Great success for the 2019 Italian National Day

Consul General in LA Silvia Chiave during her speech  on the  Day of the Republic

On June 3rd 2019 the Italian community of LA celebrated the historic day, back in 1946, when a pivotal referendum decided the fate of Italy about being a Monarchy or a Republic. The actual day of celebration was on Sunday June 2nd but, due to a strategic choice based on local habits, it’s been postponed to the day after.

The celebration took place in the amazing scenario of the UCLA’s Royce Hall and it began with the Jasmine Tommaso jazz band (voice, guitar and drums) performing an intriguing version of both the Italian and the American National Anthems, then beloved and renowned actress and model Clarissa Burt – as the official Master of Ceremony – remembered the critical importance that the day has for Italian history and introduced the new Consul General Silvia Chiave, who gave a very moving and passionate speech.

During the event many prominent Italians and Italian Americans have been awarded and honored, in name of their undeniable and great contribute to the entire community. In particular Gino Gaudio, former President of the Italy-America Chamber of Commerce West, has been given the Order of the Star of Italy for his continuous effort to keep alive and active the Italian heritage in California.

 Consul General Silvia Chiave and her husband,  IIC director Valeria Rumori and her husband, ENIT representative Emanuela Boni, President of the IACCW Chamber of Commerce Nicola Serragiotto and his wife

From right to left: Consul General Silvia Chiave and her husband, IIC director Valeria Rumori and her husband, ENIT representative Emanuela Boni, President of the IACCW Chamber of Commerce Nicola Serragiotto and his wife

One of the most touching and relevant speeches was given by James Bianco, Judge of the Superior Court Department 95 LA County, who introduced the audience to a humanitarian project called Heart Forward Los Angeles, an ambitious and extremely important plan realized together with Trieste’s (Italy) globally-renowned, community-based system of care promoted by the Department of Mental Health. The purpose of the initiative is to focus on the homeless people of LA and help them with psychological and medical assistance.

The celebration took place in the amazing scenario of the UCLA’s Royce Hall

During the marvelous event all participants were able to taste some delicious Italian food provided by the famous Obicà Mozzarella Bar Pizza e Cucina, together with traditional gelato provided by Nicholas Schepisi of Gelato Festival, the biggest and most authoritative event in the world dedicated to Italian artisanal gelato.

Needless to say, a great part of the huge event’s success has to be credited to the amazing work of Consul General Silvia Chiave and her staff, who put together a truly classy, elegant, exclusive event. The Day of the Italian Republic couldn’t have been better celebrated and the long line of people waiting to congratulate the Consul was endless: everybody was thrilled about how her arrival brought a true change and an breath of fresh air in the whole Italian community.

Actress and model Clarissa Burt – as the official Master of Ceremony, with Silvia Chiave

How did you feel about hosting such an important celebration, so close after your arrival, as the New Consul General in Los Angeles?

Well I was excited and thrilled: I know how important Republic Day is for the Italian community and I wanted to do my best in order to meet their hopes and expectations. Of course I knew I could count on a dedicated and professional staff that helped me and supported me throughout the entire organization process.

How was people’s feedback for the event?

They loved it and they immediately expressed their immense joy to me: I was truly flattered by their extremely positive reaction and I was happy about the outcome. I have to admit that the magnificent place we picked helped me create something truly unique.

Why did you choose the UCLA’s Royce Hall?

I know that, during the past years, the Day of the Republic was celebrated in many other locations, such as the Cultural Institute or Pico House in Downtown. But after a thorough search my staff and I ended up picking the place that we thought more attractive in terms of sight and – at the same time – more representative from a cultural point of view.

all participants were able to taste some delicious Italian food provided by the famous Obicà Mozzarella Bar Pizza e Cucina

All participants were able to taste some delicious Italian food provided by the famous Obicà Mozzarella Bar Pizza e Cucina

Your opening speech was exciting and inspiring: what are your plans and objectives as the new Consul General?

Los Angeles is a fascinating place and I believe that part of its charm is given by its wideness. But the absence of a real center, the big distances between all the areas, the Italians all spread around can be a challenging factor when it comes to create moments of gathering and meetings. One of my purposes is to help facilitate the communication between my office and all the members of the Italian community. Now more than ever – due to the increase of the immigration rate from Italy – we have to provide an effective, actual and prompt service.

Consul General in LA Silvia Chiave during her speech on the Day of the Republic

According to the people’s feedback and to your own experience, what do you believe needs to be improved to make the Consulate function better?

As soon as I arrived in LA I wanted to listen to the community’s necessities and I asked everybody to be very honest and critic. The reaction has been positively overwhelming: so I immediately had the guidelines that could lead me in the right direction.

What things should become a main focus?

