Lawrence Ferlinghetti – 100 years of beatitude, and the best is yet to come…

Lawrence Ferlinghetti turned 100 in March: an icon of American literature, but his ties with Italy are also very strong. Source: Wikimedia/Christopher Michel

The month of March has brought us Spring, and the 100th birthday of a legend, Lawrence Ferlinghetti, celebrated poet and San Francisco’s first Poet Laureate. He is also a painter, social activist, and the co-founder of City Lights Booksellers & Publishers located in San Francisco’s North Beach district. 

The queue outside outside San Francisco’s City Lights Booksellers and Publishers on the birthday of Ferlinghetti, this year. City Lights Ferlinghetti's 100 Bday @ Bloom17

On the occasion of this historic month, L’Italo-Americano was fortunate to speak with Mauro Aprile Zanetti, Ferlinghetti’s assistant and public relations representative. Recently speaking with Italy’s main newspaper, Il Corriere della Sera, Ferlinghetti defined him as «Un folletto con le ali ai piedi, tutto cuore e primavera: per questo si chiama Aprile» / A spirit with wings at his feet. A pure mix of heart and spring: that’s why his name is Aprile. 

We asked Aprile Zanetti to share insight into his collaboration with the man behind the legend and the Month of Ferlinghetti. 

Carla Short and Mauro Aprile Zanetti at the Arbor Day 2019 @ Walter Pescara

When did you meet Lawrence Ferlinghetti? Can you tell us a little bit of your special friendship? 

“The first time we met in North Beach it was February 2013. We became soon very good friends, discussing about books and art, poetry, anthropology, technology and politics, and having a lot of fun together. We also began to share more and more special “family time” together, such as every Christmas Eve at my house, cooking and enjoying Sicilian traditional recipes and poetry reading with my kids, Federico and Penelope, and my wife, Eva. 

When did you start working as Lawrence Ferlinghetti’s aide?

“I have been consistently working with him since 2015, when I curated his painting exhibition on occasion of the grand re-opening of the new location of the Italian Cultural Center on Van Ness at Opera Plaza: FLUXARE – The European Connexion.  

“Since 2015 on, my work assistance to Lawrence Ferlinghetti has been more on a daily basis because his health, particularly his eyes sight, has worsened. Now I help him handle his computer for reading and writing emails, and also  translate from English, Italian and French.  

Discussions with poet laureate and friend Jack Hirschman... and a good book. Ferlinghetti gives us a personal recipe to enjoy a happy and long life: “Eat well. Laugh often. Love a lot.” . Source: Wikimedia/Christopher Michel

What about the work on LITTLE BOY, PR and media? 

“Last year, 2018, we spent a lot of time to finalize his new novel, Little Boy, and last Summer/Fall we finished it, collaborating with his publisher’s team at Doubleday-Penguin Random House.  

“I started handling media and PR on behalf of Ferlinghetti in collaboration with the Double Day and City Lights teams for interviews with journalists from all over the world. No more in person meetings since last Spring, but a long series over the phone interviews for radio, podcasts and other media outlets; and a lot via emails. To mention few: France, Czech Republic (where Lawrence is really a rock star), Italy, Germany, UK, Canada, Australia and New Zealand, and of course the US.  

“Little Boy has already been bought, UK apart (Faber & Faber), to be translated in the following countries: Germany, Hungary, Turkey, Italy, Czech Republic, and Portugal, and many more are lining up.  

“The most relevant newspapers and magazines have been reaching out to us, endlessly, to set up calls and respond questions via emails, briefs and facts checking etc. Up to today, we are talking of something like 50+ international and national top reviews released over March 2019.  

Lawrence Ferlinghetti Signature Tree Planting plaque @Bloom17

Can you tell us about some of the Ferlinghetti’s 100th birthday celebrations of March?

“The first quarter of the year 2019 has been very hectic, reaching the climax in March, and particularly on the week of March 17-24. In fact, that week coincided with the highest amount of Ferlinghetti 100th birthday celebrations organized all over San Francisco by City Lights.  

