‘Adriatico. Il mare che unisce’: docu-film sulle minoranze etno-linguistiche croato-albanesi presenti in Molise

‘Adriatico. Il mare che unisce’: docu-film sulle minoranze etno-linguistiche croato-albanesi presenti in Molise

Si intitola “Adriatico. Il mare che unisce” il docu-film sulle minoranze etnico-linguistiche croato-albanesi presenti in Molise a partire dal XV secolo. Il lavoro, dal carattere documentaristico, ma anche onirico e narrativo, presenta due capitoli principali: il primo dedicato agli italo-albanesi, il secondo agli italo-croati. L’epilogo indica la contaminazione quale elemento essenziale di quel processo culturale che da sempre caratterizza la storia dell’uomo.

Il docu-film, scritto e diretto da Cristiana Lucia Grilli e prodotto dalla casa di produzione video indipendente Creative Motion, si avvale del patrocinio dell’assessorato alla Cultura della Regione Molise e del patrocinio morale dei comuni di minoranza arbërshë e croati in Molise ovvero: Campomarino, Montecilfone, Portacannone, Ururi, Acquaviva Collecroce (comune capofila), Montemitro, San Felice del Molise e Tavenna.

Un lavoro nel quale si mescolano voci di autorevoli ricercatori, accademici, studiosi, insegnanti e musicisti, tra questi il noto compositore bosniaco Goran Bregović, in un viaggio alla scoperta di luoghi meravigliosi con l’obiettivo di recuperare la memoria storica delle minoranze etnico-linguistiche del Molise, valorizzarne la lingua, gli usi e i costumi.

Il lavoro ripercorre la storia che lega l’Italia e i Balcani che affonda le sue radici al tempo del Regno di Napoli quando, a seguito dell’invasione ottomana, le comunità slave e albanesi si insediarono nel territorio molisano, contribuendo alla sua crescita, introducendo usi, costumi, tradizioni e soprattutto la lingua, principale custode dell’identità di un popolo. L’Adriatico rappresenta, dunque, il ponte che unisce le due sponde, che porta salvezza e assicura un futuro. Obiettivo del docu-film è il recupero della memoria storica delle minoranze etnico-linguistiche del Molise, un patrimonio inestimabile per l’Italia e per i paesi d’origine quali l’Albania e la Croazia.

“Adriatico” è stato girato oltre che nei paesi molisani di minoranza arbërshë e croati, in Croazia, in Bosnia Erzegovina, in particolare nella zona della catena montuosa del Biokovo e del fiume Narenta, luoghi di provenienza degli slavi molisani, ma anche in Albania, per ripercorrere le tracce degli arbërshë molisani, e a Ginevra dove è stata raccolta la testimonianza del musicista bosniaco Goran Bregović, che incarna il concetto di contaminazione etnico-culturale. Numerose le interviste che hanno arricchito il lavoro: allo storico e ricercatore dell’Università Federico II di Napoli, Francesco Storti; al linguista e docente universitario Giovanni Agresti; alla ricercatrice Maria Luisa Pignoli dell’Université Côté d’Azur; al professore di Lettere e custode della memoria delle comunità croate del Molise Giovanni Piccoli e al linguista slavista Walter Breu docente all’University di Konstanz.

“‘Adriatico’ – commenta la regista Cristiana Lucia Grilli - nasce da un sentimento di autocoscienza della mia storia personale: da parte materna appartengo alla comunità arbëreshë molisana, discendente degli albanesi venuti centinaia di anni fa, dalla nonna paterna ho ereditato le radici greche. I Balcani hanno sempre fatto parte della mia esistenza e ne ho sempre subito il fascino. ‘Adriatico’ però non è un’autobiografia, ma un lavoro che narra la storia di popoli che hanno saputo ricostruire la loro vita. Nasce dalla consapevolezza della necessità di raccontare una realtà che rischia di essere dimenticata. Documentare, pertanto, è un dovere culturale, morale e etico, affinché le radici siano trasmesse ai posteri. Il docu-film è stato inserito nel circuito dei cine-festival e presto sarà disponibile una versione sottotitolata in Inglese”.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Renzo Giacchieri al 65° Festival Puccini: il pubblico apprezza l'opera se realizzata con verità

Renzo Giacchieri al 65° Festival Puccini: il pubblico apprezza l'opera se realizzata con verità

Renzo Giacchieri nel corso degli anni ha ricoperto importanti ruoli di gestione e organizzazione dei Teatri e degli Enti Lirici: dal 1982 al 1986 è...
A Fiuggi la festa dello spettacolo italiano tra artisti di fama collaudata e giovani pionieri

A Fiuggi la festa dello spettacolo italiano tra artisti di fama collaudata e giovani pionieri

A Fiuggi serata dedicata al teatro, al cinema, alla musica, alla scenografia, alla regìa lirica e alla danza con la consegna del 'Premio Fiuggi per...
Il Traditore di Marco Bellocchio trionfa ai Nastri d'Argento: 7 premi su 11 nomination

Il Traditore di Marco Bellocchio trionfa ai Nastri d'Argento: 7 premi su 11 nomination

‘Il traditore’ di Marco Bellocchio conquista la 73° edizione dei Nastri d’Argento. La pellicola porta a casa sette premi, su undici nomination. Tra...
Non solo l’Oscar ma anche la stella sulla Walk of Fame per Wertmuller

Non solo l’Oscar ma anche la stella sulla Walk of Fame per Wertmuller

Lina Wertmuller avrà la sua stella sulla Walk of Fame di Los Angeles. Dopo l'annunciato Oscar alla carriera che la regista romana ritirerà il 27...
Custode dei classici ma anticonformista: addio al regista Franco Zeffirelli, genio ed eccellenza italiana nel mondo

Custode dei classici ma anticonformista: addio al regista Franco Zeffirelli, genio ed eccellenza italiana nel mondo

In aprile ha partecipato all’ultima cerimonia pubblica. L’aula del Senato di Palazzo Madama, a Roma, gli aveva consegnato la significativa targa di...

Weekly in Italian

Recent Issues