Da Trivento ad Agnone: cripte paleocristiane, rintocchi di campane e tradizione casearia del Molise

Da Trivento ad Agnone: cripte paleocristiane, rintocchi di campane e tradizione casearia del Molise

Lasciata Termoli, seguiamo la statale adriatica fino a San Salvo, per risalire lungo la valle del fiume Trigno che scende dall’Appennino. La valle, anche nella stagione invernale, propone cromie mutevoli e il paesaggio è denso di richiami. Il fiume alimenta una vegetazione che nella bella stagione sarà rigogliosa di verde. Risaliamo il costone meridionale della valle fino a Trivento, centro con l’antica sede vescovile risalente all’anno Mille. La Cattedrale, dedicata ai Santi Celso, Nazario e Vittore, fu costruita sui resti d’un tempio di Diana. Molto bella è la cripta paleocristiana, a piccole navate, che contiene il sepolcro di S. Casto con un bassorilievo della SS. Trinità tra due delfini. Interessanti il Castello ducale e la lunga scalinata che in 365 gradoni conduce alla piazza del Duomo. L’antica Trivento dei Sanniti Pentri diventò municipio romano, Terventum, nel I secolo a.C. Nelle vicinanze sono state rinvenute ville rustiche di epoca romana dove si producevano olio e vino.

Abbiamo ancora un’altra tappa da fare, ad Agnone. Mentre riprendiamo il viaggio risalendo la valle, indicazioni stradali segnalano la diramazione per S. Angelo Limosano. Non abbiamo tempo per una visita, ma solo per rammentare che nel 1209 là nacque Pietro Angelerio, il monaco benedettino che il 29 agosto 1294 diventò papa Celestino V a L’Aquila, nella Basilica di Collemaggio, dove prese la tiara davanti a 200mila pellegrini, come le cronache dell’epoca raccontano. Fu una figura importante per la spiritualità del tempo, insieme a Francesco d’Assisi e a Gioacchino da Fiore, con i suoi gesti rivoluzionari, come l’istituzione della Perdonanza – il primo giubileo della cristianità – e le dimissioni dal soglio pontificio a cinque mesi dall’elezione. Un gesto che nel 2013 papa Benedetto XVI avrebbe replicato.

Siano infine arrivati ad Agnone, magnifica cittadina d’origine sannita rinomata per la millenaria arte della fusione di campane, che rintoccano in mezzo mondo, e per l’arte orafa. Famosa l’antica fonderia Marinelli, che appunto risale all’anno Mille, tra le poche che hanno il privilegio di fregiarsi dello stemma pontificio. La città ha preziosi monumenti, come la parrocchiale di San Francesco, con il pregevole portale gotico sormontato da un rosone, e le chiese di S. Emidio, S. Antonio Abate, S. Amico, S. Nicola, S. Pietro, Santa Maria a Majella, Santa Croce ed altre fuori le mura. Pregevole anche l’architettura civile, nei palazzi gentilizi e nel teatro italo-argentino, costruito nella prima metà del Novecento con le offerte degli agnonesi emigrati in sud America.

Famoso il caciocavallo di Agnone, insieme alle scamorze tipico esempio della tradizione casearia del Molise, che vanta anche una vasta gamma di formaggi ovini e caprini, un’eccellente produzione di pasta alimentare, di olio e vini di qualità, di salumi tipici e di coltivazione del tartufo. Il nostro viaggio finisce a Pietrabbondante, suggestivo borgo del quale non vi parliamo, ma che già nel nome evoca la ricchezza di meraviglie e sapori del Molise, terra con tante curiosità da scoprire e da apprezzare, senza inutile fretta.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Le Cronache ispirate a Narni non raccontano la bontà del Ciliegiolo, vitigno tenace già noto agli antichi Romani

Avete mai sentito parlare di Narnia? È un mondo immaginario popolato da maghi, streghe e personaggi fantastici, creato dallo scrittore britannico...
Il gusto domina le colline di Valdobbiadene dove appena 108 ettari regalano il prosecco superiore di Cartizze

Il gusto domina le colline di Valdobbiadene dove appena 108 ettari regalano il prosecco superiore di Cartizze

Acqua, terra e storia. Impasta il tutto e aggiungi i profumi inconfondibili del radicchio tardivo e della casatella. Mentre sali in bicicletta sulle...
Il cielo fa da tetto all’Abbazia cistercense di San Galgano e una spada nella roccia sfida i puri di spirito

Il cielo fa da tetto all’Abbazia cistercense di San Galgano e una spada nella roccia sfida i puri di spirito

Toscana arcaica. Toscana d’arte. Nel piccolo comune di Chiusdino, le grandi mura di un antico edificio religioso rimandano a un antico splendore...
Scoprire il Molise attraverso i suoi vigneti e le uve che donano il Tintilia

Scoprire il Molise attraverso i suoi vigneti e le uve che donano il Tintilia

Tintilia! Tintilia!! Tintilia!!! E’ un vino da sei punti esclamativi, come nella leggenda di Enrico V di Germania. Si narra che nell'anno 1111 Enrico...
Tra Langhe e Monferrato colline e strade dolci come il miele di Roero, dove si allevano famiglie di api

Tra Langhe e Monferrato colline e strade dolci come il miele di Roero, dove si allevano famiglie di api

Langhe, Roero e Monferrato. Sono pochi quelli che non conoscono questi tre territori piemontesi inseriti dall’Unesco tra i patrimoni dell’Umanità...

Weekly in Italian

Recent Issues