Celebrating Italy: Italian design day brings the beauty of Italian cities around the world

The Siemens S62, the iconic rotary phone, symbol of Italian design and lifestyle © Владимир Сухачёв | Dreamstime.com

This year, the 20th of March was not only the last day of Winter: it also celebrated the innovative beauty of Italian design around the world. The day, Italian Design Day 2019, endorsed by the Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation, was part of a wider project created two years ago, that aims at promoting the idea of “vivere all’Italiana,” of Italian lifestyle, all over the world. 

This year, the running theme was that of the “City of the Future,” in all its characteristics, with a special interest to “life quality” and “new frontiers of living.” Italian Design Day came into being also thanks to the collaboration and cooperation of other groups and  associations, including  the Ministry of Cultural Heritage and Activities, the Ministry of Economic Development, the Association of Industrial Design (ADI), the ICE Agency, the Triennale di Milano, the Salone del Mobile di Milano. 

Such a simple object, such a perfect object: the Bialetti Moka is so iconic to be displayed at the MoMA © denny Toazza | Dreamstime.com


The initiative reached its third year and wanted to bring attention to an aspect of the Made in Italy that brought so much glory to the country in the past century and a half. Indeed, our design industry has been one of the most celebrated around the world for time unmemorable, creator as it has been of iconic pieces of popular culture: the FIAT 500, which recently entered the MoMA permanent collection; the elegant Bialetti Moka, yet another star of the very same museum; the Olivetti Lettera 22,  iconic typewriter  created by Marcello Nizzoli, just to name a few. Everyday objects, big and small, useful or just beautiful, all of them carrying the essence of an all-Italian way to think and create

Italian Design Day is, then, a celebration of all that Italy has been making and developing in the field of design and, this year in particular, in the realm of living spaces. At the heart of it all, the contribution of Italian design to the improvement of urban living. 

The iconic Fiat 500


The project truly wanted to bring Italian design to everyone, everywhere  in the world, to showcase ideas, projects and  solutions able not only to make our life better, but also to stimulate a lively debate about how our cities will look like and  function in the future. We are talking about more than a mere showcase for Italian products — as innovative, beautiful and exclusive  they may be —, because Italian Design Day, with its idea of projecting  creativity into the future, wants primarily to reiterate the Belpaese’s role in rising living standards and making comfort and beauty accessible to all. 

During the presentation of the day, which took place of the 18th of March in Milan, Carlo Borghetti, Vice President of Lombardia’s Regional Council underlined that: “the title chosen for this day ‘Design and the city of the future. Quality of life and new frontiers of living’ is particularly interesting, because we truly need to change the current status quo if we want to positively  tackle today’s crucial issues: sustainability, responsible use of the sources, energy saving, all while keeping an eye on the beauty and the quality of the product.”

The iconic Lettera 22, by Olivetti. The color, the design, the style: it was pure innovation when it first appeared


The formula chosen by the Farnesina to promote the concept around the globe was simple: using its  vast and capillary  network  of embassies  and consulates to present people, projects  and objects of Italian design: something different in each corner of the world. In order to do so,  the interesting 100 Ambassador of Italian Design for 100 Cities format was used: representatives of Italian creativity, from architects to entrepreneurs, from teachers to urbanists, presented  100 special objects or trends that have changed the way we live: we mentioned already our old and beloved Moka Bialetti and the fantastic Fiat 500,  but what would our life be without the ubiquitous Siemens S62, the plastic rotary phone every home had up until 25 or 30 years ago and that, today, has become a collectors’ item?

And what about Achille Castiglioni and his lampada da terra Arco (1962) or his poltrona Sanluca (1957), so innovative in their design to be themselves part of MoMA’s collections? As an incise, Castiglioni had the honor to have the largest retrospective dedicated to an Italian artist ever  by the museum in 1997,  when Paola Antonelli was  its curator. 

The Sanluca armchair, another of Castiglioni’s creations. The designer was honored at the Moma in 1997, with the largest retrospective ever dedicated to an Italian artist


All these objects, symbols themselves of Italy’s creative intelligence, became a  sort of “diffused” museum, a different piece in every corner of the world, their linking thread being the country behind  their very creation. Each embassy and consulate celebrated the day also through various  initiatives,  from talks and seminars to competitions for young creators and designers: a great way to bring attention on one of the most important and iconic fields of the Made in Italy

Italian design well deserved this worldwide celebration: there is a piece of it in every home in the world, and its quality and creative charm are known very much everywhere. But Italian design is not unique and relevant internationally solely for its aesthetics, nor simply for its innovative afflatus. There is more behind it, a touch that is quintessentially Italian and that goes back to the times of Leonardo’s workshop (let’s not forget Italy celebrates the 500th anniversary of his death  this year) and  to the savvy hands of violin makers and byssus weavers.

