Celebrating success, recognizing excellence, and raising money for Women’s History Month

The Panelists for the BAIA event _Five Women. Five Industries. One Community_ - Photos_ Hector Martinez

The Panelists for the BAIA event _Five Women. Five Industries. One Community_ - Photos_ Hector Martinez

Between San Francisco and Palo Alto, the Italian Community celebrated female success and excellence with a week full of events during Women’s History Month.

On Wednesday 6th, Shelley Lindgren was announced as new Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia (Knight of the Order of the Star of Italy) by Italian Consul General, Lorenzo Ortona. As an ambassador of Italian food and wine culture in the Bay Area of San Francisco, Shelley runs a restaurant named after the famous highway A16 - Autostrada Napoli-Canosa, also known as Autostrada dei Due Mari. Surrounded by friends and family, she was recognized for her passion and hard work in connecting Italy and California and supporting Italy’s wine industry. 

Two Donne di Pizza getting ready to make dough for the pizza - Credits Enrica Cavalli


BAIA, the Business Association Italy America, has put together an event on March 7th, bringing in the spotlight five Italian women living in the Bay Area and working in different industries and roles. An engineer, a designer, a director, an entrepreneur, and a scientist were joined by journalist and writer Sheila Pierce Ortona for a candid chat around different topics, like work, family, career, and more. 

Donne di Pizza with Italian Cultural Institute Director (Far left) and TV host Francesca Romana Barberini (Far right) - Credits_ Enrica Cavalli


Over the weekend, starting on Women’s Day, a group of seven pizzaiole (female pizza-makers) and TV host Francesca Romana Barberini introduced the Donne di Pizza - Donne di Cuore project to the local community. The group, born from the idea of friendship and the common will to help, consisted of Marina Orlandi, former pastry chef, and Giovanna Baratella, who opened together Pizzeria Slurp in Ferrara; Enrica Causa of the Rustica pizzeria in Galzignano Terme (Padua); Claudia Tosello, owner of Arcobaleno in Pettorazza Grimani (Rovigo); Eleonora Massaretti of Basilico Rosso pizzeria in Castelmassa (Rovigo); Paola Cappuccio, the Neapolitan of the group, from Pizza Verace pizzeria in Portici (Naples), and last but not least Petra Antolini from Settimo Cielo in Pescantina (Verona). Francesca Romana Barberini has been the supporter of the group since its start and has been helping build connections, create opportunities, and give voice to these women and their abilities.

The Panelists for the BAIA event _Five Women. Five Industries. One Community_ - Photos_ Hector Martinez


Francesca is a TV and Radio Host and runs a daily show on Alice TV called ALICE CLUB, il club della Buona Tavola. There, everyone, from chefs to food bloggers, from special guests to the audience, can share their passion and love for good food and cooking. Francesca cooks different recipes every day, while interacting with guests. She flew to the Bay Area for a few days for Donne di Pizza - Donne di Cuore events, that got full support from both the Italian Cultural Institute and the Consulate General of Italy.

The food marathon unfolded into a two nights of pizza making: A16 Restaurant in San Francisco and Terun in Palo Alto hosted a night each dedicated to pizza, thanks to a special menu, and used part of the proceeds for a local non-profit organization, La Cocina. We talked to Francesca, soon after a cooking class at Bite Unite in San Francisco, where attendees learned and made their own pizza, while the Donne di Pizza mastered their skills.

The moment Shelley Lindgren obtained the Knight of the Order of the Star of Italy Medal from Consul General Lorenzo Ortona.


Francesca, what’s happening this weekend?
We are in the US to underline that making Pizza in Italy is no longer a male business only. Women are now making pizza, proving they are pretty good at it. We all know famous pizzaioli, but there are also some unknown talented female pizzamakers, although not too many. These seven pizzaiole here are a good representation of this new trend. Pizza today means redemption, commitment, and sometimes also a new life. Some are from a different field and reinvented themselves for this.

They also come from different places in Italy…
They do, and they represent the best you can find in Italy, from north to south. We wanted to tell a different story of Italy and Italian Women. They bring more attention to environment, the land, and the ingredients we use in the kitchen.

How did this opportunity come to life?
The opportunity came up when I was visiting San Francisco last year. I literally fell in love with the city. It’s an interesting and vibrant place, very close to the European culture. It is also very open to new food experiences and cultures. When I came here, I was sure that Italy, its culinary story, and its present were well known here. Instead, I realized there was lots to do and this idea was very exciting. I met with the Italian Consul General, Lorenzo Ortona. He strongly believes that food can allow to tell more about Italy. I agreed on that.

Francesca, tell us a bit more about the group.
The group was born around the concept of exchanging ideas and tips and with the support of the Università della Pizza - La Scuola del Mulino. They wanted to become a real group of professionals who collaborate and offer their know-how to others. They all run their businesses, that’s why they were willing to do more for others.

