Pasta Grannies: Italian nonne take YouTube by Storm

They are skilled hands, those of the grandmothers of The Pasta Grannies project, who are capable of creating tradition (Copyright: Emma Lee)

If you are familiar with all that’s trending on YouTube, then  you may know The Pasta Grannies, a channel with more than  400.000 subscribers where each video is  dedicated to Italian nonne and  the  way they  make traditional, delicious pasta dishes. We have nonna Giuseppina and her pici, nonna Giggina and her gnocchi and nonna Rosa with her ravioli,  all over 80,  all with genuine smiles and  all influencers: a breath of fresh air on a platform populated  by bad makeup tutorials and  drama channels. 

 

We  of l’Italo-Americano  had the pleasure to share some thoughts and memories with the creator of the project, Vicky Bennison, with whom we spoke about her love for food, the grannies  and how Italian she feels,  after all this writing  about pasta!

Nonna Saras at work, while making fresh pasta for one of The Pasta Grannies’videos (Copyright: Emma Lee)

Vicky explains to us the Pasta Grannies’ YouTube channel is only part of a much wider project that wants to keep alive the hand-making pasta tradition of Italy, a tradition incredibly important for the country, but that has been largely neglected by the younger generations. Bennison’s aim is that of keeping this incredible wealth of culinary  knowledge alive by using modern media: YouTube, we said, but also a website and, just a couple of weeks ago, a book, Pasta Grannies: the Secrets of Italy’s Best Home Cooks, published by Hardie Grant Books, a collection of the most popular grannies’ recipes gathered by Bennison through the years. 

Anna’s bean pasta: don’t you just feel like to tuck in? (Copyright: Emma Lee)

Time passes, and the risk of seeing all this wealth of knowledge and deliciousness going  lost was becoming real. Bennison took upon herself the duty of keeping hundreds of recipes alive and, with them, also the stories, memories and traditional  elements  they carry within. Hers is an endeavor of love and passion for a country, Italy, she spends half of her time in, but also for the cultural, emotional and affective value of food making and sharing, something she herself knows first hand. 

Grannies at work, while making fresh pasta for one of The Pasta Grannies’videos (Copyright: Emma Lee)

In  fact, when reading about Vicky,  it becomes clear she has a passion for food and the question comes quite naturally: did she have a “nonna” inspiring her, too, or is there  something  different behind it? “The short answer is my parents were both keen cooks and my mother, aged 87, still is,” Vicky tells us, but alas,  her love for  food has a much more exotic story to tell,  one incredibly close to Italy  and to  our  way to conceive food and cooking. 

 

Vicky was born in Kenya where her parents worked, her father as a researcher and a trainer for  local farmers, her mother as an English teacher for the Indian community there. Her  childhood had the scents and colors of  Africa but the flavors  of India,  of  “the Gujarati and  Goan dishes the parents  of my mother’s pupils  taught her to cook.”  In Botswana, during her teens, growing and eating food became a matter of conviviality,  as it is typical for the people of Africa and, of course,  of  the Mediterranean, as  she recalls on Heated Magazine: “ Growing up,  food  for me  wasn’t merely nutrition or fuel, it was family, community,  and everyday adventure.”

A delicious dish of homemade pasta from Vicky Bennison's Pasta Grannies (Copyright: Emma Lee)

Without  a doubt, many  Italians will find themselves in  these words. 

 

As an adult, her job brought her around the world a  lot, so she came into contact with the food of many a country, yet, her ties with Italian food remained somehow deeper, because they came from childhood, as  she tells us: “I first tasted spaghetti with tomato sauce in Venice, aged 5 - my parents were going home on leave from Kenya to  the UK by boat, as flying was too expensive… with the Lloyd Triestino lines.” 

Nonna Giuseppina, 97, smiles for the camera while making her delicious pasta (Copyright: Emma Lee)

And maybe  that’s why she ended up with a home in le Marche, where she noticed how “it  was  only older women who  made pasta by hand on a daily basis. Those over 80 years old are the last generation who would do it to put food  on  the table. For younger generations, making food by hand  became a choice.” That’s when she had “two thoughts: first, I wanted to  make a record of  these women’s skills. Second, doing that would also mean celebrate older  women, who are often invisible in the food media.”

 

It is evident, from Vicky’s words, that the whole idea behind The  Pasta  Grannies is not only that  of showing  how to  make food, but also that of  entrusting  a true wealth of culinary tradition to the next generation. We ask Vicky how important this aspect of the project is: “It's very important to inspire people to cook from scratch. It's the details which get lost if you reply on a book or a memory. Traditions survive because you create new memories and pasta works well because it's a team or a family activity.” 

