Riflettografia, raggi infrarossi, fluorescenza: forse di Leonardo la ‘Gioconda nuda’

Riflettografia, raggi infrarossi, fluorescenza: forse di Leonardo la ‘Gioconda nuda’

La Gioconda nuda, conservata nel castello di Chantilly, a nord di Parigi, sarebbe stata realizzata nella bottega di Leonardo da Vinci e "molto probabilmente” con il coinvolgimento diretto del maestro toscano di cui quest’anno si celebrano i 500 anni dalla morte.

Una mostra prevista per il 2019 ha portato il museo Condé del castello francese a far esaminare questo disegno dal Centro di Ricerca e Restauro Musei di Francia del Louvre. L’opera è stata sottoposta a una serie di analisi: riflettografia, raggi infrarossi, luce rasente, radiografia, fluorescenza ai raggi X. E i risultati confermerebbero "la mano di Leonardo".

La Gioconda nuda è un grande disegno a carboncino su un doppio foglio incollato di 72 per 54 cm, che rappresenta una donna a seno scoperto, dal sorriso abbozzato, nella stessa posa della ben più famosa Monna Lisa custodita nel Museo del Louvre. L'opera sarebbe servita anche per dipingere la 'Gioconda nuda' conservata nel Museo Ermitage di San Pietroburgo.
Scienziati e storici dell'arte la studiano da tempo, non solo stilisticamente, per cercare di capirne l’autore.

Recenti esami microscopici hanno rivelato i segni della mano di un mancino e Leonardo da Vinci (1452-1519) è uno dei più famosi mancini dell’epoca. Ma depone a favore dell’attribuzione all'artista e geniale scienziato del Rinascimento anche "la qualità del disegno, visibile ad occhio nudo, e le immagini che utilizzano la tecnica dello sfumato" amata da Leonardo. Il disegno è stato inoltre modificato durante la sua realizzazione, il che dimostrerebbe che non si tratta di una copia ma di un'opera originale o di uno studio preparatorio.

Le prime analisi con il radiocarbonio hanno accertato che il disegno sarebbe databile tra il 1485 e il 1638. Resta da capire se sia anteriore o posteriore alla Gioconda del Louvre e se sulla superficie del carboncino ci sia effettivamente la mano del maestro toscano. Nel mondo esistono circa una ventina di versioni della "Gioconda nuda" del secolo XVI, tra cui quella di Gian Giacomo Caprotti detto Salaì, allievo di Leonardo.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Al via la Fase 2 di convivenza con il Covid-19 ma ‘se ami l’Italia, mantieni le distanze’

Al via la Fase 2 di convivenza con il Covid-19 ma ‘se ami l’Italia, mantieni le distanze’

Si allentano le restrizioni previste dal Governo nella “Fase 2” che corrisponde a un lento e graduale ritorno alla vita produttiva e sociale. Nessun...
I mercato americano rimane un riferimento imprescindibile per la ripresa economica italiana

I mercato americano rimane un riferimento imprescindibile per la ripresa economica italiana

L’Ambasciata d’Italia a Washington ha organizzato una riunione virtuale con i vertici delle principali aziende italiane per investimenti e fatturato...
Mattarella: 'Per ripartire dopo il Covid all'Italia servono i sogni del cinema'

Mattarella: 'Per ripartire dopo il Covid all'Italia servono i sogni del cinema'

“Per ricostruire il nostro Paese dopo la drammatica epidemia sarà necessario recuperare ispirazioni e, quindi, tornare a sognare e a far sognare. E...
Covid19 e Festa del Lavoro: 'Attraversiamo un passaggio d’epoca pieno di difficoltà. Riusciremo a superarle'

Covid19 e Festa del Lavoro: 'Attraversiamo un passaggio d’epoca pieno di difficoltà. Riusciremo a superarle'

"Viviamo questo Primo maggio con il pensiero all’Italia che vuole costruire il suo domani. Non ci può essere Repubblica senza lavoro, come afferma...
 v

Dal 4 maggio al via la Fase 2: prime riaperture ma ‘se ami l’Italia, mantieni le distanze’

Si allentano le restrizioni previste dal Governo nella cosiddetta “Fase 2” che inizierà dal 4 maggio. Nessun liberi tutti e poche aperture agli...

Weekly in Italian

Recent Issues