Record di crescita export per i tre Pecorini Dop negli Stati Uniti

Record di crescita export per i tre Pecorini Dop negli Stati Uniti. Nel 2018 (gennaio-ottobre) sono state esportate oltre 8.500 tonnellate di formaggi pecorini per un valore del +40% rispetto all’anno precedente.

Buone notizie anche per quanto riguarda la produzione. La Sardegna è oggi la prima regione italiana per numero di capi ovini da latte con oltre 3 milioni di pecore e la produzione di formaggi ovini Dop è in continuo aumento. Infatti, con riferimento all’annata casearia 2017-2018, il Consorzio per la tutela del formaggio pecorino romano Dop riporta una produzione pari a 34.167 tonnellate e un incremento del +22% rispetto allo stesso periodo dell’annata precedente. Allo stesso modo, anche il pecorino sardo Dop conferma dati in crescita e per il periodo gennaio-settembre 2018 indica la produzione di 190.549 forme di pecorino sardo dolce e 267.804 forme di pecorino sardo maturo, con un incremento rispettivamente del +4% e del +10,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. Infine, sempre in riferimento al periodo gennaio-settembre 2018, anche il fiore sardo Dop segnala buoni risultati con 166.350 forme prodotte.

I risultati di export confermano così gli Usa uno dei mercati più importanti. Fatto sottolineato anche con la recente partecipazione dei tre consorzi - Consorzio per la tutela del formaggio pecorino romano Dop, Consorzio per la tutela del formaggio pecorino sardo Dop e Consorzio per la tutela del formaggio fiore sardo Dop - al Winter Fancy Food Show di San Francisco, dove è stato presentato il progetto tre Pecorini, che mira a promuovere i tre formaggi Dop nei Paesi target di Stati Uniti, Italia, Germania, Regno Unito e Francia. Nata grazie alla collaborazione dei tre Consorzi di Tutela, la campagna ha l’obiettivo di valorizzare le tre denominazioni grazie alla creazione di un’identità unica e differenziante e all’insegna di un messaggio semplice e di impatto "Non le solite pecore. Non i soliti formaggi".

Una vera vetrina internazionale quella del Winter Fancy Food Show che, al Moscone Center di San Francisco, ha ospitato migliaia di professionisti di settore da tutto il mondo, confermandosi una grande opportunità per i rappresentanti dei Consorzi che hanno potuto raccontare l’unicità dei tre prodotti, portando a livello internazionale l’antica tradizione casearia sarda.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Salvi olio, pasta e vino: gli Usa (principale mercato extraUe) non inaspriranno i dazi sull’agroalimentare made in Italy

Salvi olio, pasta e vino: gli Usa (principale mercato extraUe) non inaspriranno i dazi sull’agroalimentare made in Italy

Olio, pasta e vino non saranno penalizzati dalla revisione delle liste di merci Ue colpite dai dazi Usa. Il dipartimento del Commercio Statunitense...
Resta il pericolo dazi ma il mercato Usa è necessario, strategico e non sostituibile per l'export italiano

Resta il pericolo dazi ma il mercato Usa è necessario, strategico e non sostituibile per l'export italiano

L’Italia esce indenne dall’ultimo giro di valzer sui dazi: nessun nuovo prodotto Made in Italy entra nella lista rivista di quelli soggetti a nuove...
Nonostante l'incognita dazi Usa, la produzione dei vini certificati Doc e Docg della Toscana vola sui mercati esteri

Nonostante l'incognita dazi Usa, la produzione dei vini certificati Doc e Docg della Toscana vola sui mercati esteri

Oltre il 50% della produzione certificata DOC e DOCG della Toscana vola sui mercati esteri, rappresentando circa il 19% del totale export di vini DOP...
Nel carrello della spesa delle famiglie italiane sempre più Asiago Dop

Nel carrello della spesa delle famiglie italiane sempre più Asiago Dop

La diffusione del coronavirus espone l’economia mondiale e quella italiana ad un crescente rischio di rallentamento. La Cina, dopo Stati Uniti e...
Profondo rosso per l'export dei vini italiani (-7%) a causa dei Dazi Usa

Profondo rosso per l'export dei vini italiani (-7%) a causa dei Dazi Usa

I dazi statunitensi mettono nel caos l’export del vino. E a farne le spese, a dicembre, non sono solo i Paesi penalizzati in dogana ma anche l’Italia...

Weekly in Italian

Recent Issues