Cinema Italia will honor Ugo Tognazzi at its 2019 Spring Program Edition

cinema italia san francisco

Vittorio Gassman (left) and Ugo Tognazzi (right) in In Nome del Popolo Italiano. Tognazzi is the protagonist of the Spring edition of Cinema Italia San Francisco © Pi erluigi Praturlon :Archivio fotografico della Cineteca Nazionale

The Spring edition of Cinema Italia San Francisco is just few weeks away. The program of April 2019 will celebrate and honor Ugo Tognazzi, the Italian movie, TV, and theatre actor, as well as director and screenwriter.  

Born in Cremona, he worked as a bookkeeper for a salami factory as a teenager, and later started to perform in local amateur theatricals. However, it wasn’t until 1950, when Tognazzi was 28-year-old, that he found his way as an actor and became a star in the 60s thanks to his appearances  in director Marco Ferreri’s comedies. 

cinema italia san francisco

Amelia Antonucci, Director of Cinema Italia, presenting the Marcello Mastroianni Series - Photo credits: Flavia Loreto

San Francisco will welcome a series of movies although “this time has been hard,” Cinema Italia Director Amelia Antonucci confessed to L’Italo-Americano. “We had less initial funding than in the past, but the Italian Consul General, Lorenzo Ortona, and the new Director of the Italian Cultural Institute, Annamaria Di Giorgio, as well as other few generous local sponsors, helped us realize this dream,” she added.   

Once again, the movies will be in 35 mm, and San Francisco cinema lovers will surely appreciate. The program will start early in the day (10am) with Elio Petri’s most challenging movie of his career, followed by Dino Risi and a splendid portray of the post economic boom in Italian society, with Gassman in a co-lead role.  

cinema italia san francisco

The afternoon will feature Bertolucci’s Tragedy of a Ridiculous Man, for which Tognazzi won the Cannes Film Festival award in 1981. La Cage aux Folles, the hardest yet most successful role of Tognazzi’s career in French, directed by Eduoard Molinari, will play at 6.30pm. Although it was a controversial, intensely discussed movie, that raised moral issues in Italy, the audience loved it, making it the best success of Tognazzi’s career also abroad.  

cinema italia san francisco

The last movie  of the series (right after the party that we named “The Big Feast”) is La Grande Bouffe, directed by Marco Ferreri. This film shocked the Cannes Film festival’s public and divided the critics into two wings. It was considered either the worst and most disgusting movie of the year, or the best critique of the bourgeoisie of those years. We will find out on Saturday night what the San Francisco audience thinks about it! 

cinema italia san francisco

Vittorio Gassman (left) and Ugo Tognazzi (right) in In Nome del Popolo Italiano. Tognazzi is the protagonist of the Spring edition of Cinema Italia San Francisco © Pi erluigi Praturlon :Archivio fotografico della Cineteca Nazionale

We had a conversation with Director Amelia Antonucci, who is leading the 9th edition of Cinema Italia with the same passion and commitment of the beginnings. 

Director Antonucci, why did Cinema Italia pick Ugo Tognazzi for this 9th edition? 

Ugo Tognazzi is the main interpreter of the genre of movies known as Commedia all’Italiana. After last fall’s homage to the charming and handsome Marcello Mastroianni, there was a need to show that other Italian man, just as famous although possibly not as handsome, yet virile, macho, and versatile. We want him to be rediscovered by San Francisco and here we are! He worked for many directors in different roles, in almost 150 movies, even in different languages. Nevertheless, he kept his mask of tragicomic jester, a role that he kept stressing more and more in each movie, even when he was introspective and sharp. In those years people like politicians, bankers… men in general… tried to talk their way into everything: other people’s lives, business, even bed! An example is represented by Dino Risi’s movie, I Mostri. 

Istituto Luce Cinecittà already brought Tognazzi’s movies to New York. How did you come up with a list for the San Francisco audience? 

As it happened for almost all our previous programs, right after the launch of the restored series of the year in New York, in December, Luce Cinecittà offered a package for the US and the Canada tours. San Francisco has always the privilege and the special gift to be the first one to pick its movies. For me, it was challenging to select the best ones, because the ultimate goal is to cover a lifetime span of the actor in one day. I chose what I believe are his best and most significant roles directed by five of the best movie directors of the time.  

Tognazzi always alternated comic and dramatic roles. Was this his biggest strength as actor? 

Tognazzi started his career as a TV comedian with Raimondo Vianello. His humor, even in his first sketches, always navigated between satire and a harsh critique of society. He  did not have the melancholic charm of Marcello Mastroianni, nor the childish face of Sordi or the tragic mask of Totò. His “anonymous” look had him struggle for attention for years. Once he said during an interview: “I am not a charismatic actor who worked all his life to be like Sordi , who today is The ‘National Albertone’ I am… I may be an international Ughetto… I saw Sordi on TV and he looked like the Pope,  while I look always like me.” (A critic, Federico Cacchiari reported in an essay of 2010). The movies from the 60s have a serious edge and deal with politics, terrorism and contemporary social problems. Tognazzi was always frowning, never smiling or being funny. In the70s, as a mature and older actor, he portrayed more of himself. In one of Monicelli’s movie Venga a prendere il caffè (1970) Tognazzi said “The skeleton of all societies, past, present and future is reduced to this formula: to get pleasure and to give pleasure.” 

