necessario uno sforzo comune per promuovere altre aree, la cui storia, cultura e tradizioni meritano sicuramente una visita durante un soggiorno nella regione. Negli ultimi anni, l'Umbria ha costruito il cosiddetto "turismo lento", ma oggi sempre più visitatori scelgono di trascorrere solo il tempo necessario nello stesso luogo, per riempire velocemente la loro lista di viaggio. Solo offrendo nuove esperienze di viaggio, possibilmente fuori dai sentieri battuti, e spostando i riflettori su città meno conosciute, i turisti saranno in grado di soddisfare, vivere e godere del concetto di viaggio lento. Questo è anche il messaggio che Giulio Proietti Bocchini, responsabile dell'Ufficio Turismo di Assisi, impegnato in progetti per le Nazioni Unite e l'UNESCO, ha sottolineato: "Abbiamo pianificato i tre giorni successivi alla visita del nostro sindaco e dei nostri rappresentanti a San Francisco nel settembre 2018, al fine di rafforzare la collaborazione con i nostr istakeholder americani. Il Governo della Regione Umbria ha sostenuto l'iniziativa e noi lavoriamo insieme per creare opportunità di scambio e per lanciare un Comitato delle Città gemellate ad Assisi. Il Comitato contribuirà a rafforzare le relazioni internazionali e a promuovere un terreno comune per le future collaborazioni". Assisi rappresenta la principale porta d’ingresso all'Umbria, considerato che i turisti vogliono poi trascorrere del tempo anche nel resto della regione. "Il numero di turisti americani ad Assisi ha raggiunto i 5-6 milioni di visitatori all'anno", ha proseguito Proietti, "ma il turismo mordi e fuggi va ora di moda e sta andando contro lo spirito delle nostre campagne promozionali sul turismo slow. Accanto alle eccellenze enogastronomiche, cerchiamo di valorizzare le bellezze dei nostri siti storici e culturali e di promuovere eventi entusiasmanti come l'Umbria Jazz Festival". La terza e ultima giornata è stata dedicata ad alcuni incontri ufficiali, con Fabio Paparelli, Governatore della regione, e Claudio Sgaraglia, Prefetto di Perugia, a sostegno delle iniziative promosse dal Sister Cities Committee (Comitato delle Città Gemellate) e da Assisi. Dopo una passeggiata nella splendida città di Perugia, alla scoperta dei suoi siti storici delle sue chiese, ha fatto seguito una sosta al Lago Trasimeno, un'oasi di pace il cui paesaggio rispecchia le caratteristiche tipiche del territorio: colline verdi ricoperte di uliveti. Come sottolineato nel sito Umbria Tourism (umbriatourism.it), è possibile fare passeggiate a cavallo, a piedi o in bicicletta lungo i sentieri, mentre il lago offre esperienze di nuoto,vela e kayak. Per gli amanti del vino, numerose sono anche le esperienze di degustazione presso i vigneti locali. Prima che la delegazione si congedasse dai rappresentanti locali che li hanno calorosamente accolti e assistiti durante il loro soggiorno, è iniziato a Perugia l'Umbria Jazz Festival, uno degli eventi jazz più famosi al mondo. La serata di apertura ha visto una band di San Francisco, Con Brio, portare l'atmosfera californiana nel cuore dell'Umbria. Una volta conclusi tutti gli incontri, è arrivato il momento di tornare agli impegni quotidiani: ma cosa porterà il futuro? Il sindaco Proietti ritiene che la collaborazione sarà fondamentale per il futuro Programma Città Gemellate: "Creeremo ad Assisi un comitato che coinvolga le città vicine e le organizzazioni culturali e imprenditoriali che rappresentano il nostro territorio nel suo complesso. Prevediamo che il comitato locale sarà pienamente coinvolto nel progetto, perché rappresenterà la nostra voce quando lavoreremo con gli stakeholder americani, e scambieremo idee su diversi settori e su una varietà di temi: per esempio tecnologia, innovazione, turismo, cibo e molto altro ancora". Sulla stessa linea, il Console Generale d'Italia a San Francisco, Lorenzo Ortona, che si è virtualmente unito al gruppo tramite videochiamata: "Questo momento rappresenta un’importante pietra miliare in quanto rafforza un rapporto storico e pone nuove basi per i viaggi e le opportunità economiche tra le due realtà. Il Consolato Generale ha inoltre contribuito a favorire lo scambio di buone pratiche tra gli imprenditori di entrambe le parti, in particolare per l'industria dei viaggi e quella alimentare, e per le piccole imprese. Ci stiamo preparando ad ospitare eventi culturali umbri a San Francisco tra il 2019 e il 2020 per continuare a celebrare questa fantastica amicizia".

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Italian men’s suits – why are they so special?

A debate on whether a man in a suit generates appeal might last a minute or two. The same debate on a man in an Italian suit would be over before I...

A Renaissance tradition becomes popular again: Florence and its buchette del vino

Florence’s streets are filled with secrets and curiosities: some of them are known to those into history and local legends, others are so obscure...

Italy’s lighthouses – new lights for old treasures

There seems to be a shared fascination with lighthouses the world over. These austere pillars of hope and guidance, most often planted on precarious...

The neglected gem of Italy’s heel: Bari

Puglia needs no special introduction. Its sea, the baroque grandeur of Lecce, its olive oil and fresh cheeses: all in the region of Italy’s “heel”...

Which side are you on? The many rivalries of Italy

The very fact you’re reading this article right now means you are or feel connected in some way to Italy and that you, very likely, love this amazing...

Weekly in Italian

Recent Issues