Lina Wertmüller: an Oscar to an original portrait of Italianness

A familiar image of Lina Wertmüller: pixie haircut and  her trademark white glasses @ Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma

“I am grateful to have received this award, which I didn’t expect, and that, for this reason, is even more welcome and makes me all the happier. For sure, the Americans always loved me,” she says to news agency Adnkronos shortly after the Academic announcement. 

Lina Wertmüller, 91 on the 14th of August, will receive an Oscar to the career in 2020. This year at Cannes she got a standing ovation — and an impromptu homage by Leonardo DiCaprio — when a restored version of her 1977 Seven Beauties was presented. As an incise, the movie had gained her an Oscar nomination, the first for a woman in the history of cinema. And while in Cannes, her daughter did wish Lina could eventually win it: “It would be lovely if she could win an Oscar.”

Lina Wertmüller, 91 on the 14th of August, will receive an Oscar to the career in 2020

Lina Wertmüller, 91 on the 14th of August, will receive an Oscar to the career in 2020 @ Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma

The award will be officially presented on the 27th of October, at the 11th Annual Governors Awards, with the following motivation: for extraordinarily standing out as a director throughout her career, and for her exceptional contribution to cinema. “I am very happy. I didn’t expect it — she stresses once again to Ansa — but I gladly accept it. I dedicate it to my daughter and my husband. And to the actors I consider fundamental in my career: Mariangela Melato and Giancarlo Giannini.”

Giannini, who played Pasqualino in Seven Beauties and who,  along with Melato (who passed away in 2013), formed one of the most iconic cinematic duos of the second half of the past century, also shows great affection and respect for Wertmüller: “she made me. If it weren’t for her, I wouldn’t be  here and I wouldn’t have done what I did in my career. She’s been everything to me.”

Wertmüller is not only a director but also an accomplished screenwriter @ Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma

Behind her iconic glasses — rigorously white — Arcangela Felice Assunta Wertmüller von Elgg Spanol von Braueich built over 40 years of Italian cinema, using a high yet popular register and a type of irony at once intellectual and colloquial, which landed her a David of Donatello (2010), a Globo d’Oro (2009) and a Flaiano (2008), Italy’s most prestigious cinema awards. 

Born in Rome in 1928, from Federico, a lawyer from Palazzo San Gervasio (Potenza) and Roman Maria Santamaria-Maurizio, Wertmüller joins the Accademia Teatrale at 17. She initially works as a theatre director, then moves onto radio and TV, where she works both as a director and an author. In 1953, finally, she moves her first steps in the world of cinema, along with the great Federico Fellini: she is his assistant in La Dolce Vita (1960) and 8 and 1/2 (1962). She  debuts as a director in 1963 with I Basilischi, bitter narration of the life of a group of young southerners, for which she receives the Silver Sail at the Locarno Film Festival.

Seven Beauties was a great success in the US. In an interview published last year in Variety, Wertmüller said: “It was the reaction of the  media to make me understand how significant my nomination was. Since I had arrived in the US, I had been submerged by  interview requests coming from both  TV and newspapers. People would tell me the news talked about my nomination as a historical moment. And, when thinking about it, it truly was, especially for women all over the world. I still receive thank you letters from women directors who say were inspired by  my experience today.”

Wertmüller in the 1970s @ Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma

Felice Laudadio, screenwriter, producer, critic, artistic director of Bari’s Bif&st and president of the Centro Sperimentale di Cinematografia (CSC) in Rome, where Wertmüller acted as special commissioner from 1988 to  1994, discusses her  extraordinary career with L’Italo Americano. The CSC, along with the Cineteca Nazionale and Genoma Films, is behind the restoration of Seven Beauties, carried out on the original 35 mm films. Lina Wertmüller’s eight movie, which received one nomination to the Golden Globes and four to the Oscars, is a clever and ferocious apology to the art of make doing and surviving at all costs, typical of Neapolitan culture. Its restored version was screened for the first time on the 22nd of May at the 72nd Cannes Film Festival. Laudadio was present when DiCaprio made his praise to Wertmüller. And he tells us about it. 

