Roma Caput Mundi… and cinema! The most iconic movie location of Italy’s capital

Roma, the head of the world: that’s what our ancestors used to say and that’s what our title is  about. The city has been  going  through some difficult times lately  and  we’d ideally  like to cheer   her  up by  writing about the reasons she remains,  in  spite  of  the rubbish and  the bad metro, in spite of criminality and a shaky  city  council, one of the most magical places on Earth. 

 

And what’s better than the Silver Screen, the Seventh Art of humankind, to bring some magic into our — and Rome’s—  everyday’s life?  Let’s take an ideal walk, then, through five of the most famous movie locations of the Città Eterna, to remind ourselves and  the world that Roma always, always wins  over everything, thanks  to her beauty. 

 

Here’s to you, caput mundi!

(Copyrights Dreamstime)

1. La Fontana di  Trevi

Federico Fellini’s La Dolce Vita, Mastroianni with Ekberg in the Trevi Fountain

Well,  I had to start from the Trevi Fountain because one of the most famous scenes in the history of world cinema took place  here: Anita Ekberg, long wavy hair  down  her naked shoulders, clad in black, mellowly moves her buttery curves and steps into the fountain, inviting a young, handsome Marcello Mastroianni to follow her. That’s the heart of Federico Fellini’s La Dolce Vita, the symbol itself of what the movie represented: a joyous, respectful decadence, carefree love, of the kind you could only experience when tasting  freedom and  wealth after years  of  poverty and war. 

Beautiful Anita Ekberg bathes in the Trevi Fountain

When Anita — who looked so exotic to us Italians then, so blonde and algid to a people used to  the fiery sensuality of la Loren and  la Lollo, or to the pained attractiveness of Anna Magnani — walked  into  the Trevi Fountain, when  she and  Mastroianni  kissed there, Italy fell in love with itself again: we saw the heart, love and lightness that always  belonged to us returning, we saw our country being bella again. Fifteen years after the war ended, that walk and  kiss in the  Trevi  Fountain told us we were ready  to love and live again. 

 

2. The  Pantheon

 

“Ille hic  est Raphael, timuit  quo sospite  vinci, rerum magna parens  et moriente mori:” here  lies Raphael: when he was  alive, Mother Nature feared to be conquered by him. Now that  he is  dead, she fears to die. 

With this words, poet Pietro Bembo wanted to remember and honor the talent of Raphael, the artist who  brought Nature to fear him, so great was his  ability  to  paint her, and led her near death after his passing. 

Aerial view of the ancient Pantheon at dawn in Rome. Dreamstime.com

Are there more apt, marvelous words to say about an artist? 

 

Bembo’s epitaph, and Raphael’s  grave, of  course, are in the Pantheon, one of Rome’s most popular tourist locations. The building’s history is long and complex: commissioned  by Marcus Agrippa before the coming of Christ, completed by Hadrian around 126 AD, it burned down and was rebuilt several times. Born as a temple for all gods, it  became a church in the Middle Ages and, today,  it’s also known as an iconic location for Ron Howard’s 2009 Angels and  Demons, based on the homonymous novel by Dan  Brown. If you  saw  the movie, you probably know Tom Hanks/professor Langdon  and  his companion  move around the city  quite  a lot while looking  for the murderer but, contrarily  to the Pantheon’s scenes, which were  filmed on location, many others famous parts of  Rome  were, in fact, reproduced in Hollywood studios. 

 

If  you’d like to visit  the Pantheon, head to  Piazza della Rotonda: the basilica is open  every day from 8.30 AM to  7.30 PM. 

 

3. Basilica di  Santa Maria in Cosmedin

Hepburn and Peck in front of the Bocca della Verità

We are  in 1951 when  Audrey  Hepburn and  Gregory Peck film Roman Holiday  in  our capital. There are several scenes where  the  city plays  an important  role, the most  famous  of them all probably being the Vespa ride around  the Colosseum. Yet,  there is another moment  we’d like to  remember here, princess Ann and Joe Bradley's visit to the Basilica of Santa Maria in Cosmedin, a church built in the 6th century AD and restored in the 18th. Its name may not tell you much, but you’ll definitely recognize  one of its  most famous attractions, the Mouth of Truth: legend wants  that, if you lie while placing your  hand inside it, the Mouth of Truth will bite it off. Hepburn  and  Peck  play  homage  to  the tradition in the movie, while showing to the  audience yet another peculiar corner of the capital. 

 

And  then… it’s 1950s Rome: does it get really any better than  that?

 

Santa  Maria in  Cosmedin is in Piazza Bocca della Verità, 18. 

 

4. Via Veneto 

 

Speaking of 1950s Rome, we cannot avoid mentioning Via Veneto, the epitome of elegance and wealth,  old Italian style. And the relationship between Via  Veneto and  cinema is special and unique,  because it gained its status and most of its allure thanks  to a movie,  La Dolce Vita. Fellini’s masterpiece revolved all around the  artsy movida that characterized the area in the 1950s and Via Veneto became a symbol of the  type of lifestyle  — carefree, happy,  light hearted — that the movie portrayed. 

