Videogame nei musei? Sono tecnologie applicate ai beni culturali

Videogame nei musei? Sono tecnologie applicate ai beni culturali

Comprendere e mettere a punto strategie, approcci ed esperienze per l’utilizzo dei videogame nei musei. Se ne è discusso a Palazzo Massimo di Roma nel corso di una giornata di studi organizzata dal Ministero per i beni e le attività culturali, dal Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), dall’Istituto Luce-Cinecittà e da RomeVideoGameLab.

L’Istituto per le tecnologie applicate ai beni culturali del Cnr (Cnr-Itabc) lavora da 20 anni nel settore delle applicazioni interattive e ha sperimento diversi progetti collocandoli all’interno di musei. “Per poter funzionare, un progetto interattivo deve innanzitutto essere accessibile e  soggetto a manutenzione costante”, spiega Sofia Pescarin, ricercatrice Cnr-Itabc. “Altro aspetto da non sottovalutare riguarda la progettazione degli spazi, ovvero il museo e il progetto tecnologico non possono andare in direzioni diverse, ma devono comunicare e fare in modo che la tecnologia venga inserita in modo armonico all’interno dell’allestimento tradizionale. Un ultimo elemento che sarebbe auspicabile sperimentare è quello legato alla creazione di nuovi spazi,  di ‘bolle’ in cui i visitatori possano distaccarsi, disconnettersi, utilizzando la tecnologia per aumentare l’attenzione, la riflessione e anche l’autoriflessione”.

La giornata è stata anche l’occasione per un confronto sulla necessità di adeguare le norme giuridiche alle nuove forme di organizzazione tecnologica nei musei. “Attualmente, in Italia, abbiamo delle norme, delle prassi di comportamento, che sono nate in un contesto, quale quello di 30 anni fa nel mondo del patrimonio culturale, che non aveva ancora conosciuto l’evoluzione digitale”, precisa Augusto Palombini, ricercatore Cnr-Itabc. “La presenza della rete oggi pone dei problemi assolutamente nuovi dal punto di vista delle riproduzioni del nostro patrimonio ma anche dello sfruttamento dei modelli 3d dei nostri tesori. Tutto ciò va affrontato con strumenti più moderni e con la consapevolezza che siamo veramente alla vigilia di un’epoca che potrebbe anche cambiare economicamente le nostre prospettive, perché la quantità del nostro patrimonio è qualcosa che può incidere positivamente anche sul nostro prodotto interno lordo”.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Negli ultimi quarant’anni l’atmosfera italiana è diventata più limpida: lo dicono i ricercatori del Cnr

Negli ultimi quarant’anni l’atmosfera italiana è diventata più limpida: lo dicono i ricercatori del Cnr

Negli ultimi quarant’anni l’atmosfera in Italia è diventata più limpida, e l’aria può considerarsi “più pulita”: queste le conclusioni a cui sono...
Dall'invenzione del microprocessore alla scienza della consapevolezza: anteprima americana con Federico Faggin a San Francisco

Dall'invenzione del microprocessore alla scienza della consapevolezza: anteprima americana con Federico Faggin a San Francisco

Sarà la Fugazi Hall di San Francisco ad ospitare martedì 3 settembre, dalle ore 18.30 alle 20.30, l'anteprima americana del libro “Silicio. Dall'...
Il mare restituisce la storia più antica: a Reggio Calabria un giacimento sommerso di anfore antiche

Il mare restituisce la storia più antica: a Reggio Calabria un giacimento sommerso di anfore antiche

A Reggio Calabria dal 5 al 9 agosto lungo il tratto della Via Marina, nello specchio di mare compreso tra il monumento a Vittorio Emanuele e il Lido...
L’eredità morale di Paolo Borsellino: la famiglia, Palermo e il suo mondo denso di umanità e giustizia

L’eredità morale di Paolo Borsellino: la famiglia, Palermo e il suo mondo denso di umanità e giustizia

Parafrasando Einstein, se il tempo può essere definito come una dilatazione dello spazio, allora ogni istante può essere nullo oppure infinito. Per...
Addio a De Crescenzo, l'ingegnere che divulgò la filosofia con un autentico e geniale tocco di napoletanità

Addio a De Crescenzo, l'ingegnere che divulgò la filosofia con un autentico e geniale tocco di napoletanità

Dopo la scomparsa dell’ingegnere-filosofo napoletano Luciano De Crescenzo, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha rilasciato questa...

Weekly in Italian

Recent Issues