Fall in Italy - Three of the tastiest Italian foods for autumn

In the autumn season, roasted chestnuts are prepared on the streets (Copyright: Dreamstime)

Italy is the homeland of truffles. Unmistakable scent, intense yet delicate flavor, truffles are hypogeum fungi, which means that they grow underground, and they come in many varieties. Nowadays, truffles are really sought after, so it’s very important to make sure what you get is the real thing: often people get only their lab-created essence, and not real tartufi

 

The best truffles come, as we said, from Italy. Once upon a time Alba, in Piedmont, was the best place to get them, but today the woods essential for their growth have become…vineyards! Another town known for its truffles is San Miniato, in Tuscany: this is a land of woods and white truffles. 

 

San Miniato is equidistant from Florence, Siena, Lucca and Livorno and lies along the Via Francigena the road pilgrims used to walk to reach Rome. A village elevated to the position of “city” because head of a diocese, San Miniato dominates its surroundings from the height of two hills and, with its red-brick buildings and many churches, it gifts visitors with unforgivable views. 

Truffles are one of the traditional delicacies of the Italian Fall (Copyright: Dreamstime)

Every year, Italy is home to hundreds of festivals dedicated to both whites and black truffles. There are nine varieties of truffle that can be sold. Depending on their color, they can be divided in: 

 

White truffles: fine white truffle, and Bianchetto truffle.

Black Truffles: black truffle (also known as Perigold truffle or truffle of Norcia), Summer truffle, garlic truffle, Winter truffle, ordinary truffle, mesenteric truffle. 

There are specific conditions of temperature and humidity, along with precise typologies of soil, that allow for the growth of this mushroom. Fine white truffle wants loose soil, which isn’t neither clayey nor tufaceous. Black truffle, on the other hand, prefers calcareous soil, rich in gravel. 

 

When talking about truffles, it’s important to mention with precision where they come from. Every region of Italy has specific geographical areas of origin, protection and valorization, and regional laws regulate picking. 

 

A good reason to take a vacation in Italy in October-November is the amount of truffle festivals everywhere! You can also try truffle searching thanks  to special truffle experiences like those organized by Stefania Calugi, one of the most famous producers of truffle delicacies in Italy. 

(Copyright: Dreamstime)

A cheese that’s good for your heart

 

Did you know there is a cheese that naturally lowers your bad cholesterol? It’s made by Angela Saba, a very special woman who lovingly cares for about 300 sheep and goats. Her farm is tiny, but produces a cheese, a type of pecorino, that can be consumed also by those who usually can’t have it for health reasons. Val di Cornia is a part of Tuscany everyone should know. An amazing corner of Italy, which is still wild and filled with authentic products. 

 

Angela’s job isn’t simple and requires a great deal of passion. With her, her parents and her husband, who help her. The sheep and goats in her farm live happy, loved and cherished. 

Forms of cheese for sale: in Val di Cornia, you can find cheese that is good for your heart (Copyright: Dreamstime)

The idea to produce a “healthy pecorino” was developed with the University di Pisa, that created a special feed for Angela’s flock, with the addition of linseed. For four months, two groups of sheep followed two different diets. The cheese produced with the milk of the group fed with the special feed had lower levels of bad  cholesterol and the sheep were healthier, too. Their milk was richer in Omega 3, a type of essential fatty acid very important for our body. 

 

Once the cheese was ready, hospital trials began: the cheese was given to patients with very high levels of bad cholesterol. At Brotzu hospital, in Cagliari, 3 oz of Angela’s cheese were administered for six months daily to patients: the result was a 10% reduction of bad cholesterol in all participants. 

 

Angela’s fragrant cheese has an ancient scent and taste also for another reason. She makes her  pecorino with raw milk, that is, unpasteurized milk. This means, of course, that the environment where it is produced must be extremely clean. Moreover, Angela doesn’t use any additives nor preservatives: only nature is involved, and that’s why her cheese has a taste and a scent you’ll find nowhere else. If you happen to be in Maremma, stop and try Angela’s cheeses, because they truly are one of a kind! Saba Antonio e Saba Angela s.s. Agricola Loc. Cura Nuova, 74 — MASSA MARITTIMA — GR

 

Hail to Chestnuts!

 

November is time for chestnuts in Italy. This typically autumnal fruit has been the food of Alpine people for centuries. Chestnuts are very versatile, they can be transformed in flour and used to make plenty of dishes, both savory and sweet. 

