Carretti Siciliani: the young faces of an ancient tradition

I think that speaking with an artist is always, always an honor. And for this reason, I was truly delighted and — I  must admit — quite excited, by the idea of interviewing Flavia Pittalà, one  third of DADAme Artisti Decoratori di Carretti Siciliani,  a trio of young Sicilian, classically trained artists who decided to make of carretti decoration their life.  Carretti  Siciliani have  the sun and life of Sicily within. Their colors are those of the island’s landscapes, waters, sky and  mountains. There is the fire of Etna’s lava and the gold of wheat fields. Their images tell stories of Faith and miracles, of ancient heroes and their courageous deeds, of the  real essence of Sicily’s heritage and culture. Their use, their being such a humble means of transport at the heart, for  centuries, of the farming-based economy of the island, tell us about the hardship, the work, the  beauty of a place and of its people. They tell us of ties with the land, with their roots, with work. 

Pittalà and the Forte brothers in their atelier, among some of their works @ DADAme Artisti Decoratori di Carretti Siciliani

You see, the soul of Sicily is held within a carretto, a soul  that is  ancient and  divine, colorful and nostalgic, but also powerful, fiery, proud: a  carretto is the royal portrait of Sicilia, one we  are able to see  thanks to the blessed hand of  artists who can see the transparent and turn it into colors. Because souls are crystal, they are diaphanous and  only the eye and the hand of an artist can give  it shape. The guys at  DADAme are special because of this, but also for another reason: they are devoted to  their land, to their heritage, to their world, to the point they decided to make  of the old art of carretti Siciliani decoration a job. 

@ DADAme Artisti Decoratori di Carretti Siciliani

It’s certainly not a simple task, mind, as  steeped as it is  in a  past that crass modernity often considers  useless, dated, unfit to become  a “trend.” But art and  love are  not a  matter of fashion and popularity, they are  a matter — again — of soul, and Flavia (who answered our questions) Alessandro and Gabriele have understood it well. L’Italo-Americano is delighted to bring to its readers the words and  beautiful creations of these three young, talented, precious Italians whose work is more than  beautiful: it is mirror of Italy’s heritage and tradition. So sit back, relax and read about the amazing, colorful soul of Sicily. 

@ DADAme Artisti Decoratori di Carretti Siciliani

What led you to this traditional Sicilian art form, beautiful but at the same time little known outside of Italy and why did you decide to open your own atelier?

As it often happens in life, it was by chance. After meeting, five years ago, my husband Alessandro and I immediately started working together. He used to work with his  brother Gabriele, himself an artist, and that’s how our team was born. We shared incredible experiences: we collaborated with Dolce&Gabbana and promoted safety gear company Dike; we got interviewed by RAI and participated to exhibitions along with art critic Vittorio Sgarbi; we gave portraits to Gianni Morandi, Beppe Grillo, MP Ignazio La Russa and Nello Musumeci, among others. We were only 27 when we met, but  some of the  paintings we created in those early years are now in many churches of the Catania province and we did have many an exhibition, both in Italy (in Milan) and abroad (Lisbona). 

My husband, Alessandro Forte, made his first carretto when he was 17. It was a private commission and many people asked him about making more, but  nothing concrete really happened. In September 2014, in occasion of an exhibition of his paintings, the owner of the exhibit’s location spoke to  Alfio Pulvirenti, a master carratore (maker of carretti), about Alessandro’s work. Pulvirenti  decided to come and visit the exhibition. Mr. Pulvirenti, had already heard of an artist called Alessandro Forte, because of that first carretto Alessandro had made years  before. Yet, he did not imagine the two Fortes were, in  fact, the same person. From that very day, Mr. Pulvirenti invested in us and helped us get our  first commission. It was a Catanese-style carretto and we only had to decorate  it and then varnish it. 

Today, we can work on more than ten carretti at once in our atelier and, in the last five years, we have delivered more than 50. We work on commission and the waiting list has been gradually increasing over time. 

