Alba, truffle pearl: a mother lode of enterprises

In Alba, creativity is an engine for economic growth

When in late October 1929 Wall Street collapsed, contributing to the Great Depression of the 1930s, a rural village of Piedmont started to thrive.

 

In 1929, a picturesque land of plenty called Alba opened the first edition of the international truffle fair that continues attracting connoisseurs of the fragrant, delicious and highly prized white truffles —Alfred Hitchcock, Marilyn Monroe, and Joe Di Maggio were among its most iconic testimonials.

Alba, the capital of good wine and white truffle, which is celebrated every year with the International Truffle Fair (Copyright Davide Dutto + Archivio Turismo Ente Langhe Monferrato Roero)

A few days ago, this world capital of the white truffles in the province of Cuneo has been selected to be la Capitale della Cultura dImpresa 2020, or capital of quality culture of enterprises 2020.

Alba, the capital of good wine and white truffle, which is celebrated every year with the International Truffle Fair (Copyright Davide Dutto + Archivio Turismo Ente Langhe Monferrato Roero)

"Alba is a high-quality territory,” says Mauro Gola, president of Confindustria Cuneo, the local Italian Manufacturers’ Association.  “It’s an agri-food excellence thanks to man's work who turned this wonderland into a UNESCO Creative City.”

 

In Alba, creativity is an engine for economic growth.

View of cobblestone central square of town among old houses and ancient towers in Alba - famous for white truffle festivals and wine production

“In this industrious locale, we are blessed with different identities in terms of landscape, culture, enterprises. They come together to form a uniqueness of the ways of working and thinking that create a real dynamic territorial system.”

 

This beautiful cobblestoned town, which sits at the crossroads of Langhe and Roero, dates to Roman times. Surrounded by vineyard-lined hills, it is magically entrepreneurial.

Over here, the top industries were created soon after WWII. A healthy, fertile and rich entrepreneurial ecosystem developed in the years.

Red roofs and medieval towers in Old City of Alba, Italy

“Alba fuses tradition and modernity, vision and imagination. It is a place where the spirit of sacrifice and entrepreneurial genius combine,” continues Gola. “Alba embodies all those elements. It is not a coincidence that the city hosts the most global chocolate factory, Ferrero, the absolute top Italian multinational company for reputation and competence in the world.”

 

Ferrero’s austere modern fortress stands on the outskirts of Alba: it is the hometown plant of the iconic chocolate-hazelnut spread Nutella, Ferrero Rocher, Kinder, Mon Chéri and Tic Tac.

 

Ferrero was founded in 1942 in war-ravaged Italy by Pietro Ferrero, who acquired his essential skills for working with chocolate in 1923, when he opened his first pastry shop in the nearby village of Dogliani, five years after serving the army in WWI. 

 

In 1924, he married 21-year-old Piera Cillario, who gave birth to a son, Michele, in 1925. The gentle hills of Alba became their home. And even if for a decade the family moved between cities, opening other shops, also one in Turin, Alba remained their heart place that shaped their identity.  It was their ideal locale, not counting that the town always had the best hazelnuts orchards for the production of Nocciola Piemonte I.G.P. 

 

Today, Ferrero is chaired by the 55-year-old heir to the family fortune, Giovanni Ferrero, Michele’s son and Pietro’s grandson. He took control of the Italian multinational after Michele’s other son Pietro died of a heart attack at 47 in 2011.

 

Ferrero is an Italian giant that is still growing and expanding. In 2015, it acquired the British chocolatier Thorntons. In May 2017, it purchased US candy maker Fannie May, followed by the acquisition of Ferrara, the maker of Red Hots and Trolli gummies. In 2018, it took over Nestle’s American candy business. Last April, it purchased the cookie, fruit and flavored snack, ice cream cone and pie crust businesses from Kellogg Company, strengthening even further their position in the North American market.

In Alba, creativity is an engine for economic growth

“I feel like we are duty-bound to grow," Giovanni told Forbes in 2018.

 

Other extraordinary industrial performers from Alba are the Miroglio Group and Mondo SPA. The former operates in women’s fashion sectors, with 37 business operations in 22 countries. The Miroglio brands include Elena Mirò, Caractère, Per Te by Krizia, Luisa Viola, Motivi, Oltre and Fiorella Rubino.

