Oscar Generale, the Italian producer of Hollywood Stars

Oscar Generale (left) with friend John Travolta

“I always dreamed of working, one day, in the entertainment industry and, being an extremely ambitious person, I had high standards: I wanted to go to Hollywood and become an agent, but especially a producer.”  

Oscar Generale’s tenacity brought him exactly where he desired, in Los Angeles, where his goal of becoming a film producer and an expert in product-placement became a reality. His recipe for success? “Working hard, always. Also, my outgoing and warm personality helped me get into this business,” adds the Italian producer, originally from San Giorgio Canavese in the province of Turin, but based in the United States where he lives with his partner Denny Mendez, former Miss Italia, and their daughter India Nayara.  

Among his films Speed  Kills by John Luessenhop with John Travolta, and The Poison Rose by George Gallo with Morgan Freeman. Curious fact: Oscar decided to move to Los Angeles twenty years ago, following the advice of a great Hollywood actor, Dustin Hoffman. “He asked me why I hadn’t moved to California yet, he thought my working method would be successful and suitable for America.” 

Movie producer Oscar Generale with Milla Jovovich

Oscar, tell me about your beginnings, how did your career start in Italy? 
After finishing compulsory school, I started doing different jobs: I’ve been a painter and a baker, a seller at conventions, a toll collector on the highway and a bartender. At the beginning my goal was to work in television and become the manager of the most important and famous Italian actors, so I started working introducing clients, who got attached to my attitude and my professionalism, to cinema and tv personalities. 

What happened then? 
I decided to move from Turin to Milan where I founded OG Management and I started to work as an agent of Italian actresses and actors (Raoul Bova, Claudia Gerini, Adriano Giannini, just to name a few), proposing them for conventions, public appearances, events, advertising campaigns, thus expanding the choice I could offer to my clients. I became very well known in the television business, where I collaborated with Mediaset and Rai and also in the fashion industry, where I worked with the most important designers. 

Oscar Generale (left) with Dustin Hoffman


Why did you decide to move to Angeles? 
I started working with American actors to give an alternative to those clients who wanted to do promotional work using more international faces and outside of Italy. So, in 2005, looking for more challenges, I moved to Los Angeles where I founded the OSCAR GENERALE PRODUCTIONS, which still exists these days. 

What exactly do you do in LA? 
I do advertising campaigns, TV commercials, conventions, TV shows, public appearances but above all I produce films and I deal with product placement in my films, on red carpets, during events etc. 

Oscar Generale with Morgan Freeman

What was the turning point of your career in LA? 
Creating my first relationships with American cinema and the Hollywood jet set; my deep friendship with Adrien Brody – Oscar-winner for the film The Pianist - and with George Clooney made me very well known in the business and among Hollywood celebrities, so I became the most famous agent and manager for international celebrities in Italy and worldwide.

What was the secret of your success? 
Combining American celebrities with top notch brands, making companies successful on every level and creating some unforgettable promotional campaigns and TV commercials. For example, the one with Julia Roberts for Maison Ferré, the one with Demi Moore for Rosato, Dustin Hoffman for Vergnano and Andy Garcia for Dierre. 

Your wife Denny works in the same business, how do you both reconcile work and private life? 
Denny moved to Los Angeles after we met. Here we have built our family: now we have a beautiful girl who always follows us on our trips. Usually one of us is always with little Nayara: when I work Denny is with her, when Denny is busy, I play Mr Mom. However, we also have two super grandmothers in Italy who help us a lot. If you get organized, it is not as complicated as it may seem. 

Movie producer Oscar Generale


Hollywood... is it like you expected? 
Hollywood, Los Angeles, America are exactly as I expected, they are exactly as you see them in the movies. I like to live here!  

What was the most difficult thing you had to face? 
The impact with everyday life, because when I initially moved here, I spoke very little English so everything seemed a bit difficult, but I learned very quickly and brilliantly. And anyway, when you talk about business and money, even if you don’t speak English well, everyone understands you! 

Oscar Generale (left) with friend John Travolta

Pros and cons of this city and this business, in your opinion? 
There are things that work better, others not as well when compared to Italy. An example: bureaucracy is much leaner in the US and almost everything is electronic. There is only one drawback: the values of family and friendship don’t exist. What a pity! However, business-wise Los Angeles is one of those places where you can make your dreams come true. Obviously with a lot of work, commitment and honesty. 

You live and work in the entertainment business, has your perception of celebrities changed now that you work in strict contact with them? 
I have always lived in contact with famous people, Italian celebrities at first, Americans later. I think I’m lucky because having personal relationships with the actors means I get to know them for what they really are and not for how they are pictured by agents, managers or assistants who, very often, make them look problematic and capricious. 