They are skilled hands, those of the grandmothers of The Pasta Grannies project, who are capable of creating tradition (Copyright: Emma Lee)

And of course, the nonne, these valiant, strong octogenarians who have memories  of the war and of times when making pasta from scratch was the norm, are the gold and the diamonds of Bennison’s work. We had to ask her  how working with them is and  if she has some interesting stories to share about them with us: “The nonne, especially those over  90 — and we have a few! — remember times when the world was a very different place. We have the story of 97  years  old nonna Giuseppa, which is fascinating and could appeal to  those among the  younger generation who are into recycling  and  reducing  waste. She is from Sardinia and she worked all her  life  as a tailor specialized in traditional costumes. She adored her work so much, she never really thought about getting married. When she eventually did she was in her  30s, which was very unusual. She  made her own  wedding dress and  a coat to go with it. The coat, she refashioned twice and she still wears it today as a jacket, over 60 years later.”

Egg pasta (Copyright: Emma Lee)

Indeed,  there is  so much we could learn from our nonne.

 

As mentioned, The Pasta Grannies project now works on three different platforms: a website (www.pastagrannies.com), a YouTube channel, and  a recipe book, which came out in the US on the 29th of October. The book is a beautiful volume, enriched by photos of the dishes and, of course, of the nonne who made them, but putting  it together wasn’t a simple task, especially  when it came to selecting the  recipes to  include: “We wanted variety from all over Italy, and a range of difficulty,  but we tried to include  more easy than  difficult ones!”

 

Before concluding our lovely chat, we must  ask Vicky about her  relationship with Italy. She’s been dividing her life between le Marche and the UK  for years now an  she works with Italians: did she pick up any peculiar Italian habit? “My husband would say parking the car boldly! Aside from that, going direct to the producer for cheese, wine  and all  the  products. Provenance is important for Italians and for me, too.”

Se avete familiarità con tutto ciò che fa tendenza su YouTube, allora conoscerete The Pasta Grannies, un canale con più di 400.000 abbonati dove ogni video è dedicato alle nonne italiane e al modo in cui preparano i loro tradizionali e deliziosi piatti di pasta. Nonna Giuseppina e i suoi pici, nonna Giggina e i suoi gnocchi e nonna Rosa con i suoi ravioli, tutte over 80, tutte con sorrisi genuini e tutte influencer: una ventata d'aria fresca in una piattaforma popolata da brutti tutorial sul makeup e canali teatrali. 

 

Noi de L'Italo-Americano abbiamo avuto il piacere di condividere alcuni pensieri e ricordi con la creatrice del progetto, Vicky Bennison, con la quale abbiamo parlato del suo amore per il cibo, le nonne e di come si senta italiana, dopo tutto il suo scrivere di pasta!

 

Vicky ci spiega che il canale YouTube di Pasta Grannies è solo una parte di un progetto molto più ampio che vuole mantenere viva la tradizione della pasta fatta a mano in Italia, una tradizione incredibilmente importante per il Paese, ma che è stata in gran parte trascurata dalle giovani generazioni. L'obiettivo di Bennison è mantenere vivo questo incredibile patrimonio di conoscenze culinarie attraverso i media moderni: YouTube, abbiamo detto, ma anche un sito web e, da solo un paio di settimane, un libro, Pasta Grannies: the Secrets of Italy's Best Home Cooks, pubblicato da Hardie Grant Books. E’ una raccolta delle ricette delle nonne più popolari raccolte da Bennison nel corso degli anni. 

 

Più il tempo passa e più c’è il rischio concreto di vedere tutto questo patrimonio di conoscenze e prelibatezze andare perduto. Bennison si è così assunta il compito di mantenere vive centinaia di ricette e, con esse, anche le storie, i ricordi e gli elementi tradizionali che portano con sé. La sua è un'impresa d'amore e passione per un paese, l'Italia, in cui trascorre metà del suo tempo, ma anche per il valore culturale, emotivo e affettivo della produzione e condivisione del cibo, cosa che lei stessa conosce bene in prima persona. 

 

Infatti, leggendo di Vicky, diventa chiaro che ha una passione per il cibo e una domanda ci viene spontanea: aveva anche lei una "nonna" che la ispirava, o c'è qualcos’altro dietro a tutto ciò? "La risposta breve è che i miei genitori erano entrambi cuochi appassionati e che mia madre, a 87 anni, lo è ancora", ci racconta Vicky, ma in realtà il suo amore per il cibo ha una storia molto più esotica da raccontare, una storia incredibilmente vicina all'Italia e al nostro modo di concepire il cibo e la cucina. 

 

Vicky è nata in Kenya dove lavoravano i suoi genitori, suo padre come ricercatore e formatore dei contadini locali, sua madre come insegnante di inglese per la comunità indiana. La sua infanzia ha avuto i profumi e i colori dell'Africa, ma i sapori dell'India, dei "piatti Gujarati e Goan che i genitori degli alunni di mia madre le hanno insegnato a cucinare".  In Botswana, durante l'adolescenza, coltivare e mangiare cibo è poi diventato una questione di convivialità, come è tipico dei popoli dell'Africa e, naturalmente, del Mediterraneo, come ricorda su Heated Magazine: "Crescendo, il cibo per me non era solo nutrizione o energia fisica, ma famiglia, comunità e avventura quotidiana”.

