In memoria di 4 caduti e 15 sopravvissuti abruzzesi che indossarono la divisa a Stelle e Strisce

In memoria di 4 caduti e 15 sopravvissuti abruzzesi che indossarono la divisa a Stelle e Strisce

Antonio Del Sordo fu soldato del 315° Reggimento Fanteria – Compagnia B – 79° Divisione A.E.F., Forza di Spedizione Americana in Europa durante la 1° Guerra Mondiale. Era nato a Canzano (Teramo), il 9 aprile 1892 e vissuto a Giulianova fin dalla tenera età, perché orfano di padre (e fino alla sua emigrazione a Philadelphia con il patrigno Michele Pace) ma morì in un ospedale da campo belga a Tours (Nord-Est – Francia), l’11 ottobre 1918.

Lo hanno ricordato a Giulianova gli eredi con Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon durante una cerimonia solenne e con lo scoprimento di una targa dedicata e posizionata all’interno della cappella di famiglia.

La salma si trova a Giulianova perché la famiglia, su indicazione dell’esercito USA in Europa, diede la disponibilità alla traslazione dal cimitero militare americano in Francia “Oise-Aisne American Cimetery” l’11 luglio 1924 a Giulianova.

Grazie agli organizzatori del XX Festival Bande Internazionali di Giulianova, una delegazione militare della “U.S. Naval Forces Europe – Allied Forces Band USA, ospite d’onore, hanno presenziato con un trombettiere.

La banda degli Stati Uniti Naval Forces Europe (NAVEUR Band) è la componente musicale delle forze navali statunitensi Europa - Forze navali in Africa, un comando subordinato del Comando europeo degli Stati Uniti e del Comando degli Stati Uniti in Africa.

Al termine della scopertura della targa, è stata letta la biografia del soldato Del Sordo, realizzata dal ricercatore storico Walter De Berardinis in collaborazione con il collega Luca Angeli di Pavia. A seguire, lettura e visita di altre due tombe di soldati dell’Esercito USA della 1° G.M. sepolti a Giulianova. La città di Giulianova, nel “Pantheon” dei caduti della 1° Guerra Mondiale, annovera 4 caduti con la divisa USA sul fronte francese: Elia Atriano, Flaviano Di Donato, Antonio Del Sordo e Domenico Faiazza e 15 reduci, sempre con la divisa USA, tornati vivi e poi morti negli USA o in Italia: Pietro De Dominicis, Luigi Leodori, Flaviano Buoni, Nicola Sistilli, Francesco Ettorre, Giuseppe Ettorre, Amilcare Ettorre, Giacinto Paolini, Flaviano Di Cesare, Vincenzo Biondi, Vincenzo Ianni, Ernesto Coticchia, Salvatore Cavalli, Diadoro Tarquini e Luciano Montini. Alcuni di questi soldati erano nati nelle città limitrofe, poi trasferiti con le proprie famiglie a Giulianova in tenera età, per poi emigrare negli USA all’inizio del ‘900.

In memoria di 4 caduti e 15 sopravvissuti abruzzesi che indossarono la divisa a Stelle e Strisce

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Museo virtuale della civiltà contadina e degli attrezzi agricoli in Molise

Museo virtuale della civiltà contadina e degli attrezzi agricoli in Molise

A Montorio nei Frentani, piccolo centro in provincia di Campobasso, potrebbe presto nascere un Museo virtuale della civiltà contadina e degli...
Far pace con la storia: restituire alle comunità ebraiche i beni culturali sottratti con le leggi razziali

Far pace con la storia: restituire alle comunità ebraiche i beni culturali sottratti con le leggi razziali

Nel corso della riunione del Comitato per il recupero e la restituzione dei beni culturali che si è tenuta nella sede del Ministero per i beni...
Premio Dean Martin al successo italiano nel mondo

Premio Dean Martin al successo italiano nel mondo

Ancora successo e ancora commozione, per una serata all’insegna del successo italiano nel Mondo. La dodicesima edizione del Premio Dean Martin (...
Nel 1969, al comando del programma Apollo, c’era la ‘Tigre’ Rocco Petrone: talentuoso figlio di immigrati lucani

Nel 1969, al comando del programma Apollo, c’era la ‘Tigre’ Rocco Petrone: talentuoso figlio di immigrati lucani

Alla vigilia di un evento che avrebbe cambiato le pagine della storia umana, Rocco Petrone non tradiva emozioni: per gli amici della NASA era il “...
L'Allunaggio visto da Long Island, NY: a pranzo con Buzz Aldrin

L'Allunaggio visto da Long Island, NY: a pranzo con Buzz Aldrin

Nel luglio del 1969, a 19 anni, abitavo ancora a casa di mia zia Yole. Ero arrivato a Copiague, un villaggio fuori New York City nel Long Island, da...

Weekly in Italian

Recent Issues