Do you have any funny anecdotes you can tell us about some celebrity? 
When I went to the carnival in Cento, where thousands of people crowded the main square, Dustin Hoffman, who was the special guest, took the stage to say hello, and he turned to me and said: “This is wonderful, I have never had such experience. I feel like I am Britney Spears! “ 

I read that you are very close with John Travolta, how did you meet him? 
Yes, we are very close friends. It started when I had him come to Italy for the first time for a television show. Many years have passed now. He cares a lot about my judgment; he asks me for advice and we work a lot together. I am also the producer of his last 4 films. 

Has your career changed you? 
Despite my career, despite the world I experience every day, I remained a humble and down-to-earth person. 

You’ve come a long way, now what are your plans for the future? 
I am very busy in the cinema business: in March I will start a movie in Malta called The Winemaker’s Son, and another one in August but for the moment I cannot reveal more. I have several worldwide campaigns to shoot, two TV programs, and a project with Morgan Freeman. Then I will go to the Cannes Film Festival, I have fashion shows and much more. I have a really busy schedule!

“Ho sempre sognato di entrare nel mondo dello spettacolo ed essendo una persona estremamente ambiziosa puntavo in alto: volevo arrivare a Hollywood e diventare un agente ma soprattutto un produttore”. La tenacia ha portato Oscar Generale esattamente dove desiderava, a Los Angeles, dove il suo sogno di diventare produttore cinematografico ed esperto di product-placement è diventato realtà. La ricetta del suo successo? “Aver lavorato sodo, sempre. Anche la mia indole simpatica, sveglia ed estrosa mi ha aiutato ad entrare nel mondo dello spettacolo”. Mi racconta così il produttore italiano, originario di San Giorgio Canavese in provincia di Torino, trapiantato negli Stati Uniti dove vive con la compagna Denny Mendez, ex Miss Italia e la loro figlia India Nayara. Tra i suoi film Speed Kills di John Luessenhop con John Travolta e The Poison Rose di George Gallo con Morgan Freeman.  

E proprio a Los Angeles, Oscar ha deciso di trasferirsi vent’anni fa su consiglio di un grande attore hollywoodiano, Dustin Hoffman. “Mi chiese come mai non mi ero ancora trasferito in California, reputava il mio metodo di lavoro vincente e adatto per l’America”. 

Oscar, ci racconti degli inizi, di come è cominciata la carriera in Italia?  
Dopo la scuola dell’obbligo ho iniziato a fare diversi mestieri, dall’imbianchino al panettiere, dal venditore di prodotti nelle fiere al casellante in autostrada, al barista. All’inizio il mio obiettivo era entrare nel mondo della televisione facendo il manager dei più importanti e famosi attori italiani e così ho iniziato a lavorare facendo da tramite tra i clienti che ormai si erano affezionati alla mia simpatia e alla mia professionalità, e i personaggi del nostro piccolo e grande schermo. 

Cosa è successo poi? 
Ho deciso di trasferirmi da Torino a Milano e ho fondato la OG Management iniziando ad intraprendere il lavoro di agente per attrici ed attori Italiani (Raoul Bova, Claudia Gerini, Adriano Giannini, solo per citarne alcuni) proponendoli per convention, apparizioni pubbliche, eventi, campagne pubblicitarie, ampliando così la scelta che potevo offrire ai miei clienti. Sono diventato molto conosciuto nell’ambiente della televisione collaborando con Mediaset e Rai e anche nel mondo della moda lavorando con i più importanti stilisti.  

Come è avvenuto il trasferimento a Los Angeles?  
Nel mondo del cinema avevo iniziato a lavorare con attori americani per dare così un’alternativa ai miei clienti che volevano fare campagne promozionali con personaggi più internazionali e non solo nel territorio Italiano. Così nel 2005, alla ricerca di maggiori soddisfazioni, mi sono trasferito oltreoceano dove ho fondato la Oscar Generale Productions, tutt’ora esistente. 

Di cosa si occupa esattamente a L.A.?  
Faccio campagne pubblicitarie, spot tv, convention, programmi tv ed ospitate pubbliche ma soprattutto produco film e mi occupo di product placement sia nei miei film, sia sui red carpet, agli eventi etc.  

Come è avvenuta la svolta per la sua carriera a Los Angeles? 
Intrecciando i primi rapporti con il cinema americano e il jet set hollywoodiano; l’amicizia profonda con Adrien Brody – Oscar per il film Il Pianista – e la conoscenza di George Clooney mi hanno reso molto conosciuto nell’ambiente e tra i vip di Hollywood, sono diventato il più famoso agente e procuratore di celebrities internazionali in Italia e nel resto del mondo. 

Quale è stato il segreto del successo?  
L’aver abbinato il volto di celebrities americane a marchi di altissimo prestigio facendo ottenere successo alle aziende sotto tutti i profili e facendo diventare indimenticabili le campagne e gli spot televisivi. Ad esempio quello di Julia Roberts con la Maison Ferrè, Demi Moore per Rosato, Dustin Hoffman per Vergnano o Andy Garcia per Dierre. 