Giannini, who played Pasqualino in Seven Beauties and who,  along with Melato (who passed away in 2013), formed one of the most iconic cinematic duos of the second half of the past centur

Giannini, who played Pasqualino in Seven Beauties and who, along with Melato (who passed away in 2013), formed one of the most iconic cinematic duos of the second half of the past century @ Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma

The Academy announced the Oscar for Wertmüller. An extraordinary career, characterized by plenty of successes and works enjoyed all over the world. In 2002, Guy Ritchie’s remake of her Swept Away (1974), with Madonna starring in the role that had been of Mariangela Melato, bore witness to her popularity in the US. What are Lina’s merits?

She contributed to change women cinema. If Monicelli is the precursor of “Commedia all’Italiana,” with his Big Deal on Madonna Street and all that came after that in the 1960s and 1970s, Lina Wertmüller is, so to speak, a female Monicelli: she radically changed the structure of comedy, introducing a female take on it, and this is a pretty important thing. Determinant, in fact, if we think about Let’s Talk about Men (a 1965 movie whose title refers to  Let’s Talk about Women, directed by Ettore Scola the previous year), Love and Anarchy (1973, which participated to the 26th Cannes Film Festival, where Giannini won  the award as best actor), Sabato Domenica e Lunedì (1990) and Ciao, Professore! (1992). These are all movies where female figures — all symbolically represented by Mariangela Melato, who loved Wertmüller for the way she directed her — are central. Melato and Lina had many occasions to confront each other — not to fight, to confront — while improving dialogues, lines and parts. Swept Away confirms this. 

The award will be officially presented on the 27th of October, at the 11th Annual Governors Awards

The award will be officially presented on the 27th of October, at the 11th Annual Governors Awards @ Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma

How is she relevant for Italian cinema?

Let’s take a look at the women of Italian cinema. Even today, there aren’t many, in spite of the attempt to reach a 50-50 situation, an equal representation of men and women in the field. She has definitely been an extremely powerful personality, who imposed herself as a woman director, against all forms of homologation with male cinema. And I am not talking feminism, but culture here.  

What contribution did she  make to the representation of Italian society, of which she revealed  grotesque aspects and stratification when showing, for instance, the contrast between proletariat and bourgeoisie in the 1970s? She did offer a picture of being Italian very different from the more dramatic views of other movies of the time, such as those by Pietro Germi and Giuliano Montaldo. 

Perhaps the most representative of her movies from this point of view is The Seduction of Mimi, where an extraordinary identification with the  male character, interpreted by Giancarlo Giannini,  takes place. Giannini, along with Melato, is an icon of Wertmüller’s work. In this movie, Wertmüller proposes a personal reading of Italy’s working class, a subject potentially difficult and that, in those years, was mostly interpreted in a leftist way by Italian critics. Indeed, they never quite took into account the  contemporary aspects of her works, they always  kept her in the margins, because The Seduction of Mimi is a movie against all rules. It was the same thing for I Basilischi, her first movie about young Southerners, shot between Basilicata and Apulia with amateur actors. Even Seven Beauties, extremely dramatic, but never melodramatic, works on the tragic theme of the Shoah — just like Benigni was to do, later, in Life is Beautiful — treating it with immense depth and consideration, as shown by the factual images that introduce the film. 

Wertmüller was the first woman in the history of the Academy to be  nominated for an Oscar as best director with Seven Beauties, and the first woman director at the Cannes Film Festival, with The Seduction of Mimi. After her, only Jane Campion in 1994, Sofia Coppola in  2004, Kathryn Bigelow — who is, for the moment, the only woman to have won an Oscar as best director in 2010 — and Greta Gerwig in 2018. The Academy stressed how this year’s awards (David Lynch, Wes Studi and Geena Davis) want to show more recognition to women and underrepresented groups. Lina’s cinematography, however, is much more than #MeToo. She cannot be considered a feminist director. 

She was the first woman to be  nominated as best director for Seven Beauties. The fact it had never happened before is already a sign of how much American cinema valued her directing skills, but also her screenwriting and her actors’ characterization. The movie received four nomination: best director, best male lead (Giannini), best foreign movie, best original screenplay. 

But no, Lina Wertmüller is definitely not a feminist. She is a woman director, which is a very different  thing. It’s the woman’s point of view that counts. Her movies have just that: a strong female point of view, that always showed through, for better or worse, through each character. 