@ DADAme Artisti Decoratori di Carretti Siciliani

You are all formally trained artists. But who did you  have learn  the  art of carretti decoration from?

Our team consists of three people: the Forte brothers (Alessandro and Gabriele) and I, Flavia Pittalà. All three of us attended the Emilio Greco Art School in Catania and I also graduated from the Academy of Fine Arts, always in Catania. Our training is purely academic, we mainly painted on canvas, then my husband and my brother-in-law deepened their pictorial knowledge focusing on life painting. We learned about Sicilian decorations by ourselves, so it was fundamental to study and deepen our understanding of the works of traditional masters.  Every cart that comes out of our shop is highly personalized by the artistic tendencies of the Forte Brothers (there is, for instance, a strong  religious inspiration behind their work). While we strive to keep a tie with traditional methods and themes, we have been trying to improve style in our own way especially when it  comes to figures’ proportions and the details of each decoration. 

A typical subject of carretti Siciliani’s decorations is the Charlemagne literary cycle and the adventures of Medieval French knights @ DADAme Artisti Decoratori di Carretti Siciliani

What is the link between Sicily and the carretto?

The history of the carretto is very old and long. It started as a  means of transportation, and only later it began to be use for leisure,  after  having been cleaned, polished and  fitted with seats. 

Whoever owned a carretto was considered wealthy, because there wasn’t only the price of the cart in itself to think about, but also that of maintaining and feeding the donkey that pulled it. The more the   carretto was  decorated,  the richer the family. After the coming of the Americans during World War Two and the rise in popularity of cars, carretti became fully artistic objects. 

@ DADAme Artisti Decoratori di Carretti Siciliani

Carretti  are decorated and made following different styles,  each tied to a specific Sicilian town:  which differences are there, and why did they develop in different ways?

Every carretto fully mirrors the area it represents. For instance, Palermo’s carretti’ s sides are larger than those of Catania’s carretti,  which have a characteristic 45° cut. The color  of a Palermo’s carretto is orangey yellow, a clear reminder of the typical colors of nature in that area. In Catania, carretti  are red, just like  the lava of Mount Etna. 

@ DADAme Artisti Decoratori di Carretti Siciliani

Who commissions carretti today?

All our carretti are made on order and our customers, i carrettieri,  are often amateurs who  inherited their carretto from their parents and  now use them during special folkloristic occasions or festivities. Some of them want them restored to sell them. 

In Sicily, you’ll find  parades where carretti and the horses pulling them are richly adorned and move to the rhythm of drums and fischialetti, traditional Sicilian musical instruments. 

 here, images inspired by Greek literature aree delicately createed @ DADAme Artisti Decoratori di Carretti Siciliani

The details of DADAme’s paintings is breathtaking: here, images inspired by Greek literature aree delicately createed @ DADAme Artisti Decoratori di Carretti Siciliani

Do you have any international customers, maybe someone from the US?

Our clients come from everywhere in Italy and we have recently collaborated  with Dike and with Dolce&Gabbana, with whom we worked on the creation of 5 artistic fridges. One of them has  been sold in the US!

References to Sicily (its symbol at the bottom) and to religious figures (Saint John Paul II and Pope Francis are recognizable here) single out this beautiful cart decorated by Flavia Pittalà, her husband Alessandro Forte and his brother Gabriele @ DADAme Artisti Decoratori di Carretti Siciliani

Last, but not least: is there  any curious or special anecdote about your work you’d like  to tell us? 

In the past 5 years, we  have created carretti in different styles, sizes and stories. We decorated them in blue and green, with depictions of Jesus’ miracles, French Medieval Knights (another popular theme for the decoration of carretti), Ulysses’ voyages.  Yet, the  most special are those where our  clients give us full artistic freedom. In the past 12 months, we  created a  carretto depicting the  Bronte Massacre, which  was carried out by Garibaldi in 1860, a piece of Italian and  local history that not many people know, but  that truly happened.