“The dances were officially opened on March 2nd at Rena and Trish Bransten Gallery, with a dedicated paintings and drawings exhibition — Lawrence Ferlinghetti: 100 Years Without Net (On show until April 27, 2019).  

“On Sunday March 17 at San Francisco Main Library, Bay Area Poets paid Tribute to Ferlinghetti’s poetry with a  4-hour long session of readings and stories organized by poet Neeli Cherkovski. I opened the poets’ readings and speeches session, after Cherkovski introduction, with Ferlinghetti’s latest poem, Trump’s Trojan Horse, written in July 2017. 

Gerald Howard editor in chief at Double Day and Mauro Aprile Zanetti at FERLINGHETTI signature tree planting @Walter Pescara

What about the 2019 Signature Tree Planting and the proclamation of March 24 Ferlinghetti Day? 

“After a double petition started at the end of 2018-beginning 2019 addressing both SF Mayor, London Breed (asking for the proclamation of March 24 as Ferlinghetti Day, like for James Joyce Bloomsday), and the SF Public Works director, Carla Short (asking for the 2019 Signature Tree Planting to be dedicated to Ferlinghetti) — on Monday morning March 18 we had a beautiful and very well attended ceremony in North Beach. Right in front of the homonymous VIA FERLINGHETTI (corner Washington Square and Union St.), a Mediterranean olive tree was planted in the name of Ferlinghetti.  

Mauro Aprile Zanetti at the Signature Tree Planting ceremony @Walter Pescara

Can you tell us more about the ceremony of the olive tree and the tradition and the meaning behind it?

“As I had a chance to say on behalf of Lawrence Ferlinghetti in front of a big crowd, public officials, institutions and many other notables, such as District 3 Supervisor Aaron Peskin (who supported the petition), former Board of Supervisors President Angela Alioto (who assigned the eponymous street to Ferlinghetti years ago), chef and food activist Alice Waters, consul general of Italy, Lorenzo Ortona, director of Public Works Carla Short (who loved the petition and supported it to make it happen), and Lorenzo Ferlinghetti (the son of Lawrence Ferlinghetti who also gave a beautiful and heartfelt speech about his father):  

“Now we have a living and breathing monument dedicated to our greatest poet Lawrence Ferlinghetti:  a Mediterranean olive tree, symbol of peace and poetry, which will be annually blossoming new gems, new seeds of ‘insurgent poetry’ yet to come, and will remind us about our own ‘Rebirth of Wonder.’  

“It’s also a little act of resistance to what Ferlinghetti named the ‘autogeddon,’ that is, the overwhelming presence of cars and traffic all over the city, while the poet, instead, would like to have more walkable streets and piazze, like Piazza Saint Francis / Poets Plaza he petitioned to have on the crossroad with Columbus and Vallejo. Ferlinghetti cares a lot about climate change and global warming. Not by chance it is a main topic of his novel, where he warns about what scientists call ‘the sixth extinction of human race.’ Planting an olive tree in North Beach is also a trace of Ferlinghetti’s Mediterranean origins, being his father from Brescia, Italy, and his mother from Portugal-France.  

“We used some ‘golden’ shovels to put dirt around the tree, with a very moving ritual where everyone joined in. What a simple, magical moment! An olive tree to celebrate Lawrence’s 100th birthday and his new novel Little Boy, just released. I couldn’t but think about an ancient ritual my family (of a conversos Sephardic origin) does every time a new baby is born, back in Sicily. An enchanting Yiddish legacy, originated in the night of times and spreading now in San Francisco.  

Nancy J. Peters receiving the Proclamation of Ferlinghetti Day at City Lights @Bloom17

What about the photo-exhibition by Walter Pescara you curated at the Italian Cultural Institute?

“Tuesday March 19, we had a reception at the Italian Cultural Institute for the photo-exhibition Lawrence d’Italia — Ferlinghetti Fluxus Poetry in Italy by Walter Pescara (On show until May 3, 2019). On the same day, Little Boy was released in the US. On such a special occasion, during the reception, I also read for the very first time a Lawrence Ferlinghetti’s unpublished composition he wrote when he was 17 and in high school — a first taste of the  voice of the Little Boy’s writer in nuce. Also, we invited poet laureate Jack Hirschman to read his dedicated Ferlinghetti Arcane.  