Giannini says that “Lina can make stones act well.” You are the president of the Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia in Rome, which manages the Cineteca Nazionale and the Scuola Nazionale di Cinema, the place where “cinema is studied, learned, made.” Lina Wertmüller was a special commissioner there from 1988 to 1994. What was learned from her?

She focused on direction, screenwriting and on actor training. She represented a turning point for  the School. Among her predecessors, I’d like to mention Roberto Rossellini, who was commissioner first and then director during the late 1960s. He wanted our students to be  global and globalizing: they had to be actors, screenwriters, directors, editors, directors of photography: he had an extremely modern view, deriving from his great experience. Lina, on the other hand, viewed learning and training more pragmatically.

In 2019, in Cannes, Seven Beauties brought back together Lina Wertmüller and Giancarlo Giannini on the occasion of the movie’s restoration. This is, indeed, one of the most important activities of the  Cineteca Nazionale. You were there. What can you tell us about this experience?

It was very moving. Aware of her “young” age, Lina wanted to be there. I was the first to call her when I got to know we could present the movie in Cannes. I called her at home, I spoke to her  daughter Maria and asked if Lina would have liked to go. She asked her mother, who answered “of course I would!” straight away. And when I let the people in Cannes know Lina was coming, everyone was really interested in it. Even the Festival director, Thierry Frémaux, who usually never shows up for the screening of restored movies, came to introduce her. 

On that occasion, Leonardo DiCaprio wanted to meet Lina and there is a photo showing them together: why is Lina so popular abroad?

Leonardo DiCaprio was waiting to walk the red carpet for Tarantino’s Once Upon a Time in Hollywood, but when he heard Lina was there, he didn’t hesitate one second. He went to meet her. He knew who she was very well; this very young, yet powerful Hollywood actor was very affectionate with Lina. The meeting was immortalized in one of the last photos taken by Pietro Coccia, a great photographer of Italian cinema, who shot Giannini, Wertmüller and DiCaprio holding hands. The most touching moment of all was, however, when we were in the theatre: myself, Giannini and Frémaux were on stage, while she preferred to remain seated in the front row. When Frémaux introduced her, the public offered a long, beautiful standing ovation for Lina, who stood up and thanked. Then, there was another huge applause for Giannini. The public never forgot her and knows her merits well. Thank goodness the Los Angeles Academy does too, even though I believe it should have thought about them much earlier. 

“Sono molto grata per la decisione di assegnarmi questo premio che non mi aspettavo affatto e che, per questo, è tanto più gradito e mi fa tanto più piacere. Certo gli americani, grazie a Dio – dice all’agenzia Adnkronos che la raggiunge subito dopo l’annuncio dell’Academy - mi hanno sempre voluto bene”. 

Lina Wertmuller, 91 anni il 14 agosto, regista e sceneggiatrice riceverà un Oscar alla carriera nel 2020. A Cannes per il restauro di “Pasqualino Settebellezze”, film del 1977 per cui è stata la prima donna candidata all'Oscar come migliore regista, ha ricevuto una lunga standing ovation e l’omaggio fuori programma di Leonardo DiCaprio. Durante il festival la figlia Maria Zulima se l'era augurato: “Sarebbe bello se le dessero l'Oscar”. 

La statuetta verrà presentata ufficialmente il 27 ottobre agli XI Annual Governors Awards e avrà questa motivazione: per essersi distinta in modo straordinario lungo la sua carriera, e per il contributo eccezionale dato al cinema. "Sono felice per questa notizia. Non me lo aspettavo – ribadisce all’Ansa - ma lo prendo volentieri. Lo dedico a mia figlia e a mio marito. E agli attori per me fondamentali, Mariangela Melato e Giancarlo Giannini”.

Giannini, che interpretò Pasqualino e che con la Melato (scomparsa nel 2013) ha dato vita a uno dei sodalizi artistici che hanno segnato la storia del cinema italiano della seconda metà del secolo scorso, le restituisce l’affetto: “Lina mi ha creato. Se non ci fosse stata lei, io non sarei qui e non avrei mai fatto quello che ho fatto nella mia carriera. Per me è stata tutto”. 