Behind every piece of Italian design, there is a creative mind steeped in the desire to make art; there a need to create  that is typical of the artist, a necessity to share that comes with the emotion of giving to the  world something that  make life easier, nicer, prettier. More pragmatic, factual minds may consider  this superfluous, or even useless, but to an Italian mind, this is essential: the Italians need to know, to be certain that the creative act  gives beauty and not only practicality,  because the practical helps have an easier life, but the beautiful makes life, well… more beautiful. 

The Siemens S62, the iconic rotary phone, symbol of Italian design and lifestyle © Gearstd | Dreamstime.com


Italian Design Day should be read also in this optic: not only as a way to celebrate a product, its  usefulness and its ability to change and ameliorate the future, but also as an hymn to Italian creativity and to the minds who, throughout the centuries, have never tired to create, renew,  challenge and transcend what already existed, in the attempt to make life simpler and more marvelous.

Create, renew, challenge and transcend: the true mantra of the Italian creative, yesterday and today. This, Leonardo must have had in mind, all those centuries ago, when sketching his inventions on the empty pages of his now famous notebooks. This, must have been the refrain in Michelangelo’s head when carving the Moses. And this, we are certain, is the leading line for all modern designers of the Belpaese

To say it with former Italian President Carlo Azeglio Ciampi, the creativity, aesthetics and  passions that go into Italian design are the “Italy that is within each and everyone  of us:”  we are all part of it and it is all part of our own identity.

Quest'anno, il 20 marzo non è stato solo l'ultimo giorno dell'inverno: ha celebrato anche la bellezza innovativa del design italiano nel mondo. La giornata, l’Italian Design Day 2019, promosso dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, faceva parte di un progetto più ampio avviato due anni fa, che mira a promuovere l'idea del "Vivere all'italiana”, in tutto il mondo.

Quest'anno, il tema è stato quello della "Città del Futuro", in tutte le sue caratteristiche, con un particolare interesse alla "Qualità della vita" e alle "Nuove frontiere della vita". L’Italian Design Day è nato anche grazie alla collaborazione e alla cooperazione con altri gruppi e associazioni, tra cui il Ministero per i Beni e le Attività culturali, il Ministero dello Sviluppo Economico, l'Associazione per il Disegno Industriale (ADI), l'Agenzia ICE, la Triennale di Milano, il Salone del mobile di Milano.

L'iniziativa è giunta al terzo anno e ha voluto richiamare l'attenzione su un aspetto del Made in Italy che ha portato tanta gloria al Paese nello scorso secolo e mezzo. La nostra industria del design, infatti, da tempo immemore, è una delle più celebrate nel mondo, avendo creato alcuni dei pezzi iconici della cultura popolare: la FIAT 500, recentemente entrata a far parte della collezione permanente del MoMA; l'elegante Bialetti Moka, altra stella dello stesso museo; la Olivetti Lettera 22, l'iconica macchina da scrivere creata da Marcello Nizzoli, solo per citarne alcuni. Oggetti d'uso quotidiano, grandi e piccoli, utili o semplicemente belli, tutti portatori dell'essenza di un modo tutto italiano di pensare e creare. 

L'Italian Design Day è, dunque, una celebrazione di tutto ciò che l'Italia ha fatto e sta sviluppando nel campo del design e, quest'anno in particolare, nell'ambito degli spazi abitativi. Al centro di tutto, il contributo del design italiano al miglioramento dell'abitare urbano. 

Il progetto intende davvero portare il design italiano a tutti, ovunque nel mondo, per mostrare idee, progetti e soluzioni in grado non solo di migliorare la nostra vita, ma anche di stimolare un vivace dibattito su come saranno le nostre città nel futuro. Stiamo parlando di qualcosa di più di una semplice vetrina per i prodotti italiani - per quanto innovativi, belli ed esclusivi possano essere -, perché l'Italian Design Day, con la sua idea di proiettare la creatività nel futuro, vuole innanzitutto ribadire il ruolo del Belpaese nel migliorare il tenore di vita e rendere comfort e bellezza accessibili a tutti. 

Nel corso della presentazione della giornata, che si è svolta il 18 marzo a Milano, Carlo Borghetti, Vice Presidente della Giunta Regionale della Lombardia, ha sottolineato questo aspetto: “Il titolo scelto per questa giornata, ‘Il design e la città del futuro. Qualità della vita e nuove frontiere dell'abitare’ è particolarmente interessante, perché dobbiamo davvero cambiare lo status quo attuale se vogliamo affrontare positivamente le questioni cruciali di oggi: sostenibilità, uso responsabile delle risorse, risparmio energetico, il tutto con un occhio di riguardo alla bellezza e alla qualità del prodotto".