Was there a dedicated presentation of LITTLE BOY?

“Thursday March 21, at City Lights, there was the first series of readings from Little Boy, with poets, artists and notables gathered in occasion of the book release. It was packed in and out the bookstore, with people in line on Columbus Ave. 

Can you share with us some details about March 24, the day Ferlinghetti turned 100 

“And Sunday March 24, Ferlinghetti’s 100th birthday celebrations reached the acme of a truly Easter-like festival in South of Italy, with joy literally running all over the streets of San Francisco, particularly in North Beach. Readings and performances took place at the same time at City Lights, Vesuvio Café, Spec’s, Café Zoetrope, Canessa Gallery and so on. 

“Everything started early in the morning with a cake delivered to Lawrence Ferlinghetti from NYC by his literary agent, legendary Sterling Lord.  

“Later I walked with Gerald Howard, editor in chief at Double Day – who flew on purpose from NYC to meet Lawrence in person – to Ferlinghetti’s house. Howard and I stopped on our way at VIA FERLINGHETTI to also see the olive tree planted for Lawrence. After Ferlinghetti and Howard spoke for 45 minutes about some of the greatest writers’ funny stories and new publishing projects, around 15 men, each bearing a red rose, gathered under his kitchen’s windows, singing “Happy Birthday” and then, because the poet is a Giants fan, “Take Me Out to the Ballgame.” I captured the moment when City Lights' current publisher/ executive director, Elaine Katzenberger, led Lawrence to the window to see the Beards singing to him from the street. And Ferlinghetti waved with his red scarf thanking in Italian “Grazie.” 

How would you define the atmosphere of such a unique day in San Francisco ?

“All over Columbus Ave, from 1:00 pm on until late evening, it was a pure Festival of Spring with music, poetry, performances and readings in the name of Lawrence Ferlinghetti’s art and poetry, independent publishing and activism. Something similar was already happening across different world time zones in Oceania, Europe and the East Coast. And City Lights was the epicenter of it all,  showing their brand-new red banners to celebrate Ferlinghetti 100 years, saying: “Paper May Burn But Words Will Escape.” 

“This makes clearer why there’s never been a more appropriate definition of Ferlinghetti’s than the one given by Nancy J.Peters, American publisher, writer, and co-owner with Ferlinghetti of City Lights Books and Publishers when she received the proclamation on behalf of Lawrence: the World’s People’s Poet.

“Lawrence Ferlinghetti himself shared his personal recipe for a long and good life in a video-message in Italian, saying with his special humor: ‘Mangia bene. Ridi Spesso. Ama molto. / Eat well. Laugh often. Love a lot.’” 

Il mese di marzo ci ha portato la primavera e il centesimo compleanno di una leggenda, Lawrence Ferlinghetti, celebre poeta e primo poet laureate a San Francisco. È anche pittore, attivista sociale e co-fondatore di City Lights Booksellers & Publishers, nel quartiere di North Beach a San Francisco. 

In occasione di questo storico mese, L'Italo-Americano ha avuto la fortuna di parlare con Mauro Aprile Zanetti, assistente di Ferlinghetti e delegato alle pubbliche relazioni. Recentemente, parlando con il principale quotidiano italiano, Il Corriere della Sera, Ferlinghetti lo ha definito “Un folletto con le ali ai piedi, tutto cuore e primavera: per questo si chiama Aprile”. 

Abbiamo chiesto ad Aprile Zanetti di raccontarci la sua collaborazione con l'uomo che sta dietro la leggenda e del mese dedicato a Ferlinghetti. 

Quando ha conosciuto Lawrence Ferlinghetti? 

Ci parli di questa bellissima amicizia? 

