Matteo Troncone and the Neapolitan “art of living”

Arrangiarsi (Pizza... and the Art of Living) is now touring around the US @Matteo Troncone

It’s sunny in San Francisco on the Saturday afternoon before Memorial Day. Matteo comes to San Francisco from San Luis Obispo, before taking a flight to Chicago the next day. Matteo and I have been in touch for a few days now and I can immediately feel his excitement when we meet to talk about his film, Arrangiarsi (Pizza... and the Art of Living) that he is now touring around the US. 

Once we introduce to each other, Director Matteo Troncone is the one starting the conversation: “Did you see him?” he asks. Surely he takes me by surprise, but only for a moment. Soon, it becomes clear that the “him” is actually his van. The Brown Bison, as Matteo calls it, is parked outside the café and there is no way it can go unnoticed: on both sides, you can read “Pizza and the art of living,” whereas the back shows the word “arrangiarsi,” in addition to stickers of all Festivals where the film was played, an Italian plate Matteo found on the road while visiting Italy, and the official plate customized as “Pizza.” 

Troncone sitting on the roof of his beloved 1985 VW van, The Brown Bison @ Matteo Troncone

The 1985 VW van is only one, yet precious, part of Director Troncone’s life, in which - he confesses - serendipity and faith have played a big role. Matteo was born in an Italian-American family, with the four grandparents coming from the Bel Paese and searching new opportunities in the States. His granddad reached Pennsylvania, Matteo recalls, as many other immigrants who stopped in New York before moving to the city of adoption. Matteo and his family have spent their life in Mill Valley though, and he is the only one with an interest in acting and filmmaking.  

Peppe, one of the many Neapolitans who became part of Troncone’s beautiful cinematographic vision @ Matteo Troncone.

Matteo followed his passion, he studied theatre at San Francisco State University and got his Masters degree at the Old Globe Theater in San Diego. What happens in between the degree and today is a blend of experiences, decisions, and serendipity, all contributing to making Matteo’s life extremely unique and fascinating. He filmed his story in Naples, edited it in California, and screened it in American theatres for a few years now.  

Who was Matteo Troncone before “Arrangiarsi (Pizza... and the Art of Living)?” Before the film, he  was somebody focused on getting acting work, looking outward, and depending on other people’s opinions in order to do what he was passionate about. Then, he became somebody opposite to that: now he is, instead, looking inward and embracing a truthful way of looking at life. He has simply become a maestro in surviving life events

Matteo Troncone filmed his Arrangiarsi (Pizza and the Art of Living) entirely in Naples @ Matteo Troncone

Matteo, who went by Matthew during his acting career (“otherwise your name sounds like somebody’s owning a pizza place” a colleague suggested once), was in the running for a part in “Long Day’s Journey into Night,” but he was cut at the last minute. He had a falling out with family, he almost got killed by a Muni bus on Haight Street in San Francisco, and ultimately became single from one day to another via email, when his girlfriend of that time announced she had a new lover.  

Arial view of Naples at night @Matteo Troncone

What changed then? “My life was at a turning point and, as it usually happens in any hero’s journey, I started with big losses. My family has played an important role in terms of values, culture, pride, and the language spoken at home. However, they weren’t too present in the moment I made those changes. The film represents the evidence of a faith walk, along which we learn whether or not the universe is friendly to us. In my career as an actor, I was always looking for validation, I worked to make other people happy, until something changed so radically that turned my career into something different. I was managing myself and taking care of every piece of the film. Moments of serendipity came, one after the other.” 

When Matteo travelled to Italy to discover his parents’ roots, he decided Naples was the place. After he enjoyed pizza and the Italian life, he headed back to Mill Valley and decided he would make a film about pizza, even if he had never worked on a movie before. He got a free ticket to go back from a friend who could not use it and returned to Naples for 18 days to film artists, pizza makers, farmers, and flour producers. 

