Tradition gets “insta-famous:” the curious story of Barni

One of the shots part of the open air photo exhibition @ Giulia Caminada

We of L’Italo-Americano are great supporters of traditional knowledge and heritage, and it really couldn’t be any different. For Italian-Americans, maybe more than for European Italians, discovering and appreciating their origins and family history is not only a moment of cherished sharing with their elders, but often an essential step towards profoundly personal moments of discovery and self awareness. 

With her project, Caminada wants to keep alive Barni’s traditional world and, by connection, that of many Italian villages @ Giulia Caminada

Italians of Italy though - and I say this as one - often forget about the beauty of their heritage, especially when family history and tradition are nestled somewhere high on the mountains or hidden in the hills, somewhere small, where the days still follow the slow rhythms of agricultural patterns, and social life blossoms around the piazza and the weekly Sunday morning mass. The funny thing is that, when you think about it, the majority of us actually comes from places like that, because Italy is largely made of them: old fashioned villages, stone built hamlets almost stuck in a pleasant time warp where modernity hides within the walls of people’s homes, on the screens of plasma TVs and last generation laptops.

Giulia Caminada at work with the people of Barni@ Giulia Caminada

As beautiful as they may be, our country villages and alpine towns, our fishing or medieval hamlets have been paying the toll of decades-long depopulation, with younger generations leaving to find fortune in the city or even abroad. In times past, but not so long ago, the young left their villages almost with relief, finally able to experience the buzz and novelty of what  they saw as a more fashionable, exciting world. 

Today, these very villages are fighting an arduous battle against a slow and inexorable death, but the people left who still call them home are not giving up, and even the younger generations, those very same that a decade or so ago would have left in search of the trend and excitement of the city, have begun to discover the importance of their heritage. 

One of the shots part of the open air photo exhibition @ Giulia Caminada

Barni is one such places. Located on the high hills of the Vallassina, not far from the Lake of Como, its community has been working hard to save it from depopulation and oblivion because they believe, just as many other small communities around Italy, that their village is a wonderful place to live, rich in tradition and history. As many hamlets around the Belpaese,  Barni is something of a magical corner of the world. It is just like a large family, where you’re not simply you, but your father’s child and grandfather’s grandchild; here, it is the skills and the crafts you know and practice that make you who you are, not the clothes you wear or the type of smartphone you use: status symbols, in this type of Italy, are not what you would expect. 

And so, to make sure the rest of the world knew about their little corner of beauty,  last year the people of Barni joined the Invasioni Digitali project, an interesting initiative aimed at giving exposure to the many beautiful but little known boroughs and villages of Italy in the most contemporary of manners: through the use of social media. Invasioni Digitali means “digital invasions” and collects under its hashtag, #invasionidigitali, a myriad of beautiful snapshots made by  visitors and inhabitants of participating locations. The  initiative is still ongoing and there are plentiful of appointments for the late Spring and throughout the Summer, all with the same objective: gathering people in a place that needs exposure to enhance tourism, to attract attention or, quite simply, to get the pleasure to  see  it pictured and shown all over the internet: in the end, isn’t that the ultimate type  of fame, nowadays?

Giulia Caminada at work @ Giulia Caminada

Let’s go back to Barni, though, and to the end of April of last year when  it, too, had its own “digital invasion:” it was a success, in spite of the bad weather and not only because plenty of people took marvelous photos. It was a full-on storytelling experience, with Marco Fioroni, local man born and bred in Barni, to walk visitors around the alleys and streets of the village, telling stories of the past and of its people, of what Barni’s heritage and history are and still represent: what a beautiful, enchanting way to  learn about a place. On the  day, local entrepreneurs and restaurateurs had also  the opportunity to showcase the best of  their production,  bringing to new heights awareness of the amazing wine and  food culture of Barni and of the Como area. A win-win type of situation. 

But Barni, on that faithful day of twelve months ago, really wanted to show the best of itself, because its small, stony streets had been already turned into an amazing open air photo exhibition, just to keep on with the team of the day. Thanks to the initiative and creativity of Giulia Caminada, a local teacher with a clear eye for photography, poster size, black and white portraits of Barni’s inhabitants populated the village, each one of them busy doing what they knew best: some weaving, others making cheese or butter, others still holding old-fashioned  agricultural instruments that spoke of a long gone, yet still alive past.  In the eyes of these people, young and old, men and women, one could find the essence not only of the Invasioni Digitali project, but of the whole idea of “home,” as conceived in rural, traditional Italy: an essence that speaks of modernity built on the strong shoulders of tradition, of young generations learning from the old, just as it has always happened in life and history, but bringing in, this time around, a bit of knowledge  and know-how, too: that they acquired with studies, with travels, with technologies unavailable to their parents and grandparents. An essence that speaks of love, respects and simplicity, of a lifestyle that is fulfilling because it touches the strings of what should truly be important: happiness, family, serenity and, why not, fun, camaraderie and good food. 

