Is Italy ready to stop cooking?

With the Mediterranean diet being the healthiest diet for 2019,  it seems we can really sit back and enjoy the advantages of eating Italian style © Nomadsoul1 | Dreamstime.com

When it comes to food, Italy remains traditional to its core. Don’t get me wrong: the country has long embraced international cuisine and has certainly become more demanding when it comes to it. We want gourmet burgers and know that real Chinese food is much more than egg rolls and sweet and sour chicken. But, deep into our own hearts, we still believe Italian food is the best because, hey! It doesn’t only taste good, it’s also good for you and it’s science that tells us. With the Mediterranean diet being the healthiest diet for 2019,  it seems we can really sit back and enjoy the advantages of eating Italian style. 

As open to new culinary inputs as it has recently become, there are still some things Italy doesn’t compromise on, at least when it comes to food: one of them is, without a doubt, the evident and indisputable superiority of home cooking. It doesn’t matter what time they get home, average Italians will always find time enough to throw something to eat together, certainly helped by the fact our very own national dish, pasta, is pretty fast to make. 

Would healthy, boxed and ready to cook meals be successful in a country like Italy?© Volodymyr Tverdokhlib | Dreamstime.com


But in a world that has declared war to carbs, the ubiquitous (and relatively wholesome) plate of spaghetti al pomodoro, with a bit of salad or a piece of fruit on the side, may no longer be a viable option for everyone. And, in today’s day and age, when free time has become such a valuable commodity, who wants to spend hours in the kitchen chopping and boiling, baking and cleaning? This is what the people at Mintel, an international market analysis agency, think. 

Nothing compares to a good plate of pasta for us Italians, also because it’s quick to cook!© Volodymyr Tverdokhlib | Dreamstime.com


Mintel has recently carried out an in depth research on the topic in Europe, America and Asia and has apparently discovered some pretty surprising truths; in spite of the rising success of tv cooking and baking shows, people have less and less interest in making food with their own hands. In fact, Mintel continues, that has more to do with the increased appeal of reality TV shows than the actual desire to try new recipes at home. 

And there is more: Mintel’s research also shows that people are tired of many other activities related to cooking, starting with their daily run to the store. Queuing at the till, carrying home those heavy bags filled with vegetables and producing so much polluting waste seems to bother consumers a lot. At the same time, though, people have become more and more health-conscious and rarely opt for actual fast food, which may be ready and fast indeed, but lacks nutrients, is fatty and doesn’t usually strike for being the best when it comes to quality. 

Italians buying their fruit and vegetables at the local market: we are still a country that enjoys doing food shopping the old-fashioned way© Danielal | Dreamstime.com


Among the most adamant food must be not only quick and good, but also healthy are, of course, the people of Italy. 29% of us think that good nutrition can improve brain activity, 34% that it strengthens bones, 39% that it helps digestions and 34% that it keeps our heart healthy. Indeed, Mintel mentions Italy is one of the five European countries paying the most attention to what they buy and put on the table, along with Mediterranean diet cousins France and Spain, and continental surprises Germany and Poland. 

So, if there is anything we should bring home from Mintel’s study is that people around the world want food that is fast, healthy and doesn’t produce a ton of waste. Eating must be practical, quick and keep us in good shape as long as possible, and food companies have already started to catch up on the trend, by proposing healthy meal kits, ready to bring home and plate. That’s the same as a fast food burger, you may say, but the difference lies in the quality of the dishes, made with prime ingredients and with an eye to health. Australia has been one of the first places to introduce the concept with their Luv-A-Duk kit, a box containing duck breast, Chinese pancakes and Hoisin sauce, and in the US the healthy breakfast kit, made up by Greek yogurt, wholewheat cereals, dried fruits and nuts (sold by Quaker), has been positively welcomed. 

With the Mediterranean diet being the healthiest diet for 2019, it seems we can really sit back and enjoy the advantages of eating Italian style © Nomadsoul1 | Dreamstime.com


And in all this, what’s the position of us Italians, food connoisseurs and old-style bottega-to-bottega shoppers, lovers of traditional, quality ingredients? Well, we may have a thing of two to say about Mintel’s work and the trends it highlighted. Some of them, ring absolutely true for us in Italy, too, first  of all the wish to eat healthy and to embrace a lifestyle allowing us to live longer and better. And of course we, as everyone else on the planet, have been struggling to keep up with a way of life that is faster and faster, and leaves us little time to dedicate to ourselves. 