His kids said many times that he was the same person at home and in movies. What's your idea of Tognazzi? 

I think they are right, and they surely knew him better. Whenever we went to watch his movies and when looking at his life on magazines or TV, Tognazzi always seemed pretty sociable, always entertaining and cooking for his family and friends. The documentary that we will show at the Italian Cultural Institute on April 25th, directed by his daughter Maria Sole Tognazzi, shows us exactly this part of him. I grew up watching Tognazzi’s movies and he was one of my favorite actors. I saw almost all his movies and he has become part of my world. I loved his political criticism and his way of approaching life. He was the father that all of us  wanted to have - both funny and serious. 

What's your favorite movie and why? 

The Tragedy of a Ridiculous Man is my favorite movie. Two geniuses, Bertolucci and Tognazzi, made that miracle happen. It is a true masterpiece. I also love La cage aux folles and I decided we will play it in the spotlight time because it is a well-done, wonderful portrayal of the clash between bigotry and freedom of choice. San Francisco is the right place to welcome this movie in the original version, like we did with Scent of a Womann. There was a remake, as all of you know, with Robin Williams but even the great American actor could not reach the grandeur of Tognazzi in this role. 

Discover movie schedule and buy tickets for Cinema Italia (happening on April 27th at the Castro Theatre in San Francisco) at http://www.cinemaitaliasf.com  

Mancano poche settimane all’edizione di primavera di Cinema Italia San Francisco. Il programma di aprile 2019 celebrerà e omaggerà Ugo Tognazzi, attore cinematografico, televisivo e teatrale italiano, nonché regista e sceneggiatore. 

Nato a Cremona, da adolescente ha lavorato come contabile per una fabbrica di salumi, e in seguito ha iniziato a esibirsi nei teatri amatoriali del posto. Tuttavia, bisognerà aspettare fino al 1950, quando Tognazzi avrà 28 anni, perchè si faccia strada come attore e diventi una star negli anni '60 grazie alle sue apparizioni nelle commedie del regista Marco Ferreri. 

San Francisco ospiterà una serie di film anche se "questa volta è stata dura", ha confessato a L'Italo-Americano il direttore di Cinema Italia Amelia Antonucci. "Avevamo meno fondi rispetto al passato, ma il Console Generale italiano, Lorenzo Ortona, e il nuovo direttore dell'Istituto Italiano di Cultura, Annamaria Di Giorgio, così come altri pochi generosi sponsor locali, ci hanno aiutato a realizzare questo sogno" ha aggiunto. 

Ancora una volta, i film saranno in 35 mm e gli amanti del cinema di San Francisco li apprezzeranno sicuramente. Il programma inizierà presto (alle 10 del mattino) con il film più impegnativo della carriera di Elio Petri, seguito da Dino Risi e uno splendido ritratto del boom post-economico nella società italiana, con Gassman nel ruolo di co-protagonista. 

Il pomeriggio vedrà la Tragedia di un uomo ridicolo di Bertolucci, per il quale Tognazzi ha vinto il premio al Festival del Cinema di Cannes nel 1981. Il Vizietto, il ruolo più difficile e più riuscito della carriera di Tognazzi, in francese, diretto da Edouard Molinari, sarà alle 18.30. Sebbene sia stato un film controverso, intensamente discusso, che ha sollevato problemi morali in Italia, il pubblico l'ha adorato, rendendolo il miglior successo della carriera di Tognazzi anche all'estero. 

L'ultimo film della serie (subito dopo la festa che abbiamo chiamato "La grande festa") è La Grande abbuffata, diretto da Marco Ferreri. Questo film ha scioccato il pubblico del festival di Cannes e ha diviso i critici in due fazioni. Venne considerato sia il film peggiore e più disgustoso dell'anno, sia la miglior critica della borghesia di quegli anni. Scopriremo sabato sera cosa ne pensa il pubblico di San Francisco! 

Abbiamo avuto una conversazione con Amelia Antonucci, che dirige la nona edizione di Cinema Italia con la stessa passione e lo stesso impegno degli inizi. 

Direttore Antonucci, perché Cinema Italia ha scelto Ugo Tognazzi per questa nona edizione? 

Ugo Tognazzi è l'interprete principale del genere di film noto come Commedia all'italiana. Dopo l'omaggio dello scorso autunno all'affascinante e attraente Marcello Mastroianni, c'era bisogno di mostrare quell'altro uomo italiano, altrettanto famoso anche se forse non altrettanto bello, ma virile, macho e versatile. Volevamo che venisse riscoperto da San Francisco ed eccoci qui! Ha lavorato per molti registi in ruoli diversi, in quasi 150 film, anche in lingue diverse. Tuttavia, ha mantenuto la sua maschera da giullare tragicomico, un ruolo che ha continuato a sottolineare sempre di più in ogni film, anche quando era introspettivo e acuto. In quegli anni persone come i politici, i banchieri ... gli uomini in generale ... cercavano di farsi strada in tutto: nella vita degli altri, negli affari, persino a letto! Un esempio è rappresentato dal film di Dino Risi, I Mostri. 

