Scoprire il Molise attraverso i suoi vigneti e le uve che donano il Tintilia

Scoprire il Molise attraverso i suoi vigneti e le uve che donano il Tintilia

Tintilia! Tintilia!! Tintilia!!! E’ un vino da sei punti esclamativi, come nella leggenda di Enrico V di Germania.

Si narra che nell'anno 1111 Enrico V di Germania nel raggiungere Roma con il suo esercito per ricevere dal papa Pasquale II la corona di Imperatore del Sacro Romano Impero, ordinasse al vescovo, Johannes Defuk, intenditore di vini, di scoprire nuovi sapori. Questi mandò il suo coppiere Martino in avanscoperta, per assaggiare e scegliere i vini migliori della zona. Il vescovo aveva concordato un segnale con il fedele Martino, questi una volta trovato del buon vino, avrebbe dovuto scrivere "Est" (c'è), abbreviazione di "est bonum", ovvero "c'è (vino) buono", vicino alla porta della locanda. Se il vino trovato fosse stato particolarmente buono, avrebbe dovuto scrivere "Est Est". Il coppiere Martino, giunse a Montefiascone dove assaggiò il vino locale, era così di eccezionale qualità che per comunicarlo al suo vescovo decise di ripetere per tre volte il segnale convenuto con ben sei punti esclamativi: "Est! Est!! Est!!!"

La storia ben si adatta a raccontare la delizia del Tintilia, vino molisano d'eccellenza dal colore rosso rubino, "tinto", che in spagnolo significa appunto rosso. Affonda le radici al tempo dei Borboni e ha una storia antica e prestigiosa. La coltivazione del vitigno venne abbandonata per tornare sulla scena solamente di recente. Espressione del territorio, dal gusto morbido e dal sentore fruttato che va dalla ciliegia alla prugna, con retrogusto alla liquirizia.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Carmagnola dove la storia piemontese si racconta tra castelli, palazzi e musei racchiusi in un’oasi verde

A Carmagnola dove la storia piemontese si racconta tra castelli, palazzi e musei racchiusi in un’oasi verde

Atterraggio a Torino e poi di corsa fino al noleggiatore più vicino. Pochi minuti e pochi chilometri dopo, si è già sulla strada con tanta voglia di...
A spasso tra i pescatori del pittoresco rione di El Gogul e le case-torri medievali: ecco Fano, gioiello marchigiano

A spasso tra i pescatori del pittoresco rione di El Gogul e le case-torri medievali: ecco Fano, gioiello marchigiano

Dalla grande ricchezza del patrimonio italiano affiorano tesori da scoprire, come chiese, palazzi, musei e capolavori, conservati in centri minori...
Da Corigliano Calabro a Capo Colonna: lo Jonio visto dalla Calabria tra castelli, codici miniati e santuari magnogreci

Da Corigliano Calabro a Capo Colonna: lo Jonio visto dalla Calabria tra castelli, codici miniati e santuari magnogreci

E’ intenso il colore dello Jonio, al largo, mentre è color perla vicino alla battigia di sabbia dorata. L’acqua trasparente. C’è un senso di amenità...
A Grado, in Friuli, per lasciarsi avvolgere dall'incanto di un rilassato panorama marinaro

A Grado, in Friuli, per lasciarsi avvolgere dall'incanto di un rilassato panorama marinaro

Un Festival dalla visione innovativa e ricco di contaminazioni e nuove forme d’arte. L’Alpe Adria Puppet Festival organizzato dal CTA - Centro Teatro...
In Basilicata per lasciarsi inebriare dai Palmenti di Pietragalla

In Basilicata per lasciarsi inebriare dai Palmenti di Pietragalla

Il nome del paese deriverebbe da “Pietra Gialla”, in riferimento riferita al colore del materiale impiegato per la costruzione delle case, il tufo...

Weekly in Italian

Recent Issues