The context may be the same, but the way Italy answers to it may be slightly different, especially when it comes to food. You know it well: food for Italians is not mere nutrition, it’s culture, tradition, creativity and socialising. It’s love and care, it transcends the simple necessity to eat and invests the world of feelings and memory, of time and love. While the world thinks cooking steals precious time to relax, family or hobbies, in Italy it is all that and more. It is a way to unwind after a difficult day, it is a cherished spare time activity and it is the fulcrum of family life. Even shopping, as time consuming as it may be, remains a cherished activity for the majority of us: it’s a moment to chat with vendors who have become friends and know exactly what you look for; it is a time of creativity, because god only knows how creative you must be sometimes to put on the table the right meal to please everyone without breaking the bank; it is a precious trip down memory lane - at least sometimes, at least for some of us - because it often brings us back to childhood and to those delightful moments spent with mothers and grandmothers at the local market. 

Healthy, wholesome, ready-to-plate and waste-free food may be a great idea everywhere else in the world. But here in Italy, it may not become a hit: call us old-fashioned and untrendy, but we still like the comfort that comes from pottering around in the kitchen and from sitting at the table surrounded by the warm, familiar scents of home-cooking.

Quando si parla di cibo, l'Italia rimane fedele a se stessa. Non fraintendetemi: il paese ha da tempo abbracciato la cucina internazionale e certamente è diventato più esigente in materia di cibo. Vogliamo hamburger gourmet e sappiamo che il vero cibo cinese è molto più degli involtini primavera e del pollo in agrodolce. Ma, nel profondo del nostro cuore, crediamo ancora che il cibo italiano sia il migliore perché, ehi!, non solo ha un buon sapore, fa anche bene ed è la scienza che ce lo dice. Con la Dieta Mediterranea considerata la più sana per il 2019, sembra che possiamo davvero rilassarci e goderci i vantaggi di mangiare in stile italiano.

Pur essendo aperta a nuovi input culinari come è diventata di recente, ci sono ancora alcune cose su cui l'Italia non scende a compromessi, almeno quando si parla di cibo: fra esse, senza dubbio, c’è l'evidente e indiscutibile superiorità della cucina casalinga. Non importa a che ora arrivino a casa, gli italiani medi troveranno sempre il tempo di preparare qualcosa da mangiare insieme, sicuramente aiutati dal fatto che il nostro piatto nazionale, la pasta, è piuttosto veloce da fare. 

Ma in un mondo che ha dichiarato guerra ai carboidrati, l’onnipresente piatto (e relativamente sano) degli spaghetti al pomodoro, con un po' di insalata o un pezzo di frutta a lato, potrebbe non essere più un'opzione praticabile da tutti. E, ai giorni nostri, quando il tempo libero è diventato un bene prezioso, chi vuole passare ore in cucina a tagliare e bollire, cuocere e pulire? Questo è ciò che pensano in Mintel, agenzia internazionale di analisi di mercato.

Recentemente Mintel ha effettuato una ricerca approfondita sul tema in Europa, America e Asia e pare abbia scoperto alcune verità piuttosto sorprendenti; nonostante il crescente successo degli show televisivi di cucina e pasticceria, le persone hanno sempre meno interesse a preparare cibo con le proprie mani. In effetti, continua Mintel, ciò ha più a che fare con l'accresciuta attrattiva dei reality show televisivi rispetto al reale desiderio di provare nuove ricette a casa.

E c'è di più: la ricerca di Mintel mostra anche che le persone sono stanche di molte altre attività legate alla cucina, a partire dall’andare ogni giorno al negozio. Fare la fila alla cassa, portare a casa quei pesanti sacchi pieni di verdura e produrre così tanti rifiuti inquinanti sembra preoccupare molto i consumatori. Allo stesso tempo, però, le persone sono diventate sempre più attente alla salute e raramente optano per il fast food, che può essere davvero veloce e pronto, ma manca di sostanze nutritive, è grasso e di solito non risulta essere il migliore in termini di qualità.

Sul fatto che il cibo debba essere non solo rapido e buono, ma anche sano, i più convinti naturalmente, sono gli italiani. Il 29% di noi pensa che una buona alimentazione possa migliorare l'attività cerebrale, il 34% che rafforza le ossa, il 39% che aiuta la digestione e il 34% che mantiene sano il nostro cuore. In effetti, Mintel menziona l'Italia come uno dei cinque paesi europei che prestano maggiore attenzione a ciò che comprano e mettono in tavola, insieme ai cugini della Dieta mediterranea, Francia e Spagna, e alle sorprese continentali di Germania e Polonia.

