Italia che cambia: il 90 % dei figli della seconda generazione si sente al 100% italiano

Italia che cambia: il 90 % dei figli della seconda generazione si sente al 100% italiano

C'è un'Italia che cambia volto con l'integrazione ma risulta che il 90 % dei figli della seconda generazione si sente al 100% italiano.

L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) insieme al Movimento internazionale inter professionale “Uniti per Unire“, rendono noti i risultati di un proprio studio fatto su un campione di circa 1000 famiglie composte da coppie miste. La situazione è sempre in continua evoluzione e cambiamento, soprattutto per quanto riguarda i matrimoni e i divorzi.
Secondo le statistiche, le coppie che reggono di più e non arrivano con percentuali alte alla separazione sono quelle formate tra italiani ed arabi (palestinesi, giordani, siriani, libanesi, egiziani, tunisine, algerini, marocchini), iraniani e africani (provenienti da Congo, Camerun, Nigeria).

Nella maggior parte dei casi ne fanno parte studenti stranieri arrivati in Italia negli anni ’60, ’70 ed ’80 , sino al periodo della caduta del muro di Berlino. Si tratta di persone che si sono laureate in Italia, dove sono poi rimaste, che hanno conosciuto l’integrazione all’età dei 18 o 19 anni. Le categorie di coppie miste possono essere suddivise in tre categorie: italiani-noncomunitari, italiani-europei e cittadini di origine straniera tra di loro. Quelle che registrano il numero più basso di divorzi sono quelle tra italiani ed arabi o africani giunti in Italia per scopi di studio. Meno stabili, invece, le coppie composte tra italiani e provenienti da paesi europei, la cui maggior parte è giunta da Russia, Romania, Albania e Moldavia. Tutte persone con età media tra i 35 e i 40 anni, arrivate dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989, i quali hanno avuto maggiori difficoltà economica e lavorativa. Molto basso risulta invece essere il numero delle unioni tra italiani, cinesi e sud-americani e filippini nei quali, comunque, il numero dei divorzi è abbastanza contenuto.

Nella seconda categoria si trovano italiani coniugati con un alto numero di inglesi, tedeschi e francesi, olandesi, belgi. Nei casi in cui l’uomo è italiano, esso tende a seguire la donna nel suo paese di origine. In questo tipo di coppie i maggiori dissidi si verificano nei confronti dell’educazione dei figli, per le abitudini culturali e nella scelta della scuola da frequentare e le lingue da studiare. Nella terza categoria vi sono un'alta percentuale di arabi, sposati tra loro, cosi come sud-americani, filippini, cinesi e rumeni, albanesi, russi, moldavi e indiani. Molte anche le coppie composte tra arabi e sud-americani. In tutte e tre le categorie le problematiche comune che si verificano sono inerenti all’ambito inter-religioso, all’educazione dei figli, alla appartenenza religiosa, alla pratica della circoncisione ed al modo di vestire. Tutte scelte in cui capita, in maniera errata, di non coinvolgere il proprio partner o di ascoltare di più i propri genitori e famigliari Nella seconda generazione di immigrati, il 90% ama l’Italia, le sue usanze e le sue tradizioni e si sente al 100%italiano.
Solo il 10% soffre di crisi di identità, le quali dipendono da episodi di discriminazione, di pregiudizi culturali e religiosi e dissidi con i genitori, in particolare con il padre per il modo di vestirsi, per la scelta dei fidanzati o per i matrimoni combinati.

Foad Aodi – medico, fondatore dell’Amsi e delle Co-mai e Consigliere dell’OMCEO di Roma- afferma che “la nostra proposta è quella di continuare a lavorare sui “due binari”, quali l’integrazione e del sentirsi italiani continuando ad avere legami con i paesi di origine , mantenendo i legami con i paesi di origine per sconfiggere cosi le crisi di identità culturale. Nella seconda generazione bisogna promuovere ed intensificare i rapporti con i propri famigliari sia in Italia quanto nei paesi di origine per prevenirne la crisi di identità. E dobbiamo difendere i diritti delle donne che sono in alcuni casi vittime di mariti autoritari, difendendo sempre i loro figli e in particolare le figlie”. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Tra tempeste e alisei, anche il viaggio di ritorno dalle Americhe non fu facile per Colombo e le sue caravelle

Tra tempeste e alisei, anche il viaggio di ritorno dalle Americhe non fu facile per Colombo e le sue caravelle

Il blu del mare. Profondo. Infinito. Ovunque si guardi l’orizzonte dall’isola di Santa Maria nell’arcipelago portoghese delle Azzorre, c’è solo l’...
 Ricordare il passato per guardare al futuro in modo consapevole: Memoria Viva a Cassino

Ricordare il passato per guardare al futuro in modo consapevole: Memoria Viva a Cassino

Ricordare il passato e guardare al futuro in modo più consapevole, attraverso il ricorso a tecnologie innovative, come la realtà aumentata, e...
Il ricordo del mio primo giorno di scuola

Il ricordo del mio primo giorno di scuola

Il ricordo del primo giorno di scuola, quando le scuole si riaprivano il 1°ottobre, me lo porto dietro come un vecchio santino nel portafoglio che...
'Settembre, andiamo. E’ tempo di migrare'. D'Annunzio e il suo Abruzzo

'Settembre, andiamo. E’ tempo di migrare'. D'Annunzio e il suo Abruzzo

“Settembre, andiamo. E’ tempo di migrare. Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori lascian gli stazzi e vanno verso il mare : scendono all’Adriatico...
Storia di un anarchico abruzzese tra Stati Uniti e Sud America

Storia di un anarchico abruzzese tra Stati Uniti e Sud America

Sono pochi gli uomini che si spendono per gli altri. Eccezioni. Ma sono le eccezioni che aiutano a credere negli uomini. E per convincersi che l’...

Weekly in Italian

Recent Issues