Federico Costantini: the modern Michelangelo of tattoos is conquering the world of art

Federico Costantini at work in his studio @ Federico Costantini

Gooking at the amazing, unbelievably stunning work of Federico Costantini you actually feel like you’re in the presence of a true and unique piece of art. The beauty and the perfection of his tattoos has brought him to currently be one of the most prominent and awarded Italian tattooers in the world. Somehow he definitely managed to bring an authentic touch of Italian class and culture to an ancient and tribal form of art. 

Born in Rome and raised in a troubled and difficult suburb of the Eternal City, once he completed his studies of art (attending one of the most prestigious Institutes) he promptly started working as an art restorer at the Vatican, in the very heart of the Roman Catholic Church. 

Between 1997 and 1998 he felt the necessity to change everything about his career: in the Vatican, he was undeniably surrounded by beauty, but he felt somehow suffocated and without the chance of real, professional improvement. He then started studying the most ancient forms of art and he finally landed on the intriguing world of tattoos. 

His first job was as an apprentice tattooer in a famous tattoo parlor in Rome, with his uncle giving him the money to buy his first professional equipment: he immediately discovered to have a passion and a true skill for it. A few years after, when he started developing his own style, his boss told him he would never become a great artist. 

And so, Federico decided to open his own tattoo place – very close to the one where he had trained: in seven months, his boss went out of business.  

@ Federico Costantini

Like a real artist on a blank canvas, he creates amazing masterpieces on the human body @ Federico Costantini

Since then, Federico travelled a lot around the world, winning prizes and awards at almost every festival and competition he participated to. Like a real artist on a blank canvas, he creates amazing masterpieces on the human body: his parlor has, nowadays, a waiting list between 6 and 9 months, and even VIPs gladly wait to have the honor of getting tattooed by the “Michelangelo of tattoos.” 

How did you manage to merge a tribal, ancient art like tattoos with the Italian traditional ideal of classic beauty? 

The first tattooers in history were usually shamans and healers: that’s because tattoos in general were always seen as a sacred ritual, a divine sign made on our own bodies. Then, with the passing of time, tattoos became associated with a stereotyped image of tough sailors, convicted criminals and gang members proudly sporting ink on their body as a symbol of their eventful past.  

That is partially true, but nothing will ever steal the original, mystical meaning of tattoos away.  Since I started tattooing, I have tried to bring together my sense of Beauty, which is typically Italian, with the ancient and shamanic power of the original healers. 

@ Federico Costantini

The beauty and the perfection of his tattoos has brought him to currently be one of the most prominent and awarded Italian tattooers in the world @ Federico Costantini

Where do you take your inspiration from?  

From studying paintings, like I did when I was attending the Art Institute, at the beginning of my career. Beside my job as a tattooer I still love to paint in a more traditional way: on canvas, on wood and sometimes I do love to create shoes entirely painted by me. 

Federico Costantini at work in his studio @ Federico Costantini

How and when did your international popularity started? 

I’ve always loved to travel and, while I was attending one of my first tattoos convention in New York, some people from the West Coast noticed me and proposed me to go there and see how I liked it. I immediately fell in love with the Californian lifestyle because I feel it’s very close to mine. 

Tattooers are always seen as tough people, can you talk a little more about you? 

That’s another cliché about the job that I’d love to fight. Behind the thick-skinned kind of person that everybody wants to see, I am an extremely sensitive and vulnerable human being: my lovely wife Manu knows that very well and I can definitely say that she’s my most powerful support. 

How would you define your style? 

I could define my style as a modern form of avant-garde. I am not a traditional tattooer and I do base myself very much on my personal reproduction of classic artworks. I am a very sentimental guy and all my tattoos usually express a personal feeling, an inner emotion my client needed to represent through my work. The needle is my brush and my clients’ skin is my canvas: I respect that and I always think of myself as someone who can’t make the slightest mistake.There is no way back when you work on someone’s skin: the level of attention my job requires is enormous.  

@ Federico Costantini

His parlor has, nowadays, a waiting list between 6 and 9 months, and even VIPs gladly wait to have the honor of getting tattooed by the “Michelangelo of tattoos.” @ Federico Costantini

What do you believe made you so popular all around the world? 

Well, first of all I only use top-notch equipment and materials: I want my clients to feel safe, protected and cared for. I think they immediately feel that for me making a tattoo is not just a job, but a matter of spirituality, beauty, emotions and art. Since I started – when I won over my main competitors in Rome – I wanted to make clear that my professional skills are coming from an ancient place, from an old tradition and from a place of pure poetry, first and foremost. 

Did you reach your popularity in Italy very soon? 