Piazza Dante, Naples @Matteo Troncone

Matteo, tell us a bit more of how this documentary came to life. 

I launched a kickstarter campaign in 2013, which lasted 45 days. People backed me up with $25K, which was what I asked in the campaign page. It took three years to come up with what we can see today: I had 130 hours of footage and spent 12 hours working, six days a week. I also had to go back to Italy one time because the audio I had taken at the Caputo Factory wasn’t good enough. On the other hand, I was lucky to have my friend from Trieste work with me for 10 days to translate all the parts spoken in Neapolitan. She literally worked as a “ciuccina” those days. On my hand, I was so inspired that I organized all my folders by topic and took care of each single piece of it. 

Angelo e Sasa, due dei personaggi raccontati in nel film di Matteo Troncone @ Matteo Troncone

How did you choose the people who eventually worked or supported you in the project? 

I do not believe in coincidence, I do believe in things happening as result of a divine orchestration: for instance, Peter Coyote saw me in a play and loved my performance. Randomly, we were at the same theatre one night in Sausalito and he asked how I was doing. I told him about my project and he eventually became involved with the voice over. However, when we recorded in 2016, the sound came out pretty bad and could not use it. When we decided to use my own voice for narration, he offered his help and supported anyways, he kept encouraging me and suggested to change the “art of survival,” as I first called it, into the “art of living.” Also Steve Bove, formerly at Walt Disney Studios, became the Creative Consultant and we met just because, when I moved into my new place, I found a free couch and he was the one giving it away. When I collected the couch, we started talking about my project and offered to help. That has been crucial for many reasons. For instance, when he helped me understand the use of whiteboards to return to the main topic of the film, the art of “arrangiarsi.” 

The 1985 VW van is only one, yet precious, part of Director Troncone’s life, in which - he confesses - serendipity and faith have played a big role @ Matteo Troncone

Matteo is an active part of the movie, however his presence is not everywhere or overwhelming. What’s behind this choice? 

To be totally honest, at the beginning, I didn't even want to be part of it. But all the people who knew me and were following my work advised to be an active part of it. They suggested the story would be more interesting with me in there, as the art of “arrangiarsi” was and is a big part of my own life. My way to look at obstacles and the art of overcoming them would have made the story more appealing, even if I wasn’t necessarily mastering that art itself. 

Matteo Troncone director and creator of Arrangiarsi @ Matteo Troncone

How did you find the experience of filming around Naples?

First of all, I was told to use a blue plastic bag for the camera. It would have made it safe to walk around and film people. It just looked like a grocery bag. Then, I was going around meeting artists and, at some point, I was also selling cartoline made from my photos. That facilitate some relationships with other street artists, like for example Peppe Martinelli. He allowed me to follow him for three days, shooting his performances around the city. There were also tough places where I could not film at all, and people were asking to not use my camera there. 

Neapolitan pizza is so unique, it's included in the UNESCO's list of intangible cultural heritage

What surprised you the most when you arrived in Italy the first time? And what was instead exactly what you expected? 

One of the best memories is when I went to Villa Adriana, near Rome, and the guy from the factory I was visiting let me ride the wheat combine. I was so surprised that I could not believe it! On the other hand, in general, I did not have many expectations: that’s what you do when you don’t follow any agenda. Just to give you an example: I filmed the San Gennaro Catacombs and entered the site using a fake press pass. One year later, I was listening to NPR and there was an interview with the guy who let me in two times. I sent an email to congratulate him and discovered he knew my press pass was fake, and said: “We all knew you had a good heart and you were working hard to show the beauty of Naples”. That was unexpected for sure. 

Gianluca, uno dei tanti Napoletani che hanno preso parte al lavoro di Matteo Troncone @ Matteo Troncone

If Naples did not happen to be the city of this film, which one would have been? 