Coffee bar in the famous Via Veneto in Rome

Via Veneto is still that to every Rome lover: a symbol of the  city’s passion for  living  lightly,  a  place where dreaming may be still allowed, even if it  may set you back 20 bucks  for a cappuccino. 

 

5. Castel Sant’Angelo  e Via dei Portoghesi

(Copyrights Dreamstime)

Castel Sant’Angelo is a well known Roman location: it’s close to the Vatican, it has some interesting and spooky history to boot — it was originally a mausoleum, and its  prisons  were infamous in the Renaissance — and there’s even a (not  so) secret passage joining  the  Vatican to it, the famous  Passetto, created to allow easy  escape  to the Pope in case of danger. One of  the things  I personally like the most about Castel Sant’Angelo is actually the  bridge leading to it: lined as it is with white, marble angels, it feels like they are watching and  protecting you while you walk towards your own castle.  

 

Beside being one of my favorite spots and, yes, of course, belonging to the Pope, Castel Sant’Angelo and Via dei  Portoghesi, a characteristic road nearby, on  the other side of the Tiber, both feature preeminently in one of the most  recent movies where Italy’s Dolce Vita became protagonist, Eat, Pray, Love, starring Julia Roberts. When  Elizabeth, her  character,  arrives in Rome, Castel Sant’Angelo features in the scene,  welcoming and beautiful. Elizabeth,  then, moves in Via dei Portoghesi and  is seen eating an ice cream sitting on  a  bench in front of Sant’Agnese in  Agone, on Piazza Navona. 

 

If  you want to visit Castel Sant’Angelo, head to Lungotevere Castello, 50. It is open  to the public Monday  to Wednesday, from 9  AM to 7 PM and Thursday to Sunday from 9 AM to 12 AM. 

Roma, capitale del mondo: questo è quello che dicevano i nostri antenati e questo è ciò di cui parla il nostro titolo. La città sta attraversando momenti difficili ultimamente e noi vorremmo idealmente consolarla scrivendo le ragioni per cui rimane, nonostante la spazzatura e la malfunzionante metropolitana, nonostante la criminalità e un consiglio comunale traballante, uno dei luoghi più magici del mondo. 

 

E cosa c'è di meglio del Grande Schermo, della settima arte dell'umanità, per portare un po' di magia nella nostra vita quotidiana e in quella di Roma? Facciamo una passeggiata ideale, quindi, attraverso cinque delle più famose location cinematografiche della Città Eterna, per ricordare a noi stessi e al mondo che Roma vince sempre, sempre e comunque su tutto, grazie alla sua bellezza. 

 

Ecco a voi, Roma caput mundi!

 

1.La Fontana di Trevi

 

Beh, devo cominciare dalla Fontana di Trevi perché qui si è svolta una delle scene più famose della storia del cinema mondiale: Anita Ekberg, capelli lunghi e ondulati sulle spalle nude, vestita di nero, muove dolcemente le sue curve burrose e i suoi passi nella fontana, invitando un giovane e bellissimo Marcello Mastroianni a seguirla. Questo è il cuore de La Dolce Vita di Federico Fellini, il simbolo stesso di ciò che il film rappresentava: una decadenza gioiosa e rispettosa, un amore spensierato, come si può vivere solo assaporando libertà e ricchezza dopo anni di povertà e guerra. 

 

Quando Anita - che allora sembrava così esotica a noi italiani, così bionda e algida a un popolo abituato alla sensualità focosa della Loren e della Lollo, o alla dolorosa attrattiva di Anna Magnani - è entrata nella Fontana di Trevi, quando lei e Mastroianni vi si sono baciati, l'Italia si è innamorata di nuovo di sè: abbiamo visto tornare il cuore, l'amore e la leggerezza che ci apparteneva da sempre, abbiamo visto il nostro paese di nuovo bello. Quindici anni dopo la fine della guerra, quella passeggiata e quel bacio nella Fontana di Trevi ci hanno detto che eravamo pronti ad amare e a tornare a vivere. 

 

 

2. Il Pantheon

 

"Ille hic est Raphael, timuit quo sospite vinci, rerum magna parens et moriente moriente mori:" Qui giace Raffaello: quando era vivo, Madre Natura temeva d’esser da lui conquistata. Ora che è morto, lei teme di morire. 

Con queste parole, il poeta Pietro Bembo ha voluto ricordare e onorare il talento di Raffaello, l'artista che ha portato la natura a temerlo, tanto grande era la sua capacità di dipingerla, e l'ha portata vicino alla morte dopo la sua scomparsa. 

 

Ci sono parole più adatte e meravigliose da dire su un artista? 

 

L'epitaffio di Bembo e la tomba di Raffaello, naturalmente, si trovano nel Pantheon, una delle località turistiche più popolari di Roma. La storia dell'edificio è lunga e complessa: commissionato da Marco Agrippa prima della venuta di Cristo, completato da Adriano intorno al 126 d.C., bruciò e fu ricostruito più volte. Nato come tempio per tutti gli dei, è diventato una chiesa nel Medioevo e, oggi, è conosciuto anche come location iconica per Angeli e Demoni di Ron Howard del 2009, tratto dall'omonimo romanzo di Dan Brown. Se avete visto il film, probabilmente sapete che Tom Hanks/professore Langdon e il suo compagno si spostano per la città alla ricerca dell'assassino ma, contrariamente alle scene del Pantheon, che sono state girate sul posto, molte altre parti famose di Roma sono state in realtà riprodotte negli studi di Hollywood. 