And  we are proud of many of our creations. We always strive to  reach the  best results, and we always work with dedication and passion. Carretti Siciliani are not only part of our regional heritage, they are our job: we are proud and happy about many things we’ve done in the past years, including having the opportunity to share  our story  with  you. But we don’t want to abandon our roots, so we keep on working on religious paintings and portraits every time we  have a  spare moment. We think it is important  the world rediscover its traditions, that people begin to truly value them, lest they get irremediably lost and  that artists can work and  make a living with their  creations. If only  our politicians invested more on arts and  on us classical artists and not only  on those who follow modern trends … 

If you want to check  out Flavia, Alessandro and Gabriele’s work, or contact them, you can do so on their Facebook page  (DADAme-artisti e decoratori di carretti Siciliani),  or on their website, www.carrettisiciliani.net

Parlare con un artista è sempre, sempre un onore. Per questa ragione, per me è stato un piacere ed una grande emozione poter parlare con Flavia Pittalà, membro di DADAme Artisti Decoratori di Carretti Siciliani, un trio di giovani artisti siciliani che si sono formati nella tradizione e che hanno deciso di fare della decorazione dei carretti il loro lavoro.  

I Carretti Siciliani portano il sole e la vita della Sicilia. I loro colori sono quelli dei panorami dell’isola, delle sue acque, del cielo e delle montagne. Ci sono il fuoco della lava dell’Etna e l’oro dei campi di grano. Le loro decorazioni raccontano di fede e miracoli, dei paladini e delle loro gesta, della vera essenza della cultura e delle tradizioni siciliane. Il loro utilizzo, le loro umili origini come mezzo di trasporto che per secoli ha caratterizzato l’economia agricola della regione, parlano della fatica, del lavoro e della bellezza di questo luogo e della sua gente. Parlano di legami forti con la terra e di radici.  

Vedete, i carretti hanno dentro l’anima della Sicilia. Un’anima che è antica e divina, colorata e nostalgica, ma anche potente, focosa, orgogliosa. Un carretto è il ritratto di corte della Sicilia, un ritratto che siamo in grado di  ammirare  grazie alla mano degli artisti, che riescono a discernere il trasparente e a trasformarlo in colore. Perché le anime sono cristallo, sono diafane e solo l’occhio e la mano dell’artista possono dare loro forma. I ragazzi di DADAme sono speciali per questo, ma non solo. Sono fedeli alla loro terra, alle tradizioni, al loro mondo al punto da aver deciso di fare della vecchia arte della decorazione dei Carretti Siciliani un lavoro.  

Certamente, non è un compito facile, immerso com’è in un passato che la modernità più volgare considera inutile, datato, inadatto ad essere “alla moda”. Ma l’arte e l’amore non sono una questione di trend e popolarità, sono una questione — ripeto — di anima e Flavia (che ha risposto alle nostre domande), Alessandro e Gabriele lo hanno capito bene. L’Italo-Americano è davvero felice di portare ai suoi lettori le parole e le bellissime creazioni di questi tre giovani artisti italiani, dotati e preziosi, il cui lavoro va oltre il bello, perché è uno specchio della storia e della tradizione italiana. Sedetevi tranquilli e godetevi questa meravigliosa, colorata, storia di Sicilia.  

Che cosa vi ha spinti ad abbracciare questa forma artistica tradizionale della vostra bellissima regione, ma poco conosciuta in altre parti del mondo, e ad aprire il vostro laboratorio? 

Come tutte le cose della vita, le cose accadono per caso.  