Let me tell you: if it wasn’t Naples, the film wouldn’t exist. After my first time there, the friend who came when I was filming some new shots told me: “You are not making a film about pizza, you are doing something more.” She was totally right. I changed the purpose of the film and believed her because my soul knew what the film was about before my brain did.  

Which was the best part of this project? 

Eating pizza and meeting new people represented the sex part of the project. Then, when the baby - the movie - was born, I had to start dealing with changing diapers, which means for me getting the word out there. I loved when Neapolitans say I captured the essence of the city. I did not play the camorra card or something similar. As an Italian-American, I know what Italy is because I learned it through my family, but I come with the eyes of somebody from California and can see things more objectively. I screened in Los Angeles and I loved to see how people were touched by the story and I am impressed by the inspiration I can bring into the world. 

How does your life look like right now? 

Today, I live on the road: I have an office in San Luis Obispo and my van, Bison, is my home wherever I go. It never gives up and is always going. I also discovered how much I love editing, not only is fun but it’s also where magic happens.  

What does the art of “arrangiarsi” mean to you today? 

To me, “arrangiarsi” means allowing things to happen, listening to myself, and letting spirituality guide me. Thanks to this film, I learned to trust myself as an artist and as a filmmaker, in my own voice.  

Before I take a photo of Matteo next to his van, I realized I have another, last question. Will be there any part two, I wonder.  Matteo says there won’t be any part two, because the second part of the project is touring the film and making sure people are able to watch it. The film hasn’t been screened in Italy, although Matteo tried to get into some big festivals. He is right now his own publicist and “just a guy in a van” looking for (and hopefully finding soon) other ways than festivals to have it shown in Naples and Italy. Serendipity, he concludes, will do the rest. 

The movie will have a screening on Wednesday, June 5th at the Laemmle Fine Arts Theatre (Screening 7:30pm. Pizza reception 6:30pm). From June 7th to 13th at the Laemmle Music Hall 4:30 pm daily; on June 11th at Laemmle Monica at 7pm; finally on June 12th at Laemmle Pasadena Playhouse at 7pm

C'è il sole a San Francisco il sabato pomeriggio prima del Memorial Day. Matteo arriva a San Francisco da San Luis Obispo, prima di prendere un volo per Chicago il giorno dopo. Matteo ed io siamo in contatto da qualche giorno e posso sentire subito la sua eccitazione quando ci incontriamo per parlare del suo film, “Arrangiarsi (Pizza.... e l'arte di vivere)” che sta portando in giro negli Stati Uniti. 

Una volta che ci siamo presentati, il regista Matteo Troncone inizia la conversazione: "L'hai visto?" chiede. Sicuramente mi ha preso di sorpresa, ma solo per un momento. Presto, diventa chiaro che "lui" è in realtà il suo furgone. Il Brown Bison, come Matteo lo chiama, è parcheggiato fuori dal bar e non c'è modo che possa passare inosservato: su entrambi i lati, si legge "Pizza e l'arte di vivere", mentre sul retro c'è la parola "arrangiarsi", oltre agli adesivi di tutti i festival dove è stato proiettato il film, di un piatto italiano che Matteo ha trovato per strada durante una visita in Italia, e il piatto ufficiale personalizzato della "Pizza". 

Il furgone VW del 1985 è solo una parte, seppur preziosa, della vita del regista Troncone, in cui - confessa - la serendipità e la fede hanno avuto un ruolo importante. Matteo è nato in una famiglia italoamericana, con i quattro nonni provenienti dal Bel Paese e alla ricerca di nuove opportunità negli Stati Uniti. Suo nonno ha raggiunto la Pennsylvania, ricorda Matteo, come molti altri immigrati che si sono fermati a New York prima di trasferirsi nella città di adozione. Matteo e la sua famiglia hanno però trascorso la vita nella Mill Valley, ed è l'unico interessato alla recitazione e al cinema.  