Dietro ai suoi iconici occhiali rigorosamente bianchi, Arcangela Felice Assunta Wertmüller von Elgg Spanol von Braueich, ha costruito oltre 40 anni di cinema italiano usando una scrittura alta e al contempo popolare e un’ironia colta ma colloquiale, già premiata con David di Donatello (2010), Globo d’oro (2009) e Flaiano (2008), i principali riconoscimenti cinematografici nazionali. 

Nata a Roma nel 1928 dal lucano Federico, avvocato di Palazzo San Gervasio (provincia di Potenza) e dalla romana Maria Santamaria-Maurizio, a 17 anni si iscrive all'Accademia Teatrale. Lavora prima come animatrice e regista di spettacoli teatrali poi passa a radio e televisione, come autrice e regista. Quindi arriva il cinema dove muove i primi passi nel 1953. Sulla sua strada ecco Federico Fellini: ne diventa aiuto regista in "La dolce vita" (1960) e "8 e 1/2" (1962). Il suo esordio alla regia è del 1963 con "I Basilischi", amara narrazione della vita di alcuni giovani meridionali per cui riceve la Vela d'argento al Festival di Locarno.

Pasqualino Settebellezze ebbe un grande successo di pubblico negli Stati Uniti. In un’intervista pubblicata l’anno scorso su Variety, ha detto: “È stata la reazione dei media a farmi capire quanto fosse significativa la mia nomination. Da quando ero negli Stati Uniti, sono stato inondata di richieste di interviste da reti televisive e giornali. Qualcuno mi ha detto che i notiziari stavano strombazzando la candidatura come se fosse un evento storico. In realtà, a ben vedere, lo è stato, soprattutto per le donne di tutto il mondo. Ancora oggi ricevo lettere di ringraziamento da parte di registe che affermano di essere state ispirate dalla mia esperienza”. 

A parlare della sua straordinaria carriera per L’Italo-Americano è Felice Laudadio, sceneggiatore, produttore e critico cinematografico, direttore artistico del Bif&st di Bari, presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma di cui Lina Wertmuller è stata commissario straordinario dal 1988 al 1994. Il CSC, con la Cineteca Nazionale e Genoma Films, ha restaurato Pasqualino Settebellezze a partire dai negativi originali in 35 mm. L’ottavo film di Lina Wertmüller, una candidatura ai Golden Globes e 4 all'Oscar, è un'apologia intelligente e feroce dell'arte di arrangiarsi e sopravvivere ad ogni costo, tipica della cultura partenopea. E’ stato proiettato in versione restaurata il 22 maggio al 72° Festival di Cannes. Laudadio era presente quando Leonardo DiCaprio ha omaggiato la Wertmuller. E ce lo racconta.

L'Academy ha annunciato una statuetta per Lina Wertmuller. Una straordinaria carriera costellata di successi e opere molto amate anche all’estero. Nel 2002, a conferma della sua popolarità oltreoceano, venne anche girato il remake di “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” (1974) da Guy Ritchie, con Madonna al posto della Melato. Quali meriti ha Lina?

Ha contribuito a cambiare il cinema al femminile. Se Monicelli è il precursore della Commedia all’Italiana con il suo “I soliti ignoti” e tutto quello che poi è seguito negli anni ’60 e ‘70, Lina Wertmuller, se posso dire così, è un Monicelli al femminile: ha modificato radicalmente l’impianto della commedia introducendo uno sguardo femminile e questo è un aspetto piuttosto importante. Direi anzi determinante pensando a “Questa volta parliamo di uomini” (film del 1965 il cui titolo fa riferimento a “Se permettete parliamo di donne” diretto l'anno precedente da Ettore Scola, ndr), a “Film d'amore e d'anarchia - Ovvero "Stamattina alle 10 in via dei Fiori nella nota casa di tolleranza..." del 1973 (in concorso al 26º Festival di Cannes valso a Giannini il premio per la migliore interpretazione maschile, ndr), a “Sabato, domenica e lunedì” del 1990, o ancora a “Io speriamo che me la cavo” del 1992. Sono tutti film dove c’è un’attenzione fortissima per la figura femminile, peraltro simbolicamente rappresentata da Mariangela Melato che adorava la Wertmuller per il modo in cui la dirigeva. Lei e Lina hanno avuto molte occasioni di confronto, non di scontro ma di confronto, per perfezionare dialoghi, battute e parti e “Travolti da un Insolito Destino nell’azzurro mare d’agosto” è la conferma di questa lettura.