Quindi, se c'è qualcosa che dovremmo portare a casa dallo studio di Mintel, è che le persone in tutto il mondo vogliono cibo che sia veloce, sano e non produca una gran quantità di rifiuti. Mangiare deve essere pratico, veloce e tenerci in forma il più a lungo possibile, e le aziende del settore alimentare hanno già iniziato a seguire la tendenza proponendo pasti sani, pronti da portare a casa e da mettere nel piatto. È lo stesso di un fast food burger, si può dire, ma la differenza sta nella qualità dei piatti, realizzati con ingredienti di qualità e con un occhio alla salute. L'Australia è stata uno dei primi posti a introdurre il concetto con il kit Luv-A-Duk, una scatola contenente petto d'anatra, pancakes cinesi e salsa Hoisin, e negli Stati Uniti il ​​kit per la colazione salutare, composto da yogurt greco, cereali integrali, frutta secca e noci (venduto da Quaker), è stato accolto positivamente.

Rispetto a questo, qual è la posizione di noi italiani, intenditori di cibi e vecchi acquirenti di bottega in bottega, amanti degli ingredienti tradizionali e di qualità? Bene, potremmo avere due cose da dire sul lavoro di Mintel e sulle tendenze che ha evidenziato. Alcune di esse, per noi, sono assolutamente vere anche in Italia, a partire dal desiderio di mangiare sano e di abbracciare uno stile di vita che ci consenta di vivere più a lungo e meglio. E naturalmente noi, come chiunque altro sul pianeta, fatichiamo a tenere il passo con uno stile di vita che è sempre più veloce e che ci lascia poco tempo da dedicare a noi stessi.

Il contesto potrebbe essere lo stesso, ma il modo in cui l'Italia risponde ad esso potrebbe essere leggermente diverso, specialmente in fatto di cibo. Lo sapete bene: il cibo per gli italiani non è mera nutrizione, è cultura, tradizione, creatività e socializzazione. È amore e cura, trascende la semplice necessità di mangiare e investe il mondo dei sentimenti e della memoria, del tempo e dell'amore. Mentre il mondo pensa che la cucina rubi tempo prezioso al relax, alla famiglia o agli hobby, in Italia è tutto questo e altro. È un modo per rilassarsi dopo una giornata difficile, è un'attività amata nel tempo libero ed è il fulcro della vita familiare. Anche la spesa, per quanto dispendioso possa essere in termini di tempo, rimane una piacevole attività per la maggior parte di noi: è un momento per chiacchierare con i venditori che sono diventati amici e sanno esattamente cosa cerchiamo; è un momento di creatività, perché solo Dio sa quanto bisogna essere creativi a volte per mettere in tavola il pasto giusto che accontenti tutti senza spendere troppo; è un prezioso viaggio nel tempo - almeno qualche volta, almeno per alcuni di noi - perché spesso ci riporta all'infanzia e ai momenti deliziosi trascorsi con madri e nonne nel mercato locale.

Alimenti sani, salutari, pronti all'uso e senza sprechi possono essere una buona idea in qualsiasi altro posto nel mondo. Ma qui in Italia, potrebbe non avere successo: considerateci vecchio stile e fuori moda, ma ci piace ancora il conforto che proviene dallo spentolare in cucina e dal metterci a tavola circondati dai profumi caldi e familiari della cucina casalinga.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

San Francisco and Assisi honor their first 50 years as Sister Cities

San Francisco-Assisi, the first 50 years as Sister Cities

San Francisco-Assisi, first 50 years as Sister's Cities

Viva ‘a tazzulella: Naples and her love story with coffee and tradition

The relationship between caffé and the city of Naples can only be called love. La tazzulella di caffé is the way Neapolitans welcome the day,...

From the Romans to Murano: the colorful world of murina glass as you have never seen it

The purity and beauty of Venetian glass is known worldwide: a precious and ancient tradition that speaks of quality, beauty, elegance and creativity...

Carretti Siciliani: the young faces of an ancient tradition

I think that speaking with an artist is always, always an honor. And for this reason, I was truly delighted and — I must admit — quite excited, by...

Lina Wertmüller: an Oscar to an original portrait of Italianness

“I am grateful to have received this award, which I didn’t expect, and that, for this reason, is even more welcome and makes me all the happier. For...

Weekly in Italian

Recent Issues