 

The latter is a company founded in 1948 and is best known for manufacturing and installing track and field surfaces—it has supplied track and field surfaces for the last ten Olympic Games. The company also produces toys.

The beautiful Alba, real queen of the Langhe (Copyright: Stefania Spadoni + Archivio Ente Turismo Langhe Monferrato Roero)

Alba is one of the gastronomic capitals of Italy, also famed for great wines: Dolcetto d’Alba, Nebbiolo, Barolo, Barbera and Barbaresco. 

 

“It has always been the people of this majestic region to guide us,” says the Ceretto family, a producer of premium wines since 1930. New York punk icon and poet Patti Smith, who is in love with this beautiful geographical scenery, has been spotted several times walking on the streets of Alba while she was guest of the Ceretto family.

 

Alba cherishes the memories of its illustrious son, Beppe Fenoglio: novelist, partisan and translator from English. The author of the posthumous and massive novel Il Partigiano Johnny (Johnny the Partisan), was born in Alba in 1922 and spent most of his life in the Langhe region. His books became classics of our literature. His book I Ventitré Giorni della Città di Alba (The 23 Days of the City of Alba) includes 12 short stories about the partisans who liberated his native town from fascism. Among their number was the writer himself. 

 

His first novel La Malora (Ruin), published 65 years ago, tells about the difficult and harsh lives of peasants near Alba in the early 1900s. 

 

Well, that time is over, and long ago.

Quando alla fine dell’ottobre 1929 Wall Street crollò, contribuendo alla Grande Depressione degli anni '30, un villaggio rurale del Piemonte iniziò a prosperare.

 

Nel 1929, una pittoresca terra di abbondanza chiamata Alba aprì la prima edizione della fiera internazionale del tartufo che continua ad attrarre gli intenditori del fragrante, delizioso e pregiato tartufo bianco: Alfred Hitchcock, Marilyn Monroe e Joe Di Maggio sono stati tra i suoi testimonial più iconici.

 

Da pochi giorni, questa capitale mondiale del tartufo bianco in provincia di Cuneo è stata selezionata per essere la Capitale della Cultura d'Impresa 2020.

 

"Alba è un territorio di alta qualità", afferma Mauro Gola, presidente di Confindustria Cuneo, l'associazione locale dei produttori italiani.  "È un'eccellenza agroalimentare grazie al lavoro dell'uomo che ha fatto di questo Paese delle meraviglie una Città Creativa UNESCO".

 

Ad Alba, la creatività è un motore di crescita economica.

 

"In questo luogo laborioso, siamo dotati di identità diverse in termini di paesaggio, cultura, imprese. Si uniscono per formare un'unicità di modi di lavorare e di pensare che creano un vero e proprio sistema territoriale dinamico".

 

Questa bella città con il selciato, che si trova all'incrocio tra Langhe e Roero, risale all'epoca romana. Circondata da colline fiancheggiate da vigneti, è magicamente imprenditoriale.

Qui, subito dopo la seconda guerra mondiale, sono nate industrie di punta. Negli anni si è sviluppato un sano, fertile e ricco ecosistema imprenditoriale.

 

"Alba fonde tradizione e modernità, visione e immaginazione. È un luogo dove lo spirito di sacrificio e il genio imprenditoriale si fondono", continua Gola. "Alba incarna tutti questi elementi. Non a caso la città ospita la fabbrica di cioccolato più globale, la Ferrero, la più grande multinazionale italiana per reputazione e competenza al mondo".

 

Alla periferia di Alba si erge l'austera e moderna fortezza della Ferrero: è lo stabilimento natale dell'iconica crema di nocciole Nutella, di Ferrero Rocher, Kinder, Mon Chéri e Tic Tac.

 

La Ferrero fu fondata nel 1942 in una Italia devastata dalla guerra da Pietro Ferrero, che acquisì le sue competenze essenziali per la lavorazione del cioccolato nel 1923, quando aprì la sua prima pasticceria nel vicino paese di Dogliani, cinque anni dopo aver prestato servizio militare nella prima guerra mondiale. 

 

Nel 1924 sposò Piera Cillario, 21 anni, che nel 1925 diede alla luce un figlio, Michele. Le dolci colline albesi divennero la loro casa. E anche se per un decennio la famiglia si trasferì tra le città, aprendo altri negozi, uno anche a Torino, Alba rimase il loro luogo del cuore che ha plasmato loro identità. Era il loro luogo ideale, senza contare che la città ha sempre avuto i migliori noccioleti per la produzione della Nocciola del Piemonte I.G.P. 