The problem is definitely not my staff or even the institution in itself: my colleagues are hard workers who need to address – on a daily basis – a monumental amount of issues: documents, paperwork, passports, diplomatic impasses, bureaucracy at its best and at its worst. We are a limited number of professionals who have to take care of community that becomes bigger and bigger day after day. We have all the right and functional human resources and we are striving to harness all of our potential.

La Chief of Protocol e rappresentante per la LA County, Lourdes Saab, con Silvia Chiave, Console Generale a Los Angeles

Can you tell us what are the first important initiatives you’d love to work on?

Improve the Consulate’s website: it’s a great instrument that has been only partially used so far. Increase our presence on every social network, together and in cooperation with the current existing virtual communities. Attract new Italian companies to invest in California and help them ease the process of opening a business here. Create moments and places of aggregation, so that all the old and new Italian Americans can exchange their valuable experiences. And last but not least, support the most deserving cultural initiatives that could keep alive our precious and priceless heritage.

All the participants were truly happy with Republic Day’s celebration: it really looks like there’s a new and innovative air thanks to your work.

I hope so and I’ll do my best in order to bring together a community that gave so much to this Country: in terms of creativity, in terms of working power and in terms of innovation. At the Consulate my staff and I are truly and passionately creating and improving a useful and important service and we do hope that all Italians in LA will help us accomplish that, with their suggestions, their participation and their enthusiasm.

Il 3 giugno 2019 la comunità italiana di Los Angeles ha celebrato la storica giornata del 1946, quando un referendum fondamentale decise il destino dell'Italia tra Monarchia e Repubblica. Il giorno di festa era in realtà domenica 2 giugno ma, a causa di una scelta strategica basata sulle abitudini locali, è stato rinviato al giorno dopo.

La celebrazione si è svolta nello splendido scenario della Royce Hall della UCLA ed è iniziata con la Jasmine Tommaso jazz band (voce, chitarra e batteria) che ha eseguito un'intrigante versione dell'inno nazionale italiano e di quello americano, poi l’amata e rinomata attrice e modella Clarissa Burt - in qualità di cerimoniere - ha ricordato l'importanza fondamentale che la giornata ha per la storia italiana e ha presentato il nuovo Console Generale Silvia Chiave, che ha tenuto un discorso molto commovente e appassionato.

Durante l'evento sono stati premiati e onorati molti eminenti italiani e italo-americani, in nome del loro innegabile e grande contributo alla comunità. In particolare Gino Gaudio, già presidente della Italy-America Chamber of Commerce West, è stato insignito dell’Ordine della stella d'Italia per il suo continuo impegno nel mantenere vivo e attivo l'importante patrimonio italiano in California.

Uno dei discorsi più toccanti e rilevanti è stato tenuto da James Bianco, Giudice del Dipartimento della Corte Superiore 95 LA County, che ha presentato al pubblico il progetto umanitario Heart Forward Los Angeles, un piano ambizioso ed estremamente importante realizzato insieme al famoso sistema di assistenza comunitaria promosso dal Dipartimento di Salute Mentale di Trieste (Italia). Lo scopo dell'iniziativa è quello di affrontare la sofferenza che vivono i senzatetto di Los Angeles e di offrire loro assistenza psicologica e medica.

Durante il meraviglioso evento tutti i partecipanti hanno potuto degustare le deliziose pietanze italiane fornite dal famoso Obicà Mozzarella Bar Pizza e Cucina, insieme al tradizionale gelato fornito da Nicholas Schepisi di Gelato Festival, il più grande e autorevole evento al mondo dedicato al gelato artigianale italiano.

Inutile dire che gran parte del grande successo dell'evento è da attribuire al sorprendente lavoro del Console Generale Silvia Chiave e del suo staff, che hanno messo insieme un evento davvero di classe, elegante, esclusivo e bellissimo. La Giornata della Repubblica Italiana non poteva essere celebrata meglio e la lunga fila di persone in attesa di congratularsi con il Console è stata infinita: tutti erano entusiasti di come il suo arrivo abbia portato un vero cambiamento e una vera e propria boccata d'aria fresca in tutta la comunità italiana.

Come si è sentita nell’ospitare una celebrazione così importante, così vicina al suo arrivo quale nuovo Console Generale di Los Angeles?

Beh, ero eccitata ed emozionata: so quanto sia importante la Festa della Repubblica per la comunità italiana e ho voluto fare del mio meglio per soddisfare le loro speranze e aspettative. Naturalmente sapevo di poter contare su uno staff dedicato e professionale che mi ha aiutato e sostenuto durante l'intero processo organizzativo.

Quale è stato il feedback dei partecipanti rispetto all’evento?