In the autumn season, roasted chestnuts are prepared on the streets (Copyright: Dreamstime)

Chestnuts are lovely when boiled with some fennel, or roasted on the lively flame of a fireplace. Once upon a time, you could see people selling caldarroste, chestnuts cooked directly on the fire. Passersby would stop and buy them not only to eat, but also to get some warmth amidst the intense winter cold. 

 

Because of climate change, those freezing winters are no longer commons and people tend to warm up with thermal jackets and very warm gloves!

(Copyright: Dreamstime)

But chestnuts remain good and versatile. But how do you cook them? The best way is to make flour out of them: in it, we find high levels of carbohydrates (about 72 gr every 100 gr of flour), and 6% of proteins and fats (around 3.6 gr every 100). To these, we add a plethora of minerals like potassium, magnesium, iron, calcium and vitamins B1, B2 and PP. Fruits also contain vitamin C. Chestnuts and their flour are both high calorie foods. 

 

Chestnut flour is used in many recipes from Tuscany and Emilia Romagna. You can make delicious tagliatelle, to dress with butter and cheese, and many desserts. One of the most traditional is castagnaccio, made with chestnut flour, water, extra virgin olive oil, pine nuts, walnuts and rosemary, then baked. It’s simple, but really good. A perfect dessert to have with a glass of Vin Santo!

In collaboration with Gustare Viaggiando: where to go and what to eat while in Italy. Italian travels, surroundings, food and much more.

L’Italia è patria del tartufo. Profumo inconfondibile, sapore intenso e, allo stesso tempo, delicato.  Il tartufo è un fungo ipogeo, cioè che si sviluppa sotto terra, e ha molte varietà. Oggi è molto ricercato e quindi è necessario fare molta attenzione alle frodi. Spesso capita che ci venga venduto per “tartufo” solo la sua essenza: quella creata in laboratorio.

I migliori tartufi si trovano, appunto, in Italia. Un tempo Alba, in Piemonte, era la zona migliore ma al posto dei boschi necessari alla crescita del tartufo oggi ci sono tanti vigneti! L’altra città italiana famosa per il tartufo è San Miniato in Toscana. Un territorio ricco di boschi e… di tartufo bianco. San Miniato si trova alla stessa distanza da Firenze, Siena, Lucca, Livorno sull’itinerario della via Francigena, la strada che i pellegrini percorrevano per arrivare a Roma. Un paese elevato al ruolo di “città” perché sede vescovile, San Miniato domina dall’alto di due colline e, con le sue costruzioni in mattoni rossi e le sue tante chiese, regala panorami indimenticabili.

In Italia, ogni anno, si tengono centinaia di manifestazioni dedicate al tartufo sia bianco che nero. I tartufi commerciabili sono  di nove tipi  e secondo il colore si distinguono in:
Bianchi: Tartufo bianco pregiato e Bianchetto o Marzuolo;
Neri: Tartufo nero pregiato, Tartufo d’estete o Scorzone, Tartufo Moscato, Tartufo nero liscio, Tartufo nero d’inverno, Tartufo nero, Tartufo mesenterico.

Le condizioni ideali per lo sviluppo di questo fungo sono la temperatura, l’umidità e il suolo. Il tartufo bianco pregiato richiede terreni sciolti, non tufacei, non argillosi. Quello nero invece terreni calcarei e ricchi di scheletro cioè con sassi e sassolini. Quando si parla di tartufo è  inoltre importante segnalare con precisione la zona di raccolta. Ogni regione italiana ha zone geografiche di provenienza, tutela e valorizzazione, e leggi dello Stato e regionali che regolano la raccolta.

Un ottimo motivo per farsi una vacanza in Italia in ottobre/novembre è la presenza di tante feste del tartufo in ogni regione! Si possono inoltre fare esperienze di ricerca del tartufo nel bosco come le “truffle experience” organizzate da Stefania Calugi, una delle maggiori aziende produttrici di specialità al tartufo d’Italia.

 

Il formaggio che fa bene al cuore

 

Lo sapevate che esiste un formaggio che abbassa il livello di colesterolo naturalmente? Lo fa Angela Saba una donna unica che si occupa con amore di circa 300 tra pecore e capre. La sua azienda è piccola piccola ma produce un formaggio, Il pecorino, che può essere mangiato anche da chi non può per motivi di salute. La Val di Cornia è un angolo di Toscana che tutti dovrebbero conoscere. Una parte dell’Italia bellissima, la costa della Toscana del sud, ancora selvaggia e ricca di prodotti genuini.

Angela non ha scelto un mestiere facile. Svolge un lavoro che richiede tanta passione.  Con lei ci sono i genitori e il marito che l’aiuta. Pecore e capre nella sua azienda vivono felici, amate e coccolate. 