Matteo ha seguito la sua passione, ha studiato teatro alla San Francisco State University e ha conseguito un master all'Old Globe Theater di San Diego. Ciò che accade tra la laurea e oggi è un mix di esperienze, decisioni e serendipità, che contribuiscono a rendere la vita di Matteo estremamente unica e affascinante. Ha girato la sua storia a Napoli, l'ha montata in California e proiettata nelle sale americane per alcuni anni.  

Chi era Matteo Troncone prima di "Arrangiarsi (Pizza… the Art of Living)"? Prima del film, era qualcuno che si occupava di recitazione, guardava verso l’esterno e dipendeva dalle opinioni altrui per fare ciò di cui era appassionato. Poi è diventato il contrario: ora guarda verso l'interno e ha un modo sincero di approcciare la vita. E' diventato semplicemente un maestro nel sopravvivere agli eventi della vita. 

Matteo, diventato Matthew durante la carriera di attore ("altrimenti il tuo nome suona come quello di uno che ha una pizzeria" mi ha suggerito una volta un collega), era candidato a una parte in "Long Day's Journey into Night", ma è stato tagliato all'ultimo minuto. Ha avuto un litigio con la famiglia, è stato quasi ucciso da un autobus Muni in Haight Street a San Francisco, e alla fine è diventato single da un giorno all'altro via e-mail, quando la sua ragazza di quel tempo ha annunciato che aveva un nuovo amante. 

Cosa è cambiato allora? "La mia vita era a un punto di svolta e, come di solito accade nel viaggio di qualsiasi eroe, ho iniziato con grandi perdite. La mia famiglia ha giocato un ruolo importante in termini di valori, cultura, orgoglio e lingua parlata in casa. Tuttavia, non sono stati molto presenti nel momento in cui ho fatto dei cambiamenti. Il film rappresenta la prova di un cammino di fede, lungo il quale capiamo se l'universo ci è amico o nemico. Nella mia carriera di attore, sono sempre stato alla ricerca di una conferma, ho lavorato per rendere felici gli altri, fino a quando qualcosa è cambiato così radicalmente che ha trasformato la mia carriera in qualcosa di diverso. Ho gestito me stesso e mi sono occupato di ogni pezzo del film. Sono arrivati momenti di serendipità, uno dopo l'altro". 

Quando Matteo si è recato in Italia per scoprire le radici dei suoi genitori, ha deciso che il luogo era Napoli. Dopo aver apprezzato la pizza e la vita italiana, è tornato a Mill Valley e ha deciso di fare un film sulla pizza, anche se non aveva mai lavorato ad un film prima di allora. Ha ottenuto un biglietto gratuito per tornare da un amico che non poteva usarlo ed è stato a Napoli per 18 giorni per filmare artisti, pizzaioli, contadini e produttori di farina. 

Matteo, ci racconti un po' di più di come è nato questo documentario. 

Ho lanciato una campagna kickstarter nel 2013, che è durata 45 giorni. La gente mi ha sostenuto con 25.000 dollari, che era quello che chiedevo nella pagina di crowfounding. Ci sono voluti tre anni per arrivare a quello che possiamo vedere oggi: ho fatto 130 ore di riprese lavorando 12 ore, sei giorni alla settimana. Una volta sono dovuto tornare in Italia perché l'audio che avevo preso alla Caputo Factory non era abbastanza buono. D'altra parte, ho avuto la fortuna di avere una mia amica triestina che ha lavorato con me per 10 giorni per tradurre tutte le parti in napoletano. In quei giorni lavorava letteralmente come una "ciuccina". Da parte mia, ero così ispirato che ho organizzato tutte le mie cartelle per argomento e mi sono occupato di ogni singolo pezzo. 

Come ha scelto le persone che alla fine hanno lavorato o l’hanno sostenuta nel progetto? 