 

Se volete visitare il Pantheon, recatevi in Piazza della Rotonda: la basilica è aperta tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30. 

 

 

3. Basilica di Santa Maria in Cosmedin

 

Siamo nel 1951 quando Audrey Hepburn e Gregory Peck girano il film Vacanze Romane nella nostra capitale. Ci sono diverse scene in cui la città gioca un ruolo importante, la più famosa delle quali è probabilmente la Vespa che gira intorno al Colosseo. Ma c'è un altro momento che vorremmo ricordare qui, la visita della principessa Ann e Joe Bradley alla Basilica di Santa Maria in Cosmedin, una chiesa costruita nel VI secolo d.C. e restaurata nel XVIII. Il suo nome potrebbe non dirvi molto, ma sicuramente riconoscerete una delle sue attrazioni più famose, la Bocca della Verità: la leggenda vuole che, se mentite mentre mettete la mano al suo interno, la Bocca della Verità la morderà. Hepburn e Peck rendono omaggio alla tradizione nel film, mostrando al pubblico un altro angolo particolare della capitale. 

 

E poi......è la Roma degli anni '50: c’è qualcosa di meglio?

 

Santa Maria in Cosmedin è in Piazza Bocca della Verità, 18. 

 

4. Via Veneto 

 

Parlando della Roma degli anni Cinquanta, non possiamo non citare Via Veneto, simbolo di eleganza e ricchezza, dell’Italia vecchio stile. E il rapporto tra Via Veneto e il cinema è speciale e unico, perché ha guadagnato il suo status e soprattutto il suo fascino grazie ad un film, La Dolce Vita. Il capolavoro di Fellini ruotava intorno alla movida artistica che caratterizzava la zona negli anni Cinquanta e Via Veneto divenne il simbolo di quello stile di vita - spensierato, felice, allegro - che il film rappresentava. 

 

Via Veneto è ancora questo per ogni amante di Roma: un simbolo della passione della città a vivere con leggerezza, un luogo dove è ancora possibile sognare, anche se si possono spendere 20 dollari per un cappuccino. 

 

5. Castel Sant’Angelo e Via dei Portoghesi

 

Castel Sant'Angelo è un luogo di Roma molto conosciuto: è vicino al Vaticano, ha una storia interessante e inquietante - in origine era un mausoleo, e le sue prigioni furono tristemente famose nel Rinascimento - e c'è anche un passaggio (non così) segreto che unisce il Vaticano ad esso, il famoso Passetto, creato per permettere una facile fuga al Papa in caso di pericolo. Una delle cose che personalmente mi piace di più di Castel Sant'Angelo è in realtà il ponte che conduce ad esso: fiancheggiato da angeli bianchi e di marmo, sembra che vi stiano osservando e proteggendo mentre vi dirigete verso il vostro castello.  

 

Oltre ad essere uno dei miei luoghi preferiti e, sì, naturalmente, di proprietà papale, Castel Sant'Angelo e Via dei Portoghesi, una strada caratteristica nelle vicinanze, dall'altra parte del Tevere, sono entrambi protagonisti di uno dei film più recenti in cui la Dolce Vita italiana è diventata protagonista: “Mangia, prega, ama” con Julia Roberts. Quando Elizabeth, il suo personaggio, arriva a Roma, Castel Sant'Angelo è sulla scena, accogliente e bello. Elizabeth, poi, si trasferisce in Via dei Portoghesi e la si vede mangiare un gelato seduta su una panchina di fronte a Sant'Agnese in Agone, in Piazza Navona. 

 

Se volete visitare Castel Sant'Angelo, dirigetevi sul Lungotevere Castello, 50. E' aperto al pubblico dal lunedì al mercoledì, dalle 9.00 alle 19.00 e dal giovedì alla domenica dalle 9.00 alle 12.00. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The waters of Rome, between history and magic

What would a trip to Rome be without a selfie in front of the Trevi Fountain and the traditional tossing of a coin in its light blue waters? Who hasn...

Alba, truffle pearl: a mother lode of enterprises

When in late October 1929 Wall Street collapsed, contributing to the Great Depression of the 1930s, a rural village of Piedmont started to thrive. In...

Pasta Grannies: Italian nonne take YouTube by Storm

If you are familiar with all that’s trending on YouTube , then you may know The Pasta Grannies, a channel with more than 400.000 subscribers where...

Palermo’s own Sunday feast: timballo di anelletti al forno

Baked anelletti pasta is a recipe traditional to Palermo, but it is a dish that holds a special place in the hearts of almost all Sicilians. If you...

Caltagirone, a stairway to heaven

Brimming with cultural vigor, strength and resilience, Caltagirone is the heart of the authentic, wild southeastern Sicily. The scenic town is a...

Weekly in Italian

Recent Issues