Anche sua moglie Denny lavora nel mondo dello spettacolo, come conciliate lavoro e vita privata?  
Denny si è trasferita a Los Angeles dopo che ci siamo conosciuti. Qui abbiamo costruito una famiglia: ora abbiamo una bellissima bambina che ci segue sempre nei nostri spostamenti. Tendenzialmente uno dei due sta sempre con la piccola Nayara: quando lavoro io c’è Denny, quando Denny è impegnata io faccio da “mammo”. Abbiamo comunque anche due nonne super in Italia che ci aiutano molto. Se uno si organizza non è comunque così complicato come può sembrare. 

Hollywood... è come se la aspettava?  
Hollywood, Los Angeles, l’America sono esattamente come me le aspettavo, esattamente come si vedono nei film. A me piace vivere qui!  

La cosa più difficile quale è stata?  
La cosa più difficile è stato l’impatto con la quotidianità quando mi sono trasferito perché parlavo pochissimo l’inglese perciò tutto mi sembrava un po’ difficile ma, ho superato tutto molto velocemente e brillantemente. Anche perché quando parli di business e soldi, anche se non parli bene l’inglese, tutti ti capiscono! 

Pregi e difetti di questa città e di questo business a suo parere.  
Ci sono cose che funzionano meglio, altre peggio rispetto all’Italia. Un esempio: la burocrazia, molto più snella in USA dove quasi tutto è telematico. Unico neo: non esistono i valori della famiglia e dell’amicizia. Peccato! Per il business invece, trovo Los Angeles uno dei posti dove si possono realizzare i propri sogni. Ovviamente con tanto lavoro, impegno e onestà. 

Vive e lavora con il mondo dello spettacolo. E’ cambiata la percezione che ha delle celebrities ora che lavora a contatto con loro?  
Ho sempre vissuto a contatto con persone famose; celebrities italiane prima, americane dopo. Credo di essere fortunato perché ho rapporti diretti con gli attori perciò io li vivo per quello che sono realmente e non per come vengono dipinti da agenti, manager, assistenti che molto spesso, li fanno risultare problematici e capricciosi. 

Ha qualche aneddoto simpatico che ci può raccontare legato a qualche celebrity? 
Quando abbiamo partecipato al carnevale di Cento, dove migliaia di persone affollavano il centro, Dustin Hoffman, inviato speciale, è salito sul palco a salutare, si è voltato verso di me e mi ha detto: “Meraviglioso, non ho mai avuto un’esperienza così. Mi sembra di essere Britney Spears!”.  

Ho letto che è molto amico di John Travolta, come è nata questa amicizia?  
Sì siamo molto amici. È iniziata quando l’ho fatto venire in Italia la prima volta per un programma televisivo. Sono passati molti anni. Lui tiene molto al mio giudizio; mi chiede consigli e lavoriamo moltissimo insieme. Sono produttore anche degli ultimi 4 film che ha realizzato.  

La sua carriera l’ha cambiata?  
Nonostante la carriera fatta, nonostante il mondo in cui vivo quotidianamente, sono rimasto una persona umile e con i piedi per terra. 

Ne ha fatta di strada… ora che progetto ha per il futuro?  
Sono molto impegnato a livello cinematografico: a marzo inizierò un film a Malta intitolato “The Winemaker’s Son” e poi ancora un altro in agosto ma per il momento non posso dire di più. Ho diverse campagne in tutto il mondo da seguire, due programmi tv, un progetto con Morgan Freeman. Poi ci sarà il Festival di Cannes, presenze a sfilate e molto altro. Insomma ho un’agenda fitta di impegni!

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Travail and triumph: The tale of an Italian émigré

Life, we all know it, is truly unpredictable. There’s very little we can anticipate and we rarely think about how, at times, a cheerful, carefree...

Tell me how you speak and I'll tell you who you are: Italy and the true beauty of dialects

My relationship with Piedmontese, the dialect of my region, has always been ambivalent. Growing up in a small rural community, I learned it without...

Ferrara, “la città del silenzio:” stories and curiosities of the first truly European city

Ferrara, loderò le tue vie piane/grandi come fiumane,/che conducono all’infinito chi va solo col suo pensiero ardente: I shall praise your flat...

Myths and legends of Italy Campania – Parthenope and the foundation of Naples

Vedi Napoli e poi mori , once you’ve seen Naples, you are free to die. It may sound unsettling at first, but whoever visited the city can testify it...

Italian men’s suits – why are they so special?

A debate on whether a man in a suit generates appeal might last a minute or two. The same debate on a man in an Italian suit would be over before I...

Weekly in Italian

Recent Issues