I know this may sound cocky and I wanna stress that I am saying this with the utmost humbleness, but since I started many VIPs and people from the show business decided that I was the right artist to create something permanent on their bodies. If you think about it, it’s not an easy decision and it’s all based on an instinctive mutual trust. 

Did you receive some offers to work in California? 

Right after my conventions, festivals and exhibitions in New York, Las Vegas and Los Angeles, several American tattoo studios contacted me and offered their sponsorship to help me work also in the USA. Of course it’d be a big change and my family and I are seriously considering that option: we’d love to embrace this new, amazing chapter of our lives and we’re honestly glad and flattered by all the sincere love and professional appreciation we received in California. 

What’s your most secret dream, your biggest desire as an artist? 

I’d love to create only beauty and to be recognized because of my uniqueness. I also love to make people’s dreams come true: if I can help in some ways the ones I love, I do it! 

What professional and personal advice would you give to a young artist who’d love to be a tattooer? 

Follow your passion, study a lot and know that lessons in life never end, don’t accept compromises and keep your integrity. Usually nobody remembers how delicate and critical our job is: we do make something that’ll stay on people’s bodies forever. 

Guardando la sorprendente, incredibile opera di Federico Costantini ti sembra di essere in presenza di una vera e propria opera d'arte unica nel suo genere. La bellezza e la perfezione dei suoi tatuaggi lo hanno portato ad essere attualmente uno dei più importanti e premiati tatuatori italiani nel mondo. In qualche modo è riuscito a portare un autentico tocco di classe e di cultura italiana in una forma d'arte antica e tribale. 

Nato a Roma e cresciuto in un quartiere travagliato e difficile della Città Eterna, una volta terminati gli studi artistici (frequentando uno degli istituti più prestigiosi) ha subito iniziato a lavorare come restauratore d'arte in Vaticano, nel cuore della Chiesa cattolica di Roma. 

Tra il 1997 e il 1998 ha sentito la necessità di cambiare tutto ciò che riguardava la sua carriera: in Vaticano era indubbiamente circondato dalla bellezza, ma si sentiva in qualche modo soffocato e senza la possibilità di un reale miglioramento professionale. Così ha iniziato a studiare le forme d'arte più antiche, per approdare alla fine all'intrigante mondo dei tatuaggi. 

Il suo primo lavoro è stato quello di apprendista tatuatore in un famoso laboratorio di tatuaggio a Roma, con lo zio che gli ha dato i soldi per acquistare la sua prima attrezzatura professionale: ha subito scoperto di avere passione e una vera abilità. Qualche anno dopo, quando iniziò a sviluppare il suo stile, il suo capo gli disse che non sarebbe mai diventato un grande artista. E così Federico decise di aprire un suo laboratorio di tatuaggio, molto vicino a quello dove si era formato: in sette mesi, il suo capo chiuse bottega.  

Da allora Federico ha viaggiato molto in giro per il mondo, vincendo premi e riconoscimenti in quasi tutti i festival e concorsi a cui ha partecipato. Come un vero artista su una tela bianca, crea incredibili capolavori sul corpo umano: il suo laboratorio, oggi, ha una lista d'attesa tra i 6 e i 9 mesi, e anche i VIP aspettano volentieri di avere l'onore di farsi tatuare dal "Michelangelo dei tatuaggi". 

Come è riuscito a fondere un'arte antica e tribale come i tatuaggi con l'ideale di bellezza classica della tradizione italiana? 

I primi tatuatori della storia di solito erano sciamani e guaritori: questo perché il tatuaggio in generale è sempre stato visto come un rito sacro, un segno divino fatto sul nostro corpo. Poi, con il passare del tempo, i tatuaggi sono stati associati ad un'immagine stereotipata di ruvidi marinai, di criminali pregiudicati e membri di gang che sfoggiano orgogliosamente l'inchiostro sul loro corpo come simbolo del loro passato movimentato.  

Questo è in parte vero, ma niente potrà mai rubare il significato mistico e originale dei tatuaggi. Da quando ho iniziato a tatuare, ho cercato di unire il mio senso della Bellezza, che è tipicamente italiano, con il potere antico e sciamanico dei guaritori delle origini. 

Dove trae ispirazione?

Dallo studio della pittura, come quando frequentavo l'Istituto d'Arte, all'inizio della mia carriera. Accanto al mio lavoro di tatuatore amo ancora dipingere in modo più tradizionale: su tela, su legno e a volte mi piace creare scarpe interamente dipinte da me. 

Come e quando è iniziata la sua popolarità internazionale? 

Ho sempre amato viaggiare e, mentre partecipavo ad una delle mie prime convention di tatuaggi a New York, alcune persone della West Coast mi hanno notato e mi hanno proposto di andare lì a vedere se mi piaceva. Mi sono subito innamorato dello stile di vita californiano perché sento che è molto vicino al mio. 

