A Day at the beach – Italian style

Scenic Anacapri streets at early sunset

Scenic Anacapri streets at early sunset, Bandiera Blue 2019 © Elovkoff | Dreamstime.com

Temperatures are on the rise…and so is the urge to grab the flip-flops and head for the nearest beach. Summer practically insists we enjoy at least one romp in the salty sea, no matter which part of the globe we find ourselves in. But if you’re Italian, heading for a beach whenever possible during summer months is practically a sacrament. Likewise, if you’re a straniero (foreigner) blessed with a visit to the Bel Paese, the opportunity to enjoy some Italian sand and surf should not be missed. 

Italy’s best  beaches

Italy is recognized for her wide array of incredible beaches from north to south, east to west. After all, with over 5.000 miles of coastline, getting to a beach requires practically no more than a two-hour journey in any cardinal direction. From the cliff-hugged and wildly popular beaches of Liguria and the Italian Riviera, to Puglia and Sicily’s astonishing crystalline blue waters, to the unbroken sandy stretches along Le Marche,  north into the Veneto and Friuli regions, a beach for almost every taste can be found. Not only is the offering of countless fabulous beaches abundant, Italy is also home to an impressive ten-percent of the world’s best beaches. 

Capotesta (Sardinia), Bandiera Blue 2019

Isn’t that rather subjective, you might ask? Certainly, but criteria do exist for achieving an acclaim such as this. Known as Blue Flag beaches, 369 beaches to date have earned this esteemed title. A subsidiary of the international Foundation for Environmental Education (FEE), the Blue Flag program appraises beaches and other bodies of water such as lakes and marinas based on 32 rigorous criteria. These include variables such as eco-friendly practices, water quality, safety and accessibility, and “livability” during peak usage season. 

There’s more, though, than just a focus on clean and sustainable beaches. The panel of judges comprised of marine scientists, tourism professionals, and safety entities such as the Coast Guard also look for beach communities that have a proactive strategy for protecting their natural assets, as well as other educational ways to promote knowledge and eco-friendly tourism.  

Torre Mozza, Tuscany © Digitalsignal | Dreamstime.com

Like a DOC or DOCG designation on an Italian wine, beach goers can be assured that a Blue Flag destination is also guaranteed to offer a criteria-based quality product. Choosing from the hundreds, maybe thousands, of Italian beaches just got a bit less daunting!  

Italian beach classifications

Whether you’ve chosen a specific Blue Flag beach or are hopping the train to the nearest sandy spot in the sun, one thing applies to almost every Italian beach: the designation of stabilimenti (or bagni) or spiaggia libera.

Sanremo, Bandiera Blue 2019

If you’ve ever been fortunate enough to set foot on an Italian beach, you’ve seen the delightfully colorful array of umbrellas and beach chairs lined up with the precision of a Marine Corp roll call. You probably also learned that sauntering over to one and plopping your beach bag down is not how it’s done! These beaches are the stabilimenti – the beach clubs that are open to all, but for a fee. Good enough, but just what do you get once your euro have crossed the palm of the bagnino (attendant)? Quite a few niceties, actually! Typical facilities include the aforementioned chairs and umbrella, a maintained bathhouse for changing and restroom needs, a lifeguard, clean beaches, and an assortment of eating establishments from casual to quite elegant. Be prepared, however, to be denied when requesting that lovely spot within a step or two of the breaking waves. Many Italian sun seekers return to the same beach year after year, including to the same coveted set of chairs. Seasonal entrance passes to a stabilimento are generally available and usually purchased by those other than tourists or day-trippers. 

The spiaggia libera is just that – a free beach with no required fee to spend a day perfecting that bronze glow. Amenities vary wildly, however, and finding a place to change or a nearby restroom is not guaranteed. Less perfectly-aligned rows of bright chairs and umbrellas than those of the stabilimenti are often available but only for daily or hourly rental. It’s not unusual to find options for satisfying a swim-induced hunger or thirst at a spiaggia libera; small kiosks or bars are commonly found nearby. If any particular amenity is considered a necessity, it pays to do a little homework and know before you go.

Imperia in Italy, Riviera di Ponente

Imperia in Italy, Riviera di Ponente © Lianem | Dreamstime.com

During the summer months in Italy, planning a beach trip on a whim might equate to a lot of frustration. Weekends, especially Sundays, are fiercely busy as what seem like entire towns pile onto the Autostrada and head toward a beach. An unknowing visitor might spend a day under the Tuscan sun, but it will be sitting in a hot, slow-moving car rather than frolicking in the surf. If planning a stay of more than a day, booking a hotel anywhere within beach proximity should be done well in advance. 