Una volta conosciuto mio marito, cinque anni fa, fin da subito abbiamo iniziato a lavorare insieme. Mio marito Alessandro lavorava con suo fratello Gabriele, anche lui artista, e da qui si è formato il nostro team. Insieme abbiamo condiviso esperienze uniche come collaborare con Dolce&Gabbana, siamo stati promoter della ditta antifortunistica Dike, siamo stati intervistati dalla Rai, abbiamo allestito mostre con il critico d’arte Vittorio Sgarbi, consegnato ritratti al cantante Gianni Morandi, al comico e politico Beppe Grillo, all’onorevole Ignazio La Russa, al politico Nello Musumeci, ecc… inoltre, nonostante la giovane età, 27 anni all'epoca in cui ci siamo conosciuti, annoveriamo innumerevoli quadri inseriti in diverse chiese del territorio catanese oltre a mostre a Lisbona, Milano, ecc.  

Mio marito Alessandro Forte aveva realizzato il suo primo Carretto Siciliano all'età di 17 anni per una committenza privata. Già in quel periodo, diverse persone avevano chiesto di lui per farne altri però non c'era stata mai l'opportunità. A settembre del 2014, durante una mostra di suoi lavori, il proprietario del palazzo che ospitava l’esibizione parlò di questi quadri molto belli al maestro carratore Alfio Pulvirenti, che decise di visitare la mostra. Pulvirenti aveva già sentito parlare dell’artista Forte per via di quel carretto realizzato molti anni prima, ma non immaginava che fosse la stessa persona della mostra. Da quel giorno Pulvirenti investì su di noi e ci fece avere la nostra prima committenza. Era un carretto in stile catanese e dovevamo solo dipingere le scene e poi verniciarlo. Da quel giorno, da quel singolo carretto, siamo arrivati a ospitarne più di 10 alla volta e negli ultimi cinque anni ne abbiamo consegnati più di 50. Lavoriamo su commissione e la lista di attesa è andata man mano aumentando con gli anni.  

Tutti voi avete un background artistico formale ma, per quel che riguarda la decorazione dei Carretti Siciliani, da chi avete imparato? 

Il nostro team è formato da tre persone; siamo i Fratelli Forte (Alessandro e Gabriele) ed io Flavia Pittalà. Tutti e tre abbiamo frequentato il Liceo Artistico "Emilio Greco" di Catania. Io mi sono anche laureata all'Accademia delle Belle Arti di Catania. La nostra formazione è puramente accademica. Realizzavamo prevalentemente quadri, poi mio marito e mio cognato hanno approfondito le conoscenze pittoriche realizzando opere dal vero, con luce solare e modelli in posa sino alla rifinitura dell'opera stessa. Le decorazioni siciliane le abbiamo studiate da autodidatti e qui è stato fondamentale lo studio e l'approfondimento dei carretti realizzati dai maestri decoratori del passato. Ogni carretto che esce dalla nostra bottega è fortemente personalizzato dalle tendenze artistiche dei Fratelli Forte (in particolar modo, forte è l'ispirazione religiosa e classica che ritroviamo sovente nelle loro raffigurazioni), anche se facciamo in modo da mantenere viva la storia del Carretto Siciliano. Lo miglioriamo anche nelle proporzioni delle figure e rendendo le decorazioni più dettagliate possibili. 

Che cosa lega la Sicilia a questi oggetti così particolari, qual è la loro origine? 

La storia del Carretto è molto antica, parliamo sempre di un mezzo di trasporto lavorativo e secondariamente di svago, una volta ripulito e dotato di sedie o panche. Chi possedeva un carretto era considerato una persona nobile, importante per il tempo, perchè oltre il costo per poter realizzare il carretto, la famiglia doveva mantenere l'asinello che lo trainava. In base a quanto era decorato il carretto, si poteva capire anche quanto ricca fosse la famiglia. Dopo lo sbarco degli Americani in Sicilia durante la II guerra mondiale arrivarono anche le prime automobili e da allora il Carretto Siciliano è divento una vera e propria opera d'arte.  

Ci sono vari “stili” di carretto, ognuno legato ad una città siciliana: quali sono le differenze e c’è una ragione per la quale si sono sviluppati in modo diverso? 

