Record di crescita export per i tre Pecorini Dop negli Stati Uniti

Record di crescita export per i tre Pecorini Dop negli Stati Uniti. Nel 2018 (gennaio-ottobre) sono state esportate oltre 8.500 tonnellate di formaggi pecorini per un valore del +40% rispetto all’anno precedente.

Buone notizie anche per quanto riguarda la produzione. La Sardegna è oggi la prima regione italiana per numero di capi ovini da latte con oltre 3 milioni di pecore e la produzione di formaggi ovini Dop è in continuo aumento. Infatti, con riferimento all’annata casearia 2017-2018, il Consorzio per la tutela del formaggio pecorino romano Dop riporta una produzione pari a 34.167 tonnellate e un incremento del +22% rispetto allo stesso periodo dell’annata precedente. Allo stesso modo, anche il pecorino sardo Dop conferma dati in crescita e per il periodo gennaio-settembre 2018 indica la produzione di 190.549 forme di pecorino sardo dolce e 267.804 forme di pecorino sardo maturo, con un incremento rispettivamente del +4% e del +10,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. Infine, sempre in riferimento al periodo gennaio-settembre 2018, anche il fiore sardo Dop segnala buoni risultati con 166.350 forme prodotte.

I risultati di export confermano così gli Usa uno dei mercati più importanti. Fatto sottolineato anche con la recente partecipazione dei tre consorzi - Consorzio per la tutela del formaggio pecorino romano Dop, Consorzio per la tutela del formaggio pecorino sardo Dop e Consorzio per la tutela del formaggio fiore sardo Dop - al Winter Fancy Food Show di San Francisco, dove è stato presentato il progetto tre Pecorini, che mira a promuovere i tre formaggi Dop nei Paesi target di Stati Uniti, Italia, Germania, Regno Unito e Francia. Nata grazie alla collaborazione dei tre Consorzi di Tutela, la campagna ha l’obiettivo di valorizzare le tre denominazioni grazie alla creazione di un’identità unica e differenziante e all’insegna di un messaggio semplice e di impatto "Non le solite pecore. Non i soliti formaggi".

Una vera vetrina internazionale quella del Winter Fancy Food Show che, al Moscone Center di San Francisco, ha ospitato migliaia di professionisti di settore da tutto il mondo, confermandosi una grande opportunità per i rappresentanti dei Consorzi che hanno potuto raccontare l’unicità dei tre prodotti, portando a livello internazionale l’antica tradizione casearia sarda.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

In Italia si consuma più frutta e verdura ma con un occhio al Made in Italy

In Italia si consuma più frutta e verdura ma con un occhio al Made in Italy

Con l’arrivo del maltempo e la neve la corsa agli acquisti di agrumi contro l’influenza e alla preparazione delle zuppe di verdure e legumi “antigelo...
Viaggi del gusto in Calabria: con Lidia Bastianich per promuovere la destinazione turistico-culinaria

Viaggi del gusto in Calabria: con Lidia Bastianich per promuovere la destinazione turistico-culinaria

Per il terzo anno consecutivo Lidia Bastianich è la testimonial d’eccezione per la Calabria, capace di galvanizzare l'attenzione della Stampa e degli...
Il mercato dei salumi italiani negli Stati Uniti vale oltre 106 milioni di euro

Il mercato dei salumi italiani negli Stati Uniti vale oltre 106 milioni di euro

L’Istituto Valorizzazione Salumi Italiani (IVSI) è tornato negli Stati Uniti nell’ambito del progetto Enjoy European Quality, il programma triennale...
Aumenta la produzione dell’Asiago Dop. Il Consorzio di tutela è la strada vincente per il made in Italy

Aumenta la produzione dell’Asiago Dop. Il Consorzio di tutela è la strada vincente per il made in Italy

Uno dei grandi classici italiani, Asiago DOP, chiude il 2018 con una positiva crescita su entrambe le tipologie. Ottima la performance dell’Asiago...
Record sulle tavole mondiali per l’Italian Food che negli Usa ha il mercato di riferimento

Record sulle tavole mondiali per l’Italian Food che negli Usa ha il mercato di riferimento

Mai cosi tanto cibo e vino italiano sono stati consumati sulle tavole mondiali con il record per le esportazioni agroalimentari che nel 2018 hanno...

Weekly in Italian

Recent Issues