Non credo nelle coincidenze, credo nelle cose che accadono come risultato di una orchestrazione divina: per esempio, Peter Coyote mi ha visto in uno spettacolo teatrale e ha amato la mia performance. Casualmente, una sera eravamo allo stesso teatro a Sausalito e lui mi ha chiesto cosa stavo facendo. Gli ho raccontato del mio progetto e alla fine è stato coinvolto per la voce fuori campo. Tuttavia, quando abbiamo registrato nel 2016, il suono è venuto fuori piuttosto male e non abbiamo potuto usarla. Quando abbiamo deciso di usare la mia voce per la narrazione, lui mi ha offerto il suo aiuto e comunque mi ha incoraggiato e suggerito di cambiare "arte della sopravvivenza", come l'avevo chiamato prima, in “arte di vivere". Anche Steve Bove, già alla Walt Disney Studios, è diventato il Creative Consultant e ci siamo incontrati solo perché, quando mi sono trasferito nel mio nuovo posto, cercavo un divano gratuito e lui era quello che lo dava via. Quando ho portato via il divano, abbiamo iniziato a parlare del mio progetto e si è offerto d’aiutarmi. Questo è stato cruciale per molte ragioni. Per esempio, quando mi ha aiutato a capire l'uso delle lavagne bianche per tornare al tema principale del film, l'arte dell'"arrangiarsi". 

Matteo lei è parte attiva nel film, ma la sua presenza non è ovunque o travolgente. Cosa c'è dietro questa scelta? 

Ad essere del tutto onesti, all'inizio non volevo nemmeno farne parte. Ma tutte le persone che mi conoscevano e seguivano il mio lavoro mi hanno consigliato di esserne parte attiva. Hanno suggerito che la storia sarebbe stata più interessante con me dentro, dato che l'arte di “arrangiarsi" era ed è una parte importante della mia vita. Il mio modo di guardare gli ostacoli e l'arte di superarli avrebbe reso la storia più attraente, anche se non ero necessariamente in grado di padroneggiare l'arte stessa. 

Come ha trovato l'esperienza delle riprese in giro per Napoli? 

Prima di tutto, mi è stato detto di usare un sacchetto di plastica blu per la camera. Avrebbe reso sicuro l’andare in giro e il filmare la gente. Sarebbe sembrata solo una borsa della spesa. Poi, andavo in giro a incontrare artisti e, ad un certo punto, vendevo anche cartoline fatte con le mie foto. Questo ha facilitato i rapporti con altri artisti di strada, come ad esempio Peppe Martinelli. Mi ha permesso di seguirlo per tre giorni, riprendendo le sue performance in città. C'erano anche luoghi difficili dove non potevo filmare, e la gente mi chiedeva di non usare la mia macchina fotografica. 

Cosa l'ha sorpresa di più quando è arrivato in Italia la prima volta? E cosa invece era esattamente quello che si aspettava? 

Uno dei ricordi più belli è quando sono andato a Villa Adriana, vicino a Roma, e il ragazzo dell’impresa che stavo visitando mi ha permesso di guidare la mietitrebbia. Ero così sorpreso che non potevo crederci! D'altra parte, in generale, non avevo molte aspettative: questo è quello che si fa quando non si segue nessun ordine del giorno. Tanto per fare un esempio: ho filmato le catacombe di San Gennaro e sono entrato nel sito usando un falso pass per la stampa. Un anno dopo, ascoltavo la NPR e c'era l'intervista con il ragazzo che mi aveva fatto entrare due volte. Ho inviato un'e-mail per congratularmi con lui e ho scoperto che sapeva che il mio lasciapassare per la stampa era falso, e mi ha detto: "Sapevamo tutti che avevi un buon cuore e che stavi lavorando sodo per mostrare la bellezza di Napoli". Questo è stato sicuramente inaspettato. 

Se Napoli non fosse stata la città di questo film, quale altra sarebbe stata? 