Sì, ogni carretto rappresenta a pieno la sua zona. Ad esempio il Carretto Palermitano ha le sponde (la parte laterale del carretto) più grandi rispetto a quelle catanesi ed è caratterizzato da un taglio a 45°. Il colore di base dei Carretti Palermitani è giallo, quasi arancione, e ricorda il colore predominante dei paesaggi di quella zona mentre quello Catanese ha più un colore rosso che rappresenta la lava dell'Etna. Poi ci sono Carretti in stile Trapanese e molti altri.  

Chi ordina oggi un Carretto Siciliano? 

Tutti i nostri carretti sono realizzati su ordinazione e la nostra clientela, i carrettieri, sono amatori o hanno ricevuto in eredità dai genitori dei carretti e ora li usano per le feste, in occasione di ricorrenze, o li vendono. Tutt'ora in Sicilia vengono realizzate sfilate dove il carretto viene adornato insieme al cavallo e sfila per le città accompagnato dal suono di tamburelli e fischialetti.  

Avete clienti solo dall’Italia o anche dall’estero, magari dagli US? 

Abbiamo clienti che ci contattano da tutta l'Italia. Inoltre siamo stati promoter della ditta internazionale antinfortunistica Dike e abbiamo collaborato con Dolce&Gabbana realizzando cinque frigoriferi d'arte, uno dei quali al momento risulta essere in USA. 

Per finire avete una storia curiosa o particolare sul vostro lavoro, o su un particolare pezzo che avete creato, da condividere con noi?  

In questi cinque anni abbiamo realizzato carretti con diversi stili, dimensioni e storie. Abbiamo decorato carretti blu, verdi, con scene dei Miracoli di Gesù, dei Paladini di Francia, delle Storie di Ulisse, ma quelli più particolari sono quelli dove i nostri clienti ci lasciano liberi di creare. Nell'ultimo anno abbiamo consegnato un carretto con la storia del Massacro di Bronte avvenuto nel 1860 per mano di Garibaldi, una storia vera delle nostre terre poco conosciuta ma veramente accaduta. Sono tanti i carretti di cui andiamo molto fieri. 

Noi cerchiamo di dare sempre il massimo in tutto ciò che facciamo con passione e dedizione. Il Carretto Siciliano, oltre ad essere la nostra tradizione, è diventato il nostro lavoro e in questi anni abbiamo avuto molte soddisfazioni: essere intervistati da voi è una di queste! Però non abbandoniamo le nostre origini infatti continuiamo a realizziamo opere sacre e ritratti ogni qual volta se ne trova il tempo. Riteniamo importante che un po’ in tutto il mondo vengano riscoperte queste tradizioni perché valorizzandole non vanno perdute e pensiamo che gli artisti dovrebbero poter lavorare con le proprie creazioni. Sarebbe bello se i nostri politici investissero un po’ di più su noi artisti classici e non solo su quelli che hanno uno stile moderno. 

Abbiamo due canali attraverso cui si possono visionare i nostri lavori e sono su Facebook “DADAme - artisti decoratori di Carretti Siciliani” e il nostro sito www.carrettisiciliani.net. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Italian men’s suits – why are they so special?

A debate on whether a man in a suit generates appeal might last a minute or two. The same debate on a man in an Italian suit would be over before I...

A Renaissance tradition becomes popular again: Florence and its buchette del vino

Florence’s streets are filled with secrets and curiosities: some of them are known to those into history and local legends, others are so obscure...

Italy’s lighthouses – new lights for old treasures

There seems to be a shared fascination with lighthouses the world over. These austere pillars of hope and guidance, most often planted on precarious...

The neglected gem of Italy’s heel: Bari

Puglia needs no special introduction. Its sea, the baroque grandeur of Lecce, its olive oil and fresh cheeses: all in the region of Italy’s “heel”...

Which side are you on? The many rivalries of Italy

The very fact you’re reading this article right now means you are or feel connected in some way to Italy and that you, very likely, love this amazing...

Weekly in Italian

Recent Issues