"La prima volta che ci siamo incontrati a North Beach è stato nel febbraio 2013. Siamo diventati presto ottimi amici, discutendo di libri e arte, poesia, antropologia, tecnologia e politica, e ci siamo divertiti molto insieme. Abbiamo anche iniziato a condividere sempre più "momenti di famiglia" speciali, come ad esempio ogni vigilia di Natale a casa mia, cucinando e gustando le ricette tradizionali siciliane e la lettura di poesie con i miei figli, Federico e Penelope e mia moglie Eva”. 

Quando ha iniziato questa collaborazione come assistente a Lawrence Ferlinghetti?

"Lavoro costantemente con lui dal 2015, quando ho curato la sua mostra di pittura in occasione della grande riapertura della nuova sede dell’Istituto Italiano di Cultura su Van Ness in Opera Plaza: Fluxare - The European Connexion”. 

"Dal 2015 in poi, il mio lavoro di assistente per Lawrence Ferlinghetti è stato più giornaliero perché la sua salute, in particolare la sua vista, è peggiorata. Ora lo aiuto a usare il computer per leggere e scrivere e-mail, e anche a tradurre dall'inglese, dall'italiano e dal francese”. 

Ci parli di LITTLE BOY, della gestione media e PR 

"L'anno scorso, il 2018, abbiamo dedicato molto tempo a ultimare il suo nuovo romanzo, Little Boy, che abbiamo finito l’estate/autunno scorsi, collaborando con la sua casa editrice Doubleday-Penguin Random House”. 

"Ho iniziato a gestire i media e le pubbliche relazioni per conto di Ferlinghetti in collaborazione con i team di Double Day e City Lights per interviste con i giornalisti di tutto il mondo. Niente più incontri di persona dalla scorsa primavera, ma una lunga serie di interviste telefoniche per radio, podcast e altri media; e molte tramite e-mail. Per citare alcuni Paesi: Francia, Repubblica Ceca (dove Lawrence è davvero una rockstar), Italia, Germania, Regno Unito, Canada, Australia e Nuova Zelanda, e naturalmente gli Stati Uniti”. 

"Little Boy è già stato acquistato, Regno Unito a parte (Faber & Faber), per essere tradotto nei seguenti Paesi: Germania, Ungheria, Turchia, Italia, Repubblica Ceca e Portogallo, e molti altri si stanno aggiungendo all’elenco. 

I giornali e le riviste più importanti ci contattano, senza fine, per fissare telefonate e rispondere a domande via e-mail, per memorie e fact checking ecc. Fino ad oggi, parliamo di qualcosa come più di 50 recensioni internazionali e nazionali rilasciate nel solo mese di marzo 2019”. 

Come si sono svolte alcune delle celebrazioni del centenesimo compleanno di Ferlinghetti ?

"Il primo trimestre dell'anno 2019 è stato molto frenetico, raggiungendo il culmine a marzo, e in particolare nella settimana del 17-24 marzo. In effetti, quella settimana è coincisa con il maggior numero di celebrazioni per i 100 anni di Ferlinghetti organizzate in tutta San Francisco da City Lights. 

Le danze si sono ufficialmente aperte il 2 marzo alla Rena and Trish Bransten Gallery, con una mostra dedicata ai dipinti e ai disegni: ‘Lawrence Ferlinghetti: 100 Years Without Net’ (in mostra fino al 27 aprile 2019)”.  

"Domenica 17 marzo alla Main Library di San Francisco, i poeti della Bay Area hanno reso omaggio alla poesia di Ferlinghetti con una sessione di 4 ore di letture e racconti organizzata dal poeta Neeli Cherkovski. Ho aperto la sessione di letture e discorsi dei poeti, dopo l'introduzione di Cherkovski, leggendo l'ultima poesia di Ferlinghetti, ‘Trump’s Trojan Horse’, scritta nel luglio 2017”.

Che dire del 2019 Signature Tree Planting e della proclamazione del Ferlinghetti Day il 24 marzo?