One of the shots part of the open air photo exhibition @ Giulia Caminada

Fast forward to a week ago, when Barni made it on the Italian prime time news: a beautiful reportage introduced its people to the country, in a way possibly even more powerful than social media, television. Caminada’s portraits of her paesani still embellish the village’s streets and, this time around, viewers got a chance to hear the voices of those photographed: under the investigating eye of the videocamera, their voices betrayed a hint of shyness and embarrassment, their words marked by the secular inflection of their valley. They spoke of childhood memories that are intimately theirs, but also mirror those of millions of Italians, included the one writing these words for you today; they smiled proud of their heritage, they showed their will to  keep it alive, always. 

The see the future “invasioni digitali”  planned for the next months, you can check out the project’s website, at www.invasionidigitali.it. You’ll find them  on Twitter @InvasioniDigitali and on Instagram @invasionidigitali. 

Noi de L'Italo-Americano siamo grandi sostenitori della cultura e del patrimonio tradizionale, e non poteva essere altrimenti. Per gli italoamericani, forse più che per gli europei, scoprire e apprezzare le origini e la storia familiare non è solo un momento di piacevole condivisione con gli anziani, ma spesso è un passo essenziale verso un momento di scoperta profondamente personale e di consapevolezza di sé.  

Gli italiani d'Italia invece - e lo dico da tale - spesso dimenticano la bellezza del loro patrimonio, soprattutto quando la storia e la tradizione familiare si annidano in alta montagna o si nascondono in collina, in qualche piccolo luogo dove le giornate seguono ancora i ritmi lenti dell'agricoltura, e la vita sociale fiorisce intorno alla piazza e alla settimanale messa della domenica mattina. La cosa divertente, a pensarci bene, è che la maggior parte di noi proviene da luoghi come questi, perché l'Italia è fatta in gran parte di villaggi antichi, di borghi in pietra quasi bloccati in un piacevole ordito temporale dove la modernità si nasconde tra le mura delle case della gente, sugli schermi dei televisori al plasma e sui computer portatili di ultima generazione. 

Per quanto belli, i nostri villaggi di campagna e le nostre città alpine, i nostri borghi marinari o medievali hanno pagato il tributo di decenni di spopolamento, con le generazioni più giovani che sono partite per cercare fortuna in città o anche all'estero. In tempi passati, ma non troppo tempo fa, i giovani hanno lasciato i loro villaggi quasi con sollievo, per poter finalmente sperimentare il brusio e la novità di quello che vedevano come un mondo più alla moda, più emozionante.  

Oggi, proprio questi villaggi stanno combattendo una dura battaglia contro una morte lenta e inesorabile, ma le persone che ancora li abitano non si arrendono, e anche le giovani generazioni, quelle stesse che una decina di anni fa li avrebbero abbandonati alla ricerca della novità alla moda e dell'eccitazione della città, hanno cominciato a scoprire l'importanza del loro patrimonio.  

Barni è uno di questi posti. Situato sulle alte colline della Vallassina, non lontano dal Lago di Como, la sua comunità ha lavorato duramente per salvarlo dallo spopolamento e dall'oblio perché crede, come molte altre piccole comunità in tutta Italia, che il villaggio sia un luogo meraviglioso in cui vivere, ricco di tradizione e storia. Come molti borghi del Belpaese, Barni è un angolo magico del mondo. E' proprio come una grande famiglia, dove non sei semplicemente tu, ma il figlio di tuo padre e il nipote di tuo nonno; lì, le abilità e i mestieri che conosci e che pratichi ti rendono quello che sei, non gli abiti che indossi o il tipo di smartphone che usi: gli status symbol, in questo tipo di Italia, non sono quello che ti aspetteresti.  

E così, per far conoscere al resto del mondo il loro piccolo angolo di bellezza, l'anno scorso gli abitanti di Barni hanno aderito al progetto Invasioni Digitali, un'interessante iniziativa volta a dare visibilità ai tanti borghi belli ma poco conosciuti d'Italia nel modo più contemporaneo: attraverso l'uso dei social media. Invasioni Digitali raccoglie sotto il suo hashtag, #invasionidigitali, una miriade di bellissime istantanee realizzate dai visitatori e dagli abitanti delle località partecipanti. L'iniziativa è ancora in corso e sono tantissimi gli appuntamenti per la tarda primavera e per tutta l'estate, tutti con lo stesso obiettivo: richiamare persone in un luogo che ha bisogno di esposizione per valorizzare il turismo, per attirare l'attenzione o, semplicemente, per avere il piacere di vederlo fotografato e mostrato su internet: alla fine, non è questa la fama oggigiorno? 