Is there any difference between a male and female pizza-maker?
In Italy, women have always been the queens of the kitchen. Lately, some have left the kitchen to do something different. For instance, running a business in the food industry. Being a woman and an entrepreneur is not an easy thing. When you have kids, you need a different way of organizing stuff.

What seems to be a weakness is then a strength, don’t you think?
Women have a better ability of adapting to what happens around. In today’s life, where it’s requested to be resilient, women win because they are able to think of work, family, school, and grocery all together. This means you need to be well organized, practical, and to not waste time.

Today’s experience here, what does it represent?
Cooking is an act of love and pizza is to me the symbol of solidarity and sharing. It’s one of those dishes that people do not usually cook at home. We learned simple techniques and special tips. We received a warm welcome also at other restaurants, A16 allowed us to use their kitchen and raise money for La Cocina, and on Sunday we will be at Terun in Palo Alto.

Have you tried or will you try any pizza place in San Francisco?
I know there’s always a discussion about who made pizza first, the Italians or the Americans? I love pizza anyways, I love to travel around the world and to try new dishes all the time. I don’t look for Italian food abroad, especially in San Francisco where there is a constant fusion among cuisines, from Chinese to Japanese, to Mexican. And I love them all!

Tra San Francisco e Palo Alto, la comunità italiana ha celebrato il successo femminile e l'eccellenza con una settimana piena di eventi durante il Mese della Storia delle Donne.

Mercoledì 6, Shelley Lindgren è stata proclamata nuovo Cavaliere dell'Ordine della Stella d'Italia dal Console Generale d'Italia, Lorenzo Ortona. Da ambasciatrice della cultura enogastronomica italiana nella Bay Area di San Francisco, Shelley gestisce un ristorante che prende il nome dalla famosa autostrada A16 - Autostrada Napoli-Canosa, nota anche come Autostrada dei Due Mari. Circondata da amici e familiari, ha ricevuto il riconoscimento per la sua passione e il duro lavoro nel creare un ponte tra l'Italia e la California e nel sostenere l'industria vinicola italiana.

BAIA, Business Association Italy America, ha organizzato un evento il 7 marzo, portando sotto i riflettori cinque donne italiane che vivono nella Bay Area e lavorano in diversi settori e ruoli. Una ingegnere, una designer, una regista, un’imprenditrice e una scienziata sono state raggiunte dalla giornalista e scrittrice Sheila Pierce Ortona per una chiacchierata sincera su diversi argomenti, come lavoro, famiglia, carriera e altro.

Durante il fine settimana, a partire dalla Festa della Donna, un gruppo di sette pizzaiole e la conduttrice televisiva Francesca Romana Barberini hanno presentato alla comunità locale il progetto “Donne di Pizza - Donne di Cuore”. Il gruppo, nato dall'idea di amicizia e dalla volontà comune di aiutare, era composto da Marina Orlandi, ex pasticcera, e Giovanna Baratella, che hanno aperto insieme Pizzeria Slurp a Ferrara; Enrica Causa della Rustica Pizzeria di Galzignano Terme (Padova); Claudia Tosello, titolare di Arcobaleno a Pettorazza Grimani (Rovigo); Eleonora Massaretti della pizzeria Basilico Rosso di Castelmassa (Rovigo); Paola Cappuccio, la napoletana del gruppo, della pizzeria Pizza Verace di Portici (Napoli) e infine, ma non ultima, Petra Antolini di Settimo Cielo a Pescantina (Verona). Francesca Romana Barberini è stata la sostenitrice del gruppo fin dalla sua nascita e ha contribuito a costruire legami, a creare opportunità e a dare voce a queste donne e alle loro capacità.

Francesca è conduttrice televisiva e radiofonica e gestisce uno spettacolo quotidiano su Alice TV chiamato ALICE CLUB, il club della Buona Tavola. Qui tutti, dagli chef ai food blogger, dagli ospiti speciali al pubblico, possono condividere la loro passione e il loro amore per il buon cibo e la cucina. Francesca cucina ogni giorno ricette diverse, interagendo con gli ospiti. Si è recata per alcuni giorni nella Bay Area per gli eventi di “Donne di Pizza - Donne di Cuore”, che hanno ottenuto il pieno sostegno dell'Istituto Italiano di Cultura e del Consolato Generale d'Italia. La maratona gastronomica si è svolta in due notti di pizza: A16 Restaurant di San Francisco e Terun di Palo Alto hanno ospitato ciascuno una serata dedicata alla pizza, grazie ad un menù speciale, e hanno utilizzato parte del ricavato per un'organizzazione locale no-profit, La Cocina. Abbiamo parlato con Francesca, subito dopo un corso di cucina al Bite Unite di San Francisco, dove i partecipanti hanno imparato a fare la pizza, mentre le Donne di Pizza hanno dimostrato le loro abilità.

