L'Abbazia di Montecassino distrutta dai bombardamenti dell'ultimo conflitto mondiale

L'Abbazia di Montecassino distrutta dai bombardamenti dell'ultimo conflitto mondiale

Sono da poco terminate le commemorazioni annuali del tragico evento della distruzione di  Montecassino  avvenuta nel corso dell’ultimo conflitto mondiale.   

E’ vero che ogni anno migliaia di visitatori e di pellegrini scalano le balze del monastero per assaporare e gustare quel qualcosa che la cultura e l’arte occidentali mantengono e conservano ancora vivo e attuale: quell’atmosfera che si respira tutt’intorno, la medesima da quasi quindici secoli: operosità, disciplina, pace e poi bellezza e armonia delle strutture, preghiera e raccoglimento e ordine.

Stiamo parlando di Montecassino e della sua distruzione il 15 febbraio 1944 alle ore 9,45, l’ora terza canonica, quando gli aerei alleati iniziano il bombardamento, in  tre ondate: apocalisse, pari a quanto compiuto a Dresda, a Lipsia, a Colonia, anche esse impagabili luoghi di cultura e di arte…alle 15,00 circa tutto è finito, furono, dicono i resoconti, oltre settecentocinquanta cosiddette ‘fortezze volanti’: la città di Cassino ridotta in polvere e l’Abbazia completamente annientata, secoli di storia sedimentata e accumulata, semplicemente cancellati, strappati dal libro della vita, in poche ore.

Va ricordato, per quanto riguarda l’annientamento dell’Abbazia, che essa fu voluta e imposta e propugnata dal generale che comandava le truppe neozelandesi e da quello delle truppe inglesi: tale opera distruttiva come ben si sa, si dimostrò inutile, immotivata, ingiustificata,  solo disastrosa e irreversibile per gli effetti e le conseguenze. Le spese gigantesche della ricostruzione dell’Abbazia furono sostenute solamente dal popolo italiano; giusto e anche doveroso sarebbe se però queste due Nazioni, Regno Unito e Nuova Zelanda in particolare, che erroneamente ne vollero caparbiamente e ottennero, l’annientamento, intervenissero finanziariamente quanto meno per la  decorazione delle volte e delle cappelle della basilica, oggi in massima parte ancora vuote e in bianco.

In effetti  prima della distruzione la basilica era in ogni suo angolo un florilegio della pittura napoletana del 1600 e del 1700 con opere di Luca Giordano, Francesco de Mura, Paolo de Matteis, Francesco Solimena, Sebastiano Conca, Andrea Vaccaro, il Cavalier d’Arpino  e tanti altri, di parte delle quali resta documentato il significato e la importanza grazie ai bozzetti conservati ed esposti nel Museo abaziale.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Dopo 118 anni le scuse pubbliche per il linciaggio di New Orleans

Dopo 118 anni le scuse pubbliche per il linciaggio di New Orleans

Dopo 118 anni arrivano “finalmente” le scuse pubbliche, per il linciaggio di 11 italiani di origini siciliane a New Orleans. A darne notizia è...
La faglia del terremoto che distrusse Amatrice in antichità danneggiò anche il Colosseo

La faglia del terremoto che distrusse Amatrice in antichità danneggiò anche il Colosseo

L’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Cnr è tra gli autori di una nuova ricerca recentemente pubblicata su ‘Tectonics’ riguardante la...
Ritrovato al largo di Stromboli incrociatore italiano affondato nel ‘42

Ritrovato al largo di Stromboli incrociatore italiano affondato nel ‘42

È stato ritrovato adagiato sui fondali a sud di Stromboli il relitto dell'incrociatore italiano Giovanni Delle Bande Nere, affondato il 1° aprile del...
Si ispirarono ai modelli ciociari anche i massimi artisti dell’Ottocento-Novecento

Si ispirarono ai modelli ciociari anche i massimi artisti dell’Ottocento-Novecento

Ricordare il successo del personaggio in costume ciociaro nell’arte pittorica e scultorea occidentale, ma anche in letteratura e in musica, è motivo...
La tragedia aquilana di dieci anni fa: ricordi di una catastrofe

La tragedia aquilana di dieci anni fa: ricordi di una catastrofe

Ho serbato, come tanti aquilani, un vivido ricordo dei giorni che precedettero la tragedia di quel 6 aprile di dieci anni fa. L’idea che la...

Weekly in Italian

Recent Issues