San Francisco’s celebrations of Leonardo and his genius coming to an end in May

Scientist Federico Faggin in the middle, with the winners: far left, Gaia Andreoletti, and Vanessa Polito - Credits Enrica Cavalli

Seventy years and counting. The Leonardo da Vinci Society of San Francisco celebrates its birthday after its creation in 1949. Three women - Countess Lillian Dandini, Mrs. Dobbins D’Anneo, Mrs. Louis Piccirillo - wanted to form a non-profit, not-political organization to promote a broad and deep understanding and appreciation of Italian contributions to art, literature, and culture. They tried to achieve those objectives through the presentation of lectures, concerts, exhibits, and receptions honoring distinguished people. 

This year, the Leonardo Society is also celebrating the genius of the Italian Renaissance five hundred years after his death. Not only did the organization organize many events - in collaboration with the Consulate General of Italy, the Italian Cultural Institute, the Humanities West, ISSNAF, the Museo Italo-Americano, the Commonwealth Club, and Stanford University - but also worked on an award prize to recognize three Italian scientists and researchers working in the Bay Area. The call for application, launched by both the Leonardo da Vinci Society and the Italian Scientists and Scholars of North America Foundation (ISSNAF) Bay Area Chapter, meant to assign a prize in each of the following three categories: biological sciences, mathematical and physical sciences, and engineering. Applications were reviewed by subject matter experts and winners were selected by a judging panel and presented with a certificate and a $1,000 prize during a Gala Dinner on April 5th, at the the Century Club of California in San Francisco. 

From far left, Director Amelia Antonucci, Vanessa Polito, Consul General Lorenzo Ortona, and Elena Orlando - Credits_ Enrica Cavalli

The sold out Gala had some special guests, among whom the Consul General, Lorenzo Ortona, and his wife Sheila; scientist Federico Faggin and his wife Elvia; the President of ISNAFF - Bay Area Chapter, Enrica D'Ettorre Zappacosta; and members of the Board of Directors of the organization, as well as many historical and new members of the Leonardo da Vinci Society. 

Mauro Aprile Zanetti, Chair of the program and marketing Committee of the LdV, opened the night with the presentation of the Trio (Fulton, Brodo and Whelden: ropes and harp), who played some of the most famous music of Leonardo’s youth - both improvised and composed - including music by European masters. He also talked about the death of Leonardo da Vinci outside his native town, underlining how the Italian genius was forced to emigrate becoming a “nemo propheta at home” (no man is a prophet in his own land).  

For those who don’t know much about Leonardo, he used to define himself as “omo sanza lettere:” when someone accused him of being a letterless person, that is, devoid of knowledge of Latin, Leonardo replied that his things were taken more "from experience than from the word outside." This is not too far from Einstein’s thinking that "imagination is more powerful than any formula and knowledge,”  as well as Federico Faggin’s thoughts. Mr Faggin, honored with a medal for innovation and technology in 2009 by the President Barack Obama, has always underlined how "conscience is an inner experience that no robots can ever have. There is only darkness in a computer. While in every living being there is light: it’s the light of awareness and consciousness. “ 

Scientist Federico Faggin in the middle, with the winners: far left, Gaia Andreoletti, and Vanessa Polito - Credits Enrica Cavalli

President Amelia Antonucci has been leading the non-profit for the last five years, bringing the organization to today’s achievements and accomplishments. She took also the stage and addressed the audience: “I had the honor to lead this Society for five years full of exciting moments and some worrisome situations, but always with pride and pleasure and with the full collaboration of the Board of Directors.” And continued: “My special thanks goes to Vice President and gala committee leader for the past four galas, Vincent Fausone, my partner all these years, and to Alessandro Baccari who has always supported and protected me and tonight honored us with his presence. This is my last year and I am ready to step out, nevertheless I will always be close to the Leonardo da Vinci Society’s life and  attend the cultural activities. It’s a part of my life that I will not be able to forget.” 

Also the Consul General, Lorenzo Ortona, recognized the honors and merits of the Leonardo da Vinci Society, with a shout out to Amelia Antonucci for the excellent and incomparable guide in her years as President. The two were joined on stage by Elena Orlando, the representative of ISNAFF Bay Area Chapter, who called the three young scientists selected by an expert commission of the ISSNAF-BAC and Leonardo: Gaia Andreoletti for Biological Sciences; Simone D'Amico for Engineering; and Vanessa Polito for Mathematics and Physics. 

Among the events that already took place in the first months of the year, we can recall the book presentation by author Mike Lankford, Becoming Leonardo - An exploded view of the life of Leonardo da Vinci. On an event hosted on February 15 at the Museo Italo-Americano, Mr Lankford tried to answer a few questions, such as why Leonardo Da Vinci left so many of his major works uncompleted; why he carried the Mona Lisa with him everywhere he went for decades; why he wrote backwards, and whether he was in conflict with Michelangelo. The presentation broke every cliché about Leonardo before reconstructing his character based on a rich trove of available evidence, bringing to life for the modern reader the man who has been studied by scholars for centuries, yet has remained as mysterious as ever. 