Scenic Anacapri streets at early sunset, Bandiera Blue 2019 © Elovkoff | Dreamstime.com

La bella figura at the beach 

Making that favorable impression – presenting oneself in top form… la bella figura! But just how to accomplish this on an Italian beach? 

Truthfully, it’s probably impossible unless you are born and raised Italian. However, it’s never a bad idea to know the norms and expectations to avoid standing out like a snowman in the sand. The shortlist might include things such as being aware that on these beaches, showing tanned skin is expected no matter what your age. Women of all ages and shapes are most always in a two-piece costume da bagno (bathing suit). Men, get past your Speedo shyness – these are the expected attire for the male gender. Lunch is lunch…Italian style, of course. Two to three hours away from your reserved beach lounger is expected with the addition of a few more hours after that last bite so as to avoid drowning by cramps. And accessorize. Designer shades, totes, wraps…even heels… will only bring admiring glances. 

The beach is calling…Andiamo! 

 

Le temperature iniziano ad aumentare... e così la voglia di afferrare le infradito e dirigersi verso la spiaggia più vicina. L'estate praticamente invita a goderci almeno un tuffo nel mare salato, non importa in quale parte del globo ci si trovi. Ma se siete italiani, dirigersi verso una spiaggia appena si può durante i mesi estivi è praticamente un sacramento. Allo stesso modo, se siete stranieri benedetti da una visita nel Bel Paese, non perdete l'occasione di godervi un po' di spiaggia italiana e di surf.

Le migliori spiagge italiane

L'Italia è nota per la sua vasta gamma di spiagge, incredibili da nord a sud, da est a ovest. Dopotutto, con oltre 5.000 miglia di costa, arrivare ad una spiaggia non richiede praticamente più di un viaggio di due ore in qualsiasi direzione cardinale. Dalle spiagge selvagge e a picco della Liguria e della Riviera italiana, alle stupende acque blu cristalline della Sicilia e della Puglia, alle ininterrotte distese di sabbia lungo le Marche, sino a quelle più a nord nelle regioni del Veneto e del Friuli, si trova una spiaggia praticamente per tutti i gusti. Non solo l'offerta di innumerevoli e favolose spiagge è abbondante, ma l'Italia è anche sede di un impressionante 10% delle migliori spiagge del mondo.

Non è un giudizio piuttosto soggettivo, potreste domandare? Certamente, ma esistono criteri per ottenere un simile merito. Conosciute come spiagge con la Bandiera Blu, finora hanno ottenuto questo stimato titolo 369 spiagge. Sussidiario della Fondazione internazionale per l'educazione ambientale (FEE), il programma Bandiera blu valuta spiagge e altri corpi idrici come laghi e porti turistici sulla base di 32 criteri rigorosi. Questi includono variabili come pratiche eco-compatibili, qualità dell'acqua, sicurezza, accessibilità e "vivibilità" durante la stagione di utilizzo massimo.

C'è di più, però, che concentrarsi solo su spiagge pulite e sostenibili. La giuria composta da scienziati del mare, professionisti del turismo e organismi di sicurezza come la Guardia costiera, cerca anche comunità del territorio che abbiano una strategia proattiva per proteggere i loro beni naturali, nonché modi educativi per promuovere la conoscenza e il turismo eco-compatibile.

Come un marchio DOC o DOCG per un vino italiano, i bagnanti possono essere certi che una destinazione con la Bandiera Blu garantirà anche un prodotto di qualità basato su una serie di criteri. Scegliere tra centinaia, forse migliaia, di spiagge italiane è diventato meno scoraggiante!

Classificazione delle spiagge italiane

Sia che abbiate scelto una spiaggia con la Bandiera Blu o che stiate saltando in treno per raggiungere il punto più vicino di sabbia al sole, una cosa vale per quasi tutte le spiagge italiane: la designazione di stabilimenti (o bagni) e spiaggia libera.

