Internazionalizzazione e tecnologie: l’Emilia Romagna incontra investitori della Silicon Valley 

Internazionalizzazione e tecnologie: l’Emilia Romagna incontra investitori della Silicon Valley 

È stata ricevuta a Bologna la delegazione composta da 10 investitori provenienti dalla Silicon Valley nell’ambito dell’Incoming Program. La delegazione ha partecipato ad un incontro con le aziende Eon Reality e Philip Morris, con sedi nel bolognese, e alcuni ‘capital angels’ che favoriscono investimenti nel territorio.

L’Emilia-Romagna si conferma sempre più attrattiva per gli investimenti dall’estero. Gli investitori hanno riferito apprezzamento per la dinamicità e l’avanzamento tecnologico della Regione, per il suo ecosistema di piccole e medie aziende altamente avanzato e per le start up creative e innovative.

Gli investitori americani sono ospiti in questi giorni in Emilia-Romagna nell’ambito dell’iniziativa Incoming Program e per far visita a R2B, evento di riferimento nei settori Innovazione e Digitale per imprese ed enti locali. L’obiettivo della visita è quello di creare opportunità di incontro tra investitori Usa e imprese regionali di alto profilo e dal forte potenziale di internazionalizzazione (22 quelle selezionate da un bando).

“Avete fatto un lavoro straordinario – ha detto Bill Reicher (Managing Director di Garage Tecnology Venture) sintetizzando il pensiero di molti investitori - e apprezziamo l’opportunità che ci è stata offerta”. “L’Emilia-Romagna sarà in pochi anni una delle regioni più avanzate del mondo”, ha commentato Eugenio Sidoli della Philip Morris dopo aver illustrato la positiva esperienza dell’azienda sul territorio bolognese.

Gli investitori, che in agenda hanno anche incontri con le start up nell’ambito del salone R2B, in questi giorni hanno visitato le aziende Carpigiani, Tetrapak e Ducati, rimanendo colpiti dalla dinamicità delle imprese. Nell’area espositiva di R2B è inoltre possibile conoscere gli stand di 50 startup, le imprese digital e i 50 laboratori e centri di ricerca presenti alla fiera, dove si può sperimentare le applicazioni di realtà virtuale e aumentata e di Intelligenza Artificiale presentate da Eon Reality e IBM.

Presenti all’incontro, oltre a Bill Reichert, gli investitori della Silicon Valley Danilo Mazzara (Accenture Ventures), Matthijs van Leeuwen (Sunway iLabs), Jaleh Daie (Band of Angels), Jay Onda (Orange Silicon Valley), Yoshiaki Tanaka (Soft Bank), Ronald Weissman (Angel Capital Association), Riccardo Lo Cascio (Nocozyme Biotech), Mike Dovbish (Nutrition Capuital Network) e Sahli Kumar (Sk Telecom/Sk Group).

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Il Coronavirus si abbatte sull'export record di cibo italiano (+11,3%) in Usa

Il Coronavirus si abbatte sull'export record di cibo italiano (+11,3%) in Usa

L’emergenza Coronavirus si abbatte sul commercio internazionale dopo il record storico fatto registrare dal Made in Italy agroalimentare all’estero...
Coronavirus, un miliardo di piante e fiori appassiti: in ginocchio uno dei settori più belli e amati del made in Italy

Coronavirus, un miliardo di piante e fiori appassiti: in ginocchio uno dei settori più belli e amati del made in Italy

L’emergenza Coronavirus sta mettendo in ginocchio uno dei settori più belli e amati del made in Italy, quello del florovivaismo con un miliardo di...
Attivata la rete diplomatica a difesa dei prodotti alimentari made in Italy

Attivata la rete diplomatica a difesa dei prodotti alimentari made in Italy

È stata attivata la rete diplomatica. È quando ha dichiarato il Ministro delle Politiche Agricole e Alimentari, Teresa Bellanova, come risposta alla...
È la mozzarella di bufala il prodotto made in Italy più amato dagli influencer nordamericani

È la mozzarella di bufala il prodotto made in Italy più amato dagli influencer nordamericani

È la mozzarella di bufala il prodotto made in Italy più amato dagli influencer nordamericani. Sale sul podio, insieme alla pasta fresca e al...
A rischio 19 miliardi di valore aggiunto per gli effetti del Coronavirus in Italia

A rischio 19 miliardi di valore aggiunto per gli effetti del Coronavirus in Italia

Una riduzione del valore aggiunto dell’Italia di quasi 19 miliardi di euro su base annua, pari al -1,2% rispetto al 2019. È questa la stima degli...

Weekly in Italian

Recent Issues