Avere 75 anni e non sentirli: gli italiani dimostrano 10 anni in meno

Avere 75 anni e non sentirli: gli italiani dimostrano 10 anni in meno

Avere 75 anni e non sentirli...o almeno non dimostrarli. Per gli italiani pare sia così. Lo dice uno studio pubblicato su Lancet Public Health.

La differenza tra età anagrafica ed età biologica è stata oggetto di uno studio scientifico condotto in varie nazioni del mondo e ha rivelato l’esistenza di un gap di ben trent’anni tra le nazioni. In pratica esistono paesi dove si portano meglio gli anni e paesi, soprattutto in via di sviluppo, dove se ne dimostrano molti più degli effettivi.

“L’aumento dell’aspettativa di vita – afferma il primo autore dello studio, Angela Y. Chang, Center for Health Trends and Forecasts della University of Washington – può rappresentare sia un’opportunità, che una minaccia per il welfare delle popolazioni, a seconda dei problemi di salute correlati all’età che le persone sviluppano, indipendentemente dall’età anagrafica e i sistemi sanitari devono sapere a quale età le persone cominciano a risentire degli effetti negativi dell’invecchiamento”.

Nell’analisi i ricercatori hanno misurato il ‘burden of disease’ correlato all’età, aggregando i dati riferiti alla perdita degli anni di vita in salute, derivanti da 92 patologie considerate collegate con l’avanzare dell’età.
Le patologie correlate all’età che maggiormente contribuiscono alla mortalità e alla maggiore perdita degli anni di vita in salute, sono: cardiopatia ischemica, emorragia cerebrale e broncopneumopatia cronico-ostruttiva.
Lo studio ha preso in esame i dati relativi ai 65enni che vivono in 195 nazioni nel periodo 1990-2017.

E’ così risultato che in Papua Nuova Guinea si invecchia di più e in Giappone di meno. Nella parte centrale della classifica ci sono gli USA (53° posto) che si collocano tra Algeria (52° posto) e Iran (54° posto). L’Italia conquista invece un rilevante ottavo posto: un nostro connazionale, a quasi 75 anni, ne dimostra biologicamente 65.

La top ten delle nazioni più ‘giovanili’ del mondo è guidata da Giappone, Svizzera, Francia,  Singapore, Kuwait, Corea del Sud, Spagna, Italia, Porto Rico e  Perù.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Fondamentale per la ricerca il Dna dei sardi: è un ‘orologio molecolare’

Fondamentale per la ricerca il Dna dei sardi: è un ‘orologio molecolare’

Non è la prima volta che si sente dire ma è l’ennesima conferma della sua straordinaria importanza. Il Dna dei sardi è “una macchina del tempo”,...
Studio italiano conferma: non ci si ammala di cancro per caso o sfortuna. Tra le cause stili di vita e ambiente esterno

Studio italiano conferma: non ci si ammala di cancro per caso o sfortuna. Tra le cause stili di vita e ambiente esterno

Non ci si ammala di cancro per caso o per sfortuna: lo confermano i risultati dello studio di un gruppo di scienziati dell'Istituto Europeo di...
La Nasa celebra la cooperazione spaziale con l'Italia (e Matera)

La Nasa celebra la cooperazione spaziale con l'Italia (e Matera)

All’Ames Research Center della Nasa di Mountain View in California si è tenuto un convegno volto a rafforzare la cooperazione nel settore dello...
L'Italia sceglie l'inclusione per la Festa Nazionale del 2 Giugno

L'Italia sceglie l'inclusione per la Festa Nazionale del 2 Giugno

“L’inclusione” è il tema scelto quest'anno per la tradizionale parata militare della Festa del 2 giugno ai Fori Imperiali in occasione del 73esimo...
Alta formazione, Italia protagonista della fiera Nafsa a Washington

Alta formazione, Italia protagonista della fiera Nafsa a Washington

Dopo il successo della partecipazione all’edizione del 2018, l’Italia ed il suo sistema universitario e di alta formazione sono ancora una volta...

Weekly in Italian

Recent Issues