Semplice la formula scelta dalla Farnesina per promuovere il concetto in tutto il mondo: utilizzare la sua vasta e capillare rete di Ambasciate e Consolati per presentare persone, progetti e oggetti del design italiano: qualcosa di diverso in ogni angolo del mondo. Per farlo, è stato utilizzato l'interessante format 100 Ambasciatori del Design Italiano per 100 Città: rappresentanti della creatività italiana, dagli architetti agli imprenditori, dai docenti agli urbanisti, hanno presentato 100 oggetti speciali o tendenze che hanno cambiato il nostro modo di vivere: abbiamo già citato la nostra vecchia e amata Moka Bialetti e la fantastica 500, ma cosa sarebbe stata la nostra vita senza l'onnipresente Siemens S62, il telefono a disco in plastica che ogni casa aveva fino a 25 o 30 anni fa e che oggi è diventato un oggetto da collezione?

E che dire di Achille Castiglioni e della sua lampada da terra Arco (1962) o della sua poltrona Sanluca (1957), così innovativi nel design da far parte delle collezioni del MoMA? Per inciso, nel 1997 Castiglioni ha avuto l'onore di avere la più grande retrospettiva dedicata ad un artista italiano mai realizzata dal museo, quando Paola Antonelli ne era la curatrice.

Tutti questi oggetti, simboli stessi dell'intelligenza creativa italiana, sono diventati una sorta di museo "diffuso", un pezzo diverso in ogni angolo del mondo, il cui filo conduttore è il paese dietro alla loro stessa creazione. Ogni Ambasciata e Consolato ha celebrato la giornata attraverso varie iniziative, da conferenze e seminari a concorsi per giovani creatori e designer: un ottimo modo per attirare l'attenzione su uno dei campi più importanti e iconici del Made in Italy.

Il design italiano ben merita questa celebrazione mondiale: ce n'è una parte in ogni casa del mondo, e la sua qualità e il suo fascino creativo sono conosciuti ovunque. Ma il design italiano non è unico e rilevante solo per la sua estetica, né semplicemente per il suo afflato innovativo. C'è di più dietro, un tocco che è tipicamente italiano e che risale ai tempi della bottega di Leonardo (non dimentichiamoci che l'Italia celebra il cinquecentenario della sua morte quest'anno) e alle mani sapienti dei produttori di violini e dei tessitori di bisso.

Dietro ogni pezzo del design italiano, c'è una mente creativa intrisa del desiderio di fare arte; c'è un bisogno di creare che è tipico dell'artista, una necessità di condividerlo con l'emozione di dare al mondo qualcosa che renda la vita più facile, più bella, più piacevole. Menti più pragmatiche e concrete potrebbero considerare superfluo, o anche inutile, tutto ciò ma per una mente italiana, questo è essenziale: gli italiani devono sapere, essere certi, che l'atto creativo dà bellezza e non solo praticità, perché gli aiuti pratici rendono la vita più semplice, ma la bellezza rende la vita, beh ... più bella.

L’Italian Design Day dovrebbe essere letto anche in quest’ottica: non solo come un modo per celebrare un prodotto, la sua utilità e la sua capacità di cambiare e migliorare il futuro, ma anche come un inno alla creatività italiana e alle menti che, attraverso i secoli, non si sono mai stancate di creare, rinnovare, sfidare e trascendere ciò che già esisteva, nel tentativo di rendere la vita più semplice e più bella.

Creare, rinnovare, sfidare e trascendere: il vero mantra della creatività italiana, ieri e oggi. Questo, Leonardo doveva aver avuto in mente, tutti quei secoli fa, quando disegnava le sue invenzioni sulle pagine bianche dei suoi famosi taccuini. Questo, doveva essere stato il ritornello nella testa di Michelangelo quando scolpiva il Mosè. E questo, ne siamo certi, è la linea guida per tutti i moderni designer del Belpaese.

Per dirla con l'ex Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi, la creatività, l'estetica e la passione che ci sono nel design italiano sono "l'Italia che è dentro ognuno di noi": siamo tutti parte di essa, ed è tutto parte della nostra identità.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Travail and triumph: The tale of an Italian émigré

Life, we all know it, is truly unpredictable. There’s very little we can anticipate and we rarely think about how, at times, a cheerful, carefree...

Myths and legends of Italy Campania – Parthenope and the foundation of Naples

Vedi Napoli e poi mori , once you’ve seen Naples, you are free to die. It may sound unsettling at first, but whoever visited the city can testify it...

Guess who’s coming for dinner: did the Romans really make it to America?

We all know when and how the American continent was discovered — let us not delve into the unnerving diatribe about “discovering” vs “conquering”...
San Francisco and Assisi honor their first 50 years as Sister Cities

San Francisco-Assisi, the first 50 years as Sister Cities

San Francisco-Assisi, first 50 years as Sister's Cities

From the Romans to Murano: the colorful world of murina glass as you have never seen it

The purity and beauty of Venetian glass is known worldwide: a precious and ancient tradition that speaks of quality, beauty, elegance and creativity...

Weekly in Italian

Recent Issues