Lasciatemelo dire: se non fosse stata Napoli, il film non esisterebbe. Dopo la mia prima volta lì, l'amica che è venuta quando stavo girando delle nuove inquadrature mi ha detto: "Non stai facendo un film sulla pizza, stai facendo qualcosa di più". Aveva perfettamente ragione. Ho cambiato lo scopo del film e le ho creduto perché la mia anima sapeva di cosa si trattava prima del mio cervello.  

Qual è stata la parte migliore di questo progetto? 

Mangiare la pizza e incontrare nuove persone ha rappresentato la parte sessuale del progetto. Poi, quando è nato il bambino, il film, ho dovuto iniziare ad occuparmi del cambio dei pannolini, il che ha significato per me fare in modo che parlasse. Mi piace quando i napoletani dicono che ho catturato l'essenza della città. Non ho giocato la carta della camorra o qualcosa di simile. Come italoamericano, so cos'è l'Italia perché l'ho imparata dalla mia famiglia, ma avevo gli occhi di qualcuno che arriva dalla California e che può vedere le cose in modo più oggettivo. Ho proiettato a Los Angeles e mi è piaciuto molto vedere come le persone sono state toccate dalla storia e sono impressionato dall'ispirazione che posso portare nel mondo. 

Com'è la sua vita in questo momento? 

Oggi vivo per strada. Ho un ufficio a San Luis Obispo e il mio furgone, Bison, è la mia casa ovunque io vada. Non si arrende mai e va sempre avanti. Ho anche scoperto quanto adoro il montaggio, non solo è divertente, ma è anche lì dove avviene la magia.  

Cosa significa per lei l'arte d'arrangiarsi oggi? 

Per me "arrangiarsi" significa permettere che le cose accadano, ascoltando me stesso e lasciando che la spiritualità mi guidi. Grazie a questo film, ho imparato a fidarmi di me stesso come artista e come regista, ascolto la mia voce.  

Prima di scattare una foto di Matteo accanto al suo furgone, mi sono resa conto di avere un'altra, un’ultima domanda. Ci sarà una seconda parte, mi chiedo.  Matteo dice che non ci sarà nessuna parte due, perché la seconda parte del progetto è portare in giro il film e assicurarsi che la gente sia in grado di guardarlo. Il film non è stato proiettato in Italia, anche se Matteo ha cercato di entrare in alcuni grandi festival. In questo momento ne è il suo pubblicitario. “Sono solo un ragazzo in un furgone" che cerca (e spera di trovare presto) modi diversi dai festival per proiettarlo a Napoli e in Italia. La serendipità, conclude, farà il resto. 

Il film sarà proiettato mercoledì 5 giugno al Laemmle Fine Arts Theatre (proiezione 19:30. Pizza reception 18:30pm). Dal 7 al 13 giugno al Laemmle Music Hall 16:30 tutti i giorni; l'11 giugno al Laemmle Monica alle 19:00; infine il 12 giugno al Laemmle Pasadena Playhouse alle 19:00

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

San Francisco and Assisi honor their first 50 years as Sister Cities

San Francisco-Assisi, the first 50 years as Sister Cities

San Francisco-Assisi, first 50 years as Sister's Cities

Viva ‘a tazzulella: Naples and her love story with coffee and tradition

The relationship between caffé and the city of Naples can only be called love. La tazzulella di caffé is the way Neapolitans welcome the day,...

From the Romans to Murano: the colorful world of murina glass as you have never seen it

The purity and beauty of Venetian glass is known worldwide: a precious and ancient tradition that speaks of quality, beauty, elegance and creativity...

Carretti Siciliani: the young faces of an ancient tradition

I think that speaking with an artist is always, always an honor. And for this reason, I was truly delighted and — I must admit — quite excited, by...

Lina Wertmüller: an Oscar to an original portrait of Italianness

“I am grateful to have received this award, which I didn’t expect, and that, for this reason, is even more welcome and makes me all the happier. For...

Weekly in Italian

Recent Issues