L'Istituto Luce Cinecittà ha già portato i film di Tognazzi a New York. Come ha ideato una lista di film per il pubblico di San Francisco? 

Come è successo per quasi tutti i nostri precedenti programmi, subito dopo il lancio annuale delle serie restaurate a New York, a dicembre, Luce Cinecittà ha offerto un pacchetto per i tour negli Stati Uniti e in Canada. San Francisco ha sempre il privilegio e il dono speciale di essere la prima a scegliere i film. Per me, è stato difficile selezionare i migliori, perché l'obiettivo finale è quello di coprire la vita di un attore in un giorno. Ho scelto quelli che credo siano i suoi ruoli migliori e più significativi diretti da cinque dei migliori registi del tempo. 

Tognazzi ha sempre alternato ruoli comici e drammatici. Era questa la sua più grande forza come attore? 

Tognazzi ha iniziato la sua carriera come comico televisivo con Raimondo Vianello. Il suo umorismo, anche nei suoi primi sketch, navigava sempre tra la satira e una dura critica della società. Non aveva il fascino malinconico di Marcello Mastroianni, né il volto infantile di Sordi o la maschera tragica di Totò. Il suo aspetto "anonimo" lo ha costretto lottare per anni prima di ricevere attenzione. Una volta ha detto durante un'intervista: "Non sono un attore carismatico che ha lavorato tutta la vita per essere come Sordi, che oggi è l’Albertone Nazionale" Io sono ... io potrei essere un Ughetto internazionale ... Ho visto Sordi in tv e sembrava il Papa, mentre io sembro sempre uguale a me stesso" (il critico Federico Cacchiari lo riporta in un saggio del 2010).  

I film degli anni '60 hanno uno scopo serio e si occupano di politica, terrorismo e problemi sociali contemporanei. Tognazzi era sempre accigliato, mai sorridente o divertente. Negli anni '70, da attore maturo e più vecchio, interpretava più se  stesso. In uno dei film di Monicelli, Venga a prendere il caffè (1970), Tognazzi ha dichiarato: "Lo scheletro di tutte le società, passato, presente e futuro si riduce a questa formula: avere piacere e dare piacere". 

I suoi figli hanno detto molte volte che era la stessa persona a casa e nei film. Qual è la sua idea di Tognazzi? 

Penso che avessero ragione e sicuramente lo conoscevano bene. Ogni volta che andavamo a vedere i suoi film e guardavamo la sua vita sulle riviste o in tv, Tognazzi sembrava sempre molto socievole, sempre capace di intrattenere e cucinare per la sua famiglia e i suoi amici. Il documentario che mostreremo all'Istituto Italiano di Cultura il 25 aprile, diretto dalla figlia Maria Sole Tognazzi, ci mostra esattamente questo suo aspetto. Sono cresciuta guardando i film di Tognazzi ed era uno dei miei attori preferiti. Ho visto quasi tutti i suoi film e lui è diventato parte del mio mondo. Ho amato le sue critiche politiche e il suo modo di affrontare la vita. Era il padre che tutti noi volevamo avere: sia divertente che serio. 

Qual è il suo film preferito e perché? 

La Tragedia di un uomo ridicolo è il mio film preferito. Due geni, Bertolucci e Tognazzi, hanno reso possibile quel miracolo. È un vero capolavoro. Amo anche Il Vizietto e ho deciso di portarlo sotto i riflettori perché è un ritratto ben fatto e meraviglioso dello scontro tra bigottismo e libertà di scelta. San Francisco è il posto giusto per accogliere questo film nella versione originale, come abbiamo fatto con Scent of a Woman. C'è stato un remake, come tutti voi sapete, con Robin Williams, ma anche il grande attore americano non è riuscito a raggiungere la grandezza di Tognazzi in questo ruolo. 

Scoprite il programma del cinema e acquistate i biglietti per Cinema Italia (in programma il 27 aprile al Castro Theatre di San Francisco) all'indirizzo http:// www.cinemaitaliasf.com 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

San Francisco and Assisi honor their first 50 years as Sister Cities

San Francisco-Assisi, the first 50 years as Sister Cities

San Francisco-Assisi, first 50 years as Sister's Cities

Viva ‘a tazzulella: Naples and her love story with coffee and tradition

The relationship between caffé and the city of Naples can only be called love. La tazzulella di caffé is the way Neapolitans welcome the day,...

From the Romans to Murano: the colorful world of murina glass as you have never seen it

The purity and beauty of Venetian glass is known worldwide: a precious and ancient tradition that speaks of quality, beauty, elegance and creativity...

Carretti Siciliani: the young faces of an ancient tradition

I think that speaking with an artist is always, always an honor. And for this reason, I was truly delighted and — I must admit — quite excited, by...

Lina Wertmüller: an Oscar to an original portrait of Italianness

“I am grateful to have received this award, which I didn’t expect, and that, for this reason, is even more welcome and makes me all the happier. For...

Weekly in Italian

Recent Issues