"Dopo una doppia petizione  alla fine del 2018 - inizio 2019 rivolgendomi al sindaco di San Francisco London Breed (per chiedere la proclamazione del 24 marzo quale Ferlinghetti Day, come per il Bloomsday di James Joyce ), insieme alla direttrice di SF Public Works Carla Short (per chiedere che il Signature Tree Planting 2019 fosse dedicato a Ferlinghetti) - la mattina di lunedì 18 marzo abbiamo tenuto una cerimonia bellissima e molto partecipata a North Beach. Proprio di fronte all'omonima Via Ferlinghetti (angolo Washington Square e Union St.), è stato piantato un ulivo mediterraneo dedicato a Ferlinghetti.

Può dirci di più sulla cerimonia dell'ulivo, la tradizione e il suo significato?

Come ho avuto la possibilità di dire a nome di Lawrence di fronte a una grande folla, a funzionari pubblici, istituzioni e molti notabili come il supervisore del distretto 3 Aaron Peskin (che ha sostenuto la petizione), l'ex Presidente del Consiglio Supervisori Angela Alioto (che ha assegnato il nome della strada a Ferlinghetti anni fa), allo chef e food attivista Alice Waters, al Console Generale d'Italia Lorenzo Ortona, al direttore di SF Public Works Carla Short (che ha accolto la petizione e l'ha sostenuta perché si realizzasse), e a Lorenzo Ferlinghetti (figlio di Lawrence che ha tenuto anche lui un discorso bellissimo e sentito su suo padre): "Ora abbiamo un monumento che vive e respira dedicato al nostro più grande poeta Lawrence Ferlinghetti: un ulivo mediterraneo, simbolo di pace e poesia, che ogni anno fiorirà con nuove gemme, che ci darà nuovi semi di ‘poesia ribelle’e che ci ricorderà della nostra ‘Rinascita della meraviglia’.  

È anche un piccolo atto di resistenza verso ciò che Ferlinghetti ha chiamato ‘autogeddon’, cioè l’opprimente presenza di macchine e traffico in tutta la città, mentre il poeta, invece, vorrebbe avere più strade e piazze in cui camminare come la Piazza Saint Francis / Poets Plaza che ha chiesto di creare all'incrocio con Columbus e Vallejo. Ferlinghetti si preoccupa molto dei cambiamenti climatici e del riscaldamento globale. Non a caso è un tema centrale del suo romanzo, in cui mette in guardia su ciò che gli scienziati chiamano ‘la sesta estinzione della razza umana’. Piantare un ulivo a North Beach è anche una traccia delle origini mediterranee di Ferlinghetti, essendo suo padre di Brescia, Italia, e sua madre del Portogallo e della Francia.  

Abbiamo usato delle pale dorate per mettere terra intorno all'albero, con un rituale molto commovente a cui tutti hanno partecipato. Che momento semplice e magico! Un ulivo per celebrare il centesimo compleanno di Lawrence e il suo nuovo romanzo Little Boy, appena uscito. Non potevo fare a meno di pensare ad un antico rituale che la mia famiglia (di origine sefardita) fa ogni volta che nasce un bambino, in Sicilia. Un'incantevole eredità yiddish, nata nella notte dei tempi e diffusa ora a San Francisco”. 

Ci parli della mostra fotografica di Walter Pescara che ha curato presso l’Istituto Italiano di Cultura ?

"Martedì 19 marzo si è tenuto un ricevimento all'Istituto Italiano di Cultura per la mostra fotografica ‘Lawrence d'Italia - Ferlinghetti Fluxus Poetry in Italia’ di Walter Pescara (in mostra fino al 3 maggio). Lo stesso giorno, Little Boy è stato pubblicato negli Stati Uniti. In un'occasione così speciale, durante il ricevimento, ho anche letto per la prima volta la composizione inedita di Lawrence Ferlinghetti che scrisse quando aveva 17 anni ed era al liceo: un primo assaggio della voce dello scrittore di Little Boy in nuce. Inoltre, abbiamo invitato il poet laureate Jack Hirschman a leggere il suo Ferlinghetti Arcane”. 

C'è stata una presentazione dedicata di LITTLE BOY?"

Giovedì 21 marzo, al City Lights, c'è stata la prima serie di letture tratte da Little Boy, con poeti, artisti e notabili riuniti in occasione dell'uscita del libro. Era pieno dentro e fuori la libreria, con gente in fila su Columbus Avenue.  