On February 22nd and 23rd, there was a two-days program in collaboration with Humanities West at the Marines’ Memorial Theatre in San Francisco. Creating Leonardo gave the opportunity to learn about Leonardo’s vast achievement and his interaction with the world that shaped him, thanks to the Stanford Department of History and the Center for Medieval and Early Modern Studies, the Stanford Humanities Center, the Italian Cultural Institute, the UC Berkeley Institute of European Studies. 

Coming up, the opening of the Exhibition Leonardo’s Lost Library: A Renaissance reader and his books, organized by Stanford University, that will take place on Thursday May 2nd. This will be followed by Leonardo and Music, a Lecture by Prof. Kate von Orden from Harvard University on May 6th at the Italian Cultural Institute. Celebrations will end on Tuesday, May 14th at 7pm with the presentation of The Signs of Time: Leonardo da Vinci’s History of the Earth and the Fate of Man, organized by Stanford University at Cemex Auditorium. 

To discover more about the Leonardo Da Vinci Society and its activities, you can have a look at their website http://www.davincisanfrancisco.com 

Settant'anni e oltre. La Società Leonardo da Vinci di San Francisco festeggia il suo compleanno dopo l’istituzione nel 1949. Tre donne - la contessa Lillian Dandini, la signora Dobbins D'Anneo, la signora Louis Piccirillo - volevano formare un'organizzazione senza scopo di lucro, non politica, per promuovere un'ampia e profonda comprensione e l’apprezzamento dei contributi italiani all'arte, alla letteratura e alla cultura. Hanno cercato di raggiungere questi obiettivi attraverso la presentazione di conferenze, concerti, mostre e ricevimenti in onore di personaggi illustri. 

Quest'anno la Leonardo Society celebra anche il genio del Rinascimento italiano a cinquecento anni dalla sua morte. L'organizzazione non solo ha organizzato numerosi eventi - in collaborazione con il Consolato Generale d'Italia, l'Istituto Italiano di Cultura, Humanities West, ISSNAF, il Museo Italo-Americano, il Commonwealth Club e l'Università di Stanford - ma ha anche lavorato ad un premio per il riconoscimento di tre scienziati e ricercatori italiani che lavorano nella Bay Area. Il bando, lanciato sia dalla Leonardo da Vinci Society che dall'Italian Scientists and Scholars of North America Foundation (ISSNAF) Bay Area Chapter, intendeva assegnare un premio in ciascuna delle seguenti tre categorie: scienze biologiche, scienze matematiche e fisiche e ingegneria. Le domande sono state esaminate da esperti del settore e i vincitori sono stati selezionati da una giuria e presentati, con un diploma e un premio di 1.000 dollari, durante una cena di gala il 5 aprile, presso il Century Club of California a San Francisco. 

Il Gala sold out ha avuto alcuni ospiti speciali, tra cui il Console Generale Lorenzo Ortona e sua moglie Sheila; lo scienziato Federico Faggin e sua moglie Elvia; il presidente dell'ISNAFF - Bay Area Chapter, Enrica D'Ettorre Zappacosta; e i membri del Consiglio di Amministrazione dell'organizzazione, oltre a molti membri storici e nuovi della Leonardo da Vinci Society. 

Mauro Aprile Zanetti, presidente del Comitato di programma e marketing della LdV, ha aperto la serata con la presentazione del Trio (Fulton, Brodo e Whelden: corde e arpa), che ha suonato alcune delle musiche più famose della gioventù leonardesca - sia improvvisate che composte - tra cui musiche di maestri europei. Ha anche parlato della morte di Leonardo da Vinci lontano dalla sua città natale, sottolineando come il genio italiano sia stato costretto ad emigrare diventando un "nemo profeta in patria" (nessuno è profeta nella propria patria).  

Per quanti non sanno molto di Leonardo, va detto che lui si definiva "omo sanza lettere": quando qualcuno lo accusava di essere un illetterato, cioè privo della conoscenza del latino, Leonardo rispose che le sue cose erano prese più "dall'esperienza che dalla parola". Questo non è molto differente dal pensiero di Einstein secondo cui "l'immaginazione è più potente di qualsiasi formula e conoscenza", così come dal pensiero di Federico Faggin. Premiato con una medaglia per l'innovazione e la tecnologia nel 2009 dal presidente Barack Obama, Faggin ha sempre sottolineato come "la coscienza è un'esperienza interiore che nessun robot potrà mai avere. C'è solo oscurità in un computer. Mentre in ogni essere vivente c'è luce: è la luce della consapevolezza e della coscienza”. 

