Identificato il soldato che salvò Hemingway

Identificato il soldato che salvò Hemingway

Sul Piave, nel 1918, un colpo di mortaio investì il futuro premio Nobel per la letteratura ma un fante italiano protesse Ernest Hemingway, salvandogli la vita: dopo 100 anni la sua identità è stata scoperta.

Hemingway si era presentato volontario per combattere nel Corpo di spedizione al comando del generale Pershing, come stavano facendo molti giovani poi famosi della sua epoca: John Dos Passos, William Faulkner e Francis Scott Fitzgerald. Ma a causa di un difetto alla vista fu escluso dai reparti combattenti e venne arruolato come autista sulle ambulanze della Croce Rossa americana destinate al fronte italiano dalla città di Schio, ai piedi del monte Pasubio. Fu lì e allora che Hemingway conobbe Dos Passos e cominciò a collaborare con un giornale ma fu anche allora che un fante, pur se involontariamente, si interpose tra lui e lo scoppio di una granata che lo ferì gravemente a una gamba.

Marino Perissinotto, appassionato di storia bellica, e James McGrath Morris, autore di un libro sullo scrittore americano, hanno identificato il fante in Fedele Temperini, un toscano originario di Montalcino, Siena, che allora aveva 26 anni.

“Non avremmo mai sentito parlare di Ernest Hemingway - ha detto McGrath Morris nel suo libro del 2017 - se non fosse stato per un soldato italiano che rimase ucciso prendendosi l'urto dell'esplosione”.
L’identificazione è stata possibile perchè Temperini fu il solo soldato del 69° Reggimento che rimase ucciso nella notte tra l'8 e il 9 luglio mentre si trovava accanto all’americano: attraverso i registri militari i due storici hanno individuato le unità di appartenenza scoprendo che 15 dei 18 caduti italiani in quello scontro erano in altre zone del fronte e dei tre rimanenti due, del 152° Fanteria, si trovavano in trincea due chilometri più indietro. Pertanto Temperini, del 69°, è colui che cadde dilaniato da un colpo di mortaio facendo involontariamente da scudo a Hemingway che poi racconterà  l'esperienza bellica in Addio alle armi del 1929.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

L’influenza spagnola svelata in una lettera del 1918 conservata a Teramo

L’influenza spagnola svelata in una lettera del 1918 conservata a Teramo

L’influenza spagnola degli anni 1918-19 fu la più grande pandemia del XX secolo. Si ritiene che oltre 200 milioni di persone siano state colpite...
Istituto Centrale per la Patologia del Libro, una storia iniziata nel 1938

Istituto Centrale per la Patologia del Libro, una storia iniziata nel 1938

L’importanza dell’Istituto Centrale per la Patologia del Libro è riconosciuta fin dall’anno della sua fondazione, il 1938: negli anni di pieno regime...
My Lucanian Roots: ponte socio-culturale tra Paterson e Montescaglioso

My Lucanian Roots: ponte socio-culturale tra Paterson e Montescaglioso

C’è anche il progetto “My Lucanian Roots” tra quelli finanziati dalla Giunta della Regione Basilicata a favore dei Lucani nel Mondo. Il progetto, che...
Trieste rende omaggio al 75° anniversario dell'insurrezione che il 30 aprile 1945 liberò la città

Trieste rende omaggio al 75° anniversario dell'insurrezione che il 30 aprile 1945 liberò la città

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha scritto una lettera indirizzata alla Associazione Volontari della Libertà di Trieste, in...
Dal Comitato Nazionale di Liberazione alla resa agli Alleati firmata il 3 maggio: 75 anni fa si scriveva la storia

Dal Comitato Nazionale di Liberazione alla resa agli Alleati firmata il 3 maggio: 75 anni fa si scriveva la storia

“Cittadini, lavoratori! Sciopero generale contro l'occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre...

Weekly in Italian

Recent Issues