I tatuatori sono sempre visti come persone toste, può parlare un po' più di sè? 

Questo è un altro cliché relativo al lavoro che mi piacerebbe combattere. Dietro il tipo di persona dalla pelle dura che tutti vogliono vedere, sono un essere umano estremamente sensibile e vulnerabile: la mia amata moglie Manu lo sa molto bene e posso sicuramente dire che lei è la mia principale sostenitrice. 

Come definirebbe il suo stile? 

Potrei definire il mio stile come una forma moderna di avanguardia. Non sono un tatuatore tradizionale e mi baso molto sulla mia personale riproduzione delle opere di arte classica. Sono una persona molto sentimentale e tutti i miei tatuaggi di solito esprimono un sentimento personale, un'emozione interiore che il mio cliente ha bisogno di rappresentare attraverso il mio lavoro. L'ago è il mio pennello e la pelle dei miei clienti è la mia tela: rispetto tutto ciò e mi considero sempre come una persona che non può fare il minimo errore, non c'è modo di tornare indietro quando si lavora sulla pelle di qualcuno: il livello di attenzione che il mio lavoro richiede è enorme.  

Cosa crede che l’abbia resa così popolare in tutto il mondo? 

Beh, prima di tutto uso solo attrezzature e materiali di prima qualità: voglio che i miei clienti si sentano sicuri, protetti e curati. Penso che sentano subito che per me fare un tatuaggio non è solo un lavoro, ma una questione di spiritualità, bellezza, emozioni e arte. Da quando ho iniziato - quando ho superato i miei principali concorrenti a Roma - ho voluto chiarire che le mie capacità professionali provengono da un luogo antico, da una lunga tradizione e da una zona di pura poesia, prima di tutto. 

Ha raggiunto presto la popolarità in Italia? 

So che può sembrare presuntuoso e voglio sottolineare che lo sto dicendo con la massima umiltà, ma da quando ho iniziato molti VIP e persone dello spettacolo hanno deciso che ero l'artista giusto per creare qualcosa di permanente sui loro corpi. Se ci si pensa, non è una decisione facile e si basa su un'istintiva fiducia reciproca. 

Ha ricevuto delle offerte di lavoro in California? 

Subito dopo i miei convegni, festival e mostre a New York, Las Vegas e Los Angeles, diversi studi di tatuaggio americani mi hanno contattato e offerto la loro sponsorizzazione per aiutarmi a lavorare anche negli Stati Uniti. Naturalmente sarebbe un grande cambiamento e la mia famiglia ed io stiamo seriamente considerando questa opzione: ci piacerebbe abbracciare questo nuovo, straordinario, capitolo della nostra vita e siamo onestamente felici e lusingati da tutto l'amore sincero e dall’apprezzamento professionale che abbiamo ricevuto in California. 

Qual è il sogno più segreto, il suo più grande desiderio di artista? 

Mi piacerebbe creare solo bellezza ed essere riconosciuto per la mia unicità. Mi piace anche realizzare i sogni delle persone: se in qualche modo posso aiutare le persone che amo, lo faccio! 

Che consiglio professionale e personale darebbe ad un giovane artista che vorrebbe fare il tatuatore?

Seguire la passione, studiare molto e sapere che non si finisce mai d’imparare, non accettare compromessi e mantenere la propria integrità. Di solito nessuno ricorda quanto sia delicato e critico il nostro lavoro: facciamo qualcosa che rimarrà per sempre sul corpo delle persone. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Sergio Leone: 30 years without his genius

T he years between 1950 and 1960 were difficult for the great Hollywood film industry. A sentence of the Supreme Court of the United States decreed...

Lest We Forget: a homage to the memory of Holocaust by photographer Luigi Toscano

L EST WE FORGET, the message echoing around the San Francisco City Hall was clear: nobody should ever forget the Holocaust and the pain and suffer it...
The magic atmosphere of Sovana © Ermess | Dreamstime.com

When Tuscany was called Etruria: Sovana and the Vie Cave trails

T he Etruscans are one of the most fascinating pre-Roman civilizations but, puzzlingly, also one of those we know the least about: the real Etruscan...

Taking Seattle’s coffee culture to new heights

S eattle is said to have more coffee shops per capita than any other city in the country― at last count, 43 cafés every 100,000 residents. But even...

Italian science leads on: Ciriaco Goddi and the crew who photographed a black hole

I t is considered the photo of the century. He has not (yet) won the Pulitzer but has shown Einstein’s General Relativity. With two super-computers,...

Weekly in Italian

Recent Issues