L’idea di creare un formaggio pecorino sano è nata insieme all’Università di Pisa che ha studiato una razione alimentare per il gregge al pascolo addizionata da semi di lino. Per 4 mesi due gruppi di pecore della stessa razza hanno seguito una dieta differente. Il formaggio prodotto con il latte dell’uno e dell’altro gruppo  hanno mostrato livelli di colesterolo diversi e anche gli animali erano più in salute. Questo ha permesso di ottenere un latte ricco di Omega-3, cioè con acidi grassi essenziali per l’organismo.
Una volta fatto il formaggio è iniziata la sperimentazione in ospedale con i pazienti con un tasso di colesterolo molto elevato. A Cagliari, presso l’Ospedale Brotzu, durante il periodo di sperimentazione per sei mesi sono stati somministrati 90 gr del formaggio di Angela ai pazienti. Il risultato è stato  l’abbassamento del tasso di colesterolo del 10% in tutti i pazienti sottoposti alla sperimentazione.

Il profumato formaggio pecorino prodotto da Angela ha un odore e un gusto antichi anche per un altro motivo. Il formaggio è infatti “a latte crudo” cioè non viene pastorizzato e questo comporta una pulizia estrema dell’ambiente in cui viene prodotto. Inoltre Angela non aggiunge fermenti e conservanti, solo natura e quindi profumi e gusto, unici. 

Se passate dalla Maremma fermatevi ad assaggiare i formaggi di Angela perché sono unici al mondo! Saba Antonio e Saba Angela s.s. Agricola Loc. Cura Nuova, 74 — Massa Marittima (Grosseto).

 

Viva le castagne 

In Italia novembre è tempo di castagne. Questo frutto autunnale per secoli è stato il cibo che ha sfamato tante persone, specialmente chi viveva in montagna. La castagna è un frutto versatile che si presta ad essere trasformato in farina con cui preparare tante ricette, sia dolci che salate. 

Le castagne sono buone da mangiare bollite con del finocchio o fatte saltare sul fuoco vivace di un caminetto.  Un tempo era facile vedere per le strade persone che vendevano “Caldarroste”, cioè castagne cotte direttamente sul fuoco. I passanti si fermavano a comprarle non solo per gustare il buon sapore del frutto ma anche per riscaldarsi dal freddo intenso dell’inverno.

Con i cambiamenti climatici oggi, quei gelidi inverni, non sono comuni e le persone si scaldano con giacche termiche e guanti caldissimi!

Le castagne sono buone e versatili. Ma come si cucinano le castagne? La cosa migliore è ridurle in farina. Nella farina di castagne troviamo un’alta percentuale di carboidrati (circa 72 grammi per ogni 100 grammi di farina). Seguono il 6% di contenuto proteico, e lipidico pari a 3,6/100 gr). A questi si aggiungono minerali tra cui potassio, magnesio, ferro, calcio e vitamine B1, B2, PP e nei frutti anche vitamina C.

La farina di castagne oggi è ancora utilizzata in ricette nell’Italia centrale, soprattutto in Toscana ed Emilia Romagna. Un frutto e una farina ricche, con un grande apporto calorico. 

Con la farina di castagne si fanno delle buone tagliatelle da condire con del burro e formaggio e tanti dolci. Il più tradizionale è il “castagnaccio”: una miscela di acqua e farina di castagne con un cucchiaio di olio extravergine di oliva, un  po’ di pinoli, noci e rosmarino. Viene cotto in forno ed è semplice ma davvero molto buono. Un dessert perfetto da accompagnare con un buon Vin Santo!

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Pasta Grannies: Italian nonne take YouTube by Storm

If you are familiar with all that’s trending on YouTube , then you may know The Pasta Grannies, a channel with more than 400.000 subscribers where...

Italians speak mythology

“Parla come mangi!” (speak as you eat!) is a common way to invite someone to speak in a simple manner and without using too many words. But do...

Caesar’s Salad, a gift from Baveno, Lake Maggiore

Before pasta, there was Lady Salad. Today we can taste all kinds of spectacular insalatone or large salads, yet the first to prepare raw leafy...

Palermo’s own Sunday feast: timballo di anelletti al forno

Baked anelletti pasta is a recipe traditional to Palermo, but it is a dish that holds a special place in the hearts of almost all Sicilians. If you...

Caltagirone, a stairway to heaven

Brimming with cultural vigor, strength and resilience, Caltagirone is the heart of the authentic, wild southeastern Sicily. The scenic town is a...

Weekly in Italian

Recent Issues