Se avete mai avuto la fortuna di mettere piede su una spiaggia italiana, avrete visto la schiera deliziosamente colorata di ombrelloni e sedie sdraio allineata con la precisione di un appello del Corpo della Marina. Probabilmente avrete anche imparato che non si può semplicemente raggiungere una sdraio e farci cadere la borsa da spiaggia! Queste spiagge sono stabilimenti aperti a tutti, ma a pagamento. Okay, ma cosa si ha quando il tuo euro finisce in mano al bagnino? Un bel po' di cose, in realtà! I servizi tipici includono le suddette sedie e l’ombrellone, uno stabilimento balneare che asseconda i bisogni di cambiamento e di toilette, un bagnino, spiagge pulite e un assortimento di locali da mangiare dal casual a quelli piuttosto eleganti. Siate pronti, tuttavia, a essere fermati quando chiedete quel posto adorabile a un passo delle onde che si infrangono. Molti italiani amanti del sole ritornano sulla stessa spiaggia anno dopo anno, e perfino sullo stesso set di sdraio. I biglietti d'ingresso stagionali per uno stabilimento sono generalmente alla portata e solitamente acquistati da coloro che non sono turisti o escursionisti.

La spiaggia libera è proprio quella: una spiaggia libera, senza costi aggiuntivi, per trascorrerci una giornata a perfezionare quel colorito bronzeo. I servizi variano tuttavia in modo notevole; non è garantito un posto dove cambiarsi o un bagno nelle vicinanze. Ci sono spesso file meno allineate di sdraio e ombrelloni rispetto a quelli degli stabilimenti, ma solo per il noleggio giornaliero o ad ora. Non è raro trovare opzioni per soddisfare la fame o la sete indotte da una nuotata sulla spiaggia libera; piccoli chioschi o bar si trovano comunemente nelle vicinanze. Se una particolare amenità è considerata necessaria, ciò richiede un po' di compiti a casa per sapere prima dove andare.

Durante i mesi estivi in ​​Italia, pianificare un viaggio in spiaggia per un capriccio potrebbe equivalere a un sacco di frustrazione. I fine settimana, specialmente le domeniche, sono intensamente occupati: sembra che città intere si accumulino sull'Autostrada e si dirigano verso la spiaggia. Un visitatore inconsapevole potrebbe trascorrere una giornata sotto il sole della Toscana, ma seduto dentro una macchina calda che si muove lentamente, invece che giocare con il surf. Se si pianifica un soggiorno di più di un giorno, la prenotazione di un hotel, in qualsiasi luogo nelle vicinanze di una spiaggia, dovrebbe essere fatto con largo anticipo.

Far bella figura in spiaggia 

Fare una buona impressione - presentarsi al massimo della forma ... far bella figura! Ma come realizzarlo su una spiaggia italiana?

Sinceramente, è praticamente impossibile a meno che tu non sia nato e cresciuto in Italia. Tuttavia, non è mai una cattiva idea conoscere le norme e le aspettative per evitare di sembrare un pupazzo di neve sulla sabbia. La lista potrebbe includere cose come essere consapevoli del fatto che su queste spiagge, si chiede di mostrare la pelle abbronzata, non importa quale sia la tua età. Le donne di ogni età e di qualsiasi forma sono quasi sempre in costume da bagno a due pezzi. Uomini, superate la timidezza per gli Speedo - questi sono gli abiti attesi per il genere maschile. Il pranzo è il pranzo ... in stile italiano, naturalmente. Prevedete due o tre ore di distanza dal vostro lettino da spiaggia riservato, con l'aggiunta di qualche ora in più dopo l'ultimo morso in modo da evitare di affogare per i crampi. E accessori. Colori design, borse, involucri ... anche i tacchi ... porteranno solo sguardi ammirati.

La spiaggia chiama ... Andiamo!

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Italy’s lighthouses – new lights for old treasures

There seems to be a shared fascination with lighthouses the world over. These austere pillars of hope and guidance, most often planted on precarious...

The neglected gem of Italy’s heel: Bari

Puglia needs no special introduction. Its sea, the baroque grandeur of Lecce, its olive oil and fresh cheeses: all in the region of Italy’s “heel”...

Which side are you on? The many rivalries of Italy

The very fact you’re reading this article right now means you are or feel connected in some way to Italy and that you, very likely, love this amazing...

Guess who’s coming for dinner: did the Romans really make it to America?

We all know when and how the American continent was discovered — let us not delve into the unnerving diatribe about “discovering” vs “conquering”...

Tracing the origins of pasta

There are great love affairs that permeate the ages: Anthony and Cleopatra, Rhett and Scarlet, Samson and Delilah…Everyone and Pasta. There’s...

Weekly in Italian

Recent Issues