In che misura è importante per il cinema italiano? 

Facciamo un attimo l’analisi di quali sono le donne nel cinema italiano. Ancora oggi, nonostante il tentativo di arrivare al pareggio, al 50-50, a una par condicio uomo-donna, sono davvero poche. Lei è stata sicuramente una personalità fortissima che si è imposta in quanto regista donna nel nostro cinema e che si è imposta contro ogni tipo di omologazione con il cinema degli uomini. Non sto facendo un discorso femminista ma culturale. 

Che contributo ha dato alla rappresentazione della società italiana, di cui ha svelato i lati grotteschi e che ha dipinto nella sua stratificazione sociale, mostrando ad esempio il contrasto proletariato/borghesia degli anni ’70? Ha offerto un quadro dell’essere italiani molto diverso dal tono drammatico tipico dei film coevi di Pietro Germi o Giuliano Montaldo.

Forse il film più simbolico è “Mimì metallurgico ferito nell’onore”, dove c’è una straordinaria identificazione con un personaggio maschile che è Giancarlo Giannini, attore feticcio come è lo è stata la Melato nei suoi film, ma c’è anche la lettura che lei dà della classe operaia, argomento che poteva dare fastidio e rispetto al quale, allora, c’era una lettura oggettivamente orientata a sinistra della critica italiana che non ha mai considerato l’effettivo valore di contemporaneità dei film che faceva ma la teneva a margine, perché Mimì metallurgico è un film contro ogni schema. Ma così è stato anche per I Basilischi il primo film sui giovani meridionali, girato tra Basilicata e Puglia, con attori presi dalla strada: era contro certe regole e lei era considerata una rompiscatole. Lo stesso Pasqualino Settebellezze, estremamente drammatico ma mai melodrammatico, lavora sul tema tragico della Shoah come in seguito farà Benigni in La vita è bella, e lo tratta con una profondità e una serietà straordinaria, che nasce anche dalla scelta delle immagini documentarie che si vedono all’inizio. 

Prima donna in assoluto nella storia dell'Academy candidata all'Oscar come migliore regista per il film Pasqualino Settebellezze nella cerimonia del 1977 e prima donna in concorso a Cannes, con Mimì metallurgico 1972. Dopo di lei ci saranno solo Jane Campion nel 1994, Sofia Coppola 2004, Kathryn Bigelow che per ora è l’unica ad aver vinto l’Oscar alla regia nel 2010, e Greta Gerwig nel 2018. 

I riconoscimenti di quest’anno (David Lynch, Wes Studi e Geena Davis), sottolinea l'Academy, sono orientati alla maggior valorizzazione delle donne e dei gruppi sotto rappresentati. Ma nel cinema di Lina c’è decisamente molto più di #MeToo. Non la si può considerare una regista femminista. 

E’ stata la prima donna ad essere candidata agli Oscar per la regia con “Pasqualino Settebellezze”. Considerato che storicamente prima di lei non era mai successo, già questo è stato un segnale dell’attenzione che il cinema americano ha sempre dato alla sua arte registica ma anche alla sua sceneggiatura, alla sua scrittura e alla sua caratterizzazione degli attori. Il film ebbe quattro nomination: miglior regia, miglior attore protagonista (Giannini), miglior film in lingua straniera, miglior sceneggiatura originale.

Però no, assolutamente, la Wertmuller non è una femminista. E’ una regista donna che è una cosa diversa. E’ il punto di vista di una donna ciò che conta. I suoi film hanno esattamente questo: un forte punto di vista al femminile che sapeva far esplodere, nel bene e nel male, attraverso il personaggio.

Giannini dice che “Lina sa far recitare anche le pietre”. Lei è presidente della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma che gestisce la Cineteca Nazionale e la Scuola Nazionale di Cinema, luogo quest’ultimo dove “il cinema si studia, si impara, si fa”. Lina Wertmüller ne è stata commissario straordinario dal 1988 al 1994. Quale è stata la sua lezione?