Torniamo a Barni, però, e alla fine di aprile dello scorso anno, quando anch'esso ha avuto la sua "invasione digitale": è stata un successo, nonostante il maltempo e non solo perché moltissime persone hanno scattato foto meravigliose. E' stata un'esperienza piena di racconti, con Marco Fioroni, nato e cresciuto a Barni, che ha portato i visitatori in giro tra i vicoli e le vie del paese, raccontando storie del passato e della sua gente, di ciò che il patrimonio e la storia di Barni sono e rappresentano: che modo bello e affascinante di conoscere un luogo. Durante la giornata, anche imprenditori e ristoratori locali hanno avuto l'opportunità di presentare il meglio della loro produzione, portando a nuovi livelli di conoscenza la straordinaria cultura enogastronomica di Barni e del Comasco. Una situazione “win-win” da cui tutti hanno tratto beneficio.  

Ma Barni, in quel giorno di dodici mesi fa, voleva davvero mostrare il meglio di sé, perché le sue piccole strade pietrose erano state trasformate in una straordinaria mostra fotografica a cielo aperto, in tema con l’obiettivo della giornata. Grazie all'iniziativa e alla creatività di Giulia Caminada, un'insegnante locale con occhio per la fotografia, foto formato poster, ritratti in bianco e nero degli abitanti di Barni popolavano il paese, ognuno impegnato a fare quello che sapeva fare meglio: alcuni tessevano, altri facevano il formaggio o il burro, altri ancora avevano strumenti agricoli di una volta che parlavano di un passato lontano, ma ancora vivo. Negli occhi di queste persone, giovani e anziani, uomini e donne, si poteva trovare l'essenza non solo del progetto Invasioni Digitali, ma di l'idea di "casa" nel suo complesso, così come concepita nell'Italia rurale e tradizionale: un'essenza che parla di modernità costruita sulle solide spalle della tradizione, di giovani generazioni che imparano dagli anziani, così come è sempre accaduto nella vita e nella storia, ma che porta con sé, questa volta, anche un po' di conoscenze e saper fare: che hanno acquisito con gli studi, con i viaggi, con tecnologie che non erano disponibili ai loro genitori e nonni. Un'essenza che parla di amore, rispetto e semplicità, di uno stile di vita appagante perché tocca le corde di ciò che dovrebbe essere veramente importante: felicità, famiglia, serenità e, perché no, divertimento, cameratismo e buona cucina.  

Ora passiamo velocemente ad una settimana fa, quando Barni ha fatto notizia in prima serata italiana: un bellissimo reportage ha presentato la sua gente al paese, in un modo forse ancora più potente dei social media, la televisione. I ritratti di Caminada dei suoi paesani impreziosiscono ancora oggi le strade del paese e, questa volta, gli spettatori hanno avuto la possibilità di ascoltare le voci di coloro che sono stati fotografati: sotto l'occhio indagatore della videocamera, le loro voci hanno tradito un accenno di timidezza e imbarazzo, le loro parole segnate dall'inflessione secolare della loro valle. Hanno parlato di ricordi d'infanzia che sono intimamente personali, ma che rispecchiano anche quelli di milioni di italiani, compresi quelli di chi oggi scrive queste parole; hanno sorriso fieri del loro patrimonio, hanno mostrato la loro volontà di mantenere Barni viva, sempre.  

Le future "invasioni digitali" previste per i prossimi mesi, si possono consultare sul sito web del progetto, all'indirizzo www.invasionidigitali.it. Le troverete su Twitter @Invasioni Digitali e su Instagram @invasionidigitali.  

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

76th Venice Film Festival: a red carpet for Venezia

It is the oldest cinema event in the world after the Oscars. Its 76 editions do not only show the way contemporary visual arts evolved, but also how...

Healthy Italy… or is it?

Ah! The Mediterranean diet! UNESCO Intangible Heritage, the way of life all the world envies to the countries of the Mare Nostrum. We Italians based...

Which side are you on? The many rivalries of Italy

The very fact you’re reading this article right now means you are or feel connected in some way to Italy and that you, very likely, love this amazing...

Guess who’s coming for dinner: did the Romans really make it to America?

We all know when and how the American continent was discovered — let us not delve into the unnerving diatribe about “discovering” vs “conquering”...

Tracing the origins of pasta

There are great love affairs that permeate the ages: Anthony and Cleopatra, Rhett and Scarlet, Samson and Delilah…Everyone and Pasta. There’s...

Weekly in Italian

Recent Issues