 

Senza dubbio, molti italiani si ritroveranno in queste parole. 

 

Da adulta, il suo lavoro l'ha portata molto in giro per il mondo, così è entrata in contatto con il cibo di molti paesi, ma il suo legame con il cibo italiano è rimasto in qualche modo più profondo, perché è venuto dall'infanzia, come ci racconta lei stessa: "Ho assaggiato gli spaghetti al pomodoro a Venezia, all'età di 5 anni - i miei genitori stavano tornando a casa dal Kenya per il Regno Unito via nave, perché volare era troppo costoso..... con le linee Lloyd Triestino". 

 

E forse è per questo che è finita in una casa nelle Marche, dove ha notato come "solo le donne più anziane facevano la pasta a mano ogni giorno". Le ultraottantenni sono l'ultima generazione che lo fa per portare il cibo in tavola. Per le giovani generazioni, fare il cibo a mano è diventata una scelta". È stato allora che lei ha avuto "due pensieri: in primo luogo, ho voluto registrare le capacità di queste donne. In secondo luogo, fare questo significa anche celebrare le donne anziane, che sono spesso invisibili nei media alimentari".

 

E' evidente, dalle parole di Vicky, che l'idea alla base di The Pasta Grannies non è solo quella di mostrare come si fa il cibo, ma anche quella di affidare alla prossima generazione un vero patrimonio di tradizione culinaria. Chiediamo a Vicky quanto sia importante questo aspetto del progetto: "E' molto importante ispirare le persone a cucinare partendo da zero. Sono i dettagli che si perdono quando si fa affidamento a un libro o a un ricordo. Le tradizioni sopravvivono perché si creano nuovi ricordi e la pasta funziona bene perché è un'attività di squadra o di famiglia". 

 

E naturalmente, le nonne, queste valorose e forti ottuagenarie che ricordano la guerra e i tempi in cui fare la pasta da zero era la norma, sono l'oro e i diamanti del lavoro di Bennison. Abbiamo dovuto chiederle come si lavora con loro e se ha delle storie interessanti da condividere con noi: "Le nonne, specialmente quelle oltre i 90 anni - e noi ne abbiamo alcune! - ricordano i tempi in cui il mondo era un posto molto diverso. Abbiamo la storia di nonna Giuseppa, di 97 anni, che è affascinante e potrebbe attrarre le giovani generazioni che si dedicano al riciclaggio e alla riduzione dei rifiuti. E' sarda e ha lavorato per tutta la vita come sarta specializzata in costumi tradizionali. Adorava così tanto il suo lavoro che non ha mai pensato di sposarsi. Quando l'ha fatto, aveva trent'anni, il che era molto insolito. Ha fatto il suo abito da sposa e un cappotto per accompagnarlo. Il cappotto, lo ha rimodellato due volte e lo indossa ancora oggi come giacca, oltre 60 anni dopo".

 

In realtà, c'è così tanto che potremmo imparare dalla nostra nonne. 

 

Come detto, il progetto The Pasta Grannies ora funziona su tre diverse piattaforme: un sito web (www.pastagrannies.com), un canale YouTube e un libro di ricette, uscito negli Stati Uniti il 29 ottobre. Il libro è un bel volume, arricchito dalle foto dei piatti e, naturalmente, dalle nonne che li hanno realizzati, ma metterlo insieme non è stato un compito semplice, soprattutto quando si è trattato di selezionare le ricette da includere: "Volevamo specialità da tutta Italia, e più livelli di difficoltà, ma abbiamo cercato di includere più ricette facili che difficili!”

 

Prima di concludere la nostra bella chiacchierata, dobbiamo chiedere a Vicky del suo rapporto con l'Italia. Da anni divide la sua vita tra le Marche e il Regno Unito e lavora con gli italiani: ha preso qualche particolare abitudine italiana? "Mio marito direbbe il modo audace in cui parcheggio l'auto! A parte questo, andare direttamente dal produttore per il formaggio, il vino e tutti gli altri prodotti. La provenienza è importante per gli italiani e lo è anche per me".

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The waters of Rome, between history and magic

What would a trip to Rome be without a selfie in front of the Trevi Fountain and the traditional tossing of a coin in its light blue waters? Who hasn...

Alba, truffle pearl: a mother lode of enterprises

When in late October 1929 Wall Street collapsed, contributing to the Great Depression of the 1930s, a rural village of Piedmont started to thrive. In...

Roma Caput Mundi… and cinema! The most iconic movie location of Italy’s capital

Roma, the head of the world: that’s what our ancestors used to say and that’s what our title is about. The city has been going through some difficult...

Palermo’s own Sunday feast: timballo di anelletti al forno

Baked anelletti pasta is a recipe traditional to Palermo, but it is a dish that holds a special place in the hearts of almost all Sicilians. If you...

Caltagirone, a stairway to heaven

Brimming with cultural vigor, strength and resilience, Caltagirone is the heart of the authentic, wild southeastern Sicily. The scenic town is a...

Weekly in Italian

Recent Issues