La presidente Amelia Antonucci ha guidato l'organizzazione senza scopo di lucro negli ultimi cinque anni, portando l'organizzazione ai risultati e alle realizzazioni di oggi. E’ salita anche lei sul palco e si è rivolta al pubblico: "Ho avuto l'onore di guidare questa Società per cinque anni pieni di momenti emozionanti e di situazioni preoccupanti, ma sempre con orgoglio e piacere e con la piena collaborazione del Consiglio di Amministrazione". E continua: "Un ringraziamento particolare va al Vice Presidente e leader del comitato di gala per le quattro serate di gala, Vincent Fausone, mio partner in tutti questi anni, e ad Alessandro Baccari che mi ha sempre sostenuto e protetto e stasera ci ha onorato con la sua presenza. Questo è il mio ultimo anno e sono pronta ad uscire, ma sarò sempre vicina alla vita della Società Leonardo da Vinci e parteciperò alle sue attività culturali. È una parte della mia vita che non potrò dimenticare". 

Anche il Console Generale, Lorenzo Ortona, ha riconosciuto gli onori e i meriti della Società Leonardo da Vinci, con un apprezzamento per Amelia Antonucci per l'eccellente e incomparabile guida negli anni della sua presidenza. Ai due si è aggiunta sul palco Elena Orlando, rappresentante di ISNAFF Bay Area Chapter, che ha chiamato i tre giovani scienziati selezionati da una commissione di esperti dell'ISSNAF-BAC e Leonardo: Gaia Andreoletti per le Scienze Biologiche, Simone D'Amico per l'Ingegneria e Vanessa Polito per la Matematica e Fisica. 

Tra gli eventi che hanno già avuto luogo nei primi mesi dell'anno, ricordiamo la presentazione del libro dell'autore Mike Lankford, “Becoming Leonardo - An exploded view of the life of Leonardo da Vinci”. In un evento ospitato il 15 febbraio al Museo Italo-Americano, Lankford ha cercato di rispondere ad alcune domande: perché Leonardo Da Vinci ha lasciato incompiute molte delle sue opere più importanti; perché per decenni ha portato con sé la Gioconda ovunque sia andato; perché ha scritto al contrario e se era in conflitto con Michelangelo. La presentazione ha rotto ogni cliché su Leonardo prima di ricostruirne il personaggio sulla base di un ricco corredo di prove disponibili, riportando alla vita per il lettore moderno l'uomo che è stato studiato dagli studiosi per secoli, ma è rimasto sempre misterioso. 

Il 22 e 23 febbraio, presso il Marines' Memorial Theatre di San Francisco, c'è stato un programma di due giorni in collaborazione con Humanities West. La creazione di Leonardo ha dato l'opportunità di conoscere il vasto successo di Leonardo e la sua interazione con il mondo che lo ha plasmato, grazie al Dipartimento di Storia di Stanford e al Center for Medieval and Early Modern Studies, lo Stanford Humanities Center, l'Istituto Italiano di Cultura, l'UC Berkeley Institute of European Studies. 

In arrivo, l'apertura della mostra “La Biblioteca Perduta di Leonardo: Un lettore rinascimentale e i suoi libri” (Leonardo's Lost Library: A Renaissance reader and his books), organizzato dalla Stanford University, che si terrà giovedì 2 maggio. Seguiranno “Leonardo e Musica” (Leonardo and Music), conferenza della prof.ssa Kate von Orden dell'Università di Harvard il 6 maggio all'Istituto Italiano di Cultura. Le celebrazioni si concluderanno martedì 14 maggio alle 19.00 con la presentazione di “The Signs of Time: Leonardo da Vinci’s History of the Earth and the Fate of Man” (I segni del tempo: Storia della Terra e del destino dell'uomo di Leonardo da Vinci), organizzato dall'Università di Stanford presso l'Auditorium Cemex. 

Per saperne di più sulla Società Leonardo da Vinci e le sue attività, è possibile consultare il sito web http://www.davincisanfrancisco.com 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Pasta Grannies: Italian nonne take YouTube by Storm

If you are familiar with all that’s trending on YouTube , then you may know The Pasta Grannies, a channel with more than 400.000 subscribers where...

Italians speak mythology

“Parla come mangi!” (speak as you eat!) is a common way to invite someone to speak in a simple manner and without using too many words. But do...

Caesar’s Salad, a gift from Baveno, Lake Maggiore

Before pasta, there was Lady Salad. Today we can taste all kinds of spectacular insalatone or large salads, yet the first to prepare raw leafy...

Roma Caput Mundi… and cinema! The most iconic movie location of Italy’s capital

Roma, the head of the world: that’s what our ancestors used to say and that’s what our title is about. The city has been going through some difficult...

Palermo’s own Sunday feast: timballo di anelletti al forno

Baked anelletti pasta is a recipe traditional to Palermo, but it is a dish that holds a special place in the hearts of almost all Sicilians. If you...

Weekly in Italian

Recent Issues