Lei ha molto curato il lavoro di formazione su regia, sceneggiatura e formazione degli attori. E’ stata una svolta rispetto al passato. Tra i predecessori cito, prima come commissario poi come presidente, Roberto Rossellini negli anni della contestazione. Per lui l’allievo doveva essere una figura globale e globalizzante, doveva sapere tutto, doveva essere attore, sceneggiatore, regista, montatore, direttore della fotografia, secondo una lettura molto moderna che deriva anche da una grande esperienza per quello che è stato uno dei grandi precursori della televisione alta. Lina ha invece dato al lavoro della formazione una lettura molto più pragmatica.

A Cannes 2019, Pasqualino Settebellezze ha riunito Lina Wertmüller e Giancarlo Giannini, per parlare del restauro del lungometraggio. Questa è una delle attività fondamentali della Cineteca Nazionale. Lei era presente. Cosa ci può raccontare?

A Cannes è stato profondamente emozionante. Consapevole della sua “giovane” età, Lina ha voluto esserci. Sono stato il primo a chiamarla quando ho saputo che avevamo una possibilità di presentare il film a Cannes. Ho chiamato casa sua, ho parlato con la figlia Maria e le ho chiesto se Lina era disponibile ad andarci. Lei ha ripetuto la domanda alla madre e Lina ha subito detto: certo che ci andrei! E quando ho comunicato a Cannes che Lina ci sarebbe stata, devo dire che c’è stato un forte interesse nell’averla lì. Si è mosso addirittura il direttore del festival Thierry Frémaux per presentarla, lui che generalmente non presenzia alle proiezioni dei film restaurati.

In quell’occasione Leonardo DiCaprio ha voluto incontrare Lina e uno scatto li ritrae insieme: perchè Lina è tanto conosciuta anche fuori dai confini nazionali? 

Leonardo DiCaprio stava aspettando di andare sul tappeto rosso per “Once Upon a Time in Hollywood” di Quentin Tarantino ma quando ha saputo che c’era Lina Wertmuller non ha esitato un attimo. Le è andato incontro. Sapeva benissimo chi era e c’è stato un momento molto affettuoso di saluto da parte di questo giovane ma potentissimo attore del movie business di Los Angeles e questo incontro, questa stretta di mano, è stata immortalata in una delle ultime fotografie di uno dei grandi fotografi del cinema italiano, Pietro Coccia, che ha messo insieme Giannini, Wertmuller e DiCaprio mano nella mano. Il momento più emozionante però, è stato quando siamo entrati in sala: io, Giannini e Frémaux eravamo sul palco mentre lei ha preferito restare seduta in prima fila. Quando Frémaux l’ha presentata, il pubblico di Cannes si è alzato in piedi e c’è stata una lunga, bellissima, standing ovation per Lina che si è alzata e ha ringraziato. Poi c’è stato un altro grande applauso per Giannini. Il pubblico non si è dimenticato di lei e ne conosce bene i meriti. Per fortuna, anche se secondo me avrebbe dovuto pensarci prima, se ne è ricordata anche l’Academy di Los Angeles. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Pasta Grannies: Italian nonne take YouTube by Storm

If you are familiar with all that’s trending on YouTube , then you may know The Pasta Grannies, a channel with more than 400.000 subscribers where...

Roma Caput Mundi… and cinema! The most iconic movie location of Italy’s capital

Roma, the head of the world: that’s what our ancestors used to say and that’s what our title is about. The city has been going through some difficult...

Palermo’s own Sunday feast: timballo di anelletti al forno

Baked anelletti pasta is a recipe traditional to Palermo, but it is a dish that holds a special place in the hearts of almost all Sicilians. If you...

Caltagirone, a stairway to heaven

Brimming with cultural vigor, strength and resilience, Caltagirone is the heart of the authentic, wild southeastern Sicily. The scenic town is a...

Yabla: Learn Italian with TV, Film and Videos

You may have a little Italian under your belt, perhaps from family experience, travel, tutors, or classes, and you want to improve your skills in a...

Weekly in Italian

Recent Issues