L'hanno amato e mi hanno subito espresso la loro immensa gioia: sono stata veramente lusingata dalla loro reazione estremamente positiva e sono contenta del risultato. Devo ammettere che il posto magnifico che abbiamo scelto mi ha aiutata a creare qualcosa di veramente unico.

Perché ha scelto la Royce Hall della UCLA?

So che, negli ultimi anni, il Giorno della Repubblica è stato celebrato in molti altri luoghi, come l'Istituto Culturale o Pico House nel centro della città. Ma dopo una ricerca approfondita, io e il mio staff abbiamo finito per scegliere il luogo che ritenevamo più attraente dal punto di vista visivo e, allo stesso tempo, più rappresentativo dal punto di vista culturale.

Il suo discorso di apertura è stato emozionante e stimolante: quali sono i progetti e gli obiettivi del nuovo Console Generale?

Los Angeles è un luogo affascinante e credo che parte del suo fascino sia dato dalla sua vastità. Tuttavia, l'assenza di un vero e proprio centro, le grandi distanze tra tutte le aree, gli italiani sparsi ovunque possono essere fattori sfidanti quando si tratta di creare momenti di aggregazione e di incontro. Uno dei miei obiettivi è quello di facilitare la comunicazione tra il mio ufficio e tutti i membri della comunità italiana. Ora più che mai - a causa dell'aumento del tasso di immigrazione dall'Italia - dobbiamo fornire un servizio efficace, attuale e tempestivo.

In base al feedback delle persone e alla sua esperienza, cosa ritiene debba essere migliorato per rendere il lavoro del Consolato ancora più efficace?

Appena arrivata a Los Angeles ho voluto ascoltare le necessità della comunità e ho suggerito a tutti di essere molto onesti e critici. La reazione è stata positivamente travolgente: così ho avuto subito le linee guida che mi hanno portato nella giusta direzione.

Su quali cose ritiene che il Consolato debba concentrarsi? 

Il problema non è sicuramente il personale nè l'istituzione in sé: i miei colleghi sono grandi lavoratori che devono affrontare quotidianamente una quantità enorme di questioni: documenti, pratiche, passaporti, impasse diplomatiche, burocrazia nel bene e nel male. Siamo un numero limitato di professionisti, che devono prendersi cura di una comunità che diventa sempre più grande, giorno dopo giorno. Abbiamo risorse umane adeguate e funzionali e ci stiamo sforzando per far fruttare tutte le nostre potenzialità.

Può dirci quali sono le prime iniziative importanti su cui le piacerebbe lavorare?

Migliorare il sito web del Consolato: è un grande strumento che finora è stato utilizzato solo in parte. Aumentare la nostra presenza su ogni social network, insieme e in collaborazione con le attuali comunità virtuali esistenti. Attrarre nuove aziende italiane per investire in California e aiutarle a facilitare il processo di apertura di imprese qui. Creare momenti e luoghi di aggregazione, affinché tutti gli italoamericani vecchi e nuovi possano scambiarsi le loro preziose esperienze. E infine, ma non meno importante, sostenere le iniziative culturali più meritevoli che possano mantenere vivo il nostro prezioso e inestimabile patrimonio.

Tutti i partecipanti sono rimasti davvero soddisfatti dalla celebrazione della Festa della Repubblica: sembra davvero che grazie al vostro lavoro ci sia un'aria nuova e innovativa.

Lo spero e farò del mio meglio per tenere insieme una comunità che ha dato tanto a questo Paese: in termini di creatività, in termini di forza lavoro e in termini di innovazione. Al Consolato, il mio staff ed io, stiamo creando e migliorando con passione un servizio utile e importante e ci auguriamo che tutti gli italiani di Los Angeles ci aiutino a farlo, con i loro suggerimenti, la loro partecipazione e il loro entusiasmo.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Viva ‘a tazzulella: Naples and her love story with coffee and tradition

The relationship between caffé and the city of Naples can only be called love. La tazzulella di caffé is the way Neapolitans welcome the day,...

From the Romans to Murano: the colorful world of murina glass as you have never seen it

The purity and beauty of Venetian glass is known worldwide: a precious and ancient tradition that speaks of quality, beauty, elegance and creativity...

Carretti Siciliani: the young faces of an ancient tradition

I think that speaking with an artist is always, always an honor. And for this reason, I was truly delighted and — I must admit — quite excited, by...

Lina Wertmüller: an Oscar to an original portrait of Italianness

“I am grateful to have received this award, which I didn’t expect, and that, for this reason, is even more welcome and makes me all the happier. For...
Scenic Anacapri streets at early sunset

A Day at the beach – Italian style

Temperatures are on the rise…and so is the urge to grab the flip-flops and head for the nearest beach. Summer practically insists we enjoy at least...

Weekly in Italian

Recent Issues