Può  condividere con i nostri lettori alcuni dettagli sul 24 marzo, il giorno in cui Ferlinghetti ha compiuto 100 anni?

E domenica 24 marzo, i festeggiamenti per il centenario di Ferlinghetti hanno raggiunto l'apice di una vera festa pasquale del Sud Italia, con la gioia che scorreva letteralmente per le strade di San Francisco, in particolare a North Beach. Letture e spettacoli si sono svolti contemporaneamente a City Lights, Vesuvio Café, Spec, Café Zoetrope, Galleria Canessa e così via. 

Tutto è iniziato di buon mattino con una torta consegnata a Lawrence Ferlinghetti dal suo agente letterario di New York, il leggendario Sterling Lord. 

Più tardi ho passeggiato con Gerald Howard, editore del Double Day - che è volato apposta da New York per incontrare Lawrence di persona - a casa di Ferlinghetti. Howard e io ci siamo fermati in Via Ferlinghetti per vedere anche l'ulivo piantato per Lawrence. Dopo di che Ferlinghetti e Howard hanno parlato per 45 minuti di storie divertenti su alcuni dei più grandi scrittori e di nuovi progetti editoriali, poi una quindicina di uomini, ciascuno con una rosa rossa, si sono riuniti sotto le finestre della sua cucina, hanno cantato "Happy Birthday" e poi, perché il poeta è un fan dei Giants, "Take Me Out to the Ballgame". Ho in mente il momento in cui l'attuale editore/direttore esecutivo di City Lights, Elaine Katzenberger, ha guidato Lawrence alla finestra per vedere i Beards cantare per lui dalla strada. E Ferlinghetti ha salutato con la sua sciarpa rossa ringraziando in italiano: ‘Grazie’. 

Come definisce l'atmosfera di una giornata così unica a San Francisco?

In tutta Columbus Ave, dalle 13 fino a tarda sera, è stato un puro Festival della Primavera con musica, poesia, spettacoli e letture nel nome dell'arte e della poesia di Lawrence Ferlinghetti, dell'editoria indipendente e dell'attivismo. Qualcosa di simile stava già accadendo con diversi fusi orari mondiali in Oceania, Europa e nella costa orientale. E City Lights è stato l'epicentro di tutto questo, mostrando i nuovissimi banner rossi per celebrare i 100 anni di Ferlinghetti, che dicevano: ‘La carta può bruciare, ma le parole sfuggiranno’. 

Questo rende più chiaro il motivo per cui non c'è mai stata una definizione più appropriata di Ferlinghetti rispetto a quella data da Nancy J.Peters, editrice americana, scrittrice e comproprietaria con Ferlinghetti di City Lights Books and Publishers quando ha ricevuto la proclamazione per conto di Lawrence: è il Poeta del popolo del mondo”. 

"Lo stesso Lawrence Ferlinghetti ha condiviso la sua personale ricetta per una lunga e buona vita in un video-messaggio, dicendo con il suo umorismo speciale: ‘Mangia bene. Ridi Spesso. Ama molto’”. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Lina Wertmüller: an Oscar to an original portrait of Italianness

“I am grateful to have received this award, which I didn’t expect, and that, for this reason, is even more welcome and makes me all the happier. For...

Two sites along the Adriatic shore visited by angels

The Adriatic coast of Italy is one with many secrets, among which two sites that have been visited by angels of all stripes: some of them have...

A Boom Boom connection between father and son

When most young boys are shooting hoops or playing catch with their fathers, Ray Boom Boom Mancini stepped into a boxing gym and promised his dad, “...
Scenic Anacapri streets at early sunset

A Day at the beach – Italian style

Temperatures are on the rise…and so is the urge to grab the flip-flops and head for the nearest beach. Summer practically insists we enjoy at least...

Great success for the 2019 Italian National Day

On June 3rd 2019 the Italian community of LA celebrated the historic day, back in 1946, when a pivotal referendum decided the fate of Italy about...

Weekly in Italian

Recent Issues