 

Oggi la Ferrero è presieduta dall'erede delle fortune di famiglia, Giovanni Ferrero, 55enne figlio di Michele e nipote di Pietro. Ha preso il controllo della multinazionale italiana dopo che l'altro figlio di Michele, Pietro, è morto di infarto a 47 anni nel 2011.

 

La Ferrero è un gigante italiano in continua crescita ed espansione. Nel 2015 ha acquisito la cioccolateria britannica Thorntons. Nel maggio 2017 ha acquistato la fabbrica di caramelle americana Fannie May, seguita dall'acquisizione di Ferrara, produttrice di Red Hots e delle gommose Trolli. Nel 2018, ha rilevato l'attività americana di Nestlè nel settore delle caramelle. Lo scorso aprile ha acquistato da Kellogg Company le attività di biscotti, frutta e snack aromatizzati, coni gelato e crostata, rafforzando ulteriormente la propria posizione nel mercato nordamericano.

 

"Mi sento come se avessimo il dovere di crescere", ha detto Giovanni a Forbes nel 2018.

 

Altri straordinari interpreti industriali albesi sono il Gruppo Miroglio e Mondo SPA. La prima opera nel settore della moda femminile, con 37 attività commerciali in 22 Paesi. Tra i marchi Miroglio ci sono Elena Mirò, Caractère, Per Te by Krizia, Luisa Viola, Motivi, Oltre e Fiorella Rubino.

 

L’altra è un'azienda fondata nel 1948, nota soprattutto per la produzione e l'installazione di superfici per piste e campi da gioco, che ha fornito le superfici per piste e campi da gioco nelle ultime dieci Olimpiadi. L'azienda produce anche giocattoli.

 

Alba è una delle capitali gastronomiche d'Italia, famosa anche per i grandi vini: Dolcetto d'Alba, Nebbiolo, Barolo, Barbera e Barbaresco. 

 

"E' sempre stata la gente di questa maestosa regione a guidarci", dice la famiglia Ceretto, produttrice di vini di qualità dal 1930. L'icona punk newyorkese e poetessa Patti Smith, innamorata di questo splendido scenario geografico, è stata avvistata più volte a passeggio per le strade di Alba mentre era ospite della famiglia Ceretto.

 

Alba custodisce i ricordi del suo illustre figlio Beppe Fenoglio: romanziere, partigiano e traduttore dall'inglese. L'autore del corposo romanzo postumo Il Partigiano Johnny, è nato ad Alba nel 1922 e ha trascorso la maggior parte della sua vita nelle Langhe. I suoi libri sono diventati classici della nostra letteratura. Il suo libro I Ventitré Giorni della Città di Alba comprende 12 racconti sui partigiani che hanno liberato la sua città natale dal fascismo. Tra loro c'era anche lo scrittore. 

 

Il suo primo romanzo La Malora, pubblicato 65 anni fa, racconta la difficile e dura vita dei contadini albesi dei primi del Novecento. 

 

Bene, quel tempo è finito, e molto tempo fa.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The heart and soul of Naples: history and poetry of the Quartieri Spagnoli

“Napule è mille culure, Napule è mille paure, Napule è a voce d’ ‘e creature che saglie chiano chianu e tu saje ca nun si sulo:” Naples is a thousand...

Due Giugno: a time to remember our rights, but also our duties

Festa della Repubblica , the day when Italy celebrates its most important institution, is upon us: on the 2nd of June , our streets fill with the...

Legends of Italy: Piedmont, The Toro Rosso of Turin

Torino, first capital of Italy, and centuries old heart of the Savoia’s Kingdom, never quite relinquished her royal, aristocratic habits and looks...

The beauty of Sicily for half the price? It may happen this summer

The world has been fighting the same enemy. Reality is, there is not such a thing as escaping the virus, but in Italy we’ve finally reached a moment...

Via Montenapoleone, “Il Salotto di Milano”

“Via Montenapoleone, il salotto di Milano, ritrovo delle signore dell'élite della città.” It was 1954 when Dutch born singer Peter Van Wood sang his...

Weekly in Italian

Recent Issues