Francesca, cosa succede questo fine settimana?
Siamo negli Stati Uniti per sottolineare il fatto che fare la pizza in Italia non è più solo un lavoro maschile. Le donne ora fanno la pizza, dimostrando di essere piuttosto brave a farla. Conosciamo tutti i famosi pizzaioli, ma ci sono anche alcune sconosciute pizzaiole di talento, anche se non troppe. Queste sette pizzaiole sono una buona rappresentazione di questa nuova tendenza. Pizza oggi significa riscatto, impegno e a volte anche una nuova vita. Alcune provengono da un settore diverso e si sono reinventate per questo lavoro.

Provengono anche da diversi luoghi d'Italia.....
Sì e rappresentano il meglio che si può trovare in Italia, da Nord a Sud. Volevamo raccontare una storia diversa dell'Italia e delle donne italiane. Fanno più attenzione all'ambiente, alla terra e agli ingredienti che usiamo in cucina.

Come si è concretizzata questa opportunità?
L'occasione si è presentata l'anno scorso, quando ero in visita a San Francisco. Mi sono letteralmente innamorata della città. È un luogo interessante e vibrante, molto vicino alla cultura europea. È anche molto aperto a nuove esperienze alimentari e culture. Quando sono venuta qui, ero sicura che l'Italia, la sua storia culinaria e il suo presente erano ben noti. Invece, ho capito che c'era molto da fare e questa idea era molto eccitante. Ho incontrato il Console Generale d'Italia, Lorenzo Ortona. Crede fermamente che il cibo possa permettere di raccontare di più dell'Italia. Su questo sono d'accordo.

Francesca, ci racconti un po' di più del gruppo.
Il gruppo è nato intorno al concetto di scambio di idee e suggerimenti e con il sostegno dell'Università della Pizza - La Scuola del Mulino. Volevano diventare un vero e proprio gruppo di professionisti che collaborano e mettono il loro know-how a disposizione degli altri. Tutte gestiscono le loro attività, per questo erano disposte a fare di più per gli altri.

C'è qualche differenza tra un pizzaiolo e una pizzaiola?
In Italia, le donne sono sempre state le regine della cucina. Ultimamente, alcune hanno lasciato la cucina per fare qualcosa di diverso. Per esempio, gestire un'attività nel settore alimentare. Essere donna e imprenditrice non è una cosa facile. Quando hai dei figli, hai bisogno di un modo diverso di organizzare le cose.

Quello che sembra essere una debolezza è quindi un punto di forza, non crede?
Le donne hanno una migliore capacità di adattamento a ciò che accade intorno. Nella vita di oggi, dove è richiesto di essere resilienti, le donne vincono perché sono in grado di pensare al lavoro, alla famiglia, alla scuola e alla spesa tutto allo stesso tempo. Questo significa che bisogna essere ben organizzati, pratici e non perdere tempo.

L'esperienza di oggi qui, cosa rappresenta?
Cucinare è un atto d'amore e la pizza è per me simbolo di solidarietà e condivisione. E' uno di quei piatti che le persone di solito non cucinano a casa. Abbiamo imparato tecniche semplici e consigli speciali. Abbiamo ricevuto un caloroso benvenuto anche in altri ristoranti, A16 ci ha permesso di utilizzare la sua cucina e raccogliere fondi per La Cocina, e domenica saremo a Terun a Palo Alto.

Avete provato o proverete una pizzeria a San Francisco?
So che c'è sempre una discussione su chi ha fatto la pizza per primo, gli italiani o gli americani? Amo la pizza comunque, amo viaggiare per il mondo e provare sempre nuovi piatti. Non cerco il cibo italiano all'estero, soprattutto a San Francisco dove c'è una costante fusione tra le cucine, da quella cinese a quella giapponese, a quella messicana. E le amo tutte!

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The waters of Rome, between history and magic

What would a trip to Rome be without a selfie in front of the Trevi Fountain and the traditional tossing of a coin in its light blue waters? Who hasn...

The death of Venice: la Serenissima sinks in neglect

There’s something heart-wrenching in witnessing art, architecture, beauty, being damaged and defiled. T here’s that dull ache at the pit of the...

New life for ancient wheat: Montespertoli’s ancient grains association

Wheat fields have decorated the rolling hills of Tuscany for thousands of years. Interspersed amongst linear vineyards and silver-leafed olive groves...

Alba, truffle pearl: a mother lode of enterprises

When in late October 1929 Wall Street collapsed, contributing to the Great Depression of the 1930s, a rural village of Piedmont started to thrive. In...

Pasta Grannies: Italian nonne take YouTube by Storm

If you are familiar with all that’s trending on YouTube , then you may know The Pasta Grannies, a channel with more than 400.000 